isiss polo cattaneo n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
ISISS “POLO-CATTANEO” PowerPoint Presentation
Download Presentation
ISISS “POLO-CATTANEO”

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 14

ISISS “POLO-CATTANEO” - PowerPoint PPT Presentation


  • 142 Views
  • Uploaded on

ISISS “POLO-CATTANEO”. IL PERCORSO DI AUTOVALUTAZIONE E L’AVVIO DELLE AZIONI DI MIGLIORAMENTO. L’AUTOVALUTAZIONE SECONDO IL MODELLO CAF : Common Assessment Framework (CAF – Griglia Comune di Autovalutazione). 2. Logica di Valutazione PDCA:.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'ISISS “POLO-CATTANEO”' - corine


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
isiss polo cattaneo

ISISS“POLO-CATTANEO”

IL PERCORSO DI AUTOVALUTAZIONE E L’AVVIO DELLE AZIONI DI MIGLIORAMENTO

slide2

L’AUTOVALUTAZIONE SECONDO IL MODELLO CAF : Common Assessment Framework

(CAF – Griglia Comune di Autovalutazione)

2

slide3

Logica di Valutazione PDCA:

è alla base sia della struttura del modello che della metrica CAF

PLAN: la pianificazione del miglioramento, integrata nella pianificazione generale

PLAN

DO

DO: l’esecuzione integrata del piano operativo e dei progetti di miglioramento

CHECK: l’autovalutazione come “check-up” dell’organizzazione, mirato al miglioramento continuo in relazione ai fini dell’organizzazione

ACT

CHECK

ACT:le azionisul sistema (strategie, risorse, processi, …)

slide4

Il percorso di autovalutazione per il nostro Istituto è finalizzato anche all’ottenimento dell’attestazione di Effective CAF User.

Il processo CAF External Feedback

E un’opportunità di cui avvalersi, per verificare se si stia utilizzando il modello in modo efficace, sottoponendosi al feedback esterno fornito da valutatori qualificati.

slide5

ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO CAF PER IL NOSTRO ISTITUTO

Avvio attività

processo AV

Processo AV

Predisposizione

Piano di Miglioramento

Implementazione PdM

Periodo di riferimento: marzo 2012 - novembre 2012 – settembre 2013

fasi del processo di autovalutazione l avvio

La Dirigenza ha deciso di avviare il processo

  • Sono stati definiti tempi e fasi del processo
  • E’ stato individuato il gruppo di AV
  • Sono stati somministrati i questionari di customer
  • satisfaction al personale, agli alunni e ai genitori

FASI DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE – L’AVVIO

Fase I

slide8

Fase III

LA VALUTAZIONE DEI FATTORI ABILITANTI

COSA l’istituzione scolastica ha fatto e sta facendo (approcci - processi

– progetti)

COME lo ha fatto e lo sta facendo

PERCHE’ lo sta facendo (chi sono i destinatari, quali le loro attese e requisiti).

LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI

CHE COSA:

I RISULTATI raggiunti attuano gli approcci relativi ai fattori abilitanti

I RISULTATI devono basarsi su dati oggettivi (NUMERI) e non elementi

qualitativi, sensazioni.

slide9

FASI DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE – IL RAV

Fase IV

Scrivere il rapporto di autovalutazione (RAV)

  • Alla fine dell’autovalutazione l’organizzazione dispone di un documento articolato, il “Rapporto di Autovalutazione”, contenente:
  • punti di forza e aree da migliorare sia nell’area dei fattori sia nell’area risultati
  • i punteggi attribuiti per sottocriterio e criterio
slide10

L’UTILIZZO DEL RAV: PERCHE’, PER CHI

Contiene informazioni e commenti destinati alla scuola stessa

Consente di valutare efficaci azioni di miglioramento, definendone

importanza e priorità.

slide11

Nel nostro caso, la stesura del RAV ha portato ad individuare alcune aree di criticità, quali, ad esempio:

  • scarso intervento dei portatori di interesse esterni (utenti, partners, ….) nella formulazione e revisione della mission, vision e valori della scuola;
  • percezione da parte degli stakeholders più vicini all'istituzione stessa (discenti, famiglie) di scarsa visibilità della scuola sui media;
  • Ogni attività pianificata ed attuata dalla scuola difetta nella fase di CHECK (verifica del raggiungimento dei risultati voluti) e in quella di ACT (riesame, miglioramento degli approcci e della loro diffusione);
  • La comunicazione interna ed esterna non è sempre efficace;
  • Nonostante siano prassi consolidate, non sono tuttavia formalizzate attività di benchmarking (confrontarsi con altre organizzazioni e imparare da quanto emerge dal confronto) e benchlearning(“apprendere dall' esperienza di altri“);
  • Non sono presenti modalità sistematiche di raccolta dei feedback di gradimento (interni/esterni) su tutte le attività avviate;
  • Alcune criticità su più fattori abilitanti e risultati convergono nella necessità di standardizzazione dei processi chiave dell’Istituto.
scelta delle azioni di miglioramento
SCELTA DELLE AZIONI DI MIGLIORAMENTO

Per attribuire le priorità alle aree da migliorare, si sono dovuti considerare i pesi delle scelte possibili in relazione ai FATTORI CRITICI DI SUCCESSO per l’Istituzione, così individuati:

  • Rapporti con l’ambiente esterno
  • Capacità relazionali e comunicative dei docenti
  • Risultato formativo
  • Collaborazione scuola-famiglia
  • Collaborazione scuola- ambiente sociale
  • Soddisfazione dei clienti
slide13

IL PIANO DI MIGLIORAMENTO

Tra tutte le possibili azioni di miglioramento, si è scelto di attuare quelle relative

  • all’innovazione dei processi coinvolgendo gli stakeholders esterni
  • alla standardizzazione dei processi didattici
  • alla gestione delle informazioni e della comunicazione interna/esterna
slide14

I gruppi di miglioramento, a supporto del gruppo di AV, si occupano della pianificazione e implementazione delle azioni di miglioramento in questione all’interno dell’istituzione stessa. La Dirigenza e i gruppi Qualità ritengono di prioritaria importanza motivare tutto il personale a collaborare perché il processo di valutazione dell’organizzazione e di miglioramento della performance superi la dimensione autoreferenziale e permetta di ottenere risultati che costituiscano valore aggiunto per l'Istituto.