Diritto del lavoro
Download
1 / 108

DIRITTO DEL LAVORO - PowerPoint PPT Presentation


  • 144 Views
  • Uploaded on

DIRITTO DEL LAVORO. Il recesso dal contratto di lavoro. 1. Le ipotesi “minori” di estinzione del rapporto di lavoro. Risoluzione consensuale o per mutuo consenso; Maturazione del termine nei rapporti a scadenza finale; Impossibilità sopravvenuta della prestazione Morte del lavoratore ….

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'DIRITTO DEL LAVORO' - gay


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Diritto del lavoro

DIRITTO DEL LAVORO

Il recesso dal contratto di lavoro

1


Le ipotesi minori di estinzione del rapporto di lavoro
Le ipotesi “minori” di estinzione del rapporto di lavoro

  • Risoluzione consensuale o per mutuo consenso;

  • Maturazione del termine nei rapporti a scadenza finale;

  • Impossibilità sopravvenuta della prestazione

  • Morte del lavoratore

  • ….


Il recesso unilaterale
Il recesso unilaterale

Si tratta della causa di estinzione del rapporto di lavoro più rilevante dal punto di vista normativo e sociale.

A seconda del contraente che pone in essere la decisione “unilaterale” di recedere dal rapporto, si distinguono:

  • Le dimissioni (da parte del lavoratore);

  • Il licenziamento (da parte del datore di lavoro).


L impostazione originaria ancora in parte presente nel codice civile

L’istituto giuridico del recesso dal rapporto di lavoro nella filosofia dei codici liberali:

ognuna delle due parti può liberamente recedere dal rapporto di lavoro alle medesime condizioni

L’impostazione originaria, ancora in parte presente nel codice civile

Il principio

generale

della

libera recedibilità

medesime condizioni =

4


La libera recedibilit bilaterale nel codice del 1865
La libera recedibilità bilaterale nel codice del 1865… nella filosofia dei codici liberali

Ratio simile a quella che sorreggeva il divieto di rapporti di lavoro a tempo indeterminato

Considerata una conquista di civiltà giuridica per il lavoratore, elevato alla condizione di libero contraente formalmente posto su un piano di parità negoziale


E nel codice civile del 1942 il recesso ad nutum

nella filosofia dei codici liberaliCiascuno dei contraenti può recedere dal contratto di lavoro a tempo indeterminato, dando il preavviso nel termine e nei modi stabiliti…”

(art. 2118 cod. civ.)

…e nel codice civile del 1942:il recesso “ad nutum”

pari significato giuridico

di dimissioni e licenziamento

Ciascuno dei contraenti

6


L unico limite imposto alle parti il preavviso

o la corrispondente nella filosofia dei codici liberali

indennità

sostitutiva

L’unico limite imposto alle parti:IL PREAVVISO

7


L obbligo del preavviso incide sul principio di libera recedibilit
L’obbligo del preavviso incide sul principio di libera recedibilità?

No, nella misura in cui è posto a carico di entrambe le parti

Rivela una considerazione della situazione di sostanziale disparità negoziale tra le parti?

Consente un controllo giurisdizionale sulla decisione datoriale?

No, nella misura in cui i motivi della decisione datoriale rimangono insindacabili


In alcuni casi viene meno anche il limite del preavviso
In alcuni casi viene meno anche il limite del preavviso recedibilità?

La “giusta causa”

“…o senza preavviso qualora si verifichi una causa che non consenta la prosecuzione del rapporto” (2119 c.c.)


Diritto del lavoro 1346423

Per recedere da un rapporto di lavoro senza preavviso occorre dimostrare la sussistenza di una giusta causa

L’unica conseguenza che deriva dalla mancanza di una giusta causa non è l’invalidità del recesso, ma la necessità di concedere il preavviso (o, meglio, la relativa indennità)

La necessità di dimostrare la ricorrenza di una giusta causa incide sul principio di libera recedibilità?

10


Nel sistema del codice civile la libert di licenziare non viene intaccata

Perché il licenziamento con preavviso ex art. 2118 rimane assolutamente insindacabile dal giudice

Perché la mancanza di giusta causa ex art. 2119, anche ove accertata dal giudice, lascia comunque libero il datore di licenziare, con l’unico limite della indennità sostitutiva del preavviso

Nel sistema del codice civilela libertà di licenziare non viene intaccata…

DALL’OBBLIGO

DI PREAVVISO

NÉ DALLA PREVISIONE

DELLA GIUSTA CAUSA

11


Diritto del lavoro 1346423

Le dimissioni del lavoratore creano al datore di lavoro il mero fastidio di una sostituzione

Il licenziamento comporta invece per il lavoratore la perdita della fonte del proprio sostentamento

Parità formale e diseguaglianza sostanziale dei contraenti

“Il contratto di lavoro

riguarda l’avere per il datore

ma l’essere per il lavoratore”

(F. Santoro Passarelli)

12


Diritto del lavoro 1346423

Dopo la Costituzione mero fastidio di una sostituzione

La progressiva riduzione della libera recedibilità da principio ad eccezione residuale

qual è il compromesso più accettabile

per comporre il contrasto tra

libertà dell’iniziativa economica privata

(art. 41 Cost)

e diritto al lavoro

(art. 4 Cost)?


La tendenza evolutiva dell ordinamento italiano
La tendenza evolutiva dell’ordinamento italiano mero fastidio di una sostituzione

  • Il blocco dei licenziamenti (1945 )

  • La successiva contrattazione interconfederale (1950)

  • La legge 604 del 1966

  • L'art. 18 dello Statuto

  • La legge 108/1990

1. Selezionare le ipotesi

di legittimo recesso

del rapporto

per iniziativa del datore

DUE PRINCIPI

2. Sottoporre il giudizio

di legittimità del recesso

al controllo

giurisdizionale


La giurisprudenza della corte che precede la riforme degli anni 60 70
La giurisprudenza della Corte che precede la riforme degli anni 60-70

  • Il diritto al lavoro (art. 4) non è norma precettiva per cui il recesso ad nutum è legittimo

  • “l'art. 4 della Costituzione, come non garantisce a ciascun cittadino il diritto al conseguimento di un'occupazione (…) così non garantisce il diritto alla conservazione del lavoro


Continua
continua anni 60-70

  • Con ciò non si vuol dire che la disciplina dei licenziamenti si muova su un piano del tutto diverso da quello proprio dell'art. 4 della Costituzione.

  • occorre una legge…


Continua1
continua anni 60-70

… il potere illimitato del datore di lavoro di recedere dal rapporto a tempo indeterminato non costituisce più un principio generale del nostro ordinamento. Questi ultimi dimostrano che le condizioni economico-sociali del Paese consentono una nuova disciplina, verso la quale l'evoluzione legislativa viene sollecitata anche da raccomandazioni internazionali


La disciplina del licenziamento oggi due tipologie di normative
La disciplina del licenziamento oggi: anni 60-70due tipologie di normative

(I) I LIMITI

(II) I RIMEDI

  • (quali sono le conseguenze del licenziamento illegittimo?)

    • Risarcimento o reintegra nel posto di lavoro

  • (quando si può legittimamente licenziare?)

    • Giusta causa e giustificato motivo


I i limiti sostanziali

Il licenziamento come recesso “vincolato” anni 60-70

(I) I LIMITI SOSTANZIALI

La “correzione” del libero recesso (l. 604/1966)

LA GIUSTA CAUSA CAMBIA FUNZIONE

  • Non più finalizzata al mero riconoscimento del preavviso

  • Ma elevata ad elemento di legittimità del licenziamento

19


Il principio di causalit del licenziamento come principio costituzionale in ambito europeo

Articolo 30 Carta di Nizza: anni 60-70Ogni lavoratore ha il diritto alla tutela contro ogni licenziamento ingiustificato, conformemente al diritto comunitario e alle legislazioni e prassi nazionali

Il principio di causalità del licenziamento come principio costituzionale in ambito europeo

20


Il principio della causalit del recesso
Il principio della causalità del recesso anni 60-70

GIUSTIFICATO

MOTIVO

(l. 604/1966)

  • Soggettivo

  • Oggettivo

GIUSTA CAUSA

(2119 c.c.)

Notevole inadempimento

degli obblighi contrattuali

ragioni attinenti alla

attività produttiva,

all’organizzazione del lavoro

e al regolare

funzionamento di essa

Gravissimo

inadempimento

delle

obbligazioni

contrattuali


Diritto del lavoro 1346423

L’interpretazione delle clausole generali di giusta causa e di giustificato motivo da parte della giurisprudenza


La nozione di giusta causa

LA NOZIONE DI GIUSTA CAUSA e di giustificato motivo da parte della giurisprudenza

  • gravissimo inadempimento contrattuale

  • o anche circostanze esterne al sinallagma contrattuale?

23


Un ipotesi classica di licenziamento come sanzione dell inadempimento
Un’ipotesi classica di licenziamento come sanzione dell’inadempimento

Sussiste la giusta causa di licenziamento nel caso in cui il lavoratore abbia trascorso il tempo destinato al lavoro, e come tale retribuito, a collegarsi per scopi personali ad Internet ed a consultare i documenti scaricati, con la rete telefonica pagata dall'azienda, integrando tale comportamento una grave violazione degli obblighi contrattuali

(Corte d'appello Ancona 1/8/2003)


Cassazione civile sez lav 23 febbraio 2009 n 4369
Cassazione civile , sez. lav., 23 febbraio 2009, n. 4369 dell’inadempimento

La valutazione della gravità delle infrazioni e della loro idoneità ad integrare una giustacausa di licenziamento si risolve in un apprezzamento di fatto riservato al giudice di merito ed incensurabile in sede di legittimità se congruamente motivato, a meno che i giudizi formulati si pongano in contrasto con i principi dell'ordinamento espressi dalla giurisdizione di legittimità e con quegli «standard» valutativi esistenti nella realtà sociale (riassumibili nella nozione di civiltà del lavoro, riguardo alla disciplina del lavoro subordinato) che concorrono con detti principi a comporre il diritto vivente. (Nella specie, la S.C. ha confermato la sentenza di merito, che aveva ritenuto sproporzionato il licenziamento di un lavoratore, il quale, avendo omesso di prestare il dovuto servizio notturno, aveva, però, avvertito preventivamente il datore di lavoro che la ragione di tale comportamento era l'assenza dell'unico altro dipendente che avrebbe dovuto affiancarlo nel servizio ed, inoltre aveva provveduto a chiudere l'accesso alla sede aziendale, rimanendo nei pressi della stessa all'interno della propria autovettura).


Cassazione civile sez lav 11 giugno 2008 n 15496
Cassazione civile , sez. lav., 11 giugno 2008, n. 15496 dell’inadempimento

La nozione di giustificatezza del licenziamento del dirigente, per la particolare configurazione del rapporto di lavoro dirigenziale, non si identifica con quella di giustacausa o giustificato motivo ex art. 1 della legge n. 604 del 1966, potendo rilevare qualsiasi motivo, purché apprezzabile sul piano del diritto, idoneo a turbare il legame di fiducia con il datore. Ne consegue che anche la semplice inadeguatezza del dirigente rispetto ad aspettative riconoscibili ex ante, o una importante deviazione del dirigente dalla linea segnata dalle direttive generali del datore di lavoro, o un comportamento extralavorativo incidente sul l'immagine aziendale possono, a seconda delle circostanze, costituire ragione di rottura del rapporto fiduciario e quindi giustificarne il licenziamento sul piano della disciplina contrattuale dello stesso, con valutazione rimessa al giudice di merito sindacabile, in sede di legittimità, solo per vizi di motivazione.


Tribunale milano 31 marzo 2008 n 1436
Tribunale Milano, 31 marzo 2008, n. 1436 dell’inadempimento

La previsione di ipotesi di giustacausa contenuta in un contratto collettivo non vincola il giudice, dato che questi deve sempre verificare, stante l'inderogabilità della disciplina dei licenziamenti, se quella previsione sia conforme alla nozione di giustacausa, di cui all'art. 2119 c.c., e se, in ossequio al principio generale di ragionevolezza e di proporzionalità, il fatto addebitato sia di entità tale da legittimare il recesso, tenendo altresì conto dell'elemento intenzionale che ha sorretto la condotta del lavoratore, a meno che il trattamento contrattuale non sia più favorevole per lo stesso.


Fatti esterni comunque riconducibili alla nozione di inadempimento
Fatti esterni comunque riconducibili alla nozione di inadempimento

Vincenzo C., dipendente con mansioni di operaio, si è assentato per malattia, essendo stato colpito da lombosciatalgia acuta. Durante l’assenza ha lavorato nell’esercizio commerciale della moglie. L’azienda lo ha licenziato.

Il Pretore ha nominato un consulente tecnico, dalla cui relazione  è risultato che la collaborazione alla conduzione dell’esercizio commerciale s’era svolta con modalità richiedenti movimenti in iperestensione (spostamento e sistemazione della merce) e flessione del tronco (apertura e chiusura dei locali), tali da produrre un effetto ritardante del pieno recupero fisico

La Suprema Corte ha confermato la validità del licenziamento rilevando che il dipendente aveva dimostrato piena indifferenza per il nocumento che arrecava all’organizzazione aziendale: “Non si vede come il datore di lavoro possa continuare a fare affidamento sulla leale e corretta collaborazione di un dipendente che si sottragga al dovere primario di rendere possibile la prestazione ritardando il recupero della capacità a svolgere mansioni contrattualmente dovute”

(Cassazione  n. 2378 del 17 febbraio 2003)


Un caso recente
Un caso recente inadempimento

(e significativo di come l’interpretazione delle norme influisca sul giudizio di validità del licenziamento)

  • Cassazione Civile - Sez. Lavoro - Sentenza  16 giugno 2008 , n. 16207

  • IL FATTO. Un lavoratore in stato di astensione facoltativa dal lavoro ex Legge n.53/2000 (congedo parentale), svolge attività lavorativa presso la pizzeria della moglie e, conseguentemente a tale condotta, viene licenziato per giusta causa dal datore di lavoro


Giudice di primo grado
GIUDICE inadempimentoDI PRIMO GRADO

Impugnato il licenziamento dal lavoratore, il giudice di primo grado rigetta la domanda dello stesso in quanto ritiene che l’utilizzo del congedo parentale per finalità diverse dalla cura della prole vale a configurare la giusta causa di licenziamento


Giudice d appello
GIUDICE D’APPELLO inadempimento

Secondo il giudice del gravame occorre considerare la diversità della situazione in esame rispetto a quella del lavoratore assente per malattia che presti attività lavorativa a favore di terzi.

Nel caso de quo l’attività svolta dal lavoratore era finalizzata a soddisfare una esigenza della famiglia e quindi rappresenta un legittimo esercizio del congedo pertanto il licenziamento è privo di giusta causa e meritevole di essere annullato


La cassazione
LA CASSAZIONE inadempimento

La Corte richiama alcune sentenze della Consulta con le quali i giudici costituzionali hanno ribadito come “ la tutela della paternità si risolva in misure volte a garantire il rapporto del padre con la prole in modo da soddisfare i bisogni affettivi e relazionali dei bambino al fine dell'armonico e sereno sviluppo della sua personalità;

esigenza che, richiedendo la presenza del padre accanto al bambino, è impedita dallo svolgimento dell'attività lavorativa e impone pertanto la sospensione di questa, affinché il padre dedichi alla cura del figlio il tempo che avrebbe invece dovuto dedicare al lavoro”.


Le conclusioni
LE CONCLUSIONI inadempimento

non può condividersi la tesi della realizzazione delle esigenze della figlia minorenne attraverso lo svolgimento di attività lavorativa, da parte del padre in congedo, nella pizzeria della moglie: il legittimo esercizio del congedo parentale postula la presenza del padre accanto alla propria bambina


Diritto del lavoro 1346423

pertanto, ove si accerti che il periodo di congedo viene invece utilizzato per svolgere una diversa attività, si configura un abuso per sviamento dalla funzione propria del diritto,

idoneo ad essere valutato dal giudice ai fini della sussistenza di una giusta causa di licenziamento, non assumendo rilievo che lo svolgimento di tale attività (nella specie, presso una pizzeria di proprietà della moglie) contribuisca ad una migliore organizzazione della famiglia


Diritto del lavoro 1346423

2) Fatti inerenti alla vita privata del lavoratore invece utilizzato per svolgere una diversa attività, si configura un abuso per sviamento dalla funzione propria del diritto,


Diritto del lavoro 1346423

Al ritorno da un volo internazionale, un assistente di volo è stato trovato in possesso di modica quantità di stupefacente. La sentenza di merito, che ha ritenuto non sussistere una giusta causa, va cassata perché non ha tenuto conto:

  • della delicatezza delle funzioni affidate al soggetto;

  • dei profili di grave pericolo per la incolumità dei passeggeri;

  • dell'esigenza di continua attenzione da prestarsi nell'esercizio delle mansioni;

  • della responsabilità aggravata dell'azienda per eventuali accadimenti negativi conseguenti a tale situazione;

  • della immanente lesività dell'immagine della società

  • del danno concreto alla stessa cagionato, posto che al dipendente, in conseguenza del fatto, fu ritirato il tesserino di accesso ai locali doganali ed aeroportuali;

  • della strumentalizzazione del rapporto di dipendenza e del servizio per l'approvvigionamento della droga


Il principio generale
Il principio generale è stato trovato in possesso di modica quantità di stupefacente. La sentenza di merito, che ha ritenuto non sussistere una giusta causa, va cassata perché non ha tenuto conto:

La condotta inerente alla vita privata del lavoratore, di norma irrilevante ai fini della lesione del rapporto fiduciario tra dipendente e datore di lavoro, può integrare giusta causa di licenziamento qualora fatti e comportamenti estranei alla sfera del contratto siano tali da far venire meno quella fiducia che integra presupposto essenziale della collaborazione tra datore e prestatore di lavoro.

Cass. civ., sez. lav., 22 agosto 1997, n. 7884

fatti e comportamenti

estranei alla sfera del contratto siano tali da far

far venire meno quella fiducia


Segue la valutazione in concreto del vincolo fiduciario
…segue: la valutazione “in concreto” del vincolo fiduciario

Nel caso di giusta causa di licenziamento, i fatti addebitati devono rivestire il carattere di grave negazione dell'elemento della fiducia;

la valutazione relativa deve essere operata con riferimento non già ai fatti astrattamente considerati, bensì agli aspetti concreti afferenti alla natura ed alla qualità del singolo rapporto, al grado di affidamento richiesto dalle specifiche mansioni del dipendente, alle circostanze del suo verificarsi e ad ogni altro aspetto correlato alla specifica connotazione del rapporto

(Cass. civ., sez. lav., 27 marzo 1998, n. 3270)

bensì agli aspetti concreti afferenti alla natura ed alla

qualità del singolo rapporto


3 l entit del pregiudizio patrimoniale
3) L’entità del pregiudizio patrimoniale fiduciario

Un dirigente di una filiale di una catena di grandi magazzini, è sorpreso in un'altra filiale sita in una città diversa, ad occultare sulla propria persona alcuni oggetti di modestissimo valore economico, quali una confezione di chiavi tubolari e un paio di solette da scarpe

(Cass. civ., sez. lav., 18 giugno 1998, n. 6100)

E’ UNA GIUSTA CAUSA DI LICENZIAMENTO?


Diritto del lavoro 1346423

SI fiduciario

Nel caso di licenziamento per giusta causa, viene in considerazione non l'assenza o la speciale tenuità del danno patrimoniale (rilevanti in sede penale), ma la ripercussione sul rapporto di una condotta suscettibile di porre in dubbio la futura correttezza dell'adempimento - in quanto sintomatica di un certo atteggiarsi del lavoratore rispetto agli obblighi assunti


Un altro caso
Un altro caso fiduciario

In ipotesi di licenziamento per giusta causa (comminato a dipendente di impresa operante nel settore della grande distribuzione per avere consumato in due mattinate successive alcuni pasticcini), la complessiva valutazione della gravità dell’infrazione, è da condurre sulla base dei seguenti criteri: esistenza o meno di precedenti disciplinari, posizione del dipendente all’interno dell’organizzazione aziendale, modalità della commissione del fatto, entità del danno provocato all’impresa;


Diritto del lavoro 1346423
fiduciario

ove, in applicazione di tali criteri, risultino l’inesistenza di precedenti disciplinari, lo svolgimento di mansioni non implicanti particolari responsabilità, modalità di commissione del fatto implicanti indici minimali di intensità dolosa, nonché la particolare tenuità del danno provocato, il licenziamento deve considerarsi illegittimo, trattandosi di infrazione inidonea a minare irreparabilmente l’elemento fiduciario (Pret. Varese 9/5/97)


Le possibili conseguenze paradossali del rilievo attribuito alla sussistenza del vincolo fiduciario

GIUSTA CAUSA fiduciario

GIUSTIFICATO MOTIVO SOGGETTIVO

Le possibili conseguenze paradossali del rilievo attribuito alla sussistenza del vincolo fiduciario

Comportamento veniale del lavoratore

Notevole inadempimento degli obblighi contrattuali

Se viene meno

la fiducia

Licenziamento

in tronco

Licenziamento

con preavviso

43


4 i rapporti tra giudizio penale e giudizio civile nel caso del recesso per giusta causa
4) I rapporti tra giudizio penale e giudizio civile nel caso del recesso per giusta causa

Il proscioglimento esclude sempre la sussistenza di una giusta causa di licenziamento ?

e la condanna la implica necessariamente?


Diritto del lavoro 1346423

Assolto ma licenziato del recesso per giusta causa

Il Tribunale ha riconosciuto la legittimità del licenziamento per giusta causa intimato ad un dipendente che aveva tentato, in concorso con altri, di sottrarre denaro dai conti correnti dei clienti della banca e che, chiamato a rispondere del reato di associazione a delinquere, era stato assolto dal giudice penale per essere rimasta l'intenzione criminosa alla fase, penalmente non rilevante, degli atti preparatori

Trib. Roma, 30 settembre 1997


Diritto del lavoro 1346423

Enrico G., dipendente della S.p.A. Terminal Contenitori Porto di Genova, è stato licenziato con l’addebito di aver fatto inviare al direttore generale vari quantitativi di merce mediante l’apposizione della firma contraffatta dal medesimo.

Pretore e Tribunale hanno invalidato il licenziamento, affermando che il fatto attribuito al lavoratore, integrante il reato contravvenzionale di molestie, poteva definirsi uno scherzo di pessimo gusto, una condotta fastidiosa, ma inidonea ad interferire sulla comunità di lavoro.

L’azienda ha proposto ricorso per cassazione sostenendo che la motivazione data dal Tribunale per la sua decisione doveva ritenersi gravemente illogica in quanto, pur dando atto che il lavoratore aveva commesso un reato nei confronti del direttore generale, aveva escluso la sanzionabilità di questa illecita condotta con il licenziamento


Condannato ma reintegrato
Condannato ma reintegrato Porto di Genova, è stato licenziato con l’addebito di aver fatto inviare al direttore generale vari quantitativi di merce mediante l’apposizione della firma contraffatta dal medesimo.

La Suprema Corte ha confermato la sentenza del Tribunale rilevando che la condotta tenuta dal lavoratore, pur costituendo un reato, non aveva una portata violenta, intimidatrice ovvero ingiuriosa e quindi era inidonea a influire sull’attività lavorativa del direttore e a ripercuotersi sulla comunità di lavoro aziendale.

(Cassazione Sezione Lavoro n. 18282 del 23 dicembre 2002)


Diritto del lavoro 1346423

Il rilievo del giudicato penale DOPO il licenziamento considerato valido per g.m.o. in caso di applicazione di misure restrittive della libertà personale (rinvio)


Diritto del lavoro 1346423

GIUSTA CAUSA (2119 c.c.) considerato valido per g.m.o. in caso di applicazione di misure restrittive della libertà personale (rinvio)

Rilievo di fatti estranei al rapporto…

  • …se, con riferimento alla specifica prestazione,

  • sono in grado di alterare il vincolo fiduciario…

…senza considerare l’entità

del danno patrimoniale…

…e a prescindere da ogni rilievo

del parallelo giudizio penale

49


La nozione di giustificato motivo

Oggettivo: ragioni inerenti all’attività produttiva, all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa

Soggettivo: notevole inadempimento degli obblighi contrattuali

I rapporti con la nozione di giusta causa

La nozione di giustificato motivo:

Insindacabilità delle scelte datoriali, mitigata solo da:

  • C.d. obbligo di repechage

  • Verifica del nesso di causalità

50


Cassazione civile sez lav 13 luglio 2009 n 16323
Cassazione civile , sez. lav., 13 luglio 2009, n. 16323 all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa

  • Obbligo di repechage

  • In caso di licenziamento per soppressione del posto di lavoro, ai fini della configurabilità del giustificatomotivooggettivo, grava sul datore di lavoro l'onere della prova relativa all'impossibilità di impiego del dipendente licenziato nell'ambito dell'organizzazione aziendale, con la precisazione che siffatto onere, concernendo un fatto negativo, deve essere assolto mediante la dimostrazione di correlativi fatti positivi, come il fatto che i residui posti di lavoro relativi a mansioni equivalenti fossero, al tempo del recesso, stabilmente occupati, o il fatto che dopo il licenziamento e per un congruo lasso di tempo non sia stata effettuata alcuna assunzione nella stessa qualifica.


Cassazione civile sez lav 13 luglio 2009 n 163231
Cassazione civile , sez. lav., 13 luglio 2009, n. 16323 all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa

  • Nesso di causalità

  • Il motivooggettivo di licenziamento determinato da ragioni inerenti all'attività produttiva (art. 3 l. n. 604 del 1966) deve essere valutato dal datore di lavoro, senza che il giudice possa sindacare la scelta dei criteri di gestione dell'impresa, poiché tale scelta è espressione della libertà di iniziativa economica tutelata dall'art. 41 cost. Al giudice spetta invece il controllo della reale sussistenza del motivo addotto dall'imprenditore, attraverso un apprezzamento delle prove che è incensurabile in sede di legittimità, se congruamente motivato.


La valutazione giudiziale dell esigenza organizzativa
La valutazione giudiziale dell’esigenza organizzativa all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa

Il titolare della ditta Star Ricambi, ha licenziato un’impiegata, con motivazione riferita alla necessità di dare un lavoro a suo figlio, che aveva appena assolto agli obblighi di leva.

“La interpretazione del termine "giustificato" di cui all'art. 3 della legge n. 604 del 1966 che il ricorrente implicitamente prospetta è esclusa dalla lettera del medesimo articolo che precisa il significato del termine alternativamente come notevole inadempimento degli obblighi contrattuali del prestatore di lavoro (giustificato motivo soggettivo) ovvero ragioni inerenti all'attività produttiva, all'organizzazione del lavoro, al regolare funzionamento di essa (giustificato motivo oggettivo).

È evidente che l'esigenza di dare lavoro ad un figlio nella azienda, anche allo scopo di addestrarlo alla conduzione di essa in vista della successione, non rientra tra le ragioni che integrano il giustificato motivo oggettivo”

(Cassazione Sezione Lavoro n. 10371 del 30 luglio 2001)


Cassazione civile sez lav 02 luglio 2009 n 15500
Cassazione civile , sez. lav., 02 luglio 2009, n. 15500 all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa

Il G.m.o. riconducibile a fatti interenti alla persona del lavoratore: la malattia

In caso di sopravvenuta infermità permanente del lavoratore, non si realizza un'impossibilità della prestazione lavorativa quale giustificatomotivooggettivo di recesso del datore di lavoro dal contratto di lavoro subordinato (art. 1 e 3 l. n. 604 del 1966 e art. 1463 e 1464 c.c.) qualora il lavoratore possa essere adibito a mansioni equivalenti o, se impossibile, anche a mansioni inferiori, purché da un lato tale diversa attività sia utilizzabile nell'impresa, secondo l'assetto organizzativo insindacabilmente stabilito dall'imprenditore, e dall'altro, l'adeguamento sia sorretto dal consenso, nonché dall'interesse dello stesso lavoratore.


Cassazione civile sez lav 01 giugno 2009 n 12721
Cassazione civile , sez. lav., 01 giugno 2009, n. 12721 all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa

Il G.m.o. riconducibile a fatti interenti alla persona del lavoratore: la detenzione del lavoratore

Lo stato di detenzione del lavoratore per fatti estranei al rapporto di lavoro non costituisce inadempimento degli obblighi contrattuali, ma integra gli estremi della sopravvenuta temporanea impossibilità della prestazione, e giustifica il licenziamento solo ove, in base ad un giudizio "ex ante" - che tenga conto delle dimensioni dell'impresa, del tipo di organizzazione tecnico-produttiva in essa attuato, della natura ed importanza delle mansioni del lavoratore detenuto, nonché del già maturato periodo di sua assenza, della ragionevolmente prevedibile ulteriore durata della sua carcerazione, della possibilità di affidare temporaneamente ad altri le sue mansioni senza necessità di nuove assunzioni e, più in generale, di ogni altra circostanza rilevante ai fini della determinazione della misura della tollerabilità dell'assenza - costituisca un giustificatomotivooggettivo di recesso, non persistendo l'interesse del datore di lavoro a ricevere le ulteriori prestazioni del dipendente detenuto. (Nella specie, la S.C. ha confermato la sentenza impugnata che aveva ritenuto insussistenti gli estremi del giustificatomotivooggettivo di licenziamento, in considerazione dell'assenza della specifica dimostrazione, non fornita dal datore di lavoro oneratovi, della intollerabilità dell'assenza del dipendente in relazione all'organizzazione aziendale ed alla sostituibilità del lavoratore).


Diritto del lavoro 1346423

Il licenziamento nullo all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa

Discriminatorio,

Intimato durante il periodo di malattia o maternità

In occasione di matrimonio della lavoratrice

Il licenziamento inefficace

Privo delle forme prescritte

Fattispecie di licenziamento invalido, diverse dalla annullabilità (mancanza di giusta causa o giustificato motivo)

1) Comunicazione per iscritto

2) Possibilità di richiedere i motivi entro 15 giorni

3) Obbligo di rispondere entro 7 giorni

4) Altre “irritualità” (non immediatezza,

modificazione dei motivi)

56


Un caso particolare di licenziamento soggetto a specifiche forme procedurali
Un caso particolare di licenziamento soggetto a specifiche “forme” procedurali

Il licenziamento disciplinare


Il problema del licenziamento disciplinare

L’art. 7 dello Statuto “forme” procedurali

Le norme disciplinari relative alle infrazioni e alle relative sanzioni devono essere portate a conoscenza dei lavoratori mediante affissione in luogo accessibile a tutti

Il datore non può irrogare sanzioni senza aver preventivamente contestato l’addebito al lavoratore e averlo sentito a sua difesa

Il lavoratore può farsi assistere da un rappresentante sindacale

Il problema del licenziamento disciplinare

Queste disposizioni

si applicano al

licenziamento

disciplinare?

ovvero

Il licenziamento

è una

sanzione disciplinare?

58


La fonte del problema
La fonte del problema “forme” procedurali

“Non possono essere disposte sanzioni disciplinari che comportino mutamenti definitivi del rapporto di lavoro” (art. 7, c. 4 Statuto)

E il licenziamento?


Le diverse conseguenze pratiche

Se il licenziamento è qualificato come sanzione disciplinare

Se il licenziamento non è qualificato come sanzione disciplinare

Le diverse conseguenze pratiche

Si applica l’art. 7 Statuto

Si applica la disciplina

ordinaria (L. 604/66/

  • Contestazione dell’addebito

  • Difesa del lavoratore assistito, se vuole, dal sindacato

  • Comunicazione per iscritto del recesso

  • Possibilità di richiedere i motivi entro 15 giorni

60


Corte costituzionale 30 novembre 1982 n 204
Corte costituzionale, 30 novembre 1982, n. 204 disciplinare

  • È infondata, in riferimento agli art. 2, 3 e 24 cost., la questione di legittimità costituzionale dell'art. 7, comma 5, l. 20 maggio 1970 n. 300, nella parte in cui non estende ai licenziamenti disciplinari il divieto di applicazione della sanzione prima che siano decorsi cinque giorni dalla contestazione.

  • È infondata, in riferimento agli art. 2 e 3 cost., la questione di legittimità costituzionale dell'art. 18, comma 1, l. 20 maggio 1970 n. 300, in quanto tale norma va interpretata nel senso che la reintegrazione nel posto di lavoro è applicabile anche all'ipotesi di licenziamentodisciplinare irrogato senza l'osservanza delle garanzie procedurali.


La soluzione giurisprudenziale
La soluzione giurisprudenziale disciplinare

IL LICENZIAMENTO COME SANZIONE ONTOLOGICAMENTE DISCIPLINARE

(l’area della giusta causa è pressoché interamente coperta da licenziamenti disciplinari)


L impugnativa del licenziamento
L’impugnativa del licenziamento disciplinare

Art. 6, l. 604/1966:

Il licenziamento deve essere impugnato a pena di decadenza entro 60 giorni

  • dalla ricezione della sua comunicazione

  • ovvero della comunicazione dei motivi ove questa non sia contestuale a quella del licenziamento


Diritto del lavoro 1346423

L’impugnativa può essere: disciplinare

GIUDIZIALE

STRAGIUDIZIALE

impedisce,

in ogni

caso,

la decadenza

qualsiasi atto scritto idoneo a

rendere nota la volontà del

lavoratore (art. 6, l. 604/1966)


Diritto del lavoro 1346423

(II) disciplinare

I RIMEDI

(quali sono le conseguenze del licenziamento illegittimo perché privo di giusta causa o giustificato motivo?)

Tutela

reale

Tutela

obbligatoria

RISARCIMENTO

o

EFFETTIVA REINTEGRA

nel posto di lavoro


Cosa si intende per tutela obbligatoria art 8 l 604 1966

Quando risulti accertato che non ricorrono gli estremi del licenziamento per giusta causa o per giustificato motivo, il datore di lavoro è tenuto a riassumere il prestatore di lavoro

…o, in mancanza, a risarcire il danno versandogli un’indennità di importo compreso tra un minimo di 2,5 ed un massimo di 6 mensilità dell’ultima retribuzione globale di fatto

COSA SI INTENDE PER “TUTELA OBBLIGATORIA”(art. 8 l. 604/1966)

risarcire

riassumere

66


Una norma pragmatica

Nell’ambito della tutela obbligatoria, il licenziamento privo di giustificazione è illegittimo, ma è ugualmente idoneo a produrre i suoi effetti (Mancini)

La finta alternativa tra riassunzione e pagamento dell’indennità

La monetizzazione di fatto del licenziamento

Una norma pragmatica…

…e un po’ ipocrita

67


Cosa si intende per tutela reale art 18 l 300 1970
COSA SI INTENDE PER privo di giustificazione è illegittimo, ma è ugualmente idoneo a produrre i suoi effetti (Mancini)“TUTELA REALE” (art. 18 l. 300/1970)

il giudice con la sentenza con cui dichiara inefficace il licenziamento o annulla il licenziamento intimato senza giusta causa o giustificato motivo, ovvero ne dichiara la nullità, ordina al datore di lavoro di reintegrare il lavoratore nel posto di lavoro.

inefficace

annulla

nullità

reintegrare

68


Cosa si intende per tutela reale art 18 l 300 19701

Il giudice con la sentenza di cui al primo comma condanna il datore di lavoro al risarcimento del danno subito dal lavoratore stabilendo un'indennità commisurata alla retribuzione globale di fatto dal giorno del licenziamento sino a quello dell'effettiva reintegrazione e al versamento dei relativi contributi assistenziali e previdenziali; in ogni caso la misura del risarcimento non potrà essere inferiore a cinque mensilità di retribuzione globale di fatto

COSA SI INTENDE PER “TUTELA REALE” (art. 18 l. 300/1970)

dal giorno del licenziamento

sino a quello dell'effettiva reintegrazione

69


Diritto del lavoro 1346423

LA DIFFERENZA DI FONDO datore di lavoro al risarcimento del danno subito dal lavoratore stabilendo un'indennità commisurata alla retribuzione globale di fatto dal giorno del licenziamento sino a quello dell'effettiva reintegrazione e al versamento dei relativi contributi assistenziali e previdenziali; in ogni caso la misura del risarcimento non potrà essere inferiore a cinque mensilità di retribuzione globale di fatto

RISPETTO

ALLA TUTELA OBBLIGATORIA:

QUI UN ATTO INVALIDO

NON È IDONEO

A PRODURRE GLI EFFETTI PER I QUALI ESSO E’ STATO ADOTTATO

70


Alcuni nodi applicativi problematici

L’esecuzione dell’ordine di reintegra datore di lavoro al risarcimento del danno subito dal lavoratore stabilendo un'indennità commisurata alla retribuzione globale di fatto dal giorno del licenziamento sino a quello dell'effettiva reintegrazione e al versamento dei relativi contributi assistenziali e previdenziali; in ogni caso la misura del risarcimento non potrà essere inferiore a cinque mensilità di retribuzione globale di fatto

La detraibilità dell’aliunde perceptum

La detraibilità dell’aliunde percipiendum

Alcuni nodi applicativi problematici

71


Una rilevante questioni processuale

La riforma in appello della sentenza di primo grado che era stata favorevole al lavoratore:

Le somme corrisposte in esecuzione della sentenza che ordina la reintegra nel posto di lavoro costituiscono risarcimento del danno ingiusto subito dal lavoratore per l’illegittimo licenziamento, di modo che con la riforma della sentenza che dichiara la legittimità dell’impugnato licenziamento viene a cadere l’illecito civile ascritto al datore di lavoro e non sussiste più l’obbligo del risarcimento a suo carico. Pertanto, le somme percepite dal lavoratore perdono il loro titolo legittimante e devono essere, conseguentemente, restituite al datore di lavoro

(Cass. 30/3/2006 n. 7453, Pres. Lupi)

Una rilevante questioni processuale

72


Un correttivo
Un correttivo stata favorevole al lavoratore:

Le somme corrisposte dal datore di lavoro in esecuzione della sentenza che ordina la reintegrazione nel posto di lavoro costituiscono risarcimento del danno; in caso di riforma della sentenza che dichiara l'illegittimità del licenziamento, pertanto, venendo conseguentemente meno l'obbligo di risarcimento a suo carico, esse devono essere restituite fin dal momento della riforma della sentenza. Solo quando all'ordine di di reintegrazione abbia fatto seguito l'effettiva ripresa dell'attività lavorativa resta preclusa, a norma dell'art. 2126 c.c., la ripetibilità delle somme versate al lavoratore a titolo di retribuzione per l'attività stessa (Cass. 13/1/2005 n. 482).


La reintegra nel posto di lavoro in funzione non sanzionatoria l 322 1995
La reintegra nel posto di lavoro in funzione non sanzionatoria (l. 322/1995)

Il nuovo art. 102 bis disp. att. c.p.p

Chiunque sia stato licenziato perché sottoposto alla misura della custodia cautelare in carcere ovvero degli arresti domiciliari ha diritto di essere reintegrato nel posto di lavoro in caso di sentenza di assoluzione, di proscioglimento o di non luogo a procedere ovvero di provvedimento di archiviazione


Le modifiche del 1990
Le modifiche del 1990 sanzionatoria (l. 322/1995)

L’indennità sostitutiva della reintegra

“Il lavoratore ha la facoltà di chiedere al datore di lavoro, in sostituzione della reintegrazione nel posto di lavoro, un’indennità pari a quindici mensilità di retribuzione globale di fatto”

Una

giuridificazione

delle prassi

transattive


Area in cui si applica ancora il principio della libera recedibilit

I lavoratori domestici sanzionatoria (l. 322/1995)

I lavoratori ultrasessantenni in possesso dei requisiti per la pensione, salvo che non abbiano optato per la prosecuzione del rapporto

I lavoratori in prova

I dirigenti

Area in cui si applica ancora il principio della libera recedibilità

76


Come convivono le tre discipline del licenziamento
COME CONVIVONO sanzionatoria (l. 322/1995)LE TRE DISCIPLINE DEL LICENZIAMENTO?

Le discipline successive non sostituiscono quella precedenti. Tutte continuano a trovare applicazione

  • Artt. 2118 e 2119 c.c. (recesso ad nutum)

  • Art. 8 l. 604/1966 (tutela obbligatoria)

  • Art. 18 Statuto dei lavoratori (tutela reale)


Diritto del lavoro 1346423

Il problema del computo dei dipendenti sanzionatoria (l. 322/1995)

Unità

produttive

fino a

15 dipendenti

Unità

con più

di 15 o datori

con più di 60

dipendenti

L’intensità della tutela dipende dalle dimensioni dell’unità produttiva ove avviene il recesso

Area della stabilità

obbligatoria:

alternativa rimessa al datore di lavoro

Area della stabilità reale:

ordine giudiziale di reintegra

78


Oltre il velo della personalit giuridica recenti orientamenti giurisprudenziali
Oltre il “velo” della personalità giuridica? sanzionatoria (l. 322/1995)Recenti orientamenti giurisprudenziali

Pur non essendo consentito attribuire all’attività di gruppo, di per sé, un valore giuridicamente unificante, è tuttavia sempre possibile, in presenza di determinate caratteristiche organizzative e strutturali, ravvisare, in caso di collegamento societario, un unico centro di imputazione del rapporto di lavoro.

Tale situazione è ravvisabile ogni volta che vi sia una simulazione o una preordinazione in frode alla legge del frazionamento di un’unica attività fra i vari soggetti del collegamento economico e ciò venga accertato in modo adeguato

(Cass. n. 4274 del 24 marzo 2003)


Diritto del lavoro 1346423

LA REGOLA GENERALE PUO’ ESSERE INDICATA sanzionatoria (l. 322/1995)

NELLA TUTELA OBBLIGATORIA

A MENO CHE…

Lavoratore domestico

Dirigente

Più di 65 anni

Lavoratore in prova

AREA DEL LICENZIAMENTO AD NUTUM

  • A MENO CHE…

  • più di 15 dipendenti nell’unità produttiva

    • più di 60 nel complesso

    • AREA DELLA TUTELA REALE

80


Due eccezioni importanti
Due eccezioni importanti sanzionatoria (l. 322/1995)

PRIMA ECCEZIONE

Casi in cui, anche nelle piccole imprese, e anche nell’area del licenziamento ad nutum, si applica la tutela reale

SECONDA ECCEZIONE

Casi in cui, anche nelle grandi imprese, si applica la tutela obbligatoria

IL LICENZIAMENTO

DISCRIMINATORIO

LE ORGANIZZAZIONI

DI TENDENZA


Definizione di organizzazione di tendenza
Definizione di “organizzazione di tendenza” sanzionatoria (l. 322/1995)

“datori di lavoro non imprenditori che svolgono senza fini di lucro attività di natura politica, sindacale, culturale, di istruzione ovvero di religione o di culto”

Problemi applicativi:

a) l’ambito di estensione della disciplina, con riferimento alle istituzioni scolastiche laiche o confessionali (ambito oggettivo di applicazione);

b) l’ambito di estensione della disciplina con riferimento al personale che non è ideologicamente legato all’organizzazione (ambito soggettivo di applicazione)


Alcune indicazioni di prospettiva
Alcune indicazioni di prospettiva sanzionatoria (l. 322/1995)

L’ART. 18 DELLO STATUTO:

una norma perennemente al centro dei dibattiti sulla “modernizzazione” del diritto del lavoro


Sgombrare il campo dalle false rappresentazioni del problema
Sgombrare il campo dalle false rappresentazioni del problema sanzionatoria (l. 322/1995)

Da un articolo del senatore Debenedetti (PD) sul Sole 24 ore di qualche anno fa:

  • “Occorre introdurre norme che rendano possibile il licenziamento per giustificato motivo economico“

  • “Per la nostra legge, non spetta all'azienda, ma al giudice, decidere se può o no mantenere quel lavoratore in quel posto”

Ipotesi sostenuta da Pietro Ichino: ddl sulla flexicurity


Diritto del lavoro 1346423

  • La flessibilità non comporta soltanto una maggiore libertà per le imprese di assumere o licenziare e non implica che i contratti a tempo indeterminato siano un fenomeno obsoleto. La flessibilità significa assicurare ai lavoratori posti di lavoro migliori, la "mobilità ascendente", lo sviluppo dei talenti.

  • La sicurezza, d'altro canto, è qualcosa di più che la semplice sicurezza di mantenere il proprio posto di lavoro: essa significa dotare le persone delle competenze che consentano loro di progredire durante la loro vita lavorativa e le aiutino a trovare un nuovo posto di lavoro. Essa ha anche a che fare con adeguate indennità di disoccupazione per agevolare le transizioni


Le ricadute nel dibattito interno
Le ricadute nel dibattito interno per le imprese di assumere o licenziare

Verso il superamento dell’art. 18 nell’ordinamento italiano?


Diritto del lavoro 1346423

L’obbligo giudiziale di reintegra, questione fondamentale nell’ordinamento italiano

È VERO O NON È VERO CHE SI TRATTA DI UN UNICUM NORMATIVO?

Molti sistemi nazionali consentono al giudice di non ordinare la reintegra – cosa che pure potrebbe fare – e di optare per un rimedio risarcitorio, quando risulti provato che “è impossibile ripristinare un’ulteriore proficua collaborazione fra le parti”

88


Casi comparati
Casi comparati nell’ordinamento italiano

  • L’uso corretto della comparazione implica una contestualizzazione degli istituti

    • Il caso tedesco

      • Il ruolo sindacale

    • Il caso olandese

      • Il ruolo amministrativo

    • Il caso spagnolo

      • Il licenziamento “abaratado”; Prevede la riduzione delle indennità per quei licenziamenti che interessano rapporti nati a termine e successivamente stabilizzati.

      • E’ un incentivo alla stabilizzazione della precarietà attraverso un abbattimento dei costi del licenziamento,


Una prima conclusione due possibili modelli di gestione del licenziamento

Modello di gestione “preventiva”, del licenziamento, che trova i suoi elementi costitutivi in una proceduralizzazione dei poteri datoriali

Modello di gestione “successiva”, che rinvia la definizione della vicenda ad un momento cronologicamente posteriore all’atto di recesso

Una prima conclusione:due possibili modelli di gestione del licenziamento

90


Diritto del lavoro 1346423

IL MODELLO ITALIANO: TUTTO IL PESO SCARICATO SUL MOMENTO GIUDIZIALE A VALLE DEL RECESSO

L’ORIGINE DEI PROBLEMI INTERNI

La reintegra e i suoi possibili effetti distorsivi in un sistema giudiziale non perfettamente funzionante

91


Diritto del lavoro 1346423

A differenza del principio di causalità del recesso, la reintegra non è una nozione costituzionalmente vincolata

La Corte costituzionale (sent. n. 46/2000) ha escluso che la tutela reale rappresenti “l’unico possibile paradigma attuativo” dei principi di cui agli artt. 4 e 35 della Costituzione

  • I POSSIBILI INTERVENTI CORRETTIVI RISPETTO AD ALCUNE UTILIZZAZIONI DISTORTE DELLA NORMA:

  • Gli interventi sul processo (e la sua durata)

  • La possibile diversificazione nella tutela fondata sulle diverse cause di invalidità del recesso


Diritto del lavoro 1346423

IL SUPERAMENTO DELL’ART. 18 NEGLI ANNI 2000 reintegra non è una nozione costituzionalmente vincolata

Tentativi falliti e proposte in atto


L accantonamento dell art 18 nelle proposte di riforma dei primi anni 2000
L’accantonamento dell’art. 18 nelle proposte di riforma dei primi anni 2000

  • La reintegra non avrebbe più trovato applicazione ai lavoratori:

    • “Emersi” dal sommerso

    • La cui assunzione avrebbe fatto scattare la soglia dimensionale

    • Il cui contratto a tempo indeterminato fosse frutto di una conversione di un originario contratto a termine


L insostenibilit dei doppi regimi di recesso rispetto all art 3 cost
L’insostenibilità dei “doppi regimi” di recesso rispetto all’art. 3 Cost

Vecchi e nuovi assunti con contratto a termine “stabilizzato”

  • Tra lavoratori

Secondo alcuni emendamenti introdotti in sede parlamentare, la misura sulla stabilizzazione avrebbe riguardato solo il Sud

  • Tra territori


Lo stralcio della norma dalla legge delega il patto per l italia
Lo “stralcio” della norma dalla legge delega (il “Patto per l’Italia”)

Tutti i rapporti di lavoro instaurati nell'arco di tre anni dalla data di entrata in vigore del relativo provvedimento, non saranno computati nel numero dei dipendenti ai fini dell'individuazione del campo di applicazione dell'art. 18 l. n. 300 del 1970


Il problema di doppio regime residuo
Il problema di “doppio regime” residuo” “Patto per l’Italia”)

Due imprese di 20 lavoratori, a seconda della data di assunzione degli ultimi 5, sarebbero state sottoposte a due diversi regimi di recesso

  • Tra imprese


Diritto del lavoro 1346423

L’accantonamento delle proposte “Patto per l’Italia”)

(sostanziale superamento

del problema attraverso

la moltiplicazione delle forme

di flessibilità in entrata?)


Il dibattito in corso una riforma bi partisan
Il dibattito in corso: “Patto per l’Italia”)una riforma bi-partisan?

Disposizioni per il superamento del dualismo del mercato del lavoro, la promozione del lavoro stabile in strutture produttive flessibili e la garanzia di pari opportunità nel lavoro per le nuove generazioni

  • La c.d. proposta Ichino (raccoglie consensi e dissensi trasversali da entrambi gli schieramenti parlamentari)


Diritto del lavoro 1346423

LO SCAMBIO PROSPETTATO: “Patto per l’Italia”)

meno flessibilità in entrata contro più flessibilità in uscita

(ovvero: “Il Contratto unico a stabilità crescente” )

?


Chi riguarderebbe
Chi riguarderebbe “Patto per l’Italia”)

Tranne pochi casi in cui continuerebbe ad essere ammesso il contratto a termine, i new entrants sono tutti assunti a tempo indeterminato, con periodo di prova di sei mesi

Secondo la Relazione di presentazione, le imprese che assumono sarebbero molto più disposte a farlo a tempo indeterminato se si offre loro la possibilità di applicare ai nuovi assunti il nuovo regime, piuttosto che se le si costringe a operare nel vecchio

101


Le novit per i licenziamenti soggettivi
Le novità per i licenziamenti “soggettivi” “Patto per l’Italia”)

“controllo giudiziale e art. 18 per il licenziamento disciplinare e quello discriminatorio, salva la possibilità per il giudice, considerate le circostanze, di condannare l’imprenditore anche solo al risarcimento (o, in altri casi, solo alla reintegrazione senza risarcimento)”

  • equivarrebbe, malgrado l’enunciazione, ad un cambiamento radicale dell’art. 18, con la sua piena applicazione lasciata alla discrezionalità del giudice


Le novit per i licenziamenti oggettivi il cuore della proposta
Le novità per i licenziamenti “oggettivi”: il cuore della proposta

Le esigenze economiche od organizzative che motivano il licenziamento non sono soggette a sindacato giudiziale, salvo il controllo, quando il lavoratore ne faccia denuncia, circa la sussistenza di motivi discriminatori determinanti, o motivi di mero capriccio, intentendosi per tali motivi futili totalmente estranei alle esigenze organizzative o produttive aziendali.


Diritto del lavoro 1346423

Quando il lavoratore abbia maturato venti anni di anzianità, il licenziamento motivato con esigenze economiche od organizzative si presume dettato da intendimento di discriminazione in ragione dell’età, con conseguente applicazione dell’articolo 18 della legge 20 maggio 1970 n. 300,

salva prova del giustificato motivo economico, tecnico od organizzativo, della quale il datore di lavoro è onerato in giudizio


Le nuove tutele per il lavoratore licenziato per motivi oggettivi
Le (nuove) tutele per il lavoratore licenziato per motivi oggettivi

  • All’atto della cessazione del rapporto conseguente a licenziamento non disciplinare, al prestatore è dovuta dal datore di lavoro un’indennità pari a tanti dodicesimi della retribuzione lorda complessivamente goduta nell’ultimo anno di lavoro, quanti sono gli anni compiuti di anzianità di servizio in azienda, diminuita della retribuzione corrispondente al preavviso spettante al prestatore stesso.

  • Il prestatore stesso ha inoltre diritto alla stipulazione del contratto di ricollocazione di cui all’articolo 3.


Articolo 3 contratto di ricollocazione al lavoro
Articolo 3 oggettivi ‑ Contratto di ricollocazione al lavoro

Al lavoratore al quale si applichi il nuovo sistema di protezione, quando abbia perso il posto in conseguenza di un licenziamento non disciplinare o di un licenziamento disciplinare dichiarato illegittimo in sede giudiziale, l’ente bilaterale è obbligato a offrire la stipulazione di un contratto di ricollocazione al lavoro che preveda:

Una sorta di “modello danese”?


Diritto del lavoro 1346423

a oggettivi) l’erogazione di una indennità di entità pari al 90% dell’ultima retribuzione per il primo anno, all’80% per il secondo, al 70% per il terzo e al 60% per il quarto; la durata minima del trattamento di disoccupazione è pari alla durata del rapporto di lavoro che lo ha preceduto, con il limite di quattro anni;

b) l’erogazione di assistenza intensiva nella ricerca della nuova occupazione

c) la predisposizione di iniziative di formazione o riqualificazione professionale mirate a sbocchi occupazionali effettivamente esistenti

d) l’impegno del lavoratore a porsi a disposizione dell’ente per le iniziative di cui alle lettere b e c secondo un orario settimanale corrispondente all’orario di lavoro praticato in precedenza;

e) l’assoggettamento dell’attività svolta dal lavoratore nella ricerca della nuova occupazione al potere e di controllo dell’ente, il quale lo esercita di regola attraverso un tutor cui il lavoratore viene affidato.


Diritto del lavoro 1346423

Maggiori informazioni ed interventi (compresi quelli critici) sul sito www.pietroichino.it