francesco toscano n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Francesco Toscano PowerPoint Presentation
Download Presentation
Francesco Toscano

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 20

Francesco Toscano - PowerPoint PPT Presentation


  • 132 Views
  • Uploaded on

Francesco Toscano. Le civiltà dell’antica Palestina. La « terra di Canaan ». la Palestina fu crocevia di popoli e di mercanti per questo fu molte volte conquistata dai paesi confinanti i Fenici godettero di relativa indipendenza gli Ebrei controllarono le vie carovaniere

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Francesco Toscano' - germain


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
francesco toscano
Francesco Toscano

Le civiltà dell’antica Palestina

slide2

La « terra di Canaan »

  • la Palestina fu crocevia di popoli e di mercanti
  • per questo fu molte volte conquistata dai paesi confinanti
  • i Fenici godettero di relativa indipendenza
  • gli Ebrei controllarono le vie carovaniere
  • dopo il 1200 sviluppo indipendente
slide3

La « terra di Canaan »

  • in Palestina la vita urbana si sviluppa molto presto (Gerico nel 6.000 a. C. è già città)
  • importante il controllo dei porti (raccordo fra Oriente e Occidente) e delle vie carovaniere (raccordo fra l’Egitto, il Golfo Persico e l’Anatolia)
slide4

Le origini degli Ebrei

  • è una popolazione semitica che abita fra la valle del fiume Giordano e, la Galilea e le coste
  • il territorio è organizzato in città-stato indipendenti
  • la struttura sociale è il clan
slide5

La fonte storica: la Bibbia

  • solo in parte è composta da cronache e passi storiografici
  • il processo compositivo inizia nel X secolo a. C. e dal VI a. C. comincia la redazione scritta
  • in base a confronti archeologici, possiamo dire che è fonte storica a tutti gli effetti: è storia di un popolo
slide6

La preistoria del popolo ebraico

1.900 a. C.

  • sotto la guida del «padre» Abramo gli Ebrei si spostano dal deserto arabico verso la terra di «Canaan», in cerca di pascoli e pozzi

1.700 a. C.

  • forse al seguito degli Hyksos (o a causa di carestie) alcuni gruppi di Ebrei penetrano in Egitto, dove sono presto ridotti in schiavitù

fino al 1350

  • l’Egitto domina il territorio palestinese

dopo il 1250

  • divisione in sfere di influenza: Hittiti a nord ed Egiziani a sud
slide7

Il ritorno nella «Terra Promessa»

  • intorno al 1250 emerge la figura di Mosè, che riconduce il popolo ebraico verso la «Terra Promessa» (data convenzionale dell’ESODO dall’Egitto è 1234, all’epoca di Ramses II)
  • nel corso del XIII secolo gli Ebrei conquistano i territori delle popolazioni confinanti (Moabiti, Ammoniti ed Edomiti)
  • è l’epoca dei GIUDICI, grandi condottieri (Gedeone e Sansone), che organizzarono le 12 tribù anche dal punto di vista militare
slide8

Le lotte per la sovranità

  • intorno al 1200 i ‘popoli del mare’ sconvolgono il Mediterraneo; alcuni di loro (Filistei) si disperdono sulla terraferma ed entrano in conflitto contro gli Ebrei
  • anche per contrastare efficacemente questo pericolo gli Ebrei si dànno una forma monarchica
  • non è incarnazione della divinità, né è un suo rappresentante, ma è sua PROPRIETÀ: ha potere, se obbedisce a Dio; la sua legge ha autorità, se è quella di Dio
slide9

I re

  • il profeta Samuele intorno all’anno 1030 consacra SAUL come primo re di Israele
  • dopo Saul, divenne re DAVIDE (1000-970 a. C.), vero fondatore dello stato ebraico:
    • caccia i Filistei
    • rafforza i confini
    • crea un esercito stabile
    • stabilisce la capitale a Gerusalemme (mura e Arca dell’Alleanza)
  • gli succede SALOMONE (970-930 a. C.), che fa edificare il TEMPIO, casa di Dio, favorisce il commercio, amministra con saggezza il potere
slide10

La «cattività» assiro-babilonese

  • dopo Salomone avvenne la scissione del regno in due: a nord Israele (capitale Samaria), a sud Giuda
  • nell’anarchia religiosa emergono i PROFETI, chiamati da Dio a predicare contro i suoi nemici:
    • Elia e Geremia fra IX e VIII sec. a. C.
    • Geremia ed Ezechiele fra VII e VI sec. a. C.
  • nel 721 a. C. la potenza assira di Sargon II conquista Israele, distruggendo Samaria e deportando gli abitanti
  • nel 587 a. C. la potenza babilonese di Nabucodonosor conquista Gerusalemme (distruzione del Tempio) e deporta gli abitanti
slide11

Il ritorno in patria e la stabilità

  • nel 550 a. C. i Persiani roversiano il regno babilonese e permettono agli Ebrei di tornare in patria
  • nel 538 a. C. il persiano Ciro permette di ricostruire il Tempio
  • politicamente NON esiste più il regno di Israele, poiché è una satrapia persiana e, come tale, passerà nelle mani di Alessandro Magno e dei Diàdochi
slide12

La religione

  • gli Ebrei furono il primo popolo monoteista, cioè fede in un unico dio
  • le altre civiltà avevano un dio principale e divinità secondarie spesso derivate dall’assimilazione di culti locali o dei popoli assoggettati
  • il fatto storico su cui si fonda l’esistenza stessa del popolo ebraico è l’ALLEANZA (berìth) tra Dio e il suo popolo, stipulata sul monte Sìnai con Mosè
slide13

Il Dio degli Ebrei

  • è un Dio ‘geloso’, che punisce i suoi fedeli che spesso tendono all’idolatria
  • non rappresenta le forze della natura, ma le domina esprimendosi attraverso di esse
  • si esprime attraverso profeti (=«colui che parla a nome di») soprattutto nei momenti di crisi
  • non può essere raffigurato e definito in qualche modo: Jahvè significa «colui che è»
slide14

I Fenici

  • a nord ella Palestina fiorì la civiltà dei Fenici
  • superficie coltivabile era poca; unica risorsa le foreste di cedri (legno per le’dilizia e le navi)
  • ne deriva una naturale attività mercantile e artigianale
  • già dal 2500 ci sono città autonome
slide15

La storia della Fenicia

  • le città importanti furono sin dall’età del bronzo Biblo e Berito, Tiro e Sidone
  • fra il 2000 e il 1100 a. C. vennero dominati dall’Egitto, ma sempre rispettati e lasciati parzialmente autonomi per la loro capacità di scambio
  • la supremazia spetta fino al 1500 a Biblo, poi a Sidone e dal 1200 a Tiro
slide16

La struttura politica

  • il potere è affidato ad un re, ma esiste una potente oligarchia mercantile
  • nelle colonie (prima fra tutte Cartagine) il re è presto sostituito da suffèti, magistrati eletti annualmente, controllati da un collegio di nobili
slide17

L’economia fenicia

  • il motore fu la lavorazione e il commercio di metalli
  • scambi con luoghi ricchi di fonti primarie, come Cipro, Sardegna, Spagna meridionale
  • artigiani specializzati in stagno, bronzo, piombo, ferro e argento
  • importante la lavorazione del vetro, dell’avorio e la porpora
slide18

L’economia fenicia

  • dall’XI al X sec. a. C. si sviluppa un ‘impero coloniale’ anche grazie alla perizia navale
slide19

L’elaborazione dell’alfabeto

  • forse proprio per necessità contabili nasce l’alfabeto, fissato a Biblo intorno al 1000
  • la scrittura non fu privilegio di pochi
  • influì direttamente su quello greco e poi latino
slide20

La ‘libertà’ delle città fenicie

  • dopo l’800 a. C. vennero sottomessi prima dagli Assiri, poi dai Babilonesi e infine dai Persiani
  • ma in realtà, proprio per le loro abilità, rimasero relativamente autonomi, pur nella sottomissione formale
  • divennero grandi alleati dei Persiani in funzione antigreca
  • quando i Greci prevalsero sui Persiani la loro civiltà si estinse (332 a. C.)