DETERMINAZIONE DELLA CORRENTE CON GLI STRUMENTI DI BORDO - PowerPoint PPT Presentation

slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
DETERMINAZIONE DELLA CORRENTE CON GLI STRUMENTI DI BORDO PowerPoint Presentation
Download Presentation
DETERMINAZIONE DELLA CORRENTE CON GLI STRUMENTI DI BORDO

play fullscreen
1 / 6
DETERMINAZIONE DELLA CORRENTE CON GLI STRUMENTI DI BORDO
175 Views
Download Presentation
gates
Download Presentation

DETERMINAZIONE DELLA CORRENTE CON GLI STRUMENTI DI BORDO

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. DETERMINAZIONE DELLA CORRENTE CON GLI STRUMENTI DI BORDO • Dalla strumentazione presente a bordo possiamo facilmente ricavare i seguenti dati in maniera istantanea: • Prora Vera (Girobussola – Bussola elettronica) • Velocità propria (Contagiri) • Provenienza del vento (Anemometro) • Velocità superficiale (Solcometro) • Rotta Vera (GPS) • Velocità effettiva (GPS – Ecoscandaglio elettronico – Sonar Doppler) • Grazie a tali dati si può calcolare la corrente presente in zona. Ovviamente, dato che gli strumenti sono interfacciati tra loro, il valore della corrente è automaticamente rilevato (infatti può comparire il valore di direzione ed intensità corrente sull’ECDIS e sul RADAR). • La stessa operazione può essere effettuata manualmente con foglio bianco, compasso, squadrette, matita, gomma e….. precisione nel disegno.

  2. DETERMINAZIONE DELLA CORRENTE CON GLI STRUMENTI DI BORDO • Squadrare un foglio bianco • Disegnare il vettore proprio a partire dal centro (Pv e Vp). Nell’esempio Pv = 315 e Vp =6,7 nodi • Dalla cuspide del vettore proprio, far partire il vento. Nell’esempio Vento = Levante (090). Fare il vettore abbastanza lungo. • Domanda dell’alunno: ma perché non facciamo il vettore del vento tanto lungo quanto è la sua intensità riportata sull’anemometro? • Risposta del prof: sia il vento che il moto ondoso da esso generato, non agiscono oggettivamente su tutte le navi allo stesso modo, in quanto lo scarroccio provocato sulla nave dipende da molteplici fattori (dimensioni, dislocamento, parte esposta al vento, ecc…). Del vento, per il momento, posso sapere solo da quale parte ha fatto scarrocciare la nave. La corrente invece, facendo muovere tutta l’acqua al di sotto della nave, agisce su qualsiasi oggetto allo stesso modo. • Dal centro, con apertura di compasso corrispondente alla velocità superficiale, vado ad incrociare il vettore vento. Nell’esempio Vsup = 9,5 nodi • Ho determinato la rotta superficiale (nell’esempio Rsup = 300) Wind Pv / Vp Rsup / Vsup Angoli in gradi sessagesimali Velocità e distanze in centimetri

  3. DETERMINAZIONE DELLA CORRENTE CON GLI STRUMENTI DI BORDO • Per chiarezza e pulizia del disegno riduco il vettore vento quanto basta • L’angolo di scarroccio (Lsc) si trova facendo questa sottrazione: Rsup – Pv (nell’esempio 300 - 315 = -15). Se l’angolo di scarroccio viene negativo, ovviamente si conta in senso antiorario e viceversa. • Riportare dal centro il vettore effettivo (nell’esempio Rv = 285 Ve = 9 nodi). • Unire la cuspide del vettore superficiale on la cuspide del vettore vero. Il vettore così ottenuto, rivolto sempre verso il vettore vero, rappresenta la corrente (direzione ed intensità) • Nell’esempio la direzione corrente Dc è uguale a 194 (la corrente va, il vento viene da), mentre l’intensità corrente Ic è uguale a 2,5 nodi. • L’angolo di deriva (Ldr) si trova facendo questa sottrazione: Rv – Rsup (nell’esempio 285 – 300 = -15). Se l’angolo di scarroccio viene negativo, ovviamente si conta in senso antiorario e viceversa. Wind Dc / Ic Pv / Vp Rsup / Vsup lsc ldr Rv / Ve Angoli in gradi sessagesimali Velocità e distanze in centimetri

  4. DETERMINAZIONE DELLA CORRENTE CON GLI STRUMENTI DI BORDO • CASO PARTICOLARE • (vento e corrente opposte, o quasi, tra loro) • (gli angoli di scarroccio e deriva NON sono nello stesso senso) • Pv = 257 • Vp = 7,7 nodi • Wind = 039 • Vsup = 9,5 nodi • Rv = 266 • Ve = 9 nodi • Rsup = 248 • Lsc = -9 • Dc = 358 • Ic = 3 nodi • Ldr = 18 Rv / Ve Pv / Vp ldr lsc Wind Dc / Ic Rsup / Vsup Angoli in gradi sessagesimali Velocità e distanze in centimetri

  5. DETERMINAZIONE DELLA CORRENTE CON GLI STRUMENTI DI BORDO • CASO COMUNE • (vento e corrente nella stessa direzione) • Pv = 257 • Vp = 7,7 nodi • Wind = 039 • Vsup = 9,5 nodi • Rv = 241 • Ve = 12 nodi • Rsup = 248 • Lsc = -9 • Dc = 219 • Ic = 2,8 nodi • Ldr = -7 Pv / Vp lsc Wind Dc / Ic ldr Rsup / Vsup Rv / Ve Angoli in gradi sessagesimali Velocità e distanze in centimetri

  6. DETERMINAZIONE DELLA CORRENTE CON GLI STRUMENTI DI BORDO • CASO COMUNE • (vento e corrente nella stessa direzione da poppa o da prora) • (DIFFICILE DA DISEGNARE MA COMUNE ED INTUITIVO) • (Variano solo le velocità, gli angoli di scarroccio e deriva sono nulli) • Pv = 227 • Vp = 8 nodi • Wind = 047 • Vsup = 9,5 • Rv = 227 • Ve = 12,8 nodi • Rsup = 227 • Lsc = 0° • Dc = 227 • Ic = 3,3 nodi • Ldr = 0° Pv / Vp Rsup / Vsup Wind Rv / Ve Dc / Ic Angoli in gradi sessagesimali Velocità e distanze in centimetri