esame emocromocitometrico e terminologia ematologica n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Esame emocromocitometrico e… terminologia ematologica PowerPoint Presentation
Download Presentation
Esame emocromocitometrico e… terminologia ematologica

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 18

Esame emocromocitometrico e… terminologia ematologica - PowerPoint PPT Presentation


  • 380 Views
  • Uploaded on

Esame emocromocitometrico e… terminologia ematologica. Il volume del sangue ( volemia) 7 % del peso corporeo. Cellule 46 % maschio 42 % femmina, il resto plasma cellule + plasma = ( Hct) EMATOCRITO Globuli rossi eritrociti emazie Globuli bianchi leucociti Piastrine trombociti.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Esame emocromocitometrico e… terminologia ematologica' - baldasarre


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
esame emocromocitometrico e terminologia ematologica
Esame emocromocitometrico e… terminologia ematologica

Il volume del sangue ( volemia) 7 % del peso corporeo.

Cellule 46 % maschio 42 % femmina, il resto plasma

cellule + plasma = ( Hct) EMATOCRITO

Globuli rossi eritrociti emazie

Globuli bianchi leucociti

Piastrine trombociti

slide2

Si usa un ago piccolo (“butterfly”) collegato ad un collettore (“camicia”) nel quale vengono di volta involta inserite delle provette “vacuum”.

In questo modo, il sangue venoso viene rapidamente “aspirato” dal sistema “sotto vuoto” e direttamente raccolto nelle provette destinate ai vari esami ematochimici

slide3

Esecuzione dello striscio di sangue periferico dopo puntura con lancetta sul polpastrello o da prelievo venoso

slide4

I parametri dell’esame emocromocitometrico sono determinati mediante l’impiego di metodi automatici. Sono infatti in uso cell counterscapaci di ottenere un esame emocromo in breve tempo (meno di un minuto) e con notevole precisione e ripetibilità.

Conta differenziale dei leucociti mediante il sistema H*/ADVIA. 1: neutrofili.

2: eosinofili. 3: monociti. 4: linfociti. 5: LUC. 6: basofili. 7: noise

slide5

GR o RBC 4,4-6,0 x 10 12/l uomo quattro milioni e quattro- sei milioni Mmc in linguaggio parlato

  • 4,0 -5,3 x 1012/l donna quattromilionia- cinquemilioni e trecentomila
  • GB o leucociti 4,3 - 10 X 10 9 /l quattromilatrecento-diecimila
  • < 4,3 leucopenia
  • 10 leucocitosi

La leucocitosi NON è necessariamente una malattia, può essere semplicemente la risposta ad una infezione, gravidanza allergia ecc ecc oppure può indicare una patologia leucemica

La differenza principale è che nelle leucocitosi ( per esempio da infezione ) le cellule sono nomali, mature.

piastrine o PTL150-450 x10 9 /l ma 100 e 500 sono ancora valori normali, ai limiti bassi e rispettivamente alti della norma.

< 100 piastrinopenia o trombocitopenia

>500 piastrinosi o trombocitosi

slide6

Aumento dei globuli rossi:

Nella eritrocitosi , Policitemia Vera, poliglobulie secondarie ma anche nelle microcitosi.

Notare che la Policitemia Veraè una neoplasia, le poliglobulie secondarie non sempre.

La trombocitemia essenziale è una neoplasia, quindi non si deve confondere il termine trombocitemia con trombocitosi; infatti nel primo caso desideriamo definire una neoplasia del midollo con aumento di piastrine ma non solo come vedremo.

Trombocitosi o piastrinosi è qualunque aumento di piastrine indipendentemente dalla causa che la ha determinata.

slide7

Formula leucocitaria cento elementi contati al microscopio o con contatore automatico. Espressa quindi in percentuale = %

Colorazione di May- Grunwald-Giemsa per vedere la morfologia delle cellule al microscopio ottico.

Leucociti linfociti

monociti

granulociti :

neutrofili, eosinofili, basofili

valori percentuali valore assoluto

linfociti 20-50 % 1,5-4,0

monociti 2-10% 0,2-0.9

neutrofili 40-75% 1,8-7-0

eosinofili 1-5% 0,1-0,5

basofili 0,5-1% 0,05-1

slide8

Significato di :

neutrofilia, basofilia, eosinofilia, monocitosi, linfocitosi

ASSOLUTE E RELATIVE

Assolute vero aumento

Relativo aumento solo percentuale

VARIAZIONE DELLA FORMA DEI GR (solo con m. Elettronico ma NON sono voci comprese nell’esame emocromocitometrico)

Elissociti

sferocitosi

drepanociti

poichilocitosi

anisocitosi

< volume 80 micron microciti

>100 macrociti o megalociti

slide9

I reticolociti GR giovani con detriti nucleari evidenziati con colorazioni vitali

Blu di metilene. <10 per mille. O Blu di cresile.

slide10

Numero degli eritrociti (RBC): è il primo parametro calcolato dagli strumenti. È espresso nell’ordine dei milioni di cellule/μl ed è di solito espresso, seguendo le indicazionidel sistema internazionale, come numero di eritrociti x 1012/l.

Ematocrito (HCT): viene espresso in percentuale. Esso esprime il rapporto tra il volume dei globuli rossi e il volume totale.

Emoglobina (Hb): viene espressa in g/dl. 12-14 donna 13-15 maschio

Volume cellulare medio (MCV): rappresenta il volume corpuscolare medio del GR. E’ calcolato dal rapporto ematocrito x 100/ numero degli eritrociti/μl e viene espresso in femtolitri (fl).

Contenuto emoglobinico corpuscolare medio (MCH): è il contenuto medio di Hb per globulo rosso. E’ calcolato dal rapporto emoglobina x 10/numero degli eritrociti/μl. Vieneespresso in picogrammi (pg).

Concentrazione emoglobinica corpuscolare media (MCHC): è la concentrazione media di Hb nei GR e si ricava dalla formula (Hb/Hct)x100. Mentre MCH esprime il contenuto di Hb di ogni singolo globulo rosso, MCHC nemisura la concentrazione, vale a dire il rapporto tra il peso dell’Hb ed il volume in cui essa è contenuta. Viene espresso in picogrammi (pg).

slide11

Indice di distribuzione dei volumi eritrocitari (RDW): è un indice espresso in percentuale, che indica il coefficiente di variazione dei volumi globulari, cioè l’anisocitosi eritrocitaria

Volume piastrinico medio (MPV): rappresenta il valore medio del volume piastrinico. E’ espresso in fl e i valori normali sono 7,2-11

Piastrinocrito (PTC): è la frazione percentuale della massa di sangue intero occupata dalle piastrine. I valori normali sono 0,10 – 0,40 %. É un parametro quasi mai impiegato

La determinazione massa eritrocitaria non è una voce compresa nell’esame emocromocitometrico (sarà trattata successivamente)

mieloaspirato e biopsia ossea
Mieloaspirato e biopsia ossea
  • L’aspirato midollare (MA) nell’adulto è oggi quasi sempre
  • eseguito a livello della cresta iliaca posteriore, in genere a livello
  • della spina iliaca.
  • L’aspirato sternale, un tempo più diffuso, è stato ormai quasi del
  • tutto soppiantato dall’aspirato dalle spine iliache posteriori superiori
slide15

Con il materiale ottenuto dal mieloaspirato si eseguono i seguenti esami;

Esame morfologico delle cellule con lettura al microscopio ottico, immunofenotipo, cariotipo, FISH, esami culturali , biologia molecolare, esami virologici e determinazione del chimerismo in pazienti allo trapiantati.

Talora NON si ottiene materiale midollare ma solo sangue periferico

Punctio sicca per fibrosi, cellule eccessivamente stipate o … per imperizia specie se l’esame viene eseguito solo saltuariamente !!!!

slide16

La biopsia osteomidollare (BOM) è un tipo di indagine invasivache permette di ottenere un frustolo di midollo emopoietico (“core”)circondata da lamelle ossee. Il campione bioptico viene processato mediante fissazione/decalcificazione e sottoposto a sezione. Le sezioni, ottenute in senso longitudinale, sono altamente rappresentative della STRUTTURA midollare,

A: aspetto microscopico di mieloaspirato (May-Grunwald-Giemsa). B: aspetto

microscopico di una sezione di biopsia osteomidollare (Ematossilina-eosina) Da Manuale … Carulli

slide18

Da una biopsia ossea si ottengono le seguenti informazioni

:valutazione della cellularità e della sua distribuzione nel contesto del midollo

• stima dei megacariociti

• valutazione della architettura dell’osso

• punctio sicca al mieloaspirato

• ricerca di metastasi occulte

• stadiazione dei disordini linfoproliferativi, dove la

conoscenza del tipo di crescita neoplastica (nodulare,

interstiziale, diffusa) fornisce importanti informazioni

prognostiche

• mieloma multiplo e gammopatie monoclonali correlate

• malattie granulomatose

il mieloaspirato appare superiore alla BOM nella

diagnostica delle leucemie acute, delle mielodisplasie e di diversi

tipi di anemia, perché fornisce dettagli della morfologia delle singole

cellule più precisi rispetto alle sezioni bioptiche .