Università degli Studi di ROMA "La Sapienza“ (UniRM) - PowerPoint PPT Presentation

gilda
slide1 n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Università degli Studi di ROMA "La Sapienza“ (UniRM) PowerPoint Presentation
Download Presentation
Università degli Studi di ROMA "La Sapienza“ (UniRM)

play fullscreen
1 / 10
Download Presentation
147 Views
Download Presentation

Università degli Studi di ROMA "La Sapienza“ (UniRM)

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Tecnologie integrate innovative per sistemi lab-on-chip di nuova generazione per la rivelazione simultanea ultrasensibile di biomarcatori Novel integrated technologies for true lab-on-chip systems enabling ultrasensitive multiple biomarker detection Università degli Studi di ROMA "La Sapienza“ (UniRM) Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale ed Astronautica Gruppo: “Domenico Caputo” Augusto Nascetti+ G. De Cesare, C. Manetti, … Università degli Studi di BOLOGNA (UniBO) Dipartimento di Scienze Farmaceutiche Gruppo: “Aldo Roda” Mara Mirasoli + B. Roda, L.S. Dolci, … Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-IMM) Istituto per la Microelettronica e i Microsistemi Gruppo Sensori e Microsistemi: G.C. Cardinali Stefano Zampolli + I. Elmi, …

  2. Tema del progetto Lab-on-chip Settori ERC PE6_2 Biomedical engineering and technology PE4_7 Analytical chemistry PE6_11 Microengineering Durata del progetto 48 mesi Know-how e attività proposte dai singoli partner: UniRM Detector di luce in silicio amorfo, elettronica di gestione UniBO Molecole di riconoscimento biospecifiche, reazioni chimiche CNR-IMM Microfluidica, integrazione di sistema Dall’abstract della proposta: << …sistemi lab on chip che integrano in un unico dispositivo tutte le fasi dell'analisi, dalla preparazione del campione alla rivelazione e quantificazione simultanea di biomarkers multipli, senza la necessità di procedure preliminari di pretrattamento del campione ed ingombranti sistemi di rivelazione esterni. >>

  3. Principali aspetti innovativi: • detector di luce in Silicio amorfo (low-cost) integrati “on-chip” • biomarker innovativi per reazioni chemi-luminescenti o elettro-chemi-luminescenti • utilizzo di biomarker multipli per ridurre i falsi allarmi: ad esempio, detection simultanea di antigeni ricombinanti, anticorpi e DNA • utilizzo di sistemi miniaturizzati di preparazione del campione, ad esempio microFFF (“field flow fractionation”) • sistemi microfluidici innovativi per la movimentazione del campione e dei reagenti

  4. Principali aspetti innovativi: • detector di luce in Silicio amorfo (low-cost) integrati “on-chip” • biomarker innovativi per reazioni chemi-luminescenti o elettro-chemi-luminescenti • utilizzo di biomarker multipli per ridurre i falsi allarmi: ad esempio, detection simultanea di antigeni ricombinanti, anticorpi e DNA • utilizzo di sistemi miniaturizzati di preparazione del campione, ad esempio microFFF (“field flow fractionation”) • sistemi microfluidici innovativi per la movimentazione del campione e dei reagenti Tecnica FFF: molto simile a GC

  5. Principali aspetti innovativi: • detector di luce in Silicio amorfo (low-cost) integrati “on-chip” • biomarker innovativi per reazioni chemi-luminescenti o elettro-chemi-luminescenti • utilizzo di biomarker multipli per ridurre i falsi allarmi: ad esempio, detection simultanea di antigeni ricombinanti, anticorpi e DNA • utilizzo di sistemi miniaturizzati di preparazione del campione, ad esempio microFFF (“field flow fractionation”) • sistemi microfluidici innovativi per la movimentazione del campione e dei reagenti Strategia: usa-e-getta solo quando serve, non integrare HW non necessario.  no pompe e/o valvole MEMS!


  6. Principali aspetti innovativi: • detector di luce in Silicio amorfo (low-cost) integrati “on-chip” • biomarker innovativi per reazioni chemi-luminescenti o elettro-chemi-luminescenti • utilizzo di biomarker multipli per ridurre i falsi allarmi: ad esempio, detection simultanea di antigeni ricombinanti, anticorpi e DNA • utilizzo di sistemi miniaturizzati di preparazione del campione, ad esempio microFFF (“field flow fractionation”) • sistemi microfluidici innovativi per la movimentazione del campione e dei reagenti “Vision”: digital microfluidics…  the electrowetting effect

  7. Principali aspetti innovativi: • detector di luce in Silicio amorfo (low-cost) integrati “on-chip” • biomarker innovativi per reazioni chemi-luminescenti o elettro-chemi-luminescenti • utilizzo di biomarker multipli per ridurre i falsi allarmi: ad esempio, detection simultanea di antigeni ricombinanti, anticorpi e DNA • utilizzo di sistemi miniaturizzati di preparazione del campione, ad esempio microFFF (“field flow fractionation”) • sistemi microfluidici innovativi per la movimentazione del campione e dei reagenti “Vision”: digital microfluidics…  the electrowetting effect

  8. Principali aspetti innovativi: • detector di luce in Silicio amorfo (low-cost) integrati “on-chip” • biomarker innovativi per reazioni chemi-luminescenti o elettro-chemi-luminescenti • utilizzo di biomarker multipli per ridurre i falsi allarmi: ad esempio, detection simultanea di antigeni ricombinanti, anticorpi e DNA • utilizzo di sistemi miniaturizzati di preparazione del campione, ad esempio microFFF (“field flow fractionation”) • sistemi microfluidici innovativi per la movimentazione del campione e dei reagenti “Vision”: digital microfluidics…  the electrowetting effect  lab-on-chip building blocks

  9. Spese per nuovo personale: Spese per acquisto macchinari:  1 Art15 per 3 anni  12k€ (photoresist spray coater?)  1 Assegno per 3 anni