27 gennaio 1945
Download
1 / 16

27 gennaio 1945 La Shoah sterminio - PowerPoint PPT Presentation


  • 133 Views
  • Updated On :

27 gennaio 1945 La Shoah (sterminio). "A Birkenau, il Portone della morte, non si richiuderà più sulla memoria, il binario che l’attraversa, . non si fermerà più sulla rampa, ma si frantumerà, disperdendosi, davanti all’altare delle coscienze . e della conoscenza,

Related searches for 27 gennaio 1945 La Shoah sterminio

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about '27 gennaio 1945 La Shoah sterminio' - brick


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Slide1 l.jpg

27 gennaio 1945

La Shoah (sterminio)


Slide2 l.jpg

"A Birkenau,

il Portone della morte,

non si richiuderà più sulla memoria,

il binario che l’attraversa,

non si fermerà più sulla rampa,

ma si frantumerà,

disperdendosi,

davanti all’altare delle coscienze

e della conoscenza,

davanti ai ceri della preghiera

e ai fiori del riscatto.

Lì, in quel punto,

si incontreranno i giovani liberi,

i ragazzi della pace,

e lì ad Auschwitz – Birkenau,

dalle ceneri sparse fra le zolle,

continuerà a nascere la nostra vita!”

da ‘Il silenzio dei vivi ’

di Elisa Springer


Slide3 l.jpg

Ai bambini una carezza

Ai bambini una carezza

per tutte le infanzie rubate

per i legami strappati

per i fiori recisi

per le andate senza ritorno

per tutti i "progetti-uomo" mai realizzati

per tutte le ferite dell'abbandono

per tutto il freddo

per tutta la paura

per tutto l'odio

per tutta la fame

per tutto il non amore...

Maria Pia Bernicchia

I venti bambini di Bullenhuser Damm


Slide4 l.jpg

Sembra incredibile

Il generale Eisenhower ordinò che fossero scattate foto e realizzati documenti filmati per mostrare le atrocità che l’uomo può compiere.

È molto crudo, ma fa

riflettere sulla diabolica

forza distruttrice dell’uomo,

quando si crede capace

di sostituirsi a Dio,

lui semplice creatura.


Slide5 l.jpg

olocausto

27 gennaio 1945

giorno della liberazione e

abbattimento dei cancelli

del campo di sterminio

nazista di Auschwitz

(vicino a Cracovia, Polonia)


Slide6 l.jpg

È una necessità storica ricordarsi che, quando il comandante supremo delle forze alleate, generale Dwight D. Eisenhower, vide le vittime dei campi di concentramento, ordinò che fosse scattato il maggior numero di fotografie e che fossero fatti venire gli abitanti tedeschi delle vicine città per vedere la realtà dei fatti e che fossero costretti a sotterrare i corpi dei morti.


Slide7 l.jpg

Il motivo, lui spiegò: comandante supremo delle forze alleate, generale Dwight D. Eisenhower, vide le vittime dei campi di concentramento, ordinò che fosse scattato il maggior numero di fotografie e che fossero fatti venire gli abitanti tedeschi delle vicine città per vedere la realtà dei fatti e che fossero costretti a sotterrare i corpi dei morti.

“Che si abbia il massimo della documentazione possibile - che si realizzino registrazioni filmate - testimonianze - perché arriverà un giorno in cui qualche idiota si alzerà e dirà che tutto questo non è mai successo”


Slide8 l.jpg

Recentemente, il Regno Unito, ha rimosso l’Olocausto dai suoi programmi scolastici perché “offensivo” nei confronti di alcune popolazioni che affermano che non è esistito…


Slide9 l.jpg

In memoria dei 6 milioni di Ebrei, 20 milioni di Russi, 10 milioni di Cristiani, omosessuali

e zingari assassinati, massacrati, violentati, bruciati e umiliati, quando Germania e Russia guardavano in altre direzioni.


Slide10 l.jpg

Non sono mancati, né forse mancheranno, atteggiamenti di intolleranza e di disprezzo verso chi è più debole, meno difeso o favorito. Ad Auschwitz non c’erano le telecamere. A guerra conclusa tanti cercarono di lavarsene le mani con un banale quanto offensivo: «Noi, non sapevamo niente!».


Slide11 l.jpg

In verità, molti sapevano, parecchi altri sospettarono, quasi tutti tacquero. C’era chi lo faceva per paura, chi per quieto vivere, chi per convinzione. E sebbene non tutti si nasca eroi, tutti dovrebbero ricordare le parole del pastore protestante Martin Niemoeller, che lottò contro il regime nazista, e quando uscì dal campo di concentramento disse: «Siamo tutti colpevoli».


Slide12 l.jpg

E aggiunse: «Quando vennero a prendere gli Ebrei, io non dissi nulla, non ero ebreo. Quando vennero a prendere i comunisti, non dissi nulla, non ero comunista. Quando vennero a prendere i sindacalisti non dissi nulla, non ero sindacalista … Poi vennero a prendere me,

ma non c’era più nessuno che potesse dire qualcosa».


Slide13 l.jpg

dissi nulla, non ero ebreo. Quando vennero a prendere i comunisti, non dissi nulla, non ero comunista. Quando vennero a prendere i sindacalisti non dissi nulla, non ero sindacalista … Poi vennero a prendere me, Tutto ciò che è necessario per il trionfo del male, è che gli uomini buoni non facciano niente”

(Edmund Burke)

Si continui a guardare altrove

immersi in un mondo virtuale…


Slide14 l.jpg

Oggi le telecamere sono presenti dappertutto: dalla camera mortuaria di Sarajevo alle fosse comuni del Ruanda. Proprio per questa conoscenza non potremo mai dire: «Noi non sapevamo».


Slide15 l.jpg

« mortuaria di Sarajevo alle fosse comuni del Ruanda. Proprio per questa conoscenza non potremo mai dire: «Noi non sapevamo».Padre perdonali,

perché non sanno

quello che fanno».

Se l’uomo sapesse! Quante violenze in meno! Chi detiene il potere, quando è al servizio del male, decide chi è straniero e chi no, e ne condanna anche la fede. Crocifissi, moschee, sinagoghe diventano i bersagli naturali.


Slide16 l.jpg

I SOMMERSI E I SALVATI (1986) mortuaria di Sarajevo alle fosse comuni del Ruanda. Proprio per questa conoscenza non potremo mai dire: «Noi non sapevamo».

“SI ESITA A CHIAMARLI VIVI: SI ESITA A CHIAMAR MORTE LA LORO MORTE, DAVANTI A CUI ESSI NON TEMONO PERCHE’ SONO TROPPO STANCHI PER COMPRENDERLA”


ad