come cambia la dieta con la malattia renale l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
COME CAMBIA LA DIETA CON LA MALATTIA RENALE ! PowerPoint Presentation
Download Presentation
COME CAMBIA LA DIETA CON LA MALATTIA RENALE !

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 57

COME CAMBIA LA DIETA CON LA MALATTIA RENALE ! - PowerPoint PPT Presentation


  • 757 Views
  • Uploaded on

COME CAMBIA LA DIETA CON LA MALATTIA RENALE !. DIETISTA Marika LANGELLA . L’alimentazione è un aspetto molto importante della vita umana, sia dal punto di vista nutritivo e salutare, sia dal punto di vista psicosociale.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'COME CAMBIA LA DIETA CON LA MALATTIA RENALE !' - Pat_Xavi


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2
L’alimentazione è un aspetto molto importante della vita umana, sia dal punto di vista nutritivo e salutare, sia dal punto di vista psicosociale.
  • Dato la sua notevole importanza non può che essere uno dei punti da salvaguardare per permettere una qualità di vita soddisfacente per il paziente nefropatico.
slide3
La dieta è uno dei principali elementi nella terapia delle malattie renali, come di molte altre malattie di lunga durata.
  • Seguire una dieta non è mai facile: la vita di relazione in tutto il mondo si svolge attorno alla tavola, uno dei piaceri della vita è quello di poter mangiare con gli amici, a casa come al ristorante, senza il timore non sapere cosa scegliere o di sembrare diversi dagli altri.
slide4
Stare a dieta non deve voler dire perdere tutte queste cose: la dieta deve infatti essere uno strumento che permette di vivere meglio, rallentando o arrestando il peggioramento della funzione renale legato al sovraccarico di lavoro a cui le parti funzionali dei reni “danneggiati” sono inevitabilmente sottoposte.
che ruolo ha la dieta
Che ruolo ha la dieta?
  • La terapia dietetica può essere in grado di rallentare la progressione del danno renale e ritardare l’inizio della terapia dialitica.
  • Può essere uno strumento per migliorare la qualità di vita del paziente.
slide6
Il professionista che si occupa dell’aspetto nutrizionale della terapia è il Dietista, che lavora con l’equipe curante e in accordo con il medico nefrologo e (se presente in struttura) il dietologo sviluppa la prescrizione dietetica nella terapia dietetica personalizzata che il paziente dovrà poi seguire.
visita dietistica
Visita dietistica
  • Breve anamnesi clinica del paziente
  • Valutazione dello stato nutrizionale
  • Stesura dello schema dietetico personalizzato
valutazione dello stato nutrizionale
Valutazione dello stato nutrizionale
  • Rilevazione dei dati antropometrici (peso, altezza)
  • Calcolo del BMI (peso/altezza2)
          • Normopeso – sottopeso - sovrappeso
  • Breve storia del peso
  • Visione degli esami ematochimici
  • Accurata anamnesi alimentare
  • Valutazione dei fabbisogni nutrizionali
l anamnesi alimentare
L’anamnesi alimentare
  • Consiste in una inchiesta sulle abitudini alimentari del paziente (num.di pasti, composizione dei pasti, gusti alimentari) che verranno tradotti in numeri dandoci una stima delle calorie e dei nutrienti che il paziente abitualmente assume.
valutazione dei fabbisogni nutrizionali
Valutazione dei fabbisogni nutrizionali
  • Sulla base degli esami ematochimici, il BMI e le abitudini alimentari del paziente si stimano i fabbisogni del paziente di calorie e nutrienti (proteine, lipidi e carboidrati)
slide13
COLAZIONE
    • Latte + fette biscottate con marmellata
  • PRANZO
    • Pasta al prosciutto e piselli con un cucchiaino di parmigiano
    • Scaloppina di vitello
    • Contorno di verdura
    • 1 panino
    • Frutta di stagione
    • Dessert
  • CENA
    • Passato di verdura con riso o pasta con un cucchiaino di parmigiano
    • Formaggio
    • Contorno di verdura
    • 1 panino
    • Frutta di stagione
slide15
Nell’insufficienza renale cronica si riducono le funzionalità del rene.
  • Nelle fasi iniziali dell’IRC l’adattamento e il compenso sono efficienti; con il progredire della malattia renale lo squilibrio e il malfunzionamento di organi e apparati si rendono manifesti sottoforma dei segni e sintomi dell’uremia
slide16
E’ molto importante la tempestività dell’intervento nutrizionale:

prima si inizia la terapia dietetica più si tarderà l’inizio della dialisi per il paziente.

slide17
E’ proprio in questa fase che il paziente, spesso asintomatico, si ritrova a dover seguire in modo preciso una dieta particolare talvolta non riuscendo a comprenderne la sua utilità.
slide18
Ruolo del dietista in questa fase è di fornire al paziente una educazione specifica e precisa dell’alimentazione che dovrà seguire.
slide19
La caratteristica principale dell’alimentazione è la riduzione della proteine introdotte con l’alimentazione per evitare di sovraccaricare di lavoro il rene.
slide20
Data la riduzione della quantità delle proteine si dovrà porre attenzione alla qualità cercando di privilegiare le proteine “nobili” ad alto valore biologico (sono quelle che nutrono meglio il nostro organismo) contenute negli alimenti di origine animale rispetto a quelle degli alimenti di origine vegetale (pasta, pane, legumi)
progressione delle diete
Progressione delle diete
  • IPOPROTEICA LIEVE
  • IPOPROTEICA SEVERA
  • VEGETARIANA CON CHETOANALOGHI
  • DIALISI (EMODIALISI – DIALISI PERITONEALE

ALIMENTAZIONE NELLA SINDROME NEFROSICA

dieta ipoproteica lieve
DIETA IPOPROTEICA LIEVE
  • Viene utilizzata quando la creatinina è tra 1.7 e 1.9 mg %
  • Fornisce 0.8 g/kg peso corporeo che si traducono:
    • Uomo apporto proteico compreso tra 44 e 56 g
    • Donna apporto proteico tra 40 e 52 g
in pratica
In pratica
  • Esempio di schema alimentare per un uomo di peso 75 kg e altezza 1.80 m con 60 g di proteine e 2240 kcal
slide24
Colazione
    • 50 g di latte + tè o caffè
    • Zucchero 2 cucchiaini
    • 1 fetta di pane o 3 fette biscottate
  • Metà mattina
    • 1 frutto di stagione
  • Pranzo
    • Pasta aproteica 1 piatto abbondante condita con sughi semplici
    • Carne 80 g condita con olio
    • Verdura 1 porzione condita con olio
    • Pane comune 90 g
slide25
Metà pomeriggio
    • 1 tazza di tè con 2 cucchiaini di zucchero
    • 1 frutto di stagione
  • Cena
    • Pastina in brodo
    • Pesce g 100 condito con olio
    • Verdura 1 porzione condita con olio
    • Pane g 90
caratteristica
Caratteristica
  • L’inserimento della pasta aproteica in sostituzione della pasta comune in un pasto della giornata permette al paziente di introdurre una maggiore quantità di proteine animali
dieta ipoproteica severa
DIETA IPOPROTEICA SEVERA
  • Viene utilizzata quando la creatinina è superiore ai 2 mg %
  • Fornisce 0.6 g/kg peso corporeo che si traducono:
    • Uomo apporto proteico compreso tra 35 e 45 g
    • Donna apporto proteico tra 30 e 42 g
in pratica28
In pratica
  • Esempio di schema alimentare per un uomo di peso 75 kg e altezza 1.80 m con 40 g di proteine e 2250 kcal
slide29
Colazione
    • 50 g di latte + tè o caffè
    • Zucchero 2 cucchiaini
    • 2 fetta di pane aproteico o 5-6 fette biscottate aproteiche
  • Metà mattina
    • 1 frutto di stagione
  • Pranzo
    • Pasta aproteica 1 piatto abbondante condita con sughi semplici
    • Carne 60 g condita con olio
    • Verdura 1 porzione condita con olio
    • Pane comune 100 g
slide30
Metà pomeriggio
    • 1 tazza di tè con 2 cucchiaini di zucchero
    • 1 frutto di stagione
  • Cena
    • Pastina aproteica in brodo
    • Pesce g 100 condito con olio
    • Verdura 1 porzione condita con olio
    • Pane g 100
caratteristiche
Caratteristiche
  • In questa dieta più restrittiva la pasta aproteica sostituisce completamente la pasta normale.
  • Talvolta si deve ridurre l’assunzione di potassio e fosforo perché il rene non riesce a eliminarli in modo soddisfacente e si accumulano nell’organismo.
riduzione dell apporto di potassio
Riduzione dell’apporto di potassio
  • Il potassio è un elemento abbastanza ubiquitario negli alimenti per ridurre il suo apporto bisogna prestare attenzione all’introduzione di frutta e verdura che sono gli alimenti che ne contengono in quantità maggiore.
slide33
Per facilitare il paziente si fornisce una lista in cui questi alimenti vengono suddivisi in tre gruppi in base al loro contenuto di potassio (basso – medio – alto).
slide34
Per cui il paziente potrà mangiare tranquillamente gli alimenti a basso contenuto di potassio, in quantità minore quelli con quantitativo medio, eviterà quelli a contenuto maggiore.
riduzione dell apporto di fosforo
Riduzione dell’apporto di fosforo
  • La riduzione dell’apporto di fosforo è necessaria quando i suoi livelli ematici salgono oltre la norma, in genere nelle fasi avanzate dell’IRC al fine di prevenire o controllare l’osteodistrofia uremica
slide36
Si dovrà limitare l’introduzione degli alimenti particolarmente ricchi di fosforo quali latte e formaggi.
  • Anche carne e pesce contengono fosforo (però in misura minore dei prodotti caseari), ma sono indispensabili per il loro contenuto in proteine ad alto valore biologico.
dieta vegetariana con chetoanaloghi
DIETA VEGETARIANA CON CHETOANALOGHI
  • La dieta vegetariana è una dieta che se rigorosamente seguita è capace di rallentare il decorso delle nefropatie croniche anche quando la funzionalità renale è gravemente ridotta
  • E’ l’ultimo tentativo prima della dialisi
  • Fornisce 0.3 g/kg peso corporeo
slide38
In tale dieta vengono esclusi completamente gli alimenti di origine animale (carne, pesce, latte, formaggi, uova,…) che vengono sostituiti dai Ketoanaloghi kappa (aminoacidi privati del gruppo aminico).1 cp/4.5-5 kg peso corporeo
  • I chetoanaloghi vengono trasformati dall’organismo nei corrispondenti aminoacidi essenziali utilizzando l’azoto degli aminoacidi non essenziali derivati dalla frutta e dalla verdura.
in pratica39
In pratica
  • Esempio di schema alimentare per un uomo di peso 75 kg e altezza 1.80 m con 24 g di proteine e 2200 kcal
slide40
Colazione
    • 1 tazza di tè o caffè
    • Zucchero 2 cucchiaini
    • 2 fetta di pane o 5-6 fette biscottate
  • Metà mattina
    • 1 frutto di stagione
  • Pranzo
    • Pasta aproteica 1 piatto abbondante condita con sughi semplici
    • Verdura 1 porzione abbondante condita con olio
    • Pane comune 100 g
slide41
Metà pomeriggio
    • 1 tazza di tè con 2 cucchiaini di zucchero
    • 1 frutto di stagione
  • Cena
    • Pastina aproteica in brodo
    • Verdura 1 porzione abbondante condita con olio
    • Pane g 100
slide42
Il paziente non deve assolutamente consumare nessun alimento di origine animale (carne, pesce, ecc..)
  • È importante però che il paziente introduca in quantità adeguata tutti gli altri alimenti permessi perché una introduzione insufficiente di calorie non permette la trasformazione dei chetoanaloghi in aminoacidi essenziali con peggioramento dell’IRC.
slide43
Questo tipo di dieta è a basso contenuto di fosforo perché non vengono introdotte le proteine animali
  • È molto restrittiva nella scelta degli alimenti
slide45
L’alimentazione di un paziente sottoposto a emodialisi sarà completamente diversa rispetto a quella antecedente la dialisi.
  • Infatti se prima doveva ridurre l’apporto di proteine perché il rene non riusciva a smaltire le scorie azotate ora c’è il trattamento dialitico che pensa a questo e il paziente avrà un’alimentazione più “libera”
slide46
L’apporto proteico sarà maggiore:
    • 1.2 g/kg peso corporeo
  • Il doppio rispetto a quello che doveva introdurre prima della dialisi, in quanto il paziente attraverso la dialisi perde proteine
in pratica47
In pratica
  • Esempio di schema alimentare per un uomo di peso 75 kg e altezza 1.80 m con 90 g di proteine e 2560 kcal
slide48
Colazione
    • 1 tazza di tè o caffè
    • Zucchero 2 cucchiaini
    • 2 fetta di pane o 5-6 fette biscottate
    • 1 fetta di prosciutto
  • Metà mattina
    • 1 frutto di stagione
  • Pranzo
    • Pasta 1 piatto abbondante condita con sugo
    • Carne g 100 condita con olio
    • Verdura 1 porzione condita con olio
    • Pane comune 50 g
slide49
Metà pomeriggio
    • 1 frutto di stagione
  • Cena
    • Pasta 1 piatto condita con sugo
    • Pesce g 180 condita con olio
    • Verdura 1 porzione condita con olio
    • Pane g 50
slide50
Il paziente dovrà ridurre l’introduzione di fosforo
  • Spesso deve ridurre l’apporto idrico a 500 cc/die
  • Prestare attenzione all’apporto di sodio e potassio
slide52
L’alimentazione di un paziente sottoposto a dialisi peritoneale sarà abbastanza diversa da quella del paziente in emodialisi.
  • L’apporto proteico sarà di 1.3 g/kg peso corporeo perché le perdite proteiche sono maggiori rispetto all’emodialisi
slide53
Inoltre bisogna tenere conto che nel liquido di dialisi sono presenti alte concentrazioni di zuccheri semplici che vengono assorbiti tramite il peritoneo fornendo un apporto calorico abbastanza rilevante che deve essere conteggiato nell’alimentazione del paziente.
slide54
Durante la dialisi (sia essa peritoneale o emodialisi) il paziente è ad elevato rischio di malnutrizione proteica per:
    • Depressione ⇨ riduzione dell’alimentazione
    • Aumentate perdite di proteine con la seduta dialitica
compliance dei pazienti alla dieta
COMPLIANCE DEI PAZIENTI ALLA DIETA

Tali diete possono essere molto diverse dall’alimentazione abituale del paziente. Per cui la prima difficoltà che il paziente trova è dover abbandonare tutte le abitudini che si porta avanti da anni e pian piano abituarsi a mangiare in modo diverso.

slide56
Seguire una terapia dietetica non è come assumere un farmaco: richiede al paziente uno sforzo in più di buttar giù tutto con un bicchiere d’acqua.
slide57
È molto importante che in tutte queste fasi si crei un rapporto di fiducia tra dietista e paziente, di dialogo e collaborazione in modo che il paziente riesca a seguire la terapia dietetica senza che però sia troppo gravoso.