slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Articolo 1 - Finalità PowerPoint Presentation
Download Presentation
Tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Articolo 1 - Finalità

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 37

Tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Articolo 1 - Finalità - PowerPoint PPT Presentation


  • 170 Views
  • Uploaded on

Tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Articolo 1 - Finalità

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Articolo 1 - Finalità' - calantha


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori

Articolo 1 - Finalità

1. Le disposizioni contenute nel presente D.Lgs 81/08 costituiscono attuazione dell’art. 1 della L. 3 agosto 2007, n. 123, per il riassetto e la riforma delle norme vigenti in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori nei luoghi di lavoro, mediante il riordino e il coordinamento delle medesime in un unico testo normativo.

Il presente D.Lgs persegue le finalità di cui al presente co. nel rispetto delle normative comunitarie nonché in conformità all’articolo 117 della Costituzione garantendo l’uniformità della tutela delle lavoratrici e dei lavoratori sul territorio nazionale attraverso il rispetto dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, anche con riguardo alle differenze di genere, di età e alla condizione delle lavoratrici e dei lavoratori immigrati.

slide2

Le norme di riferimento.

LEGGE 3 agosto 2007, n. 123

Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega al Governo per il riassetto e la riforma della normativa in materia. (GU n. 185 del 10-8-2007 )

Entrata in vigore del provvedimento: 25/8/2007

DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81

Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. (GU n. 101 del 30-4-2008  - Suppl. Ordinario n.108)

Entrata in vigore del decreto: 15-5-2008. Le disposizioni di cui agli artt. 17, comma 1, lettera a), e 28, nonché le altre disposizioni in tema di valutazione dei rischi che ad esse rinviano, ivi comprese le relative disposizioni sanzionatorie, previste dal presente decreto, diventano efficaci decorsi novanta giorni dalla data di pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale; fino a tale data continuano a trovare applicazione le disposizioni previgenti. Le disposizioni di cui al titolo VIII, capo IV entrano in vigore alla data fissata dal primo comma dell'articolo 13, paragrafo 1, della direttiva 2004/40/CE; le disposizioni di cui al capo V del medesimo titolo VIII entrano in vigore il 26 aprile 2010

DECRETO LEGISLATIVO 3 agosto 2009, n. 106

Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. (GU n. 180 del 5-8-2009  - Suppl. Ordinario n.142)

Entrata in vigore del provvedimento: 20/8/2009

slide3

FUNZIONI DELLA REGIONE

La Regione, nel sistema innovato dai recenti decreti legislativi 81/2008 e 106/2009, ha la responsabilità di garantire la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori attraverso la realizzazione degli interventi programmati a livello nazionale e la effettuazione di specifiche azioni locali, anche di natura normativa, attuate utilizzando gli ambiti di autonomia normativa previsti dalla Legge Costituzionale numero 3 del 2001, che colloca la tutela e sicurezza del lavoro tra le materie di legislazione concorrente tra le Regioni e lo Stato.

Il modello di prevenzione riformato richiede alla Regione un ruolo evoluto e complesso, che prevede relazioni stabili e strutturate con gli Organismi di rappresentanza dei lavoratori e dei datori di lavoro ed un sistematico coordinamento tra gli Enti pubblici competenti in materia: la Direzione regionale del lavoro, l’Inail, l’Inps, i Vigili del fuoco, nonché con Associazioni di rappresentanza degli Enti Locali: ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e UPI (Unione Province Italiane).

In questo nuovo contesto, la Regione deve indirizzare, programmare e coordinare le attività di prevenzione assicurando la realizzazione di iniziative di comunicazione, informazione, formazione ed assistenza dirette ai lavoratori e alle imprese e deve garantire la programmazione ed il coordinamento dell’attività di vigilanza realizzata dai Dipartimenti di Sanità Pubblica delle Aziende USL.

Le strutture alle quali la Regione, coerentemente con la legge, ha assegnato questi compiti sono rispettivamente il Comitato regionale di coordinamento  delle attività di prevenzione e vigilanza in materia di salute e sicurezza sul lavoro e l’”Ufficio operativo regionale”.

slide4

Le Unità Operative di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro delle Aziende USL,

  • hanno compiti di promozione della salute e di vigilanza, in questo contesto, su loro iniziativa o su delega dell’Autorità Giudiziaria, possono verificare:
  • le caratteristiche strutturali ed organizzative degli ambienti nei quali si svolge l’attività lavorativa;
  • le attrezzature di lavoro: macchine, apparecchi, utensili o impianti usati durante il lavoro;
  • gli impianti e le attrezzature elettriche;
  • i cantieri edili, compresi gli scavi e le fondazioni, le demolizioni i ponteggi;
  • i fattori di rischio legati agli agenti fisici (rumore, ultrasuoni, infrasuoni, vibrazioni meccaniche, campi elettromagnetici, radiazioni ottiche, laser, microclima);
  • i fattori di rischio legati all’uso di sostanze pericolose (agenti chimici, cancerogeni e mutageni, amianto);
  • i fattori di rischio legati agli agenti biologici che possono provocare infezioni, allergie o intossicazioni;
  • i fattori di rischio legati alle atmosfere esplosive;
  • il rispetto delle norme da parte dei progettisti, fabbricanti, fornitori, installatori, medici competenti;
  • gli obblighi connessi ai contratti di appalto, di opera, di somministrazione;
  • l’adeguatezza della formazione, informazione, addestramento dei lavoratori.
  • di informazione, formazione ed assistenza diretti ai lavoratori e alle aziende relativamente ai rischi presenti nei luoghi di lavoro e alle modalità con le quali è possibile ridurli o eliminarli;
  • di realizzare interventi di promozione della salute in particolare relativi all’abuso di alcol e tabagismo,
  • di formulare, anche in coordinamento con altri soggetti, pareri per i Comuni in caso di realizzazione o ristrutturazione di locali destinati al lavoro, al fine di promuovere già in fase di progettazione la sicurezza e l’igienicità dei locali;
  • di coordinamento e controllo degli accertamenti sanitari sui lavoratori esposti a rischi professionali;
  • di svolgere valutazioni medico legali per l’inserimento lavorativo dei disabili;
  • di svolgere accertamenti al fine di tutelare le lavoratrici madri.
slide5

Altre funzioni delle UOPSAL:

Pareri:Parere di agibilità per nuovi insediamenti produttivi;

Certificazioni:Rimozione o risanamento da amianto, riutilizzo del sito;

Vidimazione registro infortuni.

Provvedimenti e Autorizzazioni:

Notifica inizio attività produttive;

Parere per autorizzazioni, in deroga a norme;

Piani di demolizione o rimozione amianto.

Comunicazioni obbligatorie all’Unità Operativa:

Comunicazione di inizio lavori inerenti ristrutturazioni edili ai fini delle detrazioni fiscali (Legge 27.12.1997 n.449 e successive integrazioni);

Comunicazioni D. Lgs. 81/08 Titolo VIII capo 2 - rumore - Deroga all'utilizzo DPI e rispetto valore limite;

Comunicazioni D. Lgs. 81/08 relative all'uso di agenti biologici;

Comunicazioni D. Lgs. 81/08 relative alla protezione da agenti cancerogeni e mutageni;

Comunicazioni D. Lgs. 81/08 relative alla protezione da agenti chimici pericolosi;

Notifica di manutenzioni smaltimenti o bonifiche di aree con presenza di amianto - D. Lgs. 81/08 art. 250;

Notifica Preliminare per Cantieri Temporanei o Mobili - D. Lgs.81/08 art.99;

Attività sanitarie, Provvedimenti e Autorizzazione:

Parere per lo svolgimento di attività vietate agli adolescenti;

Ricorso avverso il giudizio di "idoneità" del medico competente aziendale;

Rilascio attestazione relative a mansioni lavorative che comportano rischio per la gravidanza.

Prestazioni sanitarie e certificazioni:

Controlli sanitari ai cittadini rientrati da missioni umanitarie in Bosnia e Kosovo;

Richiesta di allontanamento da lavoro vietato per le lavoratrici madri durante la gravidanza e fino a sette mesi dopo il parto.

slide6

Le Unità Operative Impiantistiche Antinfortunistiche hanno compiti di verifica e di controllo ed in questo contesto, su loro iniziativa o su delega dell’Autorità Giudiziaria, possono verificare:

  • gli impianti a pressione contenenti gas o vapori;
  • gli impianti di riscaldamento ad acqua calda;
  • gli ascensori e montacarichi;
  • gli impianti di sollevamento: gru e apparecchi di sollevamento, ponti sviluppabili su carro e autocarro, argani e scale aeree a inclinazione variabile;
  • gli idroestrattori a forza centrifuga;
  • gli impianti elettrici.
  • Alle UOIA è altresì attribuita la competenza:
  • di verificare, su richiesta, lo stato di conformità degli impianti alle specifiche normative di sicurezza ed il loro stato di manutenzione;
  • di svolgere interventi di comunicazione e di informazione diretti ai lavoratori e ai cittadini per trasmettere conoscenze relative ai rischi e i pericoli legati all’uso degli impianti e alle modalità di controllarli.
slide7

Altre funzioni delle UOIA:

Certificazioni:Rilascio duplicato libretti apparecchi a pressione;

Rilascio libretti tirocinio per conduttore di generatori di vapore;

Taratura valvole di sicurezza serbatoi;

Provvedimenti e Autorizzazioni:

Esoneri ed esclusioni impianti di sollevamento;

Esoneri ed esclusioni impianti pressione gas o vapore;

Verifica impianti di riscaldamento ad acqua calda;

Verifica forni per oli minerali;

Verifica impianti a pressione di gas o vapore;

Verifica impianti di sollevamento;

Verifica impianti generatori di vapore;

Verifica impianti idroestrattori;

Verifica impianti ascensori e montacarichi in servizio privato;

Verifica impianti di messa a terra;

Verifica straordinaria degli impianti di riscaldamento centralizzati nei condomini;

Verifica su ascensori,montacarichi,idroestrattori in luoghi di lavoro;

Verifica impianti di protezione scariche atmosferiche;

Verifica impianti elettrici in luoghi con pericolo d'esplosione.

slide9
Datore di lavoro

Dirigente

Preposto

Lavoratore

La responsabilità consegue all’assunzione di una posizione di preminenza rispetto agli altri lavoratori così da poter loro impartire ordini, istruzioni o direttive sul lavoro da eseguire, dirette ad attuare le prescritte misure di sicurezza e ad esigere che le stesse siano rispettate.

D. Lgs 81/08, art. 299 Tra le disposizioni in materia penale e di procedura penale è esplicitamente prevista l'ipotesi di “esercizio di fatto di poteri direttivi”; il soggetto che, seppure sprovvisto di una “regolare investitura”, eserciti in concreto i poteri giuridici propri del datore di lavoro (art. 2, comma 1, lett. b), del dirigente (art. 2, comma 1, lett. d) e del preposto (art. 2, comma 1 lett. e), è gravato della corrispondente posizione di garanzia.

I soggetti obbligati alla garanzia della tutela della salute e della sicurezza

Il beneficiario delle norme di tutela

slide10
Datore di lavoro

Dirigente

Preposto

Lavoratore

«datore di lavoro»: il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l’assetto dell’organizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività, ha la responsabilità dell’organizzazione stessa o dell’unità produttiva in quanto esercita i poteri decisionali e di spesa;

"dirigente": persona che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell'incarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro organizzando l'attività lavorativa e vigilando su di essa;

"preposto": persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell'incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l'attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa;

I soggetti obbligati alla garanzia della tutela della salute e della sicurezza

Il beneficiario delle norme di tutela

slide11

Il datore di lavoro è il responsabile della tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori tuttavia esso può delegare alcune funzioni.

Art. 16. - Delega di funzioni

Comma 1. La delega di funzioni da parte del datore di lavoro, ove non espressamente esclusa, è ammessa con i seguenti limiti e condizioni:

a) che essa risulti da atto scritto recante data certa;

b) che il delegato possegga tutti i requisiti di professionalità ed esperienza richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate;

c) che essa attribuisca al delegato tutti i poteri di organizzazione, gestione e controllo richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate;

d) che essa attribuisca al delegato l’autonomia di spesa necessaria allo svolgimento delle funzioni delegate.

e) che la delega sia accettata dal delegato per iscritto.

Comma 2. Alla delega di cui al comma 1 deve essere data adeguata e tempestiva pubblicità.

Comma 3.La delega di funzioni non esclude l’obbligo di vigilanza in capo al datore di lavoro in ordine al corretto espletamento da parte del delegato delle funzioni trasferite. L’obbligo di cui al primo periodo si intende assolto in caso di adozione ed efficace attuazione del modello di verifica e controllo di cui all’articolo 30, comma 4.

Comma 3.bis. Il soggetto delegato può, a sua volta, previa intesa con il datore di lavoro delegare specifiche funzioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro alle medesime condizioni di cui ai commi 1 e 2. La delega di funzioni di cui al primo periodo non esclude l’obbligo di vigilanza in capo al delegante in ordine al corretto espletamento delle funzioni trasferite. Il soggetto al quale sia stata conferita la delega di cui al presente comma non può, a sua volta, delegare le funzioni delegate.

slide12

Datore lavoro

delega

Il datore di lavoro ha l’obbligo di vigilare in ordine al corretto espletamento da parte del delegato delle funzioni trasferite

Delegato

Sub delega

Il delegante ha l’obbligo di vigilare in ordine al corretto espletamento delle funzioni trasferite.

Sub - Delegato

INTERRUZIONE DELLA RESPONSABILITA’

Art. 16. - Delega di funzioni Co. 3.

La delega di funzioni non esclude l’obbligo di vigilanza in capo al datore di lavoro in ordine al corretto espletamento da parte del delegato delle funzioni trasferite

INTERRUZIONE DELLA RESPONSABILITA’

L’obbligo di vigilanza si intende assolto in caso di adozione ed efficace attuazione del modello di verifica e controllo di cui all’articolo 30, comma 4 decreto legislativo 81\08.

Presunzione relativa con inversione dell’onere della prova

slide13

Il datore di lavoro ha l’obbligo di vigilare in ordine al corretto espletamento da parte del delegato delle funzioni trasferite

INTERRUZIONE DELLA RESPONSABILITA’

L’obbligo di vigilanza si intende assolto in caso di adozione ed efficace attuazione del modello di verifica e controllo di cui all’art. 30, co. 4 D. Lgs 81\08.

Presunzione relativa con inversione dell’onere della prova

Culpa in vigilando

slide14
Il Datore di Lavoro e i suoi consulenti

Datore Lavoro

Medico Competente

collabora

con il datore di lavoro

RSPP

risponde

al datore di lavoro

Graduazione della consulenza

Il RSPP è una persona in possesso di specifici requisiti professionali designata dal datore di lavoro, al quale risponde, per coordinare il servizio di prevenzione e protezione dai rischi.

Il Medico competente è un medico in possesso di specifici titoli, che collabora con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei rischi ed è nominato dallo stesso per effettuare la sorveglianza sanitaria e per tutti gli altri compiti di cui al decreto

slide15

Servizio di prevenzione e protezione dai rischi:insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni e interni all'azienda finalizzati all'attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori.

Sorveglianzasanitaria: insieme degli atti medici, finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori, in relazione all'ambiente di lavoro, ai fattori di rischio professionali e alle modalità di svolgimento dell'attività lavorativa.

Nomina Art. 18, co. 1, lett. a)il datore di lavoro o il dirigente nomina il medico competente (sanzione per D. di L. e Dirigente: arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1.500 a 6.000 €)

Art. 17, co. 2 Nomina

(sanzione per il D. di L. arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da 2.500 a 6.400 euro)

slide16
Il Datore di lavoro

Articolo 17 - Obblighi del datore di lavoro non delegabili

la designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi. (La mancata nomina è sanzionata con arresto da tre a sei mesi o ammenda da 2.500 a 6.400 euro).

- la valutazione di tutti i rischi con la conseguente elaborazione del documento previsto dall'articolo 28 in collaborazione con il Responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il Medico

competente nei casi in cui sia previsto (Il datore di lavoro è sanzionato per la violazione di quanto indicato con arresto da tre a sei mesi o ammenda da 2.500 a 6.400 euro);

"valutazione dei rischi": valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell'ambito dell'organizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza.

slide17
Datore di Lavoro

RSPP: persona in possesso di specifici requisiti professionali designata dal datore di lavoro, a cui risponde, per coordinare il servizio di prevenzione e protezione dai rischi.

“Medico competente": medico in possesso di specifici titoli, che collabora con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei rischi ed è nominato dallo stesso per effettuare la sorveglianza sanitaria e per tutti gli altri compiti di cui al decreto

Servizio di prevenzione e protezione dai rischi:insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni e interni all'azienda finalizzati all'attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori.

“Sorveglianzasanitaria": insieme degli atti medici, finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori, in relazione all'ambiente di lavoro, ai fattori di rischio professionali e alle modalità di svolgimento dell'attività lavorativa.

Art. 17, co. 2 Nomina

(sanzione per il D. di L. arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da 2.500 a 6.400 euro)

Nomina Art. 18, co. 1, lett. a)il datore di lavoro o il dirigente nomina il medico competente (sanzione per D. di L. e Dirigente: arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1.500 a 6.000 €)

slide18

La Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro ha il compito di:

c) definire le attività di promozione e le azioni di prevenzione di cui all’articolo 11;

d)validare le buone prassi in materia di salute e sicurezza sul lavoro;

f)elaborare, entro e non oltre il 31 dicembre 2010, le procedure standardizzate di effettuazione della valutazione dei rischi di cui all’articolo 29, comma 5, tenendo conto dei profili di rischio e degli indici infortunistici di settore. Tali procedure vengono recepite con Decreto dei Ministeri del lavoro, della salute e delle politiche sociali, e dell’interno acquisito il parere della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato,le Regioni e Province autonome di Trento e di Bolzano (si veda la proposta allegata);

g)definire criteri finalizzati alla definizione del sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi di cui all’articolo 27. Il sistema di qualificazione delle imprese è disciplinato con DPR, acquisito il parere della Conferenza per i rapporti permanenti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, da emanarsi entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore del presente Decreto (si veda la proposta allegata);

slide19

La Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro ha il compito di:

h) valorizzare sia gli accordi sindacali sia i codici di condotta ed etici, adottati su base volontaria, che, in considerazione delle specificità dei settori produttivi di riferimento, orientino i comportamenti dei datori di lavoro, anche secondo i principi della responsabilità sociale, dei lavoratori e di tutti i soggetti interessati, ai fini del miglioramento dei livelli di tutela definiti legislativamente;

m) indicare modelli di organizzazione e gestione aziendale ai fini di cui all’articolo 30 (si veda la proposta allegata);

m-bis) elaborare criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro, anche tenendo conto delle peculiarità dei settori di riferimento (si veda la proposta allegata);

m-ter) elaborare le procedure standardizzate per la redazione del documento di valutazione dei rischi di cui all’articolo 26, comma 3, anche previa individuazione di tipologie di attività per le quali l’obbligo in parola non operi in quanto l’interferenza delle lavorazioni in tali ambiti risulti irrilevante;

m-quater) elaborare le indicazioni necessarie alla valutazione del rischio da stress lavoro-correlato.

slide20

Articolo 6, comma 8 lettera d) validare le buone prassi in materia di salute e sicurezza sul lavoro;

Art. 2, co.1, lett. v)«buone prassi»:soluzioni organizzative o procedurali coerenti con la normativa vigente e con le norme di buona tecnica, adottate volontariamente e finalizzate a promuovere la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro attraverso la riduzione dei rischi e il miglioramento delle condizioni di lavoro, elaborate e raccolte dalle regioni, dall’ISPESL, dall’INAIL e dagli organismi paritetici di cui all’articolo 51, validate dalla Commissione consultiva permanente di cui all’articolo 6, previa istruttoria tecnica dell’ISPESL, che provvede a assicurarne la più ampia diffusione;

Da leggersi in relazione all’art. 302-bis (potere di disposizione) comma 1:gli organi di vigilanza impartiscono disposizioni esecutive ai fini dell’applicazione delle norme tecniche e delle buone prassi, laddove volontariamente adottate dal datore di lavoro e da questi espressamente richiamate in sede ispettiva, qualora ne riscontrino la non corretta adozione e salvo che il fatto non costituisca reato.

slide21

Articolo 6, comma 8 lettera f) elaborare, entro e non oltre il 31 dicembre 2010, le procedure standardizzate di effettuazione della valutazione dei rischi di cui all’articolo 29, comma 5, tenendo conto dei profili di rischio e degli indici infortunistici di settore. Tali procedure vengono recepite con Decreto dei Ministeri del lavoro, della salute e delle politiche sociali, e dell’interno acquisito il parere della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato,le Regioni.

Articolo 29, comma 5. I datori di lavoro che occupano fino a 10 lavoratori effettuano la valutazione dei rischi di cui al presente articolo sulla base delle procedure standardizzate di cui all’articolo 6, comma 8, lettera f). Fino alla scadenza del diciottesimo mese successivo alla data di entrata in vigore del Decreto interministeriale di cui all’articolo 6, comma 8, lettera f), e, comunque, non oltre il 30 giugno 2012, gli stessi datori di lavoro possono autocertificare l’effettuazione della valutazione dei rischi. Quanto previsto nel precedente periodo non si applica alle attività di cui all’articolo 31, comma 6, lettere a), b), c), d) nonché g).

Articolo 31 comma 6.

a) aziende industriali di cui all’articolo 2 del Decreto 334/99 (incidenti rilevanti);

b) centrali termoelettriche;

c) impianti ed installazioni di cui al Decreto Legislativo 230/95;

g) strutture di ricovero e cura pubbliche e private con oltre 50 lavoratori.

slide22

Articolo 6, comma 8 lettera g)

Articolo 27 - Sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi

1-bis. Con riferimento all’edilizia, il sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi si realizza almeno attraverso la adozione e diffusione, nei termini e alle condizioni individuati dal DPR di cui all’articolo 6, comma 8, lettera g), di uno strumento che consenta la continua verifica della idoneità delle imprese e dei lavoratori autonomi, in assenza di violazioni alle disposizioni di legge e con riferimento ai requisiti previsti, tra cui la formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro e i provvedimenti impartiti dagli organi di vigilanza. Tale strumento opera per mezzo della attribuzione alle imprese ed ai lavoratori autonomi di un punteggio iniziale che misuri tale idoneità, soggetto a decurtazione a seguito di accertate violazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro. L’azzeramento del punteggio per la ripetizione di violazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro determina l’impossibilità per l’impresa o per il lavoratore autonomo di svolgere attività nel settore edile.

slide23

Articolo 6, comma 8 lettera g)

Articolo 27 - Sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi Comma 2. Fermo restando quanto previsto dal comma 1-bis, che potrà, con le modalità ivi previste, essere esteso ad altri settori di attività individuati con uno o più accordi interconfederali stipulati a livello nazionale dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative,

il possesso dei requisiti per ottenere la qualificazione di cui al comma 1 costituisce elemento preferenziale per la partecipazione alle gare relative agli appalti e subappalti pubblici e per l’accesso ad agevolazioni, finanziamenti e contributi a carico della finanza pubblica, sempre se correlati ai medesimi appalti o subappalti.

Articolo 6, comma 8 lettera m)indicare modelli di organizzazione e gestione aziendale ai fini di cui all’articolo 30.

slide24

Modelli di organizzazione e di gestione (art.30 D. Lgs 81/08)

Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231“Disciplina della responsabilità amministrativa dellepersone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, a norma dell'art. 11 della legge 29 settembre 2000, n.300”.

modelli di organizzazione e di gestione art 30 d lgs 81 08
Decreto legislativo 81/08, art. 2,

Definizioni

Comma 1. lett. dd) “modello di organizzazione e di gestione”: modello organizzativo e gestionale per la definizione e l’attuazione di una politica aziendale per la salute e la sicurezza, ai sensi dell’art. 6 comma 1 lettera a) del D.Lgs 231/01, idoneo a prevenire i reati di cui agli artt. 589 e 590, terzo comma, del C.P. (lesioni gravi e gravissime, omicidio colposo), commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela della salute sul lavoro.

Dal decreto legislativo 81/08 al decreto legislativo 231/01

Modelli di organizzazione e di gestione(art.30 D.Lgs 81/08)
slide26
L’ente è responsabile dal punto di vista amministrativo per i reati commessi nel suo interesse o a suo vantaggio da apicali o da persone sottoposte alla direzione di un apicale.

Le disposizioni in esso previste si applicano agli enti forniti di personalità giuridica e alle società e associazioni anche prive di personalità giuridica.

Nonsi applicano allo Stato, agli enti pubblici territoriali, agli altri enti pubblici non economici nonché agli enti che svolgono funzioni di rilievo costituzionale.

La responsabilità in sede penale degli enti si aggiunge a quella delle persone fisiche che li rappresentano e che materialmente hanno realizzato l’illecito

L’Ente è responsabile per i reati commessi: nel suo interesse oppure a suo vantaggio.

I 2 criteri sono cumulabili ma ne è sufficiente uno solo per delineare la responsabilità dell’Ente.

L’interesse: è accertato dal giudice penale con valutazione ex ante a prescindere degli esiti della condotta delittuosa (ad esempio un indebito arricchimento prefigurato ma magari non realizzato).

Il vantaggio: è accertato ex post tenendo conto degli effetti favorevoli per l’ente scaturiti dalla condotta (vantaggio obiettivamente conseguito con la commissione del reato seppure non prospettato ex ante).

Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231.“Disciplina della responsabilità amministrativa dellepersone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, a norma dell'art. 11 della legge 29 settembre 2000,n.300”.

slide27

Reati con finalità di terrorismo

Reati transnazionali

riciclaggio, associazione per delinquere

I reati che prevedono l’applicazione D. Lgs 231/01

Reati di cui agli artt. 589 e 590, terzo comma, del C.P. (lesioni gravi e gravissime, omicidio colposo), commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela della salute sul lavoro

Reati societari

False comunicazioni sociali

Reati legati al riciclaggio

Ricettazione, riciclaggio, …

Reati di abuso di mercato

Abuso di informazioni privilegiate …

Reati di falsità in moneta, in carte di credito, in valori di bollo

Falsità e introduzione

Reati contro la Pubblica Amministrazione

Corruzione, concussione

Reati contro la personalità individuale

Riduzione in schiavitù, prostituzione, pornografia

Pratiche di mutilazioni degli organi genitali femminili

Delitti ai sensi dell’art. 583 – bis del C.P. si applica all’Ente, nella cui struttura è commesso il delitto,

La sanzione pecuniaria da 300 a 700 quote e le sanzioni interdittive.

Nel caso in cui si tratti di un ente privato accreditato è revocato l’accreditamento.

slide28

Sistema sanzionatorio del D. Lgs 231/01Sanzione amministrativa pecuniaria

La sanzione pecuniaria si applica sempre

E’ determinata per quote: le quote possono andare da 100 a 1.000

L’importo di ogni singola quota varia da 260 € a 1.550 €

Il giudice determina il numero delle quote tenuto conto della:

  • - gravità del fatto;
  • - grado di responsabilità dell’ente;
  • attività svolta dall’ente per eliminare o attenuare le conseguenze del fatto.
  • ll giudice può prevedere, nei casi di particolare gravità, l'applicazione di una o più delle seguenti sanzioni in aggiunta alle sanzioni pecuniarie, sempre obbligatorie:
  • La chiusura anche temporanea dello stabilimento o della sede commerciale;
  • La sospensione o revoca delle autorizzazioni, licenze o concessioni funzionali alla commissione dell'illecito;
  • La interdizione anche temporanea dall'esercizio dell'attività ed eventuale nomina di altro soggetto per l'esercizio vicario della medesima quando la prosecuzione dell'attività è necessaria per evitare pregiudizi ai terzi;
  • Il divieto anche temporaneo di contrattare con la pubblica amministrazione;
  • L’ esclusione temporanea da agevolazioni, finanziamenti, contributi o sussidi, ed eventuale revoca di quelli già concessi;
  • Il divieto anche temporaneo di pubblicizzare beni e servizi;
  • La pubblicazione della sentenza.
slide29

D. Lgs 281/01 Articolo 25 Septies

Si applica il D. Lgs 281/01 in caso di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime conseguenti a violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell’igiene e della salute sul lavoro(la previsione è stata introdotta all’art. 25 septies del D. Lgs 281/01 dall’art. 9, L.123/07, modificato dall’art. 300 del D. Lgs 81/08 )

D. Lgs 81/08, art. 300, co. 1: in relazione al delitto di cui all'art. 589 del C.P. (omicidio colposo), commesso con violazione dell'art. 55, co. 2, del D. Lgs 81/08, si applica una sanzione pecuniaria in misura pari a 1.000 quote. (€ 260 *1.000 = € 260.000) (€ 1550 *1000 = € 1.550.000) (l’oscillazione del valore della quota è decisa dal magistrato).

Nel caso di condanna per il delitto di cui al precedente periodo si applicano le sanzioni interdittive di cui all'art. 9, co. 2, per una durata non inferiore a tre mesi e non superiore ad un anno.

D. Lgs 81/08,art. 300, co. 2: salvo quanto previsto dal co. 1, in relazione al delitto di cui all'art. 589 del C.P., commesso con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro, si applica una sanzione pecuniaria in misura non inferiore a 250 quote(€ 260 * 250 = 65.000) o (€ 1550 *250 = 387.000) e non superiore a 500 quote (€ 130.000 o 775.000).

Nel caso di condanna per il delitto di cui al precedente periodo si applicano le sanzioni interdittive di cui all'art. 9, co. 2, per una durata non inferiore a tre mesi e non superiore ad un anno.

D. Lgs 81/08, art. 300, co. 3: In relazione al delitto di cui all'art. 590, 3 co., del C.P. (lesioni personali) commesso con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro, si applica una sanzione pecuniaria in misura non superiore a 250 quote (€ 260 * 250 = 65.000) (€ 1.550 * 250 = 387.500) . Nel caso di condanna per il delitto di cui al precedente periodo si applicano le sanzioni interdittive di cui all'articolo 9, comma 2, per una durata non superiore a 6 mesi.».

slide30

Definizione di lesioni personali colpose (Art. 590. C P. )

Se i fatti sono commessi con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale o di quelle per la prevenzione degli infortuni sul lavoro la pena per le lesioni gravi  è della reclusione da tre mesi a un anno o della multa da euro 500 a euro 2.000 e la pena per le lesioni gravissime  è della reclusione da uno a tre anni.

(comma modificato dall'articolo 2, comma 2, legge n. 102 del 2006)

La lesioneè consideratagrave (art. 583 c.p., co. 1) nei seguenti casi: se dal fatto deriva una malattia che metta in pericolo la vita della persona offesa, ovvero una malattia o un’incapacità di attendere alle ordinarie occupazioni per un tempo superiore ai quaranta giorni; se il fatto produce l’indebolimento permanente di un senso o di un organo.

La lesione è considerata gravissima (art. 583 c.p., co. 2): se dal fatto deriva una malattia certamente o probabilmente insanabile; la perdita di un senso; la perdita di un arto, o una mutilazione che renda l’arto inservibile, ovvero la perdita dell’uso di un organo o della capacità di procreare, ovvero una permanente e grave difficoltà della favella; la deformazione, ovvero lo sfregio permanente del viso.

Definizione diomicidio colposo (art. 589 c.p.)

« Chiunque cagiona, per colpa, la morte di una persona è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni »

Nel caso l'evento si verifichi susseguentemente alla violazione delle norme previste dal codice della strada o di quelle previste per la prevenzione degli infortuni sul lavoro la pena minima è aumentata a 2 anni.

slide31

Il testo dell’art. 589 del Codice penale è il seguente: «Art. 589. (Omicidio colposo)».

  • Chiunque cagiona per colpa la morte di una persona è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni.
  • Se il fatto è commesso con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale o di quelle per la prevenzione degli infortuni sul lavoro la pena è della reclusione da due a cinque anni (comma così modificato dall'articolo 2, comma 1, legge n. 102 del 2006).
  • Nel caso di morte di più persone, ovvero di morte di una o più persone e di lesioni di una o più persone, si applica la pena che dovrebbe infliggersi per la più grave delle violazioni commesse aumentata fino al triplo, ma la pena non può superare gli anni dodici.
  • Il testo dell’art. 590 del Codice penale è il seguente: «Art. 590 (Lesioni personali colpose). - Chiunque cagiona ad altri per colpa una lesione personale è punito con la reclusione fino a tre mesi o con la multa fino a euro 309. Se la lesione è grave la pena è della reclusione da uno a sei mesi o della multa da euro 123 a euro 619, se è gravissima, della reclusione da tre mesi a due anni o della multa da euro 309 a euro 1.239. Se i fatti di cui al secondo comma sono commessi con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale o di quelle per la prevenzione degli infortuni sul lavorola pena per le lesioni gravi è della reclusione da tre mesi a un anno o della multa da euro 500 a euro 2.000 e la pena per le lesioni gravissime è della reclusione da uno a tre anni. Nel caso di lesioni di più persone si applica la pena che dovrebbe infliggersi per la più grave delle violazioni commesse, aumentata fino al triplo; ma la pena della reclusione non può superare gli anni cinque. Il delitto è punibile a querela della persona offesa, salvo nei casi previsti nel primo e secondo capoverso, limitatamente ai fatti commessi con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro o relative all’igiene del lavoro o che abbiano determinato una malattia professionale».
slide32

L'elemento comune alle tre fattispecie di reato è la colpa, definita dall'art. 43 del c.p. “Elemento psicologico del reato” :

Il delitto è doloso, o secondo l’intenzione, quando l’evento dannoso o pericoloso, che è il risultato dell’azione od omissione e da cui la legge fa dipendere l’esistenza del delitto, è dall’agente preveduto e voluto come conseguenza della propria azione od omissione;

Il delitto è preterintenzionale, o oltre l’intenzione, quando dall’azione od omissione deriva un evento dannoso o pericoloso più grave di quello voluto dall’agente;

Il delitto è colposo, o contro l’intenzione, quando l’evento, anche se preveduto, non è voluto dall’agente e si verifica a causa di negligenza o imprudenza o imperizia, ovvero per inosservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline.

modelli di organizzazione e di gestione d lgs 81 08 art 30 comma 1
Il modello di organizzazione e di gestione idoneo ad avere efficacia esimente della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica di cui al D. Lgs 231/01 deve essere adottato dall’azienda ed efficacemente attuato, assicurando un sistema aziendale per l'adempimento di tutti gli obblighi giuridici previsti.

In altre parole:la responsabilità dell’ente viene esclusa se è dimostrato che sono stati adottati, prima della commissione del fatto, ed efficacemente attuati modelli organizzativi, di gestione e di controllo idonei a prevenire reati della specie in esame.

Modelli di organizzazione e di gestione (D. Lgs 81/08, art.30, comma 1)
modelli di organizzazione e di gestione d lgs 81 08 art 30 comma 11
Deve essere assicuratoun sistema aziendale per l'adempimento di tutti gli obblighi giuridici previsti finalizzato:

al rispetto degli standard tecnico-strutturalidi legge relativi a attrezzature, impianti, luoghi di lavoro, agenti chimici, fisici e biologici;

alle attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di prevenzione e protezione conseguenti:

alle attività di natura organizzativa, quali emergenze, primo soccorso, gestione degli appalti,riunioni periodiche di sicurezza, consultazionidei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza;

alle attività di sorveglianza sanitaria;

alle attività di informazione e formazione dei lavoratori;

alle attività di vigilanza con riferimento al rispetto delle procedure e delle istruzioni di lavoro in sicurezza da parte dei lavoratori;

alla acquisizione di documentazioni e certificazioni obbligatorie di legge;

alle periodiche verifiche dell'applicazione e dell'efficacia delle procedure adottate.

Modelli di organizzazione e di gestione (D. Lgs 81/08, art.30, comma 1)
modelli di organizzazione e di gestione art 30 commi 2 3 4
Comma 2. Il modello organizzativo e gestionale di cui al co.1 deve prevedere idonei sistemi di registrazione dell'avvenuta effettuazione delle attività di cui al co. 1.

Comma 3. Il modello organizzativo deve in ogni caso prevedere:

- un'articolazione di funzioni che assicuri le competenze tecniche e i poteri necessari per la verifica, valutazione, gestione e controllo del rischio,

nonché un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello.

Comma 4. Il modello organizzativo deve altresì prevedere un idoneo sistema di controllo sull'attuazione del medesimo modello e sul mantenimento nel tempo delle condizioni di idoneità delle misure adottate.

Il riesame e l'eventuale modifica del modello organizzativo devono essere adottati, quando siano scoperte violazioni significative delle norme relative alla prevenzione degli infortuni e all'igiene sul lavoro, ovvero in occasione di mutamenti nell'organizzazione e nell'attività in relazione al progresso scientifico e tecnologico.

Modelli di organizzazione e di gestione (art. 30, commi 2, 3, 4,)
modelli di organizzazione e di gestione art 30 commi 5 6
Comma 5. In sede di prima applicazione, i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente alle Linee guida UNI-INAIL o al British Standard OHSAS 18001: 2007 si presumono conformi ai requisiti di cui al presente articolo per le parti corrispondenti. Agli stessi fini ulteriori modelli di organizzazione e gestione aziendale possono essere indicati dalla Commissione di cui all'art. 6.

Comma 5 – bis. La Commissione consultiva permanente per la salute e la sicurezza sul lavoro elabora procedure semplificate per l’adozione e la efficace attuazione dei modelli di organizzazione e gestione della sicurezza nelle piccole e medie imprese. Tali procedure sono recepite con decreto del Ministero del Lavoro.

Comma 6. L’adozione del modello di organizzazione e di gestione di cui al presente articolo nelle imprese fino a 50 lavoratori rientra tra le attività finanziabili ai sensi dell’art. 11.

Modelli di organizzazione e di gestione (art. 30, commi 5, 6)
slide37

Il D. Lgs 231/81 in sintesi prevede:

un organismo di controllo interno autonomo rispetto al vertice aziendale dotato di effettivi poteri di vigilanza nei confronti delle varie funzioni aziendali e dell’adeguatezza del modello organizzativo e di gestione

Deve essere istituito:

L’organismo di controllo interno ed autonomo rispetto al vertice aziendale, non deve coincidere con il SPPA, il cui responsabile, ai sensi dell’art. 2, co. 1, lett. f), è designato dal datore di lavoro, a cui risponde, per coordinare il servizio medesimo.

Deve essere previsto il riesame e l'eventuale modifica del modello organizzativo quando siano scoperte violazioni significative delle norme relative alla prevenzione degli infortuni e all'igiene sul lavoro, ovvero in occasione di mutamenti nell'organizzazione e nell'attività in relazione al progresso scientifico e tecnologico