corso di chimica fisica ii 2011 marina brustolon n.
Download
Skip this Video
Download Presentation
Corso di Chimica Fisica II 2011 Marina Brustolon

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 11

Corso di Chimica Fisica II 2011 Marina Brustolon - PowerPoint PPT Presentation


  • 512 Views
  • Uploaded on

Corso di Chimica Fisica II 2011 Marina Brustolon. 13. La molecola H 2 . Le funzioni d’onda a molti elettroni e i determinanti di Slater. Hamiltoniano dell’elettrone 1. Hamiltoniano dell’elettrone 2. La molecola .

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Corso di Chimica Fisica II 2011 Marina Brustolon' - delphine


Download Now An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
corso di chimica fisica ii 2011 marina brustolon
Corso di Chimica Fisica II

2011

Marina Brustolon

13. La molecola H2. Le funzioni d’onda a molti elettroni e i determinanti di Slater

la molecola

Hamiltoniano dell’elettrone 1

Hamiltoniano dell’elettrone 2

La molecola

Consideriamo l’hamiltoniano degli elettroni di una molecola di H2, utilizzando l’approssimazione di Born-Oppenheimer:

repulsione coulombiana tra i due elettroni

Il termine di repulsione tra elettroni complica il problema rispetto a H2+ e impedisce di risolvere in modo esatto l’equazione di Schrödinger.

il problema a due elettroni
Il problema a due elettroni

Abbiamo incontrato lo stesso problema passando dall’atomo di H all’atomo di He.

Come allora, supponiamo dapprima di trascurare l’interazione elettronica.

se si potesse trascurare l interazione tra gli elettroni

Hamiltoniano dell’elettrone 2

Hamiltoniano dell’elettrone 1

variabili indipendenti

Se si potesse trascurare l’interazione tra gli elettroni....
slide5

Ogni volta che l’hamiltoniano è dato dalla somma di hamiltoniani che dipendono da coordinate indipendenti, le autofunzioni sono date dal prodotto delle autofunzioni degli addendi, e gli autovalori dalla somma degli autovalori degli addendi.

slide6

Usiamo gli OM già trovati con il metodo LCAO

Orbitale di legame

Orbitale di antilegame

Possiamo scrivere le funzioni d’onda dei due elettroni usando questi orbitali molecolari.

La molecola di H2 nello stato fondamentale (a energia più bassa) ha i due elettroni nell’orbitale di legame.

slide7

Funzione d’onda dello stato fondamentale della molecola di H2:

La funzione d’onda deve essere antisimmetrica, cioè scambiando i due elettroni deve cambiare di segno!

funzioni spaziali e di spin

A

x

=

cambia di segno scambiando 1 e 2

non cambia di segno scambiando 1 e 2

funzione spaziale

funzione di spin

A

S

Funzioni spaziali e di spin

è una funzione di singoletto (Stot=0). Ricordiamo che lo stato di spin di coppie di elettroni che occupano lo stesso orbitale, e che quindi hanno spin opposto, è sempre uno stato di singoletto.

slide9

Tutto è come nel caso dell’atomo di He! Due elettroni nello stesso orbitale devono essere in stato di singoletto. . .A parte il fatto naturalmente qui stiamo parlando di orbitali molecolari, non di orbitali atomici.

Ecco una pantegana dall’intelligenza brillante!

slide10

Per semplificare la scrittura: invece di

scriviamo:

spin-orbitali

Notate che questa funzione può essere scritta come un determinante:

Determinante di Slater

funzioni elettroniche antisimmetriche scritte come determinanti di slater
Funzioni elettroniche antisimmetriche scritte come determinanti di Slater
  • Determinanti di Slater: ci danno la sicurezza che il principio di Pauli è rispettato!
  • La funzione è certamente antisimmetrica perché scambiando due colonne (due elettroni) il determinante cambia di segno;
  • Il determinante è zero se due colonne sono eguali (due elettroni nello stesso spinorbitale).