le riforme della previdenza obbligatoria l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Le riforme della previdenza obbligatoria PowerPoint Presentation
Download Presentation
Le riforme della previdenza obbligatoria

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 30

Le riforme della previdenza obbligatoria - PowerPoint PPT Presentation


  • 331 Views
  • Uploaded on

Le riforme della previdenza obbligatoria. Le pensioni pubbliche in Italia…. A partire dagli anni ’90 la previdenza pubblica è cambiata in modo radicale 1992 Riforma Amato 1994 Riforma Berlusconi 1995 Riforma Dini 1997 Riforma Prodi 2004 Riforma Maroni … Perché?. … si sono abbassate!.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Le riforme della previdenza obbligatoria' - bryce


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
le pensioni pubbliche in italia
Le pensioni pubbliche in Italia…
  • A partire dagli anni ’90 la previdenza pubblica è cambiata in modo radicale
    • 1992 Riforma Amato
    • 1994 Riforma Berlusconi
    • 1995 Riforma Dini
    • 1997 Riforma Prodi
    • 2004 Riforma Maroni
  • Perché?
si sono abbassate
… si sono abbassate!
  • Sensibile diminuzione della copertura del I pilastro
    • Ieri
    • Domani
  • Quali possibili soluzioni?
    • Ritardare la pensione, se possibile
      • maggiore contribuzione e quindi un montante più elevato
      • conversione dello stesso montante in rendita secondo un coefficiente di trasformazione più favorevole
    • Dotarsi di una forma di secondo pilastro
le caratteristiche della previdenza complementare
Le caratteristiche della previdenza complementare
  • L’adesione è volontaria
  • Complementarità alla pensione pubblica
  • Garanzie e controlli nella gestione del piano
  • Incentivi fiscali
  • Sistema a capitalizzazione
come si aderisce oggi al fondo pensione dopo la riforma
Come si aderisce OGGI al Fondo PensioneDOPO la Riforma?
  • A partire dalla data di assunzione o dal 1° gennaio 2007 ogni lavoratore avrà sei mesi di tempo per scegliere tra diverse possibilità
  • Se non si esprime una scelta alla scadenza del periodo di sei mesi si versa tutto il Tfr al Fondo Pensione (silenzio-assenso)
  • Posso scegliere di non aderire (ma devo dichiararlo esplicitamente)
  • In base al tipo di lavoratore cambiano le possibili scelte
dopo la riforma quali scelte e quali conseguenze
DOPO la riforma:quali scelte e quali conseguenze?

Al momento dell’inizio del periodo di sei mesi ho già aderito?

ultime novit la legge finanziaria
Ultime novità: la Legge Finanziaria
  • Entrata in vigore della riforma sulla previdenza complementare dal 1° gennaio 2007
  • Inizia il periodo di sei mesi per la scelta sulla destinazione del TFR
  • Il 1° luglio scatta l’effetto del conferimento tacito del TFR
  • Nascita del ”Fondo per l’erogazione ai lavoratori dipendenti del settore privato dei trattamenti di fine rapporto di cui all’articolo 2120 del codice civile”, il cd. fondo tesoreria
    • fondo gestito, per conto dello Stato, dall’Inps
    • introdotto per ragioni di finanza pubblica e ininfluente per la riforma sulla previdenza complementare
    • Si finanzia con il TFR dei lavoratori che decidono di NON ADERIRE a Previdenza Complementare
fpc e fpa le differenze
FPc e FPa: le differenze

Fondi Chiusi

Soggetti costitutori

parti contrattuali con accordi collettivi, CCNL e accordi aziendali

Associazioni senza fini di lucro

le risorse sono gestite unicamente nell’interesse degli aderenti

Struttura di governo indipendente

Minimizzazione dei costi

Rappresentatività degli aderenti da parte degli organi decisionali

Fondi Aperti e Polizze

Soggetti costitutori

Banche, SGR, SIM e Società di assicurazioni

Intermediari finanziari con fini di lucro

le risorse sono gestite unicamente nell’interesse degli aderenti, ma c’è rischio di conflitto con l’interesse del soggetto istitutore

Struttura di governo è quella del soggetto costitutore

Commissioni comprendono la remunerazione del soggetto costitutore

Mancanza di rappresentatività

in sintesi
In sintesi
  • I FPc possono pertanto garantire rispetto ai FPa e ai PIP:
    • maggiore tutela previdenziale
    • rappresentanza diretta degli interessi dei soci
    • maggiore trasparenza nel controllo
    • minori costi
le caratteristiche di previcooper
Le caratteristiche di Previcooper
  • ADESIONE VOLONTARIA
    • il lavoratore sceglie di iscriversi volontariamente
  • CONTRIBUZIONE DEFINITA
    • determinate le aliquote di contribuzione al Fondo
  • CAPITALIZZAZIONE INDIVIDUALE
    • la posizione individuale è costituita dai contributi capitalizzati secondo i rendimenti realizzati dal comparto di appartenenza
  • ADESIONE CHIUSA
    • Il fondo è rivolto ai lavoratori delle imprese rientranti nella sfera di applicazione del CCNL della distribuzione cooperativa e a settori affini
  • PENSIONE COMPLEMENTARE
    • Obiettivo finale del fondo è garantire una pensione complementare a quella pubblica
la contribuzione a previcooper
La contribuzione a Previcooper
  • La contribuzione a Previcooper è composta da tre elementi
    • Contributo del lavoratore, pari allo 0,55% minimo della retribuzione
    • TFR
    • Contributo del datore, pari all’1,55% della retribzione
la gestione finanziaria
La Gestione Finanziaria
  • Si occupano della gestione delle risorse finanziarie
  • Il CdA decide la politica di investimento di lungo periodo e affida a gestori specializzati la gestione delle risorse
  • Gestori finanziari prescelti:
    • SOCIETA' CATTOLICA DI ASSICURAZIONE - SOCIETA' COOPERATIVA
    • EURIZON CAPITAL SGR SPA
    • UNIPOL Assicurazioni S.p.A
    • SOCIÉTÉ GENERALE ASSET MANAGEMENT ITALIA SIM SPA
le linee di investimento
Le linee di investimento

Previcooper presenta tre linee di investimento per i propri iscritti

  • Sicuro
  • Bilanciato
  • Dinamico
come scegliere
Come scegliere
  • L’età, ma anche:
    • La personale avversione al rischio
    • La situazione patrimoniale e familiare
    • La propria previsione dell’andamento dei mercati
  • Una decisione personale
gli organi di tutela e controllo esterni
Gli organi di tutela e controllo esterni
  • La banca depositaria è autorizzata dalla Banca d’Italia
    • custodisce il patrimonio del fondo
    • controlla il rispetto dei limiti di investimento
    • controlla ed esegue le istruzioni di investimento impartite dai gestori finanziari
    • Banca depositaria prescelta: Monte dei Paschi di Siena
  • La società di revisione contabile
    • Si occupa della verifica della correttezza dei principi contabili adottati
    • Sussiste l’obbligo di incarico in caso di gestione finanziaria operativa
    • Società di revisione contabile prescelta: DELOITTE & TOUCHE SPA.
  • Il service amministrativo
    • Acquisizione iscrizioni e tenuta dei libri contabili
    • Gestione dei conti individuali, compresa la rivalutazione delle quote
    • Verifica/controllo delle attività della banca e dei gestori finanziari
    • Service amministrativo prescelto: Previnet
le spese di previcooper
Le spese di Previcooper

Le spese di Previcooper sono composte da:

  • quota di iscrizione una tantum, pari a € 15,50, di cui solo € 3,62 a carico dell’iscritto mentre il restante è a carico dell’impresa.
  • quota associativa pari allo 0,12% calcolata sulla retribuzione utile per il calcolo del TFR e detratta dai contributi versati.
  • commissioni di banca depositaria pari allo 0,018% de patrimonio
  • Commissione di gestione finanziaria pari a:
      • Sicuro 0,23% del patrimonio
      • Bilanciato 0,10% del patrimonio
      • Dinamico 0,12% del patrimonio
riepilogando i vantaggi
Riepilogando… I vantaggi

FONDO

PENSIONE

4

3

Contributo dell’impresa

Fiscali sulle prestazioni

1

5

Flessibilità delle prestazioni

2

Fiscali sui versamenti

Rendimenti

di mercato

che cosa mi dar il fondo pensione
Che cosa mi darà il fondo pensione?
  • Il fondo pensione, a fronte dei contributi versati permette al lavoratore
    • Di ottenere in tutto o in parte (e a certe condizioni) le risorse accumulate anche prima di andare in pensione
      • Anticipazione
      • Riscatto
      • Trasferimento
    • Di ottenere, al pensionamento, le risorse accumulate in forma di rendita (pensione integrativa) e/o in forma di capitale (una somma disponibile in unica soluzione)
riscatto
Riscatto
  • * In caso di adesione a un fondo pensione aperto è possibile riscattare in caso di perdita dei requisiti di partecipazione se:
  • l’adesione è effettuata attraverso un adesione collettiva
  • È prevista tale modalità nel regolamento o accordo.
riassumendo che posso fare se cambio o perdo il lavoro
Riassumendo:che posso fare se cambio o perdo il lavoro?
  • L’obiettivo della previdenza complementare è quello di dare una pensione integrativa: quando possibile è meglio non riscattare l’intera posizione dal fondo
  • Tuttavia, se cambio lavoro ho diverse possibilità
    • Riscattare tutta la posizione.
      • È la soluzione più costosa in termini di tassazione.
    • Lasciare le risorse nel fondo o trasferirle a un altro fondo pensione.
      • È la soluzione meno costosa in quanto non viene tassata.
  • Se, invece, resto senza lavoro, posso
    • Riscattare subito l’intera posizione.
      • È la soluzione più costosa in termini di tassazione .
    • Aspettare 12 mesi (senza lavoro) e riscattare la metà.
    • Aspettare 48 mesi (senza lavoro) e riscattare tutta la posizione.
e quando vado in pensione
E quando vado in pensione?
  • Se ho i requisiti per accedere alla pensione pubblica e sono iscritto a un fondo pensione da almeno cinque anni, posso ottenere tutte le risorse accumulate nel fondo pensione con contributi e rendimenti (il Montante) in due possibili forme:
    • Capitale una somma percepita interamente al momento del pensionamento
    • Rendita una somma percepita periodicamente che si aggiunge alla pensione pubblica
  • Quanto si può ottenere in capitale e quanto in rendita dipende da diverse condizioni
al pensionamento quanto posso ottenere sotto forma di capitale
Al pensionamento:Quanto posso ottenere sotto forma di capitale?
  • Fino alla metà del montante può essere richiesta da tutti
  • Solo quando le risorse accumulate non superano determinati limiti si può richiedere anche tutto il montante in unica soluzione
    • Il limite è parametrato al valore dell’assegno sociale in vigore al momento del pensionamento
      • se la rendita calcolata sul 70% del montante maturato è inferiore al 50% dell’assegno sociale l’iscritto può optare l’intera prestazione in capitale
    • Gran parte dei lavoratori che resteranno nel fondo per pochi anni potranno richiedere tutte le risorse accumulate al pensionamento
    • I “vecchi iscritti” possono richiedere il 100% del montante in capitale
al pensionamento che tipi di rendita posso richiedere
Al pensionamento:che tipi di rendita posso richiedere?
  • Il Fondo attiverà diversi tipi di rendita, ma certamente si potrà scegliere almeno tra una rendita vitalizia e una reversibile
  • Rendita Vitalizia
    • Una rata periodica che si percepisce finché si è in vita
    • Il valore della rata sarà tanto più alto, quanto più anziano si sarà al pensionamento e quante più risorse convertirò in rendita
    • Le donne, vivendo più degli uomini, avranno una rata più bassa
  • Rendita Reversibile
    • Una rata periodica che si percepirà finché si è in vita
    • Al pensionamento il lavoratore indicherà uno o più soggetti (detti reversionari) che continueranno a percepire la rata dopo il suo decesso finché a loro volta saranno in vita
    • Il valore della rata sarà più basso di una analoga rendita vitalizia
    • A parità di altre condizioni il valore della rata sarà più basso se
      • Il reversionario è molto più giovane del lavoratore
      • Il reversionario è donna
      • Ci sono più reversionari
credits
Credits

Realizzato nell’ambito del “Piano Formativo Concordato Nazionale sullo Sviluppo della Bilateralità nel campo della Previdenza Complementare” con un finanziamento

www.foncoop.coop