slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Struttura dell’intervento PowerPoint Presentation
Download Presentation
Struttura dell’intervento

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 16
alfonso-collins

Struttura dell’intervento - PowerPoint PPT Presentation

78 Views
Download Presentation
Struttura dell’intervento
An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author. While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Tavola rotonda: Riforma della Magistratura Onoraria: problematiche emergentiLa figura di giudice onorario presso il Tribunale per i minorenni e di consigliere onorario presso la Corte d’AppelloJoseph Moyersoen, Giudice onorario presso Tribunale per i minorenni di Milano e Segretario generale dell’Associazione italiana dei magistrati per i minorenni e per la famigliaMercoledì 26 maggio 2010 Aula Magna presso Corte d’Appello di Milano

  2. Breve excursus storico Contesto attuale Proposte future Struttura dell’intervento

  3. 1. Art. 2 R.D.Lgs 1404/1934 prevede la presenza presso il TM e la CA di un componente privato, ossia di “un cittadino benemerito dell’assistenza sociale, scelto tra i cultori di biologia, di psichiatria, di antropologia criminale, di pedagogia”; 2. Art. 4 del R.D. 12/1941 definisce il componente privato come esperto, appartenente all’ordine giudiziario; 3. Artt. 4 e 5 della L. 1441/1956 introduce la psicologia fra le discipline e stabilisce che gli esperti del TM sono due, un uomo ed una donna di almeno 30 anni, su quattro e della CA due su cinque; 4. Art. 14 D.P.R. 449/1988 introduce l’udienza preliminare con una composizione a maggioranza onoraria: un giudice togato e due onorari, di cui un uomo e una donna; Breve excursus storico

  4. 5. Il CSM rispondendo ad un quesito, ha stabilito (1995) e poi confermato (2003) che il giudice onorario minorile esprime una situazione di collaborazione con la magistratura da parte di un “cittadino idoneo” per le sue particolari competenze. Pertanto tale figura deve ricondursi nel comma 2 dell’art. 102 Cost. che prevede “Possono soltanto istituirsi presso gli organi giudiziari ordinari sezioni specializzate per determinate materie, anche con la partecipazione di cittadini idonei estranei alla magistratura”; 6. La delibera del CSM del 20 maggio 1998 precisa che nei collegi misti i giudici togati si distinguono per status ma non per natura e dignità delle funzioni svolte e riconosce che il possesso di conoscenze scientifiche extragiuridiche è indispensabile non solo nella fase finale della decisione, ma anche nell’attività preparatoria di acquisizione delle necessarie informazioni. Breve excursus storico

  5. Tre aree di competenza del giudice onorario minorile presso il tribunale per i minorenni I. Penale. Nell’udienza GUP il collegio è composto da 1 giudice togato e da 2 giudici onorari. Nell’udienza DIB, nell’udienza di riesame e nell’udienza di sorveglianza il collegio è composto da 2 giudici togati e da 2 giudici onorari. Art. 27 D.P.R. 448/1988 (lettera d delle disposizioni attuative) nella sospensione del processo e di messa alla prova del minore, il presidente del collegio ha il potere di delegare “ad altro componente del collegio” di sentire, senza formalità di procedura gli operatori sociali e il minorenne messo alla prova. Contesto attuale

  6. Tre aree di competenza del giudice onorario minorile presso il tribunale per i minorenni II. Civile. Nelle Camere di Consiglio civili, in cui si tratta volontaria giurisdizione, adottabilità e contenzioso, il collegio è composto da 2 giudici togati e da 2 giudici onorari. In materia civile, l’attività istruttoria viene in gran parte delegata ai giudici onorari. Il contenzioso giudiziario riversato sui tribunali per i minorenni con l’entrata in vigore della L. 54/2006 sull’affidamento condiviso e la sua applicabilità alle coppie di fatto da parte dei tribunali per i minorenni (Cass. Ord. 8362/2007), nonché l’entrata in vigore nel 2007 della parte processuale della L. 149/2001 in materia di adozione e affidamento, hanno notevolmente aggravato la mole di lavoro della magistratura minorile togata e onoraria, senza peraltro che venisse previsto un incremento dell’organico. Contesto attuale

  7. Tre aree di competenza del giudice onorario minorile presso il tribunale per i minorenni III. Amministrativa. Art. 25 R.D.Lgs 1404/1934 relativo agli interventi rieducativi nei confronti dei minori irregolari per condotta e per carattere. Artt. 29 R.D.L.vo 1404/34 e 23 L. 39/75 relativi ai cosiddetti prosiegui amministrativi, ossia agli interventi rieducativi nei confronti di soggetti con un’età compresa tra i diciotto e i ventuno anni. Anche tale settore comprende non soltanto la partecipazione alle udienze collegiali, ma anche l’attività istruttoria dei procedimenti a cui i giudici onorari vengono delegati dal giudice togato titolare. Rispetto agli amministrativi in cui l’intervento di carattere ri-educativo è incentrato sul minore (o neomaggiorenne per i prosiegui), ossia un soggetto con difficoltà relazionali, comportamentali e di inserimento sociale che richiedono un ascolto capace di cogliere i segnali di disagio, le rappresentazioni dei problemi e individuare progetti condivisi con i servizi del territorio e con i genitori, là dove costituiscono un riferimento significativo. Contesto attuale

  8. Mandato di Giudice onorario minorile Durata. Un mandato ha durata triennale. Il mandato è sempre rinnovabile, salvo un triennio di sospensione a conclusione del terzo mandato. Composizione numerica. Presso il Tribunale per i minorenni di Milano, che ha come gli altri tribunali per i minorenni competenza distrettuale, vi sono sessanta giudici onorari di cui trenta uomini e trenta donne. Impegno professionale. E’ richiesta come impegno professionale, la presenza in tribunale di due o tre giorni settimanali. Formazione. All’inizio del mandato, viene attivata a cura del vice presidente dell’AIMMF, una formazione on-line. L’incarico consente ai giudici onorari minorili di partecipare alle formazioni del CSM in materia minorile. Contesto attuale

  9. Dati statistici Tabella 1 Principale attività svolta dai giudici onorari nel penale, presso il Tribunale per i minorenni di Milano nel periodo 2006-2008 Contesto attuale

  10. Dati statistici Tabella 2 Principale attività svolta dai giudici onorari nel civile, presso il Tribunale per i minorenni di Milano nel periodo 2006-2008 Contesto attuale

  11. Dati statistici Tabella 3 Principale attività svolta dai giudici onorari in materia di adozioni, presso il Tribunale per i minorenni di Milano nel periodo 2006-2008 Contesto attuale

  12. Dati statistici Tabella 4 Principale attività svolta dai giudici onorari in materia amministrativa, presso il Tribunale per i minorenni di Milano nel periodo 2006-2008 Contesto attuale

  13. Dati statistici Tabella 5 Partecipazione dei giudici onorari alle udienze collegiali, presso il Tribunale per i minorenni di Milano nel periodo 2006-2008 Contesto attuale

  14. Problemi riscontrati 1. Organico. Attualmente la componente togata è in molti TM sotto organico e comunque, tenuto conto delle recenti modifiche legislative che hanno causato un aumento notevole di lavoro, sotto stimati rispetto alle esigenze. La componente onoraria nei TM è in rapporto di 4 a 1 rispetto a quella togata. Nonostante questo anch’essa è sotto stimata rispetto alle esigenze. Diverso è per le CA, dove la componente onoraria fino ad oggi è stata in numero superiore alle esigenze. 2. Questione economica. Il sistema attualmente vigente è frutto dell’art. 21 della legge 284/2006 che ha abolito il ricorso all'anticipazione da parte degli uffici postali per il pagamento delle spese di giustizia precedentemente in vigore, con il quale veniva effettuata la liquidazione delle indennità dei GO di TM. Sono stati pertanto riorganizzati n. 2 capitoli di spesa: il 1632, nel quale è stata integrata tutta la magistratura onoraria - ossia i giudici di pace, i giudici onorari di Tribunale (GOT), i vice procuratore onorari (VPO), giudici onorari aggregati (GOA), ecc. - e il 1630 denominato “altre spese di giustizia” in cui sono stati inseriti i GO di TM insieme a interpreti, traduttori, periti, difensori d’ufficio, ecc. Contesto attuale

  15. 1. Riforma della categoria. 2. Riforma del Tribunale per la famiglia. Aspetti ineludibili: specializzazione dei giudici togati; presenza dei giudici onorari; competenza mista civile e penale; 2. Questione economica. Cambio del capitolo di spesa, dal 1630 al 1632. Proposte future

  16. Grazie per l’attenzione