i disturbi specifici di apprendimento n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
I Disturbi specifici di Apprendimento PowerPoint Presentation
Download Presentation
I Disturbi specifici di Apprendimento

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 29

I Disturbi specifici di Apprendimento - PowerPoint PPT Presentation


  • 238 Views
  • Uploaded on

I Disturbi specifici di Apprendimento. La scuola si interroga Prof.ssa Rossella Ciannamea Istituto Santoni PISA 20 Marzo 2009. Sapere e saperi. La pianificazione dei fenomeni didattici non avviene a caso: essi sono il risultato di complessi

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'I Disturbi specifici di Apprendimento' - darius


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
i disturbi specifici di apprendimento
I Disturbi specifici di Apprendimento

La scuola si interroga

Prof.ssa Rossella Ciannamea

Istituto Santoni PISA

20 Marzo 2009

sapere e saperi
Sapere e saperi

La pianificazione dei fenomeni didattici non

avviene a caso: essi sono il risultato di complessi

meccanismi attraverso i quali il sapere si trasforma

in

“sapere da insegnare”

(Mattia Isabel FandinoPinilla)

Prof.ssa Rossella Ciannamea c.rossella@gmail.com

cosa significa valutare
Cosa significa VALUTARE?

Emettere un giudizio

E’ azione permanente per mezzo della quale si cerca di stimare/emettere un giudizio

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

nella scuola
Nella Scuola

Il giudizio nasce da un processo di sviluppo dell’allievo

  • I progressi raggiunti in relazione alle competenze e agli obiettivi
  • Conoscenze acquisite o costruite
  • Le abilità
  • Le capacità
  • Gli atteggiamenti , i valori assunti
  • Verifica di come e fino a che punto si sono consolidati gli atteggiamenti

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

valutazione tradizionale
VALUTAZIONE TRADIZIONALE

Privilegiava la misura oggettiva

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

valutazione oggi
VALUTAZIONE OGGI
  • Valutazione di tipo qualitativo
  • Valutazione critica

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

valutazione oggi1
Valutazione oggi
  • Dà enfasi ai processi (senza prescindere dai prodotti,ma senza riconoscere ad essi tutta l’importanza)
  • Orizzontale
  • Strategica (motivare)
  • Permanente
  • Continua
  • Procedimenti molteplici
  • Flessibile

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

per quale motivo si valuta
Per quale motivo si valuta?
  • Prendere decisioni circa il contenuto e la metodologia
  • Prendere decisioni circa l’ambiente in classe
  • Verificare le implicazioni personali

(primo passo verso l’apprendimento)

  • Comunicare quello che è importante
  • Per dare un voto (ultima delle ragioni)

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

valutare non sinonimo di dare un voto
Valutare non è sinonimo di dare un voto!!!!!

Uso di diversi

strumenti

e

tecniche

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

quali strumenti
Quali STRUMENTI ?
  • Osservazione
  • Intervista
  • Questionario
  • Test
  • Discussione in aula
  • Lavori degli allievi

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

quali attivit
Quali Attività ?
  • Compiti
  • Esercizi
  • Progetti
  • Prove oggettive
  • Saggi
  • Prove scritte
  • Prove a libro aperto
  • Lavori individuali o di gruppo (aula e fuori)

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

caratteristiche della valutazione
CARATTERISTICHE della VALUTAZIONE
  • Continua (valore al progresso e alle difficoltà)
  • Integrale (tutti gli aspetti dell’individuo)
  • Sistematica
  • Flessibile (deve considerare la storia dell’allievo)
  • Interpretativa (comprendere i processi e non solo i risultati finali)

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

come valutare uno studente con dsa
Come valutare uno studente con DSA?

Le persone con DSA ,pur avendo normali capacità intellettive,hanno bisogno di essere supportate

con strumenti e modalità particolari

per poter capire e poter restituire

correttamente

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

slide14

LA VALUTAZIONE è L’ASPETTO più’ DIFFICILE

per gli INSEGNANTI che TEMONO di NON ESSERE GIUSTI con LA CLASSE

  • Fare contratti individuali per motivarli
  • Riflettere sulla assoluta necessità di una valutazione che non sia riferita alla classe, ma al soggetto

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

slide15

Nel valutare si deve tener conto degli studenti con DISTURBI SPECIFICI di APPRENDIMENTO debitamente certificati (Mariastella Gelmini Art.10 del Regolamento sulla Valutazione del 13/03/2009 )

  • Non si fanno sconti
  • Diverse necessità di insegnamento e valutazione
  • Eliminare ogni rigidità di insegnamento e valutazione

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

slide16

Partire sempre dallo studio della diagnosi

Dalle caratteristiche e dai bisogni dello studente

Dalle indicazioni dello specialista

Dal patto con la famiglia

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

bisogna ricordare che
Bisogna ricordare che
  • Gli strumenti compensativi e dispensativi non sempre sono sufficienti
  • Flessibilità del docente
  • Informazione del docente

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

quali verifiche come organizzarle quali aiuti
Quali Verifiche?Come organizzarle?Quali aiuti?

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

slide19

Lasciare ampio spazio sotto ogni parola o rigo

  • Consentire che la restituzione avvenga attraverso modalità multisensoriali
  • Favorire le prove a scelta multipla
  • Utilizzare un linguaggio semplice ed essenziale
  • Sottolineare o evidenziare parole chiave
  • Usare testi con ampia interlinea

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

slide20

Permettere che usi la logica e non la memorizzazione

  • Privilegiare verifiche formative e non sommative
  • Delimitare parti di un testo ritenute importanti
  • Parlare guardandolo negli occhi
  • Inserire nelle prove difficoltà crescenti
  • Fare capire che gli errori sono sempre migliorabili

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

slide21

Privilegiare verifiche programmate

  • Non richiedere testi lunghi
  • Richiedere anche schemi o riassunti
  • Permettere di avere materiale sul banco
  • Aumentare i tempi
  • Ridurre la verifica per entità

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

slide22

Permettere l’uso del PC

  • Non fare domande incalzanti
  • Predisporre verifiche scalari:parte iniziale leggermente ingrandita
  • Organizzare la prova possibilmente su un unico argomento

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

slide23

Fornire fac-simile di verifiche

  • Diversificare le prove tra loro
  • Organizzare prove anche di gruppo
  • Evitare di usare spesso il sistema:

Spiegazione/Studio/Interrogazione

  • Lasciare usare liberamente gli strumenti di compensazione

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

come valutare personalizzazione del giudizio
COME VALUTARE?Personalizzazione del giudizio
  • Privilegiare la forma orale
  • Valutare separando gli errori dal contenuto (dare 2 valutazioni)
  • Evidenziare e premiare i progressi
  • Considerare:

Impegno/Volontà/Motivazione

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

slide25

Considerare il punto di partenza

  • Non calcolare il tempo impiegato
  • Separare la comprensione dalla produzione
  • Abbandonare l’impostazione grammaticale
  • Valutare diverse tipologie di prove

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

slide26

NON DOBBIAMO AVERE

PAURA di DARE FIDUCIA

agli STUDENTI con DSA……

I RISULTATI ARRIVERANNO SICURAMENTE!!!!!!

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

per approfondire
…..per approfondire
  • Cesare Cornoldi – DIFFICOLTA’ e DISTURBI dell’APPRENDIMENTO – Il Mulino-Bologna,2007
  • C.Cornoldi-De Beni – Imparare a studiare-STRATEGIE,STILI COGNITIVI,METACOGNIZIONE e ATTEGGIAMENTI nello STUDIO- Ed.Centro Studi Erickson-Trento,1993
  • Lucangeli-Passolunghi- LA PSICOLOGIA dell’APPRENDIMENTO MATEMATICO-Ed. UTET-Torino 1995
  • G.Stella-LA DISLESSIA:ASPETTI CLINICI,PSICOLOGICI,RIABILITATIVI-Ed.Angeli-Milano 1996

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

slide28

L. Guarnero – IMPARARE ATTRAVERSO L’INTELLIGENZA-UN APPROCCIO MULTISENSORIALE all’ ITALIANO SCRITTO-Libri Liberi - Firenze 2003

  • Serafini – COME SI STUDIA – Bompiani - Milano
  • B. Panebianco - C. Pisoni – EDUCAZIONE LINGUISTICA- Zanichelli -
  • Bologna, 2008
  • A.A.V.V.- PSICOLOGIA e SCUOLA-Nuova serie-Giunti scuola - Firenze
  • www.polobozzo.it
  • www.ladislessia.org
  • www.ausiliabili.it
  • www.besta.it
  • www.opifer.it
  • www.spazi.org/dsa

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com

slide29

Associazione Italiana Dislessia

Piazza dei Martiri 1, 2 - Bologna- Tel.051/242919- /www. Aiditalia.org

Sezione di Pisa - pisa@dislessia.it

Cell. 348/5835294 – 340/3333189 - 328/2819476

Sportello di ascolto per docenti, genitori, studenti

Pontedera - Via Profeti, 10 - cell. 3464948082

1 Giov. del mese: mattino

2, 3, 4 Giov. del mese: pomeriggio

Prof.ssa Rossella Ciannamea

c.rossella@gmail.com