Clima e psicopatologie organizzative
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 9

Clima e psicopatologie organizzative PowerPoint PPT Presentation


  • 84 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Clima e psicopatologie organizzative. di Emanuele Cadario. [email protected] Meltzer, 1942. La funzionalità aziendale può essere migliorata rendendo più umani i rapporti intra-organizzativi Distingue tra organizzazione umanistica e non umana.

Download Presentation

Clima e psicopatologie organizzative

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Clima e psicopatologie organizzative

Clima e psicopatologie organizzative

di Emanuele Cadario

università degli studi di torino

[email protected]


Meltzer 1942

Meltzer, 1942

  • La funzionalità aziendale può essere migliorata rendendo più umani i rapporti intra-organizzativi

  • Distingue tra organizzazione umanistica e non umana

Scientific Management; individuo-macchina; autocrazia; sfruttamento

rispetto legami emotivi; partecipazione democratica

università degli studi di torino

[email protected]


Mcgregor 1960

McGregor, 1960

  • Gli individui hanno profonde motivazioni interiori, più forti delle inappropriate pressioni estrinseche delle direzioni aziendali

  • 2 ipotesi sulla natura dell’individuo-lavoratore:

  • Teoria x: pigro, infingardo, passivo (homo oeconomicus), insegue l’utile individuale, risponde solo a ricompense estrinseche, non è motivato al lavoro

  • Teoria y: ricerca e accetta responsabilità, è motivato internamente (es. achievement, valori), ha capacità di fantasia e creatività, il lavoro è naturale come il gioco

  • Profezia che si auto-adempie: le direzioni che seguono la Teoria x fanno sì che i soggetti si comportino come tali. Le organizzazioni non utilizzano al meglio i loro uomini; seguire la Teoria y porta ad una maggiore efficacia

università degli studi di torino

[email protected]


Likert 1961

Likert, 1961

Confrontando organizzazioni di differenti settori industriali individua 4 forme di management:

  • Autoritario sfruttatorio: aderisce alla Teoria x

  • Autoritario benevolo: si prende cura del personale ma è autoritario quanto il precedente

  • Consultivo: discussione tra livelli, possibilità di influenzare dal basso le decisioni anche se i consigli possono essere ignorati

  • Partecipativo: coinvolgimento totale

università degli studi di torino

[email protected]


Clima e psicopatologie organizzative

Conclusione: l’individuo ha necessità

di sentirsi parte dell’organizzazione

di avere un ruolo significativo e riconoscibile

di essere sostenuto

di avere alti obiettivi individuali e di gruppo che siano però alla “portata”, quindi raggiungibili

Il quarto tipo di organizzazione si è dimostrato essere il più efficace

università degli studi di torino

[email protected]


Patologie organizzative

Patologie organizzative

nevrotica

psicotica

Organizzazione sana

reversibilità

irreversibilità

L’organizzazione nevrotica può ancora recuperare benessere e funzionalità (reversibilità); l’organizzazione psicotica rappresenta un declino ormai avvenuto (irreversibilità) e completa disgregazione

università degli studi di torino

[email protected]


Organizzazioni malate

Organizzazioni malate

  • Mancanza di finalità condivise

  • Bassa funzionalità

  • Comunicazioni inadeguate

  • Carenza di valori condivisi

  • Perdita di efficacia e efficienza

  • Clima con basso morale e passività

  • Confronto svilente con altre organizzazioni

  • Paura del cambiamento

  • Assenza di leadership

  • Management rigido

Questi elementi sottolineano la presenza di strategie inadeguate, con mancanza di stili di coping efficaci, che fanno permanere l’organizzazione in uno stato di inadeguatezza. L’attesa e la perseveranza nell’errore si stabilizzano divenendo modalità comportamentali tipiche ma assolutamente illusorie onde ristabilire il benessere.

università degli studi di torino

[email protected]


Ketz de vries e miller 1984

Ketz de Vries e Miller, 1984

Individuano 5 patologie organizzative

  • Schizoide: cambia continuamente, manca di concentrazione e di integrazione, i cambiamenti sono spesso senza scopo tanto da farla confondere con una organizzazione psicotica.

  • Drammatica: narcisistica, dispotica, accentrata, non attenta ai rischi dei cambiamenti continui.

  • Paranoica: paura e diffidenza nei confronti dell’ambiente interno ed esterno, presenza di sospetti e segreti.

  • Compulsiva: ossessiva nel perfezionismo, burocratica, irreversibile nelle decisioni, inflessibile di fronte alle necessità di cambiare.

  • Depressa: abitudinaria, passiva, burocratica, lenta, comunque funzionante.

università degli studi di torino

[email protected]


Curiosit bibliografiche

Curiosità bibliografiche

Kets de Vries M.F.R., Miller P. (1984), The neurotic organizations: diagnosing andchanging counterproductive styles of management, San Francisco, Jossey-Bass.

Likert R. (1961), New patterns of management, New York, McGraw-Hill.

McGregor D. (1960), The human side of enterprise, New York, McGrow-Hill.

Meltzer H. (1942), Explorations in humanizing relations of key people in industry, in “American Journal of Orthopsychiatry”, 12, pp. 517-528.

università degli studi di torino

[email protected]


  • Login