slide1 l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
ALIMENTAZIONE E DIETA PARTE PRATICA PowerPoint Presentation
Download Presentation
ALIMENTAZIONE E DIETA PARTE PRATICA

Loading in 2 Seconds...

  share
play fullscreen
1 / 26
chars

ALIMENTAZIONE E DIETA PARTE PRATICA - PowerPoint PPT Presentation

127 Views
Download Presentation
ALIMENTAZIONE E DIETA PARTE PRATICA
An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author. While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. ALIMENTAZIONE E DIETA PARTE PRATICA

  2. GIUSTIFICAZIONE Una dieta idonea è uno dei pilastri basilari per raggiungere una sana longevità, dando anni alla vita e, soprattutto, dando vita agli anni. Una dieta corretta costituisce una delle più importanti misure di promozione della salute e prevenzione delle patologie. (Cabo Soler. In: Longevidad. Tratado integral sobre salud en la segunda mitad de la vida.2004). Quindi, la dieta è inestricabilmente legata alla qualità della vita in un’area essenziale: la conservazione della salute.

  3. QUALITA’ DI VITA FATTORI CULTURALI SALUTE SUPPORTO SOCIALE CAPACITA’ PRATICHE ATTIVITA’ NEL TEMPO LIBERO QUALITA’ DELLA VITA QUALITA’ AMBIENTALE CONDIZIONI ECONOMICHE SODDISFAZIONE RELAZIONI SOCIALI SERVIZI SANITARI E SOCIALI Fernández Ballesteros 1996

  4. UNA BUONA QUALITA’ DI VITA FORNISCE CAPACITA’ QUALITA’ DELLA VITA CAPACITA’ PRATICHE E VITALI SALUTE FATTORI CULTURALI SUPPORTO SOCIALE CAPACITA’ PRATICHE ATTIVITA’ NEL TEMPO LIBERO QUALITA’ DELLA VITA QUALITA’ AMBIENTALE CONDIZIONI ECONOMICHE RELAZIONI SOCIALI SODDISFAZIONE SERVIZI SANITARI E SOCIALI LE CAPACITA’ FAVORISCONO UNA BUONA INTEGRAZIONE SOCIALE

  5. ALTRI FATTORI CHE INFLUENZANO LA SALUTE E LA QUALITA’ DELLA VITA SESSO STRESS ETA’ SUPPORTO SOCIALE LAVORO

  6. Aumentare il livello di conoscenza di ciò che rende una dieta varia e bilanciata e collegarla alla buona salute. Rendere i partecipanti consapevoli del fatto che il cibo (dieta) è la fonte di energia richiesta per compiere le attività. Sottolineare le proprietà antiossidanti di una buona dieta e i suoi effetti positivi sul processo di un sano invecchiamento. Attribuire potere ai destinatari così che possano modificare le loro abitudini sul cibo, se necessario: responsabilità attraverso l’autoregolazione. OBIETTIVI

  7. Una dieta idonea e sana deve fornire: - Tutte le sostanze nutritive essenziali e non - Energia - Elementi antiossidanti Quindi una dieta suggeribile deve essere: - Sufficiente: con le calorie e le sostanze nutritive necessarie - Armonica: con proporzione dei principi nutritivi - Adeguata: adattata alle condizioni individuali (S.E.N.C.A.2007) CONTENUTICONCETTI DI BASE

  8. Una buona qualità di vita fornisce una più grande abilità pratica e quindi più implicazioni sociali. Non è mai troppo tardi per cambiare la propria dieta: c’è sempre un buon momento per migliorare le proprie abitudini di vita. La formazione e l’informazione sulle buone abitudini sono sempre un investimento proficuo. La conservazione della salute è una responsabilità personale: la formazione deve essere applicata su base individuale. CONTENUTICONCETTI DI BASE

  9. VARIETA’ ED EQULIBRIO: UNA CHIAVE PER UNA BUONA DIETA Varietà ed equilibrio possono essere ottenute includendo ad ogni pasto: proteine, carboidrati, grassi, vitamine, liquidi e fibre in proporzioni adeguate.

  10. CIBO E PRINCIPI IMMEDIATI • Cibo raccomandato con PROTEINE: carne, pesce, uova, lattacini, pulse (ceci, lenticchie). • Cibo raccomandato conCARBOIDRATI: pane, riso, pasta, patate, pulse. • Cibo raccomandato conGRASSI: olio di oliva, pesce azzurro, noci, frutta secca. • Cibo raccomandato conVITAMINE: frutta e verdura, olio di oliva. • Cibo raccomandato conMINERALI: latticini, noci e frutta secca, pesce, cereali. • Cibo raccomandato conFIBRE: frutta, verdura, cereali di grano intero.

  11. DIETA COME ENERGIA • La dieta dovrebbe essere la fonte di energia per tutte le attività giornaliere. • Questa energia è fornita dalle calorie del cibo. • La colazione dovrebbe essere il pasto più energetico della giornata per compiere le attività più importanti. • La cena dovrebbe essere il pasto meno energetico della giornata perchè dopo cena vengo fatte poche attività. • La dieta dovrebbe considerare anche le calorie, a seconda delle condizioni individuali.

  12. IDRATAZIONE • L’acqua non porta energia, è fondamentale essere idratati. • Succhi di frutta senza zucchero, latte e zuppe possono contribuire all’idratazione, a parte l’acqua. • La dose giornaliera di liquidi dovrebbe essere 2 litri. • Frutta e verdura sono ricchi di acqua.

  13. PIRAMIDE DEL CIBO CONSUMO SALTUARIO Piramide dell’ alimentazione sana SENC 2004 CONSUMO GIORNALIERO Vino / Birra (Consumo facoltativo e moderato per gli adulti) Attività fisica giornaliera Acqua

  14. Una dieta adeguata deve contenere elementi antiossidanti: (vitamina C, vitamina E, polifenoli...) . La vitamina C ed E danno al sistema immunitario più efficienza (de la Fuente et al. 1998). “Invecchiamo perchè ossidiamo” Una dieta ricca di antiossidanti può mitigare i sintomi dell’invecchiamento (Miquel et al. 2002). DIETA E CIBO ANTIOSSIDANTE

  15. RUOTA DEL CIBO ANTIOSSIDANTE OLIO D’OLIVA NOCI E FRUTTA SECCA PULSE S.E.N.C.A. 2007 FRUTTA CACAO PANE, CEREALI E PATATE VERDURE

  16. ATTIVITA’ PRATICHE CHE METTONO IN RISALTO I CONCETTI BASE Attribuire potere ai destinatari Abitudine dell’auto registrazione: 10 minuti Abitudine del diaro della salute : 10 minuti

  17. ATTIVITA’ PRATICHE(1) AUTO-REGISTRAZIONE Scrivere in 2 colonne:

  18. Incoraggiare a includere nel foglio le loro abitudini alimentari indicando anche quelle identificate come “cattive abitudini” nella corrispondente colonna e che tuttora fanno parte della loro dieta. ATTIVITA’ PRATICHE(1) AUTO-REGISTRAZIONE

  19. DIARIO DELLE MIE ABITUDINI GIORNALIERE

  20. Dopo aver fornito un diario (che chiameremo diario della salute) si deve includere in una tabella oraria 5 abitudini considerate come “favorevoli”, facendo loro stessi una ragionevole programmazione. Poi si divide il gruppo in tre sottogruppi, dando le motivazioni da includere: Gruppo 1 – A colazione, cosa si considera come una colazione sana Gruppo 2 – A pranzo, cosa si considera come un pranzo sano Gruppo 3 – A cena,cosa si considera come una cena sana. ATTIVITA’ PRATICHE(2) DIARIO DELLA SALUTE

  21. DIARIO DELLA SALUTE: ALIMENTAZIONE

  22. Durante questi 15 minuti il diario sarà valutato consultando i sottogruppi e incorporando nel diario una dieta sana completa (colazione, pranzo, cena). Favorire e proporre un dibattito su ciò che rende una dieta varia e bilanciata. Rafforzare l’idea della dieta come fornitrice di energia e di elementi antiossidanti. VALUTAZIONE E DIBATTITO

  23. E’ necessario mangiare un’ampia varietà di cibo (ma non in grandi quantità). Evitare un consumo eccessivo di grassi animali. E’ più salutare optare per il pesce, preferibilmente azzurro, poichè non ha grassi saturi che possono essere dannosi per le arterie. Mangiare abbastanza cibo ricco di carboidrati complessi, fibre, vitamine e minerali. (per evitarlo si deve mangiare frutta, verdure, pulses, farine (pasta) e amido. Il consumo di zucchero deve essere limitato: dovrebbe essere assunto dal latte e dalla frutta. Il vino deve essere bevuto con moderazione (1 bicchiere al giorno) e le bevande super alcoliche devono essere evitate. RINFORZI E MESSAGGI FONDAMENTALI

  24. RINFORZI E MESSAGGI FONDAMENTALI • Fuori pasto alcuni cibi sani possono essere mangiati: un frutto o una piccola quantità di noci o frutta secca. • Il consumo del sale deve essere ridotto ai pasti. • Masticare ripetutamente ogni boccone prima di deglutirlo.

  25. Dopo tutto, fornire ai partecipanti le brochure (volantini), etc. e dare un calendario del diario salutare per le sessioni di valutazione. Si raccomanda di tenere a mente le seguenti idee quando si ha a che fare con gli anziani: Controllo sulla diario della dieta (cibo) Complianza dei modelli e delle raccomandazioni per un miglioramento nella qualità delle abitudini alimentari incluse nel diario Attività a casa e fuori (incluse nel diario) Suggerire un FEED-BACK dopo il controllo Incontri di aggiornamento della conoscenza Continui feed-back attraverso la valutazione e correzione delle abitudine alimentari in concomitanza agli strumenti didattici. CONCLUSIONI E RACCOMANDAZIONI

  26. GRAZIE PER LA VOSTRA ATTENZIONE