slide1 l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
CORRETTA ALIMENTAZIONE alimenti idonei e non bimbi 3-6 anni. Incontri per personale tecnico insegnanti e genitori del Co PowerPoint Presentation
Download Presentation
CORRETTA ALIMENTAZIONE alimenti idonei e non bimbi 3-6 anni. Incontri per personale tecnico insegnanti e genitori del Co

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 60

CORRETTA ALIMENTAZIONE alimenti idonei e non bimbi 3-6 anni. Incontri per personale tecnico insegnanti e genitori del Co - PowerPoint PPT Presentation


  • 134 Views
  • Uploaded on

CORRETTA ALIMENTAZIONE alimenti idonei e non bimbi 3-6 anni. Incontri per personale tecnico insegnanti e genitori del Comune di Genova settembre-ottobre 2011. Dott.ssa Marcella Zera. L’AMBIENTE. … Come il bambino, nel grembo materno,

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'CORRETTA ALIMENTAZIONE alimenti idonei e non bimbi 3-6 anni. Incontri per personale tecnico insegnanti e genitori del Co' - chipo


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

CORRETTA ALIMENTAZIONEalimenti idonei e nonbimbi 3-6 anni. Incontri per personale tecnico insegnanti e genitoridel Comune di Genovasettembre-ottobre 2011

Dott.ssa Marcella Zera

l ambiente
L’AMBIENTE

…Come il bambino, nel grembo materno,

assimila dal liquido che lo circonda,così fin dalla tenera età e oltre assimila dall’ambiente che lo circonda: principalmente la famiglia e la scuola.

Dott.ssa Marcella Zera

preferenze alimentari
PREFERENZE ALIMENTARI

Nel determinare le preferenze alimentari oltre alla predisposizione genetica(che in realtàha una importanza non preponderante),il fattore determinante è “l’ESPERIENZA”, quale risultato di un processo di apprendimento:i genitori e lo stile parentale giocano un ruolo particolarmente importante

Dott.ssa Marcella Zera

educare il gusto
EDUCARE IL GUSTO

Tanto è vero che NON POSSIAMO convincere un bambino a mangiare ciò che non gli piace dicendogli “mangia questo perché ti fa bene”,

ma dobbiamo puntare ad EDUCARE IL GUSTO fin dai primissimi anni, anzi mesi, in modo che impari ad apprezzare ciò che gli fa bene e di conseguenza mangi ciò che a lui piace.

Dott.ssa Marcella Zera

la neofobia
LA NEOFOBIA

LA NEOFOBIA è una manifestazione che insorge almeno nel 20-30% di bambini ,in prevalenza maschi. E’ un deciso rifiuto di assaggiare cibi nuovi, mai conosciuti in precedenza. Nel terzo anno di vita i bambini neofobici, diventano sempre più resistenti a tali introduzioni.

Dott.ssa Marcella Zera

giusto rapporto col cibo
Giusto RAPPORTO col CIBO

Sola la COSTANZA,L’ESEMPIO

e LA PAZIENZApossono contribuire a stabilire un giusto rapporto col cibo, consumando pasti in ambiente tranquillo, emotivamente positivo

e non frettolosamente

Dott.ssa Marcella Zera

giusto rapporto col cibo7
Giusto RAPPORTO col CIBO

Una COSTRIZIONE a mangiare un determinato cibo ne ridurrà ulteriormenteil suo gradimentoMENTRE l’esposizione ripetuta a cibi inizialmente non graditi può interromperne il rifiuto

Dott.ssa Marcella Zera

autoregolazione
AUTOREGOLAZIONE

Va RISPETTATO il senso di autoregolazione

che è già presente nei primi anni di vita.Il bambino che non vuole andare all’asilo o a scuola e accusa coliche addominali generalmente ha disagio perché gli si offre il cibo con insistenza

Dott.ssa Marcella Zera

non adulto piccolo
NON è ADULTO PICCOLO

All’età di tre anni

si può dire che abbia comunque maturato i suoi sistemi enzimatici deputati alla digestione e all’assorbimento delle sostanze nutritive anche seil bambino NON è un adulto piccolo,tanto è vero che il Pediatra se deve trattarlo con farmaci fa sempre riferimento alla dose necessaria per Kg di peso.

Dott.ssa Marcella Zera

alcool veleno
ALCOOL è VELENO

L’abitudine di certi genitori e anche nonni di fare assaggiare il vino o lo spumante,

va condannata con energia poiché la maturazione del sistema enzimatico che nel fegato metabolizza l’alcool, matura verso i 18–20 anni.

Idem per la coca cola che inibisce l’assorbimento del ferro o l’uovo crudo che contiene sostanza che inibisce l’assorbimento di vit HComunque l’alcool, anche quello della birra, è un veleno per le cellule del fegato a qualsiasi età.

Dott.ssa Marcella Zera

fabbisogni
FABBISOGNI

Il fabbisogno di molti elementi quali Calcio, potassio, ferro, rame, selenio, iodio riboflavina, vit B12, vit C, folati, vit Ava mano mano aumentando con l’età,

al contrario della vit D il cui fabbisogno è più elevato nei primissimi anni fino a 3 anni, per poi decrescere a valori poco inferiori (mcg 10-25>>>mcg 10>>>mcg 0-10 fino all’età adulta)

Dott.ssa Marcella Zera

no al cibo spazzatura
NO AL CIBO SPAZZATURA

In pratica ciò che NON si può DARE

a questa età

sono i cibi cosiddetti SPAZZATURA,

pubblicizzati specie nelle trasmissioni TV per bambini.

Dott.ssa Marcella Zera

dieta sana ed equilibrata
Dieta SANA ed EQUILIBRATA

Da sottolineare che ultimamente

alcuni prodotti alimentari sono preparati con aggiunta di verdure

NON POSSONO essere considerati quali sostitutivi di una dieta sana ed equilibrata

a base di verdure,sono piuttosto una moda e non devono essere un alibi nella falsa credenza di nutrire bene un bimbo che non mangi verdure o frutta naturali.

Dott.ssa Marcella Zera

dieta sana ed equilibrata14
Dieta SANA ed EQUILIBRATA

 Ma perché si parla tanto in questi ultimi decenni

di SANA ALIMENTAZIONE,STILE DI VITA SANO?Perché come sempre si chiude la stalla quando i buoi sono scappati…ma meglio tardi che mai… per ottenere una “ mens sana in corpore sano “.

Dott.ssa Marcella Zera

sostanze evitare
SOSTANZE EVITARE

Molte sostanze da EVITARE

nella prevenzione dell’obesità(e malattie ad essa correlate)

e molte contenute nei cibi “spazzatura“ o comunque mangiate in eccessive quantitàaumentano

il rischio di comparsa di tumori.

Dott.ssa Marcella Zera

dieta e tumori
DIETA e TUMORI

E’ emerso da studi scientifici

lo stretto LEGAME fra soprappeso,

dieta e almeno 11 tipi di tumori(pancreas, colon esofago, reni, cervice uterina, tumori epatobiliari specie della cistifellea)

Dott.ssa Marcella Zera

fattori di rischio
FATTORI DI RISCHIO

I fattori di rischioNON MODIFICABILI sono:Predisposizione GeneticaSessoEtà

Dott.ssa Marcella Zera

fattori di rischio18
FATTORI DI RISCHIO

I fattori di rischioMODIFICABILI sono:

la dietaSovrappeso e obesitàIl consumo di alcoolIl fumoLa mancanza di attività fisicaIl sonno

Dott.ssa Marcella Zera

addittivi
ADDITTIVI

Ci sono molte sostanze

usate come additivi nell’industria alimentare per migliorare il sapore, la consistenza, la conservazione e le proprietà nutritive (e quindi per tentare il nostro palato),

alcune innocue altre dannose

Dott.ssa Marcella Zera

conservanti
CONSERVANTI

Fra i conservanti(ma la gran parte è nociva soprattutto se in concentrazione elevata)p.es. l’ANIDRIDE SOLFOROSA e derivati(vino, aceto, succhi di frutta, birra, bevande analcoliche)

presenta una tossicità acuta e anche cronica poiché distrugge le vitamine e interagisce con alcuni enzimi cellulari.

Dott.ssa Marcella Zera

conservanti21
CONSERVANTI

l’acido BENZOICO e derivati (confetture, marmellate, gelatine, gomme da masticare, bevande analcoliche) viene considerato innocuo a dosi di impiego ma può essere responsabile di reazioni allergiche e irritazione gastrica.

E200. E203 (acido sorbico) conservanti contro i funghi e lieviti, contenuto in yogurt, formaggi, pane di segale, pizza, vino minestre ecc possono dare una reazione pseudo allergica,orticaria da contatto

Dott.ssa Marcella Zera

conservanti22
CONSERVANTI

I nitriti

nello stomaco si legano alle ammine

in nitrosamine che sono cancerogene.Si legano alla emoglobina trasformandola in metaemoglobina(sindrome del bambino blu).

Dott.ssa Marcella Zera

antiossidanti
ANTIOSSIDANTI

Fra gli antiossidantiil BHA butilidrossianisolo, E320 ( grassi, grassi idrogenati, margarine, noci, patatine fritte, preparati per purè, chewing-gum): vietato l’uso in molti Paesi per preparazione cibi per bambini,

E321 butilidrossitoluene,(burro, margarina, oli di cottura) potenzialmente cancerogeno,

può causare asma e allergie nell’uomo.

Dott.ssa Marcella Zera

antiossidanti24
ANTIOSSIDANTI

…e così una lunga lista che vi ho allegato:coloranti, addensanti, edulcoranti,

esaltatori di sapidità,

metalli pesanti ecc.

Dott.ssa Marcella Zera

sano stile di vita
SANO STILE di VITA

Come possiamo constatare molti prodotti cancerogeni o comunque dannosi per l’organismo, sono contenuti in alimenti da EVITARE per prevenire soprappeso e l’obesità e sindrome metabolica, cosicché seguendo le indicazioni per una sana alimentazione possiamo garantirci un SANO STILE di vita a patto che l’ATTIVITÀ FISICA

con un movimento quotidiano e costante faccia parte di questo.

Dott.ssa Marcella Zera

sano stile di vita26
SANO STILE di VITA

È DIMOSTRATO scientificamente

che fra due persone obesecon lo stesso peso, età ecc.è più a RISCHIO quella che fauna vita sedentaria rispetto a quella,

dello stesso peso, che però fa una certa attività fisica quotidiana

Dott.ssa Marcella Zera

piramide alimentare
PIRAMIDE ALIMENTARE

Dott.ssa Marcella Zera

piramide alimentare28
PIRAMIDE ALIMENTARE

Nella piramide alimentarei cibi che si trovano alla BASE della piramide (frutta e ortaggi) sono quelli da consumare con MAGGIOR frequenza e in quantità maggiori,

quelli al vertice che occupano un volume più ristretto, che forniscono un apporto energetico progressivamente crescente,sono da consumare in quantità minori

Dott.ssa Marcella Zera

varieta alimentare
VARIETA’ ALIMENTARE

Il criterio di distribuzione si basa sull’appartenenza degli alimenti ai diversi gruppi di nutrientiche sono poi ripartiti in base alle quantità definite dalle porzioni giornaliere raccomandate.Oltre ad abbondante dose di acqua è importante, anche nell’ambito dei singoli settori,

ricercare la VARIETÀper garantirci l’apporto completo dei principi nutritvi.

Dott.ssa Marcella Zera

dieta mediterranea
DIETA MEDITERRANEA

Quindi un’alimentazione ricca di vegetali e frutta

ci garantisce:meno grassi, più fibre, più fitonutrienti e antiossidanti e conferma la validità della

dieta MEDITERRANEA con un’equa distribuzione degli alimenti(elevato consumo di cereali preferibilmente integrali, frutta, verdura, legumi, Carne in quantità moderata, Pesce: particolarmente pesce azzurro per il contenuto di ac.grassi monoinsaturi e vitamina E (antiossidante))

Dott.ssa Marcella Zera

agricoltura biologica
AGRICOLTURA BIOLOGICA

L’azione “BENEFICA” dipende dal terreno nel quale sono stati coltivati gli alimenti citati.Nei mercati e supermercati si trovano sempre più prodotti provenienti da agricoltura biologica, che permettono al consumatore di avere cibi più genuini e una facile e sicura riconoscibilità,regolamentata da leggi Europee e controllata attraverso il Comitato permanente dell’agricoltura biologica e gruppi di esperti.

Dott.ssa Marcella Zera

agricoltura biologica32
AGRICOLTURA BIOLOGICA

Se l’Azienda produttrice supera i controlli in ogni fase della produzione e distribuzione,

viene apposto ai suoi prodotti

il logo biologico europeo.

Dott.ssa Marcella Zera

dieta mediterranea33
DIETA MEDITERRANEA

la “bontà” della DIETA Mediterraneaè stata scoperta casualmente

mentre i ricercatori

conducevano indagini per altre ricerche.

Dott.ssa Marcella Zera

studi inconsapevoli
STUDI INCONSAPEVOLI

Nel 1948 le autorità greche fecero condurre

uno studio epidemiologico sulla popolazione

alla ricerca di strategie per migliorare

lo stato di salute.I risultati documentarono un MAGGIOR consumo di alimenti di origine vegetale e un MINOR consumo di alimenti di origine animale

rispetto alla popolazione

degli Stati Uniti d’America

ma nessuno pensò che le abitudini alimentari potessero influire sullo stato di salute.

Dott.ssa Marcella Zera

studi inconsapevoli35
STUDI INCONSAPEVOLI

Nel 1950, durante la guerra di Corea,le autopsie effettuate sui soldati statunitensi misero in evidenza che l’80% di essi presentava depositi aterosclerotici nelle arterie, a differenza dei soldati coreani. (studi inconsapevoli).Venne ipotizzato che potesse essere imputato a cause genetiche, che vennero escluse dopo avere sottoposto a dieta tipica americana, i coreani, poiché gli stessi presentavano durante questa dieta, un aumento del colesterolo ematico e quindi rischio di malattie cardiovascolari.

Dott.ssa Marcella Zera

qualit dei cibi
QUALITÀ dei CIBI

Indi l’avvio agli studimedico-nutrizionali(Ancel Keys morto a 101 anni)e viene sottolineata l’IMPORTANZAdella QUALITÀ degli alimentioltre che della QUANTITÀ.

Dott.ssa Marcella Zera

gli errori piu comuni
GLI ERRORI PIU COMUNI

nella fascia di età superiore ai tre anni :

>> eccessivo apporto calorico rispetto alla spesa

energetica quotidiana.

>> saltare la colazione

o fare una colazione inadeguata

>> errata ripartizione di calorie durante la giornata.

Dott.ssa Marcella Zera

gli eccessi
GLI ECCESSI

>>eccesso di proteine e lipidi di origine animale.

>> Carboidrati ad alto indice glicemico

>>Scarso apporto di fibre e proteine vegetali

>>Scarso apporto di pesce (proteine e grassi nobili)

a favore dei grassi saturi di formaggi e carne.

>>Bibite e succhi di frutta

Dott.ssa Marcella Zera

piu calorie
PIU CALORIE

Un aumento dell’apporto calorico provocaun aumento del grasso corporeo:

11,6 kcal non utilizzateportano alla sintesidi 1 grammo di grasso.

Dott.ssa Marcella Zera

le calorie
LE CALORIE

per bambini da tre a sei anni si dovrebbe prevedere un fabbisogno energetico compreso fra le

1200- 1600 a tre anni

e 1400- 2100 a 6 anni

(ovviamente come valori indicativi;85-90 kcal/kg peso corporeo IDEALE ).

Dott.ssa Marcella Zera

distribuzione calorie
DISTRIBUZIONE CALORIE

la distribuzione giornaliera delle CALORIEdovrebbe corrispondere

prima colazione >> 15-20%spuntino >> 5 %pranzo >> 40%merenda >> 5%cena >> 30-35%

Dott.ssa Marcella Zera

distribuzione dei nutrienti
DISTRIBUZIONE dei NUTRIENTI

in accordo con i L.A.R.N.

(livelli di assunzione raccomandati di energia e nutrienti)

L’apporto PROTEICO, deve rappresentare il 10-12% delle calorie totali(Rapporto 1:1 tra le proteine di origine animale come carne, pesce, salumi, uova, latte e quelle di origine vegetale come legumi e cereali)

L’apporto LIPIDICO il 30% già dalla fine del secondo anno di vita.

L’apporto di CARBOIDRATI il 55-60%nel corso del terzo anno.

Dott.ssa Marcella Zera

scopo dei l a r n
SCOPO dei L.A.R.N.

SCOPO dei L.A.R.N . è:>> Proteggere la popolazione dai rischi di carenze nutrizionali>> Fornire elementi utili per valutare l’adeguatezza nutrizionale della dieta media della popolazione o di gruppi di popolazione rispetto ai valori proposti>> Pianificare l’alimentazione di comunità >> Fornire livelli di sicurezza validi per la popolazione intera e non per singoli individui>> Alimentazione varia ed equilibrata comprendente tutti i principali gruppi di alimenti 

Dott.ssa Marcella Zera

funzione degli alimenti
FUNZIONE degli ALIMENTI

L'alimentazione deve consentire un apporto di nutrienti corretto ed equilibrato all'organismo.Le funzioni possono essere: - F. ENERGETICA, fornire energia per lo svolgimento delle attività fisiologiche ed è svolta da glucidi e lipidi. - F. PLASTICA, fornire materia per la costruzione, il mantenimento ed il rinnovo dei tessuti;è svolta dalle proteine, da alcuni componenti dei lipidi e,in misura secondaria, dai glucidi. Alcuni minerali come il Ca, P, Mg svolgono funzione plastica in quanto sono tra i costituenti dello scheletro e dei denti. -F. REGOLATRICE per controllare e modulare le reazioni biochimiche che avvengono nell' organismo ed è svolta da vitamine e sali minerali ma anche

da acqua e fibre.

Dott.ssa Marcella Zera

fabbisogno glucidico
FABBISOGNO GLUCIDICO

I carboidrati possono esseredefiniti NECESSARI e NON essenziali.

noi è infatti siamo capaci di sintetizzare glucosio partendo da proteine e grassi.

APPORTO GLUCIDICO RACCOMANDATO

55-65% di intakecalorico totale di cui:10% costituito da alimenti ad alto indice glicemico (pane, riso, patate, zucchero, dolci)45-55% costituito da alimenti a basso indice glicemico (cereali poco raffinati, legumi, frutta, latte, yogurt)

Dott.ssa Marcella Zera

fabbisogno lipidico
FABBISOGNO LIPIDICO

Acidi grassi essenzialiSi definiscono essenziali gli acidi grassi che non possono essere sintetizzati e quindi devono essere introdotti con l’alimentazione:1- acido alfa-linoleico(omega 3: pesci, alghe,semi di lino e soia),2 - acido linoleico(omega 6: regno vegetale, olio di girasole,di arachidi, di vinaccioli, mais)essi devono essere consumati in rapporto adeguato: un eccesso di omega 6 o una carenza di omega 3 aumentano gli ecosanoidi che favoriscono il processo infiammatorio.E’ importante assumere quantità sufficienti di acidi grassi con la dieta per permetterne la trasformazione in derivati a lunga catena.

Dott.ssa Marcella Zera

apporto lipidico
APPORTO LIPIDICO

Il grasso è un importante componente della dieta dei bambini che assicura un adeguato introito calorico e garantisce

un’adeguata crescita fisica e cerebrale.Le CARENZE di acidi grassi essenziali potrebbero compromettere la maturazione del sistema nervoso centrale e la restrizione dei grassi potrebbe impedire la crescita e deprivare i bambini di importanti nutrienti come le vitamine liposolubili.

Dott.ssa Marcella Zera

apporto lipidico48
APPORTO LIPIDICO

Per assicurare la quota di acidi grassi essenziali necessari (2-6% delle calorie totali) per lo sviluppo del sistema nervoso e dell’apparato visivo del bambino, e per la prevenzione delle malattie cardiovascolari in età adulta, basta inserire nel menù ALMENO 2-3 volte la settimana il PESCE (ricco di acidi essenziali: omega 3), privilegiare i grassi di origine vegetale come l’olio extravergine di oliva che contiene vitamina E ad azione antiossidante e acidi grassi monoinsaturi (acido oleico) ad azione protettiva per i vasi sanguigni rispetto ai grassi di origine animale (burro, strutto, lardo).Per limitare la quota di acidi grassi saturi al 7-10% delle calorie totali basta limitare l’assunzione di dolci e carne ricchi di essi.

Dott.ssa Marcella Zera

fibre alimemtari
FIBRE ALIMEMTARI

>>Aumentano il senso di sazietà>> Migliorano la funzionalità intestinale>> Riducono il rischio di tumori colon- retto, diabete e malattie cardio-vascolariQuantità giornaliera raccomandata: età del bambino + 5 grammi (valore minimo) età del bambino + 10 grammi(valore massimo)

Dott.ssa Marcella Zera

fabbisogno idrico
FABBISOGNO IDRICO

Dopo i tre anni

la quantità il fabbisogno di acqua

è di100 ml/kg peso corporeo

e va diminuendo con l’età fino a 70 ml/kg a 10 anni.

(Calcolando che un bimbo di 3 annipeso +- dai 13-15 kg e di 10 anni pesa circa 27-30 kg)Bisogna RICORDARE di invitare

frequentemente il bambino a bere.

Dott.ssa Marcella Zera

obesita
OBESITA’

Riconosciuta ormai come malattia sociale

L’Italia è al primo posto per la percentuale di

obesi e sovrappeso in età infantile

Dott.ssa Marcella Zera

rischi per l obeso
RISCHI per l’ OBESO

Patologie psicosociali

Patologie fisiche

Patologie organiche

Dott.ssa Marcella Zera

patologie organiche
Patologie Organiche

>steatosi epatica

> alterata tolleranza glucidica e rischio di diabete tipo 2

> dislipidemia con bassi livelli di HDL-Colesterolo

> alti livelli di glicemia a digiuno

> Ipertensione

che sono i presupposti della sindrome metabolica e predittori di rischio cardiovascolare

Dott.ssa Marcella Zera

patologie fisiche
Patologie Fisiche
  • Poca agilità
  • dolori articolari
  • Minore resistenza al caldo, al movimento,alla fatica anche lieve
  • Possibilità di traumi diretti e indiretti anche per movimenti per altri banali
  • danni alle cartilagini articolari
  • distacchi epifisari da sovraccarico funzionale

Dott.ssa Marcella Zera

patologie psicosociali
Patologie Psicosociali
  • Isolamento
  • Emarginazione
  • depressione
  • Aggressività
  • fenomeni di bullismo negli adolescenti

Dott.ssa Marcella Zera

slide56
BMI

È un indice antropometrico comunemente accettato per gli adulti

Per i bambini è un metodo di screening ed è sesso ed età specifico,

ma di grande aiuto se letto alla luce dei dati anamnestici e dello stile di vita

Dott.ssa Marcella Zera

waist to height ratio whtr
Waist to Height ratio WHtR
  • È il rapporto fra circonferenza vita e statura.
  • È un metodo che si sta affermando, verosimilmente più sensibile del BMI, per mettere in allarme sul rischio cardiovascolare.
  • È un calcolo più facile
  • Può essere usato da tutti, in differenti gruppi etnici, universalmente.
  • Se il suo valore è superiore a 0,5 indica rischio di obesità e malattie cardiovascolari da adulto.

Dott.ssa Marcella Zera

dieta vegetariana
DIETA VEGETARIANA

Alla luce di quanto esposto possiamo fare la seguente considerazione:

  • La preferenza per vegetali e cibi poco raffinati ,

Ma, l’assunzione di nutrienti necessari per un armonico sviluppo è più idonea e funzionale se sono tratti direttamente dagli alimenti piuttosto che da una integrazione con prodotti sintetici

Dott.ssa Marcella Zera

dieta vegeto vegana
DIETA VEGETO-VEGANA

I Genitori devono essere a conoscenza che è esclusiva loro responsabilità la buona salute del figlio e che non possono dimenticare la somministrazione QUOTIDIANA di supplementi nutritivi (Vit.B12, Zinco, vit D, acidi grassi omega 3 , Calcio, Ferro ecc.)

Che devono essere adeguati mano mano all’età e alla maturazione del bimbo stesso.

Con le considerazioni sopra dette.

Dott.ssa Marcella Zera

grazie per la vostra attenzione
GRAZIEPERLA VOSTRAATTENZIONE

Dott.ssa Marcella Zera