Integrazione di funzioni
Download
1 / 29

Integrazione di funzioni - PowerPoint PPT Presentation


  • 133 Views
  • Uploaded on

Integrazione di funzioni. Il problema della quadratura. Data una funzione f(x) definita in un intervallo [a,b], si vuole valutare l’integrale: a partire dai valori della funzione integranda f(x) in un insieme di punti compresi nell’intervallo di integrazione

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Integrazione di funzioni' - melora


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

Il problema della quadratura
Il problema della quadratura

  • Data una funzione f(x) definita in un intervallo [a,b], si vuole valutare l’integrale:

    a partire dai valori della funzione integranda f(x) in un insieme di punti compresi nell’intervallo di integrazione

  • In tutti i metodi di quadratura si effettua una somma di valori della funzione integranda

  • Un buon metodo di quadratura deve:

    • valutare l’integrale con la maggior precisione possibile

    • sfruttare il minor numero possibile di valori della funzione integranda


Notazioni
Notazioni

  • Supponiamo di avere una serie di N ascisse equispaziate x1, x2, ... , xN :

    • x1=a; xN=b

    • h = distanza tra ciascuna coppia di ascisse

    • (b-a) = (N-1)h

    • xk=xk+(k-1)h con k=1,...,N

    • poniamo f(xi)=fi

  • Formule chiuse:

    • utilizzano nel calcolo i valori di f1 e fN

  • Formule aperte:

    • non utilizzano nel calcolo uno o entrambi i valori di f1 e fN

    • possono essere utili se il valore di f in uno degli estremi di integrazione è infinito (purché la singolarità sia integrabile)

y

fi=f(xi)

h

x

x1=a

x2

xi

xN=b


Regola del trapezio
Regola del trapezio

  • Consiste nell’approssimare l’integrale nell’intervallo tra xj e xj+1 nel modo seguente:

    • Se f(x)≥0, tale valore rappresenta l’area del trapezio di basi fj e fj+1 e altezza h

    • in sostanza, nell’intervallo tra xj e xj+1 la f(x) viene approssimata da un polinomio di primo grado

  • Il valore dell’integrale calcolato con la regola del trapezio differisce dal valore vero per un termine che è dell’ordine di h3 per la derivata seconda della funzione calcolata in un punto (non noto) dell’intervallo [xj,xj+1]

  • La formula del trapezio è esatta per polinomi fino al primo grado


Regola del trapezio estesa
Regola del trapezio estesa

  • Utilizziamo la regola del trapezio N-1 volte negli intervalli [x1,x2], [x2,x3], ..., [xN-1,xN]:

    • nel calcolo precedente si è assunto N-1≈N, il che è vero per N grande

  • La precisione migliora con il quadrato del numero di punti utilizzati per il calcolo

    • raddoppiando i punti l’errore diminuisce di un fattore 4


Applicazione della regola del trapezio
Applicazione della regola del trapezio

  • Si procede per approssimazioni successive:

    • nella prima iterazione si utilizzano i valori di f(x) negli estremi di integrazione

    • nella n-esima iterazione vengono aggiunti 2n-2 valori di f(x) in corrispondenza dei punti medi degli intervalli elementari definiti dall’iterazione precedente

    • alla n-esima iterazione l’intervallo di integrazione risulta diviso in 2n-1 intervalli elementari

1

2

3

iterazioni

4

...


Implementazione dell algoritmo 1
Implementazione dell’algoritmo (1)

  • Poniamo b-a=Δ e indichiamo con In l’integrale calcolato nella n-esima iterazione.

  • Alla prima iterazione si ha:

  • Alla seconda iterazione avremo:

  • Alla terza iterazione si avrà:


Implementazione dell algoritmo 2
Implementazione dell’algoritmo (2)

  • Generalizzando il risultato trovato in precedenza possiamo concludere che:

  • Poiché nel passare da un’iterazione alla successiva il numero di punti utilizzati per il calcolo raddoppia, la precisione del calcolo migliora di un fattore 4.

  • In generale, la procedura iterativa viene fermata quando:

    dove ε è la precisione richiesta per il calcolo


Esempi 1
Esempi (1)

  • Supponiamo di voler calcolare l’integrale

    con una precisione ε=10-6. Si ha:


Esempi 2
Esempi (2)

  • Supponiamo di voler calcolare l’integrale

    con una precisione ε=10-6. Si ha:


Regola di simpson 1
Regola di Simpson (1)

  • Consideriamo l’intervallo tra xj-1 e xj+1

  • Usiamo la seguente notazione:

    • xj-1=xj-h; f(xj-1)=fj-1

    • f(xj)=fj

    • xj+1=xj+h; f(xj+1)=fj+1

  • Nell’intervallo in esame approssimiamo la f(x) con una parabola passante per i tre punti (xj-1,fj-1), (xj,fj), (xj+1,fj+1):

    • scrivendo l’equazione della parabola in questa forma è automaticamente rispettata la condizione f(xj)=fj

  • I coefficienti a e b si determinano imponendo le condizioni;

    • f(xj-h)=fj-1

    • f(xj+h)=fj+1


Regola di simpson 2
Regola di Simpson (2)

y

  • L’integrale tra xj-1 e xj+1 della f(x) è dato da:

fj

fj+1

fj-1

h

h

x

xj-1

xj

xj+1


Regola di simpson 3
Regola di Simpson (3)

  • Calcoliamo quindi il coefficiente b:

  • Sommando membro a membro le due equazioni si ha:

  • Sostituendo il valore di b nella formula dell’integrale:

  • Il valore dell’integrale calcolato con la formula di Simpson differisce dal valore vero per un termine che è dell’ordine di h5 per la derivata quarta della funzione calcolata in un punto (non noto) dell’intervallo [xj,xj+1]

  • La formula di Simpson è esatta per polinomi fino al terzo grado


Formula di simpson estesa
Formula di Simpson estesa

2h

2h

2h

  • Dividiamo l’intervallo [a,b] negli (N-1)/2 intervalli:

    • [x1,x3], [x3,x5], ..., [xN-2,xN]

    • a=x1; b=xN

    • h=(b-a)/(N-1)

  • Si ha:

x

a=x1

x2

x3

xN=b

x4

x5

...

xN-2

xN-1


Applicazione della regola di simpson
Applicazione della regola di Simpson

  • L’algoritmo è molto simile a quello usato per la regola del trapezio

  • Anche in questo caso si procede per approssimazioni successive:

    • nella n-esima iterazione vengono aggiunti 2n-2 valori di f(x) in corrispondenza dei punti medi degli intervalli elementari definiti dall’iterazione precedente

    • alla n-esima iterazione l’intervallo di integrazione risulta diviso in 2n-1 intervalli elementari

    • nella n-esima iterazione si sfrutta il risultato ottenuto con la regola del trapezio nell’iterazione precedente

1

2

3

iterazioni

4

...


Implementazione dell algoritmo 11
Implementazione dell’algoritmo (1)

  • Poniamo ancora b-a=Δ

  • Per la n-esima iterazione poniamo:

    • Sn = integrale calcolato con la regola di Simpson

    • Tn = integrale calcolato con la regola del trapezio

  • Alla prima iterazione si ha:

    • notare che S1=0 perché nella prima iterazione si considerano solo due punti, mentre per applicare la regola di Simpson ne occorrono tre


Implementazione dell algoritmo 21
Implementazione dell’algoritmo (2)

  • Alla seconda iterazione si ha:

  • Alla terza iterazione si ha:


Implementazione dell algoritmo 3
Implementazione dell’algoritmo (3)

  • Alla n-esima iterazione si avrà:

  • Poiché nel passare da un’iterazione alla successiva il numero di punti utilizzati per il calcolo raddoppia, la precisione del calcolo migliora di un fattore 16.

  • Come nel caso precedente, la procedura iterativa viene fermata quando:

    dove ε è la precisione richiesta per il calcolo


Esempi 11
Esempi (1)

  • Supponiamo di voler calcolare l’integrale

    con una precisione ε=10-6. Si ha:


Esempi 21
Esempi (2)

  • Supponiamo di voler calcolare l’integrale

    con una precisione ε=10-6. Si ha:


Calcolo di integrali impropri
Calcolo di integrali impropri

  • Casi di integrali impropri estesi ad intervalli finiti:

    • la funzione integranda ha limite finito in uno degli estremi di integrazione, ma non può essere calcolata (esempio sinx/x per x0)

    • la funzione ha limite superiore + e/o limite inferiore -

    • la funzione ha una singolarità integrabile in uno dei due estremi di integrazione (esempio x-1/2 per x 0)

    • la funzione ha una singolarità integrabile in un punto noto dell’intervallo di integrazione (ci si può ricondurre al caso precedente)

    • la funzione ha una singolarità integrabile in un punto non noto dell’intervallo di integrazione (questo caso non verrà studiato)

  • In tutti i casi in esame, per poter effettuare il calcolo, è necessario che l’integrale esista e sia finito

    • se l’integrale non esiste oppure è infinito, qualunque procedura di calcolo sarà priva di senso e darà risultati errati!

  • Studieremo il calcolo di integrali impropri con una singolarità in corrispondenza di uno degli estremi di integrazione (o di entrambi)

    • in tal caso non è possibile usare una formula chiusa, perché implicherebbe il calcolo del valore della funzione integranda in corrispondenza della singolarità


Regola del punto medio
Regola del punto medio

  • La regola del punto medio consiste nell’approssimare l’integrale tra xj e xj+1 nel modo seguente:

    ove fj+1/2 è il valore della funzione nel punto medio dell’intervallo [xj,xj+1]

  • se f(x)>0, l’integrale viene approssimato con l’area del rettangolo di base h=xj+1-xj e altezza fj+1/2

y

fj

fj+1/2

fj+1

xj

xj+1/2

xj+1

x


Regola estesa del punto medio
Regola estesa del punto medio

  • Dividiamo l’intervallo [a,b] negli N-1 intervalli:

    • [x1,x2], [x2,x3], ... , [xN-1,xN]

    • a=x1; b=xN

    • h=(b-a)/(N-1)

  • Si ha:

h

h

h

x

a=x1

x3/2

x2

xN=b

x5/2

x3

...

xN-1

xN-1/2


Applicazione della regola del punto medio 1
Applicazione della regola del punto medio (1)

  • L’algoritmo è simile a quelli visti per la regola del trapezio e per la regola di Simpson

  • In questo caso, però, per poter usare il risultato ottenuto dopo ogni iterazione come punto di partenza per l’iterazione successiva, in ciascuna iterazione occorrerà suddividere gli intervalli di partenza in 3 parti invece che in 2

    • questa complicazione nasce dal fatto che si utilizzano i valori della funzione nei punti medi di ciascun intervallo invece che negli estremi


Applicazione della regola del punto medio 2
Applicazione della regola del punto medio (2)

  • nella n-esima iterazione vengono aggiunti 23n-2 valori di f(x) in corrispondenza dei punti medi dei nuovi intervalli

  • alla n-esima iterazione l’intervallo di integrazione risulta diviso in 3n-1 intervalli elementari

  • in ciascuna iterazione si sfrutta il risultato ottenuto nell’iterazione precedente

1

2

iterazioni

3

...


Implementazione dell algoritmo 12
Implementazione dell’algoritmo (1)

  • L’integrale calcolato nella n-esima iterazione è:

    dove Δ=b-a

  • Occorre cercare una formula ricorsiva che permetta di legare In+1 a In

  • Applicando la definizione precedente si ha:


Implementazione dell algoritmo 22
Implementazione dell’algoritmo (2)

  • La sommatoria con l’indice k che varia da 1 a 3n può essere spezzata in 3 sommatorie distinte:

    • nella prima raggruppiamo i termini con k=1,4,7,...,3n-2

      • in tali termini k=3k1-2 con k1=1,2,...,3n-1

    • nella seconda raggruppiamo i termini con k=2,5,8,...,3n-1

      • in tali termini k=3k2-1 con k2=1,2,...,3n-1

    • nella terza raggruppiamo i termini con k=3,6,9,...,3n

      • in tali termini k=3k3 con k3=1,2,...,3n-1


Implementazione dell algoritmo 31
Implementazione dell’algoritmo (3)

  • Nel passare da un’iterazione alla successiva il numero di punti utilizzati per il calcolo viene triplicato, e dunque la precisione del calcolo migliora di un fattore 9.

  • Come negli altri casi, la procedura iterativa viene fermata quando:

    dove ε è la precisione richiesta per il calcolo

  • L’algoritmo sviluppato per il calcolo di integrali impropri può essere usato anche per il calcolo di integrali “normali”

  • Il tempo di calcolo richiesto per un integrale improprio è in genere maggiore rispetto a quello richiesto per un integrale “normale” per via della singolarità


Esempio
Esempio

  • Supponiamo di voler calcolare l’integrale improprio

    con una precisione ε=10-6. Si ha:


ad