AZIENDA ULSS 20 DI VERONA
Download
1 / 27

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Igiene generale ed applicata - PowerPoint PPT Presentation


  • 149 Views
  • Uploaded on

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Igiene generale ed applicata. Promozione dell’attività fisica: iniziative locali e regionali. Attività effettuate. 1) Corsi di ginnastica per anziani 2) Corsi di ginnastica per diabetici 3) Attività di cammino 4) Piano triennale SISP

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Igiene generale ed applicata' - abdul-haney


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione

Igiene generale ed applicata

  • Promozione dell’attività fisica:

    iniziative locali e regionali


Attivit effettuate
Attività effettuate

1) Corsi di ginnastica per anziani

2) Corsi di ginnastica per diabetici

3) Attività di cammino

4) Piano triennale SISP

5) Attività fisica e nutrizione

6) Attività fisica e formazione del m.m.g.

7) Strumenti urbanistici, organizzazione del territorio e individuazione di percorsi di quartiere

8) Advocacy



Obiettivi
Obiettivi

  • Fornire consulenza ai Comuni che non hanno iniziative in atto o che hanno già attivato autonomamente dei corsi di attività fisica e che intendono riorganizzarli

  • Finalizzare l’a. motoria alla salute e al benessere dell’utente

  • Personalizzarla quanto più possibile (anziani, portatori di mal. cronica o di fattori di rischio cardiovascolare, diverse capacità funzionali)


Azioni
Azioni

  • Promozione

  • Arruolamento

  • Valutazione sanitaria

  • Formazione degli insegnanti

  • Corsi di ginnastica

  • Dibattiti pubblici (su attività fisica, dieta, diabete)


Modalit organizzative
Modalità organizzative

  • Sede: palestre scolastiche

  • Durata: 50 lezioni (circa 6 mesi)

  • Partecipanti: 10-15 per corso, età > 55 anni

  • Costi:

  • per l’insegnante circa 900 E (50 ore)

  • spazi messi a disposizione dal comune

  • screening sanitario iniziale garantito dalla ULSS tramite convenzione con il CEBISM


Modalit organizzative1
Modalità organizzative

  • Suddivisione dei partecipanti in tre gruppi selezionati sulla base della loro capacità fisica derivata da alcune prove

  • Obiettivo di ottenere da ciascuno uno sforzo sufficiente a modificare in modo misurabile alcuni parametri fisiologici e bioumorali che sappiamo essere importanti per il benessere e la salute dei partecipanti


Modalit organizzative2
Modalità organizzative

Controlli sanitari:

  • Compilazione di una scheda di informazione sanitaria per lo screening iniziale al momento dell’iscrizione

  • Visita medica valutativa sui soggetti “ad alto rischio” individuati con lo screening iniziale


Modalit organizzative controlli sanitari
Modalità organizzativeControlli sanitari

Compilazione di una scheda di screening iniziale (tutti)

Visita medica:

  • tutti >75 anni

  • nuovi > 65 anni

  • ricovero per m.c.v. (ultimi 3 anni)

  • ogni 5 anni (65-75 a)

  • presenza di almeno 4 “criteri minori”: altri ricoveri, mal. croniche (diabete, ipertensione), fratture, cadute, terapia cronica > 3 farmaci, punteggio > 12 alla visita precedente

    ECG da sforzo (casi selezionati)


Modalit organizzative3
Modalità organizzative

Competenze dell’ULSS:

  • Assistenza nella compilazione della scheda

  • Formazione del personale comunale addetto e degli insegnanti dei corsi

  • Incontri di informazione per la popolazione interessata

  • Analisi dei corsi già in atto e progettazione di nuovi corsi dove non siano esistenti

  • Visite di secondo livello

  • Valutazione dei risultati


Modalit organizzative4
Modalità organizzative

Competenze dei comuni:

  • Organizzazione dei corsi e coordinamento attività amministrativa e sanitaria

  • Reperimento di strutture idonee

  • Pubblicizzazione dell’iniziativa

  • Copertura dei costi per strutture e insegnanti

  • Trasporto all’ambulatorio dei soggetti da visitare

  • Invio di informazioni di ritorno alla ULSS per poter valutare i risultati ottenuti


Modalit organizzative5
Modalità organizzative

Competenze degli insegnanti:

  • Accettazione delle finalità dei corsi

  • Partecipazione a incontri periodici di informazione e aggiornamento

  • Esecuzione di prove motorie all’inizio e alla fine del corso



Certificazione di idoneit all a sportiva non agonistica
Certificazione di idoneità all’a. sportiva non agonistica

Si possono individuare due tipi di attività:

 1) SPORTIVA NON AGONISTICA PROPRIAMENTE DETTA

  • la certificazione di idoneità è obbligatoria

  • rientra nell’attività convenzionale di MMG/pediatri 

    2) GINNICO-MOTORIA

  • la certificazione di idoneità non è obbligatoria

  • non rientra nell’attività convenzionale

    (Circ. reg. 17/03/1994 n. 9102/20112 e 13/11/1997 n. 7828/20254)


Definizioni
Definizioni

Attività sportiva non agonistica:

  • Competizioni tra atleti non agonisti nell’ambito di gare e campionati

  • Giochi della gioventù

  • Attività fisico-sportive scolastiche o para-scolastiche

    Attività ginnico-motoria: esercizi fisici non competitivi praticabili a prescindere dall’età dei soggetti con finalità

  • ludico-ricreative

  • ginnico-formative

  • riabilitative e/o rieducative


Certificazione di idoneit all a sportiva non agonistica1
Certificazione di idoneità all’a. sportiva non agonistica

La richiesta non giustificata di certificati medici per l’attività motoria costituisce un problema presente in modo diffuso, che costituisce un ostacolo non indifferente all’acquisizione di uno stile di vita attivo.

La Giunta della Regione Veneto in data 17.3.1994 ha emanato una disposizione avente come oggetto “Certificazione di idoneità sportiva non agonistica”…


Certificazione di idoneit all a sportiva non agonistica2
Certificazione di idoneità all’a. sportiva non agonistica

…in cui si definisce che l’attività ginnico-motoria

“…è caratterizzata da esercizi fisici non competitivi, praticabili a prescindere dall’età dei soggetti, senza controllo sanitario preventivo obbligatorio, con finalità ludico-ricreative, ginnico-formative, riabilitative e/o rieducative…”


Certificazione di idoneit all a sportiva non agonistica3
Certificazione di idoneità all’a. sportiva non agonistica

“…in questo contesto rientrano corsi di apprendimento o perfezionamento di varie discipline quali

  • il nuoto,

  • la ginnastica per bambini, adulti ed anziani,

  • la ginnastica aerobica,

  • la ginnastica presciistica,

  • l’escursionismo,

  • i corsi di ballo/danza, ecc…”



Comuni partecipanti al progetto

Già attivi:

Verona

Soave

Grezzana

S. Martino Buonalbergo

Casteldazzano

Dal 2005/2006:

Roverè Veronese

Caldiero

S. Giovanni Lupatoto

altri?

Comuni partecipanti al progetto*

*in collaborazione con CEBISM, Comune di Verona, LADEFAV


Corsi per anziani comune di verona
Corsi per anzianiComune di Verona


Corsi per anziani altri comuni
Corsi per anzianiAltri Comuni


Corsi per anziani altri comuni1
Corsi per anzianiAltri Comuni



Corsi per soggetti diabetici
Corsi per soggetti diabetici*

  • Suddivisione dei partecipanti in due gruppi selezionati sulla base della loro capacità fisica derivata da alcune prove

  • Obiettivo: ottenere da ciascuno uno sforzo sufficiente a modificare in modo misurabile alcuni parametri fisiologici e bioumorali

    critici.

*in collaborazione con CEBISM, Comune di Verona, LADEFAV


Azioni1
Azioni

  • Promozione progetto

  • Reclutamento soggetti

  • Valutazione sanitaria (questionario di screening + visita medico-funzionale con prova da sforzo + controlli in itinere)

  • Formazione insegnanti

  • Corsi AF

  • Conferenze su alimentazione e AF nel diabetico



ad