la statistica prof manelli roberto n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
LA STATISTICA Prof. Manelli Roberto PowerPoint Presentation
Download Presentation
LA STATISTICA Prof. Manelli Roberto

Loading in 2 Seconds...

  share
play fullscreen
1 / 22
elmo-perry

LA STATISTICA Prof. Manelli Roberto - PowerPoint PPT Presentation

120 Views
Download Presentation
LA STATISTICA Prof. Manelli Roberto
An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author. While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. LA STATISTICAProf. Manelli Roberto UDA n°1: SENTINELLE DEL PARCO – Scuola 21 A.F. 2012/2013 Operatore ai Sevizi di VENDITA – 72282 Secondo anno Operatore al Benessere ACCONCIATURA - 72287 Secondo Anno

  2. La STATISTICA è la scienza che RACCOGLIE, ANALIZZA ed INTERPRETA, utilizzando metodi e strumenti matematici, le informazioni riguardanti un particolare fenomeno, ne misura e studia certe caratteristiche e permette di fare previsioni sul futuro andamento del fenomeno stesso.

  3. STATISTICA DESCRITTIVA È il ramo della statistica che si occupa delle modalità con cui rappresentare e analizzare i dati statistici raccolti sull’intera popolazione. Esempio: numero medio di insufficienze degli allievi della mia classe.

  4. STATISTICA INDUTTIVA È il ramo della statistica che studia le peculiarità di un fenomeno facendo ricorso ad un campione della popolazione. Esempio: esito delle elezioni politiche attraverso l’analisi di un campione di elettori.

  5. QUALI SONO LE DIFFICOLTÀ? • Statistica descrittiva • Raccogliere i dati; • Analizzare i dati; • Sintetizzare i dati in valori numerici che caratterizzano il fenomeno. • Statistica induttiva • Individuare il campione significativo della popolazione totale; • Raccogliere i dati; • Analizzare i dati; • Sintetizzare i dati in valori numerici che caratterizzano il fenomeno; • Valutare il grado di incertezza dei risultati.

  6. QUALCHE TERMINE POPOLAZIONE È l’insieme delle persone o delle cose sul quale viene effettuata l’indagine. Esempio: Gli alunni della tua classe, le auto che circolano a Pavia, le maglie delle squadre di calcio.

  7. INDIVIDUO È un elemento appartenente alla popolazione. Esempio: Un alunno, una macchina, la maglia di una squadra di calcio.

  8. CARATTERE È la caratteristica di un individuo rispetto alla quale si svolge l’indagine. Esempio: L’età di un alunno, la cilindrata di una macchina, il colore della maglia di una squadra.

  9. Il CARATTERE può essere una variabile: • QUANTITATIVA: • se può essere espressa con dei numeri • (età, cilindrata) • QUALITATIVA: • se non può essere espressa con dei numeri • (colore della maglia) • Ogni CARATTERE può assumere un VALORE • (età=16, cilindrata=1400, colore della maglia=rosso)

  10. FREQUENZA È quante volte un carattere assume lo stesso valore all’interno di una popolazione. Possiamo distinguere la frequenza assoluta, la frequenza relativa e la frequenza percentuale.

  11. Esempio: Se ci sono nella tua classe 5 alunni che hanno 16 anni significa che 16 ha frequenza assoluta: fass=5 La frequenza relativa si calcola dividendo la frequenza per la popolazione (25 ragazzi): frel=fass/popolazione=5/25=0,20 frelè compresa tra 0 e 1 La frequenza percentuale si calcola moltiplicando per 100 la frequenza relativa: f%=frel x 100=0,20 x 100=20 % f% è compresa tra 0 e 100

  12. MEDIA La media aritmetica è il rapporto tra la somma dei valori e la popolazione totale. MODA È il valore che si presenta con maggiore frequenza. MEDIANA È il valore centrale di un insieme di dati ordinati.

  13. Esempio: Media (140 x 2 + 150 x 1 + 160 x 2 + 170 x 4 + 180 x 3)/12= 164,2 cm Moda 170 cm (si presenta con frequenza assoluta pari a 4) Mediana 160 cm (è il valore di mezzo delle altezze considerate)

  14. LE FASI DI UNA INDAGINE STATISTICA DETERMINAZIONE DEL FENOMENOche si vuole studiare e delle modalità o caratteri con cui si manifesta; INDIVIDUAZIONE DELLA POPOLAZIONE, cioè dell’insieme delle unità statistiche su cui osservare il fenomeno;

  15. RILEVAZIONE DEI DATI STATISTICI, cioè delle modalità e delle frequenze con cui essi compaiono nell’indagine; SPOGLIO DEI DATI e loro rappresentazione mediante tabelle e grafici; ELABORAZIONE E INTERPRETAZIONE DEI DATI con eventuale calcolo di valori significativi come media, moda e mediana.

  16. RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEI DATI Le frequenze riportate in una tabella possono essere visivamente di più immediata valutazione se vengono rappresentate graficamente con uno di questi metodi.

  17. ISTOGRAMMI Permette una intuitiva visualizzazione delle frequenze assolute.

  18. AEROGRAMMI Permette una intuitiva visualizzazione delle frequenze relative e/o percentuali.

  19. IDEOGRAMMI Permette una intuitiva visualizzazione delle frequenze assolute.

  20. COSA DOVRAI FARE DA SOLO Preparare una breve presentazione dell’indagine statistica che descriva il progetto SENTINELLE DEL PARCO – Scuola 21, il fenomeno esaminato, le modalità di scelta del campione di popolazione, la raccolta dei dati; Procedere con attenzione allo spoglio dei dati; Raccogliere tutti i dati in apposite tabelle, calcolare le frequenze assolute, le frequenze relative e le frequenze percentuali (i totali devono sempre tornare!);

  21. Valutare se il calcolo di media, moda e mediana di alcuni valori possa essere significativo ed eventualmente procedere alla loro determinazione; Rappresentare graficamente i valori raccolti scegliendo i grafici più adatti; Preparare una conclusione che contenga l’analisi dei dati raccolti e la valutazione del grado di incertezza dei risultati.

  22. GRAZIE DELL’ATTENZIONE E BUON LAVORO