malattia di parkinson n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Malattia di Parkinson PowerPoint Presentation
Download Presentation
Malattia di Parkinson

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 27

Malattia di Parkinson - PowerPoint PPT Presentation


  • 242 Views
  • Uploaded on

Malattia di Parkinson. Malattia neurodegenerativa, ad esordio spesso insidioso ed andamento cronico, che comportava principalmente una compromissione della ‘motilità’ dei pazienti con progressiva riduzione dell’autonomia. James Parkinson (1817) “An Essay on the Shaking Palsy”.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Malattia di Parkinson' - andie


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
malattia di parkinson
Malattia di Parkinson

Malattia neurodegenerativa, ad esordio spesso insidioso ed andamento cronico, che comportava principalmente una compromissione della ‘motilità’ dei pazienti con progressiva riduzione dell’autonomia

James Parkinson (1817)

“An Essay on the Shaking Palsy”

slide2
Quadro Clinico:

Esordio insidioso (unilaterale) con decorso cronico progressivo (bilaterale)

Definita clinicamente in base alla combinazione variabile di 3 sintomi cardinali:

Bradi-acinesia

Rigidità

Tremore di riposo

Altri segni (alterazioni posturali) e sintomi non motori:

Autonomici

Cognitivi

Sonno

Quadro Neuropatologico:

Progressiva degenerazione dei neuroni nigrali

Presenza di specifiche inclusioni nigrali “corpi di Lewy”

stadiazione della m di parkinson
Stadiazione della M. di Parkinson
  • Il processo degenerativo che caratterizza la malattia colpirebbe cellule nervose “predisposte” in diverse parti del cervello e procederebbe attraverso stadi topograficamente prevedibili.
  • Stadi 1-2 preclinici:

tronco-encefalo e strutture olfattive

  • Stadi 3-4 sintomatici:

sostanza nera e mesencefalo

  • Stadi 5-6 finali: corteccia

Braak et al. 2003

slide6

Sindromi Parkinsoniane

  • MP idiopatica: 80-85 %
  • Parkinsonismo iatrogeno (da neurolettici, etc.)
  • Parkinsonismo vascolare
  • Parkinsonismi “atipici” o plus:
    • PSP - MSA (SDS, SND, OPCD) - CBD - DLBD
  • Parkinsonismo da tossici (MPTP, CO, Mn, etc.), traumi ripetuti,

idrocefalo: assai raro

  • Parkinsonismi genetici
  • Assenza di nuovi casi documentati di parkinsonismo post-encefalitico dopo il 1960.
epidemiologia
Epidemiologia
  • Malattia ad elevata diffusione con incidenza e prevalenza che aumentano con l’età.

Prevalenza:

    • Variabile tra 31.4 – 327 / 100.000 negli studi mondiali
    • Sicilia: 257 / 100.000 (“door to door”) (Morgante et al. 1992)
    • Aumenta progressivamente con l’età, senza differenze tra i 2 sessi

Esordio:

    • media intorno ai 60-62 anni
    • 10% casi prima dei 40 anni
    • raramente prima dei 30 anni
decorso
Decorso
  • Andamento cronico progressivo, con elevata variabilità individuale
  • Progressiva compromissione della qualità di vita (QoL)
  • Ridotta aspettativa di vita

- sopravvivenza media: ~ 15-20 anni

- cause di morte: pneumopatie, infezioni urinarie, complicanze post-traumatiche

slide9

Eziologia

Suscettibilità

Genetica

Tossicità

Ambientale

Tossicità

Endogena

Interazione Genetico/Ambientale

malattia di parkinson fattori di rischio
Malattia di ParkinsonFattori di rischio
  • AMBIENTE:
    • molti fattori ambientali sono stati sospettati
      • esposizione a erbicidi/pesticidi o metalli pesanti
      • residenza in zone industriali o rurali (acque di pozzo)
      • traumi ripetuti
    • ma nessuno è stato identificato con certezza!
malattia di parkinson meccanismi biologici
Malattia di ParkinsonMeccanismi biologici

Modello Tossina Ambientale

MPTP

  • Riproduce tutte le principali caratteristiche della MP
  • Danno mitocondriale dei neuroni dopaminergici:
    • inibizione del complesso I (NADH--CoQ1) della catena respiratoria mitocondriale
    • ridotta produzione ATP
    • morte cellulare

MAO-B

MPTP MPP+

malattia di parkinson fattori di rischio1
Malattia di ParkinsonFattori di rischio
  • GENETICA:
    • Positività della storia familiare
    • esistono forme con ereditarietà AD:
      • mutazione -sinucleina sul cromosoma 4q21-q23, identificata in una famiglia ad origine italiana (Contursi) → PARK1
    • esistono forme con trasmisssione AR:
      • mutazioni parkina (6q25-q27)

→ PARK2

malattia di parkinson fattori di rischio2
Malattia di ParkinsonFattori di rischio
  • GENETICA:
    • possibile predisposizione genetica nelle forme sporadiche
    • ruolo significativo dei fattori genetici (maggiore per le forme ad esordio precoce) nello sviluppo di una disfunzione del sistema dopaminergico.
    • possibile necessità di una concomitante fattore “ambientale”
quadro clinico 1
Quadro Clinico (1)
  • Tremore
    • riposo
    • alternante
    • 4-6 c/s
    • localizzazione distale
    • presente nei 2/3 dei pazienti
    • può essere spesso il sintomo d’esordio
quadro clinico 2
Rigidità

ipertono plastico (con troclea)

diffuso, ma col tempo prevalente nei muscoli flessori

camptocormia

Quadro Clinico (2)
quadro clinico 3
Quadro Clinico (3)
  • Bradi-Acinesia
    • ritardata e rallentata esecuzione dei movimenti volontari
    • ridotta attività motoria spontanea
    • prevalente compromissione dei movimenti complessi ed automatici
    • ipomimia

ipofonia e voce monotona, micrografia

riduzione sincinesie,

andatura a passi piccoli e strisciati

slide19
Prevalenza di “demenza” nella MP: 25-30%
  • 4% dei casi di “demenza” nella popolazione generale sono ascrivibili a PPD

Un’elevata percentuale dei pazienti con MP che sopravvivono a lungo sviluppa demenza

Aarsland et al. 2005

tremore essenziale
Tremore Essenziale
  • Tremore costante od intermittente (mani – capo – voce) con caratteristiche prevalentemente posturali o cinetiche.
  • Assenza di altri segni extrapiramidali e ridotta progressione/evolutività.
  • Frequente familiarità (~ 50-60%).
  • Mancata risposta terapeutica alla Levodopa, con possibile sensibilità ad altri farmaci.
sindrome da uso cronico di ld
Sindrome da uso cronico di LD

FLUTTUAZIONI MOTORIE:

  • Deterioramento di fine dose
  • Acinesia notturna o al risveglio
  • Risposta ritardata
  • Fenomeni on-off
  • Periodi non-rispondenti

MOVIMENTI INVOLONTARI:

  • Disicinesie (difasiche, di picco, di plateau)
  • Distonie (difasiche, al risveglio, del periodo off)
slide26

DA-agonisti

Inibitori enzimatici

nuove prospettive
Nuove Prospettive
  • TERAPIE NEUROPROTETTIVE:

Interventi mirati a preservare neuroni non irreversibilmente danneggiati o al recupero della funzione di neuroni degenerati

  • TERAPIE RESTAURATIVE:

Trapianti di cellule (midollare surrene, mesencefaliche fetali, staminali)

  • NEUROCHGIRURGIA FUNZIONALE STEREOTASSICA