Presenta
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 38

L'Istituto Comprensivo F. Ciusa PowerPoint PPT Presentation


  • 89 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

PRESENTA. L'Istituto Comprensivo F. Ciusa. 1861- 2011 150 anni unita' d'Italia. Detti e proverbi d'Italia. Un lavoro della professoressa Roberta Olivari. Tante regioni ma una sola ITALIA. Cos'è un pro verbio. La parola Proverbio deriva dal latino proverbium.

Download Presentation

L'Istituto Comprensivo F. Ciusa

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Presenta

PRESENTA

L'Istituto Comprensivo F. Ciusa


L istituto comprensivo f ciusa

1861- 2011150 anniunita' d'Italia


Detti e proverbi d italia

Detti eproverbid'Italia

Un lavoro della professoressa Roberta Olivari


Tante regioni ma una sola italia

Tanteregionimauna solaITALIA


Cos un pro verbio

Cos'è un proverbio

La parola Proverbio deriva dal latino proverbium.

Il proverbio è una massima contenente saggezza popolare, principi o consigli tratti dall'esperienze quotidiana.


L istituto comprensivo f ciusa

Detti eproverbid'Italia

Ogni regione italiana ha i propri detti e i propri proverbi. Ma nonostante le particolarità regionali, numerosi sono i detti che hanno una tale omogeneità nella formulazione da dimostrare che esiste una continuità che accomuna

tutti gli italiani .


L istituto comprensivo f ciusa

Tramandati dalla tradizione regionale, ecco per voi una raccolta di proverbi e detti popolari, spesso vere perle di saggezza.

Detti eproverbid'Italia


L istituto comprensivo f ciusa

Unproverbio presente in

tutte le regioni

  • La gatta frettolosa ha fatto i gattini ciechi

  • La ghiatta presciolosa fece li ghiattucci cèchi - (Lazio)

  • A gatta pressaròla fici li gattariddi cicati - (Calabria)

  • La gatta pressusa la fa i micétt orb -(Lombardia)

  • 'A gatte ferejose a fatt 'i fijje cacate - (Molise)

  • La pressa fa gli iàtti ciechi (Santi Cosma e Damiano, Latina)


Ab ruz zo

ABRUZZO


Detti e proverbi d ab ruz zo

Detti e proverbi d'Abruzzo

  • Roscje d'ser bell temp si sper, roscje de matine vent e piuggerillin -Rosso di sera bel tempo si spera, rosso di mattina vento e pioggerellina

  • Piove sempre sopr a lu' bagnat e tutt quell ca' piuvut va a fini' a lu' mar -Piove sempre sul bagnatoe tutto quello che è piovuto va sempre a finire al mare

  • Chi lascjie la via vecchjie pe' quell nove sa quell che lascjie,ma nen sza' quell che trov- Chi lascia la via vecchia per la nuova sa quello che lascia ma non sa quel che trova.

  • .


Bas ilic ata

BASILICATA


Detti e pro verbi della basilicata

Detti e proverbi dellaBasilicata

  • Ognadunu porta l'acqua a u mulinu soio - Ognuno porta l'acqua al suo mulino

  • Si dicit'u piccatu ma no u piccature - Si dice il peccato ma non il peccatore

  • Megghiu n'uvu gòi ca crai a gaddina - Meglio un uovo oggi che la gallina domani .

  • Amici cu tutti e fidìli cu nisciunu! - Fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio

  • Quannu a gatta nun c'è, li sùrici abballanu - Quando il gatto non c'è i topi ballano.


Ca lab ria

CALABRIA


Detti e pro verbi della calabria

Detti e proverbi dellaCalabria

  • A cumpidènza fà l'homu latru - L'occasione fa l'uomo ladro.

  • Eccu na virità chi ttutti sannu: “Fatta la leggi truvatu lu ngannu” - Ecco una verità che tutti conoscono:«Fatta la legge trovato l’inganno».

  • Ccucchiari l’ùtili ’o fùtili.(dial. Reggino) -Unire l’utile al dilettevole.

  • Fidàrisi è bbona cosa, non fidàrisi è mmegghiu -«Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio»

  • Cani chi abbaja assai muzzica pocu.Cane che abbaia molto, morde poco.


Cam pa nia

CAMPANIA


L istituto comprensivo f ciusa

Detti e proverbi dellaCampania

  • Chi cchiù spenne, meno spenne - Chi più spende, spende meno.

  • Piglià p''o culo - Prendere per i fondelli

  • Piglià 'nu terno - Fare terno al lotto

  • Vatte 'o ffierro finché è caudo - Batti il ferro fin che è caldo

  • Tutto 'o lassato è perduto - Tutto ciò che è lasciato è perso.


Emilia roma gna

EMILIAROMAGNA


L istituto comprensivo f ciusa

Detti e proverbi dellaEmilia Romagna

  • Chi s-cèfla a tévla e canta a let, l'è un mat perfet -Chi fischia a tavola e canta a letto è un matto perfetto. (Modena)

  • Lavorère cmé 'n nigòr - Lavorare come un negro. (Parma)

  • L'è dur – E' duro (cioè è proprio tonto)

  • Ad carnevèl ogni burla vèl - A carnevale ogni scherzo vale.

  • I parint iè cumè e pes, dop tre dé i pozaI – I parenti sono come il pesce, dopo tre giorni puzzano.


Friuli venezia giulia

FRIULIVENEZIAGIULIA


L istituto comprensivo f ciusa

Detti e proverbi del

Friuli Venezia Giulia

  • Brut di pìzzul, biel di grant - Brutto in fasce, bello in piazza.

  • Man de puina - Mani di ricotta

  • Andar a remengo - Andare in rovina, in miseria.

  • Cambiarghe aqua a le olive - Orinare, fare pipì.

  • Rider soto coz - Ridere di nascosto, sotto i baffi.

  • Cui ch'el cîr, el ciate - Chi cerca trova. 


La z io

LAZIO


L istituto comprensivo f ciusa

Detti e proverbi del Lazio

  • Su li gusti nun ce se sputa (Roma) - Sui gusti non si discute, i gusti sono gusti.

  • Chi llassa la via vecchia pe'la nova, mala via trova - Chi lascia la via vecchia per la nuova mala via trova.

  • Chi mor' giac' chi resta s'da pac' (Ripi/Frosinone) - Chi muore giace chi resta si da pace

  • Chi fa pe' sè fa pe' tre - Chi fa da sè fa per tre.


Li gu ria

LIGURIA


L istituto comprensivo f ciusa

Detti e proverbi della Liguria

  • Lontan da-i êuggi lontan da-o chèu - Lontano dagli occhi lontano dal cuore. 

  • Voiæ de loâ satime addosso, lòua ti che mi no pòsso! - Voglia di lavorare saltami addosso, lavora tu che io non posso.

  • Longu cume a caresima - Lungo come la quaresima.

  • Và ciù ûn èuvo anchèu che ûnn-a gallinn-a doman - Meglio un uovo oggi che una gallina domani.

  • Zugâ cu’u fögu - Giocare col fuoco.


Lom bar dia

LOMBARDIA


L istituto comprensivo f ciusa

Detti e proverbi della Lombardia

  • Chi che canta a tàula e in lett i è matt perfett - Chi canta a tavola e a letto è un matto perfetto.

  • Nà a haì (Sale Marasino) - Vallo a sapere.

  • L'é 'n arvèrs/an Bastian cuntrari - E'un tipo rovescio, un bastian contrario

  • Peutost che gnint -Meglio che niente!

  • Vèss in di furi- Essere su tutte le furie


Ma rc he

MARCHE


L istituto comprensivo f ciusa

Detti e proverbi delle Marche

  • Pasqua Epifania, tutte le feste se porta via, pui vene san Benedittu che ne porta un antru sacchittu - Pasqua Epifania tutte le feste si porta via, poi viene San Benedetto che ne porta un altro sacchetto

  • Comme stai? Comme un cane vastonatu - Come stai? Come un cane bastonato..

  • Omu 'vvisatu, mezzu sarvatu (Macerata)-Uomo avvisato mezzo salvato.


Mo li se

MOLISE


L istituto comprensivo f ciusa

Detti e proverbi del Molise

  • Avetezze, mezza bellezze -Altezza, mezza bellezza.

  • Chi troppe vo, nejende stregne - Chi troppo vuole, nulla stringe.

  • E' nere com' a pece - E' nero come la pece.

  • Marz è pazz (Colli a Volturno) - Marzo è pazzo.

  • Tale patre, tale figlie, tale vite, tale magliuolo -Tale padre tale figlio, tale vite, tale tralcio.


Pie mo nte

PIEMONTE


L istituto comprensivo f ciusa

Detti e proverbi del Piemonte

  • Avèj la luna per drit - Avere la luna dritta. Essere di buom umore.

  • Lest coma nas levr - Veloce come una lepre.

  • Bianch come la fiòca - Bianco come la neve.

  • Gavesse 'l bocon da 'n boca -Togliersi il boccone di bocca

  • Andé an aria pataria-Andare a gambe levate, fallire, andare in malora.


Pu gl ia

PUGLIA


L istituto comprensivo f ciusa

Detti e proverbi della Puglia

  • Vién' a zz'zi'!Vieni "da zio-zio"- Ti aspettavo al varco e ci sei venuto

  • T'a ssciakkuè la vòkk' - Ti devi sciacquare la bocca. (Non sei degno di parlare di certe persone e manco di nominarle)

  • T'a fàtt' karòggn'- Sei una carogna.

  • No' ttén' né jjàrt' e nné ppàrt' -Non ha nè arte nè parte.

  • No' ttén' màngh' juókkj' k' kkjàng' - Non ha nemmeno occhi per piangere.


Sar de gna

SARDEGNA


L istituto comprensivo f ciusa

Detti e proverbi della Sardegna

  • Fora dae coru, fora dae pensamentu - Lontano dal cuore, lontano dal pensiero

  • De s'homini est su errare, de su buginu su perseverai - Sbagliare è dell'uomo, perseverare nell'errore è del diavolo

  • Confida in totus, et fidadì de pagus - Abbi fede in tutti, ma fidati veramente di pochi

  • Mannu po de badas - Grande per niente.

  • Ne chini cantara in mesa o in lettu, o è maccu o è fettu - Chi canta a tavola o a letto o è pazzo o è stolto.


Si ci lia

SICILIA


L istituto comprensivo f ciusa

Detti e proverbi della Sicilia

Nuddu si pigghia si non si rassumigghia - Chi si assomiglia si piglia.

Chiddu ca non fa pi tia ad autri non fari - Non fare ad altri quello che non vuoi facciano a te

Cu bivi sulu senza cumpagnia o è n'latru o è nà spia- Chi beve senza compagnia o è un ladro, oppure una spia

Cu disprezza compra - Chi disprezza compra

Cani cà 'baia assai, 'muzica pocu - Cane che abbaia molto , mozzica poco


  • Login