i disturbi muscolo scheletrici l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
I DISTURBI MUSCOLO-SCHELETRICI PowerPoint Presentation
Download Presentation
I DISTURBI MUSCOLO-SCHELETRICI

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 30

I DISTURBI MUSCOLO-SCHELETRICI - PowerPoint PPT Presentation


  • 326 Views
  • Uploaded on

I DISTURBI MUSCOLO-SCHELETRICI. Molti di questi disturbi ”muscolo-scheletrici” derivano dall’invecchiamento ma spesso essi sono causati da cattive abitudini della vita quotidiana e da attività lavorative gravose. . I DISTURBI MUSCOLO-SCHELETRICI.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'I DISTURBI MUSCOLO-SCHELETRICI' - chaela


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
i disturbi muscolo scheletrici
I DISTURBI MUSCOLO-SCHELETRICI

Molti di questi disturbi ”muscolo-scheletrici” derivano dall’invecchiamento ma spesso essi sono causati da cattive abitudini della vita quotidiana e da attività lavorative gravose.

i disturbi muscolo scheletrici2
I DISTURBI MUSCOLO-SCHELETRICI

I lavori faticosi che comportano la movimentazione manuale di carichi, l’esecuzione di gesti ripetitivi per tempi prolungati, il mantenimento protratto di posture fisse spesso incongrue sono tutti possibili fattori di rischio lavorativo per queste patologie, peraltro riscontrabili anche nella popolazione generale.

Molti studi etiologici dimostrano che ha una origine multifattoriale, e viene oggi riconosciuto come una patologia correlata con il lavoro (work related disease).

Come è noto, in questo tipo di patologie ad andamento cronico degenerativo, l’insorgenza dei disturbi è associata alla concomitante presenza di diversi fattori di rischio.

La sola esposizione lavorativa non sempre è un fattore predittivo del tipo e dell’entità delle manifestazioni cliniche (Snook, 1999)

slide3

OCCUPATIONAL DISEASEFORTE RELAZIONE GENERALMENTE CON UN AGENTE CAUSALE SPECIFICO PRESENTE NEL POSTO DI LAVORO O CON L’ATTIVITA’ LAVORATIVA.WORK RELATED DISEASEMULTIFATTORIALITA’ DELLE CAUSE DOVE I FATTORI LEGATI ALL’ATTIVITA’ LAVORATIVA POSSONO GIOCARE UN RUOLO CONCAUSALE CON ALTRI FATTORI DI RISCHIO PRESENTI NELL’AMBIENTE DI VITA E/O INTRINSECI DEL SOGGETTODISEASE AFFECTING WORKING POPULATIONSENZA UN RAPPORTO CAUSALE CON IL LAVORO MA CHE POSSONO ESSERE AGGRAVATI DALL’ESPOSIZIONE A SPECIFICI RISCHI LAVORATIVI

slide4

Datore di Lavoro

Dirigente

Preposto

Servizio

di Prevenzione e

Protezione

Lavoratori

Cooperazione

Rappresentante dei

lavoratori per la sicurezza

slide5

L’ERGONOMIA

  • studiale interazioni tra l’uomo e gli altri elementi di un sistema
  • applicai principi (dati e metodi) per ottimizzare il benessere dell’uomo la performance di un sistema
  • disegnavaluta prodotti procedure attività
slide6

MULTIFATTORIALITA’ ED ALTA PREVALENZA DELLA PATOLOGIA

  • NON EVIDENZA SCIENTIFICA CHE
      • L’OSSERVAZIONE CLINICA PREVENTIVA
      • SIMULAZIONI DI ATTIVITA’ LAVORATIVE
      • ALTRI TEST DI SCREENING
  • SIANO VALIDI FATTORI PREDITTIVI DI DISORDINI MUSCOLOSCHELETRICI
  • MULTIDIMENSIONALITA’ DELL’APPROCCIO
slide7

OBIETTIVI DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA

  • Accertamenti preventivi:
  • Valutazione della presenza di controindicazioni
  • Identificazione di condizioni:
        • di ipersuscettibilità
        • che possono evolvere negativamente
        • di non idoneità
slide8

Accertamenti periodici:

    • Valutazione di variazioni nello stato di salute del singolo lavoratore
    • Dati clinici di gruppo per analisi del rischio (feed-back)
    • verifica delle procedure
    • verifica delle misure preventive
    • suggerimenti di tipo organizzativo
    • confronto tra gruppi di lavoratori

e nel tempo

slide9

PROTOCOLLO DI SORVEGLIANZA SANITARIA

Accertamenti preventivi e/o periodici

I livello Questionario e/o Intervista guidata

Visita medica

II livello Accertamenti specialistici

radiologici

fisioterapici

ortopedici

slide10

Disturbi e patologie muscolo-scheletriche dell’arto superiore

(Upper Extremitiy Work-related Musculoskeletal Disorders – UE WMSDs)

Sono da un punto di vista eziologico e fisiopatogenetico un complesso gruppo di disturbi e patologie, a carico dei sistemi ed apparati osteoarticolari, muscolotendinei, nervoso e vascolare che possono essere causati e/o aggravati da sovraccarico biomeccanico lavorativo dell’arto superiore.

slide11

Disturbi e patologie muscolo-scheletriche dell’arto superiore

(Upper Extremitiy Work-related Musculoskeletal Disorders – UE WMSDs)

UE WMSDS al pari di altri acronimi quali CTD (cumulative trauma disorders), RSI (ripetitive strain injury), OOS (occupational overuse sindrome) è un “umbrella term”, cioè definizioni che comprendono spesso in modo non organico più concetti (termini) anche singolarmente esprimibili.

Alcuni disordini-patologie rispondono a criteri diagnostici ben definiti (ad es. sindrome del tunnel carpale, tendiniti), mentre altri possono invece manifestarsi con quadri sintomatologici ed obiettivi del tutto aspecifici

slide12

CLASSIFICAZIONE ANATOMO - PATOLOGICA DELLE PATOLOGIE TENDINEE

  • tendinopatie inserzionali caratterizzate da fenomeni infiammatori e degenerativi della giunzione osteotendinea;
  • tenosinoviti nei tendini provvisti di guaine sinoviali;
  • peritendiniti pure caratterizzate da soli fenomeni flogistici dei foglietti peritendinei;
  • peritendiniti ad impronta tendinosica;
  • tendinosi pure caratterizzate da manifestazioni degenerative del tendine talora associate a focolai di metaplasia osteo-cartilaginea
slide13

Attività con compiti a cicli della durata uguale o inferiore a 15 secondi per almeno 4 ore complessivamente nel turno, comportanti l’impiego degli arti superiori.

Attività con compiti a cicli, indipendentemente dalla durata, per circa tutto il turno, comportanti l’impiego degli arti superiori.

Attività lavorative con uso ripetuto di forza (almeno una volta ogni 5 minuti) quali: maneggiare oggetti che pesano più di 2,5 Kg; maneggiare con pollice e indice oggetti che pesano più di 900 gr; usare attrezzi che richiedono uso di forza.

slide14

Attività lavorative che comportino la presenza ripetutadi posizioni o movimenti estremi degli arti superiori quali: braccia sollevate, polso deviato o movimenti rapidi o azioni con colpi (uso della mano come attrezzo).

Attività con uso prolungato di strumenti vibranti quali mole, frese, martelli pneumatici, ecc.

slide15

Ripetitività Forza Postura Vibrazioni

incongrua

Collo/spallaE E F I

SpallaE I E I

GomitoI E I E

Mano-polsoE E E F

Evidenza Forte evidenza Insufficiente evidenza dell’associazione

slide16

Fattori di rischio extralavorativi

  • sesso
  • età
  • struttura antropometrica
  • condizione psicologica
  • traumi e fratture pregresse
  • patologie croniche osteo articolari
  • patologie metaboliche quali diabete
  • stato ormonale
  • gravidanza
  • attività domestiche
  • attività hobbistiche
slide17

Movimenti ripetitivi

con forza

Procedure di lavoro

Ambiente di lavoro

Fattori

Organizzativi

Fattori Sociali

ADATTAMENTO

SINTOMI

Fattori

Individuali

Fisici

Psicologici

DANNO

INVALIDITA’

slide18

PATOLOGIE DEGLI ARTI SUPERIORIPIU’ FREQUENTEMENTE ASSOCIATE AL LAVORO

RADICOLOPATIA CERVICALE

SINDROME TENSIVA DEL COLLO

SINDOMI DOLOROSE DELLE SPALLE

EPICONDILITE LATERALE

TENDINITE MANO-POLSO

SINDROME DEL TUNNEL CARPALE

slide19

LA SINDROME TENSIVA DEL COLLO E DELLE SPALLE NEGLI STUDI DI POPOLAZIONE

MAS FEM

PREVALENZA 15% 18%

Eventi traumatici 36% 50%

slide20

TENDINITE DELLA SPALLA DATI OCCUPAZIONALI

STUDI TRASVERSALI

PR / OR anno

Navalmeccanica 11-13 1981-84

Industria Compiti ripetitivi 5.4 1985

Confezionamento 2.4 - 2.6 1979-90

Maglieria 2.1 1990

Pulizie e Servizi 1.9 1990

Input Data 0.54 1983

STUDI CASO CONTROLLO

Industria

mani sopra testa 11 1979

slide21

INCIDENZA DELL'EPICONDILITE IN VARIE POP.

POPOLAZIONE TASSO/ 100 p.a.

POPOLAZIONE NORMALE 15000 < 1.0

LAVORO NORMALE (MASCHI) 141 0.9

LAVORO NORMALE (FEMMINE) 197 1.1

LAVORI IN DIVERSE INDUSTRIE 5000 1.5

7600 0.6

MACELLAI (MASCHI) 102 6.4

INSACCATI (FEMMINE) 107 11.3

CONFEZIONAMENTO(FEM) 118 7.0

slide22

EPICONDILITE LATERALE

RR/OR ANNO

STUDIO DI COORTE

INSACCATURA SALUMI 10.3 1991

MACELLERIA CARNE 7.1 1991

CONFEZIONAMENTO 6.4 1991

STUDIO TRASVERSALE

MACELLERIA CARNE 6.9 1984

CONFEZIONAMENTO 1.5 1990

MAGLIERIA 1.5 1990

PULIZIE SERVIZI 1.4 1990

MACELLERIA 1.2 1991

CONFEZIONAMENTO 1.2 1979

INDUSTRIA MECCANICA 0.7 1987

slide23

SINDROME DEL TUNNEL CARPALE RR / OR ANNO

STUDIO DI COORTE

OSTRICHE E CROSTACEI 14.8 1991

MACELLERIA CARNE 13.8 1991

CONFEZIONAMENTO 36 1991

STUDIO CASO-CONTROLLO

FLESSIONE DEL POLSO 8.7 1990

ESTENSIONE DEL POLSO 5.4 1990

STRUMENTI VIBRANTI (20a) 4.8 1989

COMPITI RIPETITIVI(20a) 4.6 1989

STUDIO TRASVERSALE

INDUSTRIA - SOLO FORZA 5.5 1985

INDUSTRIA - FORZA + RIPET. 15.5 1985

PRODUZIONE SCI 4.1 1991

SURGELATI SOLO RIPET. 2.2 1990

SURGELATI RIPET. + FREDDO 9.4 1990

slide24

INCIDENZA DELLE TENDINITI / PERISINOVITI DELLE MANI IN VARIE POPOLAZIONI

POPOLAZIONE TASSO/ 100 p.a.

LAVORO NORMALE (MASCHI) 141 0.9

LAVORO NORMALE (FEMMINE:) 197 0.7

LAVORI IN DIVERSE INDUSTRIE 7600 0.4

MACELLAI (MASCHI) 102 12.5

INSACCATI (FEMMINE) 107 16.8

CONFEZIONAMENTO(FEM) 118 25.3

CONFEZ. TEA (FEM) 700 40.5

slide25

TENDINITI MANO-POLSO

RR/OR ANNO

STUDIO DI COORTE

INSACCATURA SALUMI 24 1991

MACELLERIA CARNE 14 1991

CONFEZIONAMENTO 36 1991

STUDIO TRASVERSALE

INDUSTRIA - RIPETITIVITA' 3.3 1985

INDUSTRIA - FORZA 6.1 1985

INDUSTRIA - ENTRAMBE 29 1985

CONFEZIONAMENTO 7.1 1979

CUCINE 8 1990

MAGLIERIA 5.4 1990

CONFEZIONAMENTO 3.9 1990

PRODUZIONE FORBICI 1.4 1979

slide26

OSTEOATROSI DELL’ANCA

STUDI DI POPOLAZIONE (55-64 anni)

Mini Finland H.S.

Prevalenza M 8-19% F 3-12 %

Framingham

Incid. Cum. M 11.1% F 18.1 %

slide27

OSTEOATROSI DELL’ANCA

STUDI OCCUPAZIONALI

Maetzel

(Review 17 studi) forte evidenza per i maschi

British Survey maschi RR C.I. 95%

Postura statica (40a 2ore/die) 2.7 1.1 - 7.3

Movim carichi (25Kg per 20a) 2.5 1.1 - 5.7

Vingard donne

P. Statica alto 2.42 1.45 - 4.04

Mov carichi alto 1.84 1.12 - 3.03

Salti alto 1.52 0.91 - 2.53

slide28

OSTEOATROSI DEL GINOCCHIO

HANES I°

richiesta di frequenti piegamenti RR M 2.45 1.21 - 4.97

F 3.49 1.22 - 10.52

Jensen LK (Review)

16 osteoartrosi 5 Borsiti 3 lesioni meniscali Totale 19 studi

PR 1.4 - 4

Kivimaki J. Pavimentisti Carpentieri edili Pittori

Jensen L.K. Pavimentisti Carpentieri edili Pittori

Esner G Richiesta posturale per ginocchio

Vinegard E Lavoro fisico pesante

O’Relly S.C. Minatori Carpentieri

linee guida simlii necessita di ricerca e opportunita di revisione

LINEE GUIDA SIMLIINECESSITA’ DI RICERCA E OPPORTUNITA’ DI REVISIONE

1-Valutazione dell’esposizione

Sono da sviluppare i sistemi di misura dei fattori di rischio ergonomico , di quantificazione dell’esposizione di definizione dei modelli dose risposta possibilmente per i singoli effetti (disconfort, dolore, danno, disabilità).

2-Valutazione epidemiologica

I “disorders” dell’arto superiore sono un problema di riconosciuta rilevanza, ma i dati che riguardano l’incidenza e la prevalenza delle singole patologie nella popolazione generale ed in quelle lavorative sono scarsi. In campo epidemiologico, perciò, sono necessarie ricerche volte ad individuare la distribuzione dei casi nelle diverse popolazioni lavorative e nella popolazione generale.

linee guida simlii necessita di ricerca e opportunita di revisione30

LINEE GUIDA SIMLIINECESSITA’ DI RICERCA E OPPORTUNITA’ DI REVISIONE

3-Meccanismi fisiopatogenetici

Appaiono come particolarmente meritevoli di attenzione gli aspetti riguardanti il recupero funzionale e lo sviluppo delle correlazioni dose risposta per muscolo tendini nervo di forza, postura, ripetitività. Andrebbero inoltre sviluppate tecniche non invasive per determinare le soglie di effetto danno.

4- Iter diagnostico

Vanno migliorati i percorsi diagnostici,( ma anche per quanto di competenza terapeutico e riabilitativo) per UE WMSDs, approfondendo gli aspetti psicosociali ed extraprofessionali. Valutandoli in modo integrato possibilmente con indicatori (punteggi) sintetici.