slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
Consolidamento di edifici in muratura (Tiranti – Cordoli – Cuci Scuci – Cerchiature)

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 55

Consolidamento di edifici in muratura (Tiranti – Cordoli – Cuci Scuci – Cerchiature) - PowerPoint PPT Presentation


  • 425 Views
  • Uploaded on

Consolidamento di edifici in muratura (Tiranti – Cordoli – Cuci Scuci – Cerchiature) (a cura di Michele Vinci). Tutte le immagini riportate sono tratte dal testo: “Metodi di calcolo e tecniche di consolidamento per edifici in muratura” – Michele Vinci – Flaccovio Ed.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Consolidamento di edifici in muratura (Tiranti – Cordoli – Cuci Scuci – Cerchiature)' - helia


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Consolidamento di edifici in muratura

(Tiranti – Cordoli – Cuci Scuci – Cerchiature)

(a cura di Michele Vinci)

Tutte le immagini riportate sono tratte dal testo:

“Metodi di calcolo e tecniche di consolidamento per edifici in muratura” – Michele Vinci – Flaccovio Ed.

slide2

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

  • I benefici offerti dai tiranti sono molteplici, tra i più importanti ricordiamo:
    • L’incremento del grado di connessione tra due pareti ortogonali;
    • La riduzione delle possibilità di ribaltamento fuori piano delle pareti;
    • L’incremento di resistenza nel proprio piano delle pareti;
    • Assorbire le spinte statiche di archi, volte e tetti.
  • I tiranti, sono costituiti dalle seguenti parti:
    • Cavo metallico;
    • Capochiave;
    • Giunti di connessione.
slide3

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Capochiave circolare

slide4

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Capochiave rettangolare o quadrato

slide5

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Capochiave rettangolare con doppio tirante

slide6

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Capochiave a paletto

slide7

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Capochiave a paletto

Deve essere collocato a 45° in modo da insistere sul solaio e sul muro ortogonale.

slide8

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza

La resistenza massima T (massimo sforzo normale di trazione applicabile) di un tirante dipende dalla geometria e dalle caratteristiche meccaniche del cavo di cui è costituito (Tt), della muratura (Tm) e del capochiave (Tc). La resistenza è data dal valore minimo delle resistenze delle singole parti menzionate:

T = min(Tt, Tm, Tc)

Tt: resistenza del cavo;

Tm: resistenza della muratura;

Tc: resistenza dl capochiave.

slide9

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza del cavo del tirante

La massima resistenza del cavo del tirante (Tt) è data dalla seguente relazione:

Per sezioni circolari, quadrate e rettangolari si ha:

(sezione circolare)

(sezione quadrata)

(sezione rettangolare)

  • dove:
    • “d” è il diametro del cavo circolare;
    • “a” e “b” sono i lati del cavo quadrato e rettangolare.
slide10

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza della muratura

La massima trazione applicabile al tirante (Tm) per effetto della resistenza della muratura è dato dal minimo di due contributi, quello della resistenza a trazione (Tm,a) e quello della resistenza a taglio (Tm,t) della muratura stessa:

Tm = min(Tm,a, Tm,t)

La resistenza della muratura dipende dalla forma del capochiave.

slide11

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza della muratura con capochiave circolare

Lo sforzo normale di trazione Tm,a del tirante genera sulla muratura, attraverso il capochiave, uno stato tensionale che tende a far staccare una porzione di muratura. Si fa l’ipotesi che la muratura che si stacca ha una forma troncoconica con inclinazione delle pareti laterali a 45°. Il diametro minore del troncocono di muratura “D” è pari al diametro del capochiave, mentre quello maggiore “D+2t” è pari al diametro del capochiave più due volte lo spessore del muro “t”.

slide12

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza della muratura con capochiave circolare

Per effetto della forza Tm,a trasmessa dal tirante si genera sulla superficie di distacco uno stato tensionale di trazione.

(Forza di trazione)

(Superficie laterale)

slide13

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza della muratura con capochiave circolare

Per il calcolo della resistenza massima per taglio (Tm,t) si ipotizza che il solido di distacco avviene secondo un cilindro il cui diametro si ottiene dall’intersezione dalla superficie del tronco di cono (visto nel caso precedente) con il piano medio del muro.

La resistenza è data dalla seguente:

  • dove
  • fvd è la resistenza di calcolo a taglio della muratura;
  • A è la superficie laterale del cilindro che si stacca.
slide14

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza della muratura con capochiave circolare

slide15

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza del capochiave – Circolare

slide16

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Capacità di deformazione

Deformazione elastica

Il tirante è un elemento strutturale sollecitato a semplice trazione.

s = E ∙ e;

Sostituendo s con la tensione limite dell’acciaio fyd si ottiene la deformazione limite elastica del tirante:

Deformazione plastica

Come noto, l’acciaio ha notevoli capacità di deformazione oltre il limite elastico. Assumendo tale valore pari al 10‰

slide17

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza nel piano dei maschi murari consolidati con tiranti

La resistenza a taglio di un maschio murario sottoposto ad azione esterne verticale ed orizzontale può essere incrementata ricorrendo all’utilizzo di tiranti metallici orizzontali pretesi.

Maschio non consolidato

Maschio consolidato

slide18

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza nel piano dei maschi murari consolidati con tiranti

Per evitare pretensioni elevate occorre effettuare la seguente verifica:

- fhd è la tensione di calcolo parallela ai letti di malta;

- Ac è la superficie a contatto del capochiave con il muro.

slide19

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza della parete consolidata con tiranti

I tiranti in quanto elementi resistenti a trazione consentono di considerare nel modello strutturale anche le fasce di piano.

slide20

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza della parete consolidata con tiranti

slide21

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza nel piano della parete consolidata con tiranti

Incremento della resistenza

di circa il 30%

slide22

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza fuori piano della parete consolidata con tiranti

Rottura per flessione

Rottura per taglio

slide23

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza fuori piano della parete consolidata con tiranti

slide24

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza fuori piano della parete consolidata con tiranti

Esempio

slide25

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza fuori piano della parete consolidata con tiranti

Esempio

Si assume il diametro f = 12 mm in modo da modo che la crisi avvenga per la rottura del cavo (2658 daN).

La curva di capacità assume andamento non lineare in quanto per un determinato valore della rotazione della parete, si ha la rottura del tirante (le forze variano lungo l’evoluzione del cinematismo).

slide26

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza fuori piano della parete consolidata con tiranti

Esempio

(la forza dei tiranti e i relativi spostamenti virtuali hanno segno discordante)

Con tirante

Senza tirante

slide27

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza fuori piano della parete consolidata con tiranti

Meccanismo di

flessione verticale

slide28

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza fuori piano della parete consolidata con tiranti

Meccanismo di

flessione orizzontale

Caso non consolidato

Caso consolidato

slide29

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza fuori piano della parete consolidata con tiranti

Meccanismo di ribaltamento composto

slide30

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza fuori piano della parete consolidata con tiranti

Meccanismo di ribaltamento composto

slide31

Consolidamento di edifici in muratura

Tiranti metallici

Tiranti metallici – Resistenza fuori piano della parete consolidata con tiranti

Meccanismo di ribaltamento composto

slide32

Consolidamento di edifici in muratura

Cordoli

  • I cordoli di coronamento rappresentano una delle tecniche di consolidamento più efficaci per gli edifici in muratura. I benefici sono molteplici, tra i più importanti citiamo:
    • L’incremento del grado di connessione tra due pareti ortogonali;
    • La riduzione delle possibilità di ribaltamento fuori piano delle pareti;
    • L’incremento di resistenza nel proprio piano delle pareti;
    • Una migliore ripartizione delle azioni sismiche tra i setti dell’edificio;
    • L’incremento del grado di connessione tra pareti ed orizzontamenti.
slide33

Consolidamento di edifici in muratura

Cordoli

F = F/2 + F/2 (Caso senza cordoli)

F = F1 + F2 + F3 + F4(Caso con cordoli)

  • Tra le tipologie di cordolo più comunemente utilizzati citiamo:
    • Cordolo in cemento armato;
    • Cordolo in acciaio.
    • Cordolo in muratura;
    • Cordolo in legno (molto utilizzato in passato).
slide34

Consolidamento di edifici in muratura

Cordoli

Cordoli in cemento armato

  • I cordoli in c.a. sono tra quelli più utilizzati. Sono avere le seguenti caratteristiche
    • L’altezza del cordolo deve essere quanto più possibile limitata (per evitare inutili appesantimenti ed irrigidimenti dannosi, dando origine ad elevate tensioni tangenziali tra muratura e cordolo con conseguenti scorrimenti e disgregazione della muratura);
    • Sono da realizzare solo in sommità dell’edificio per migliorare l’interazione tra tetto e muratura;
    • Sono da evitare cordoli in c.a. ad altezze intermedie;
slide35

Consolidamento di edifici in muratura

Cordoli

Cordoli in cemento armato

  • Cordolature ai livelli intermedi, soprattutto se ricavati all’interno dello spessore del muro, sono da evitare per gli effetti negativi che questa operazione esercita sulle distribuzione delle sollecitazioni all’interno della muratura.
  • Inoltre, è opportuno che il calcestruzzo con il quale viene realizzato il cordolo sia confezionato con additivi antiritiro, in quanto un eccessivo ritiro può non garantire la continuità tra muratura e cordolo provocando il danneggiamento della muratura stessa.
slide36

Consolidamento di edifici in muratura

Cordoli

Cordoli in acciaio

slide37

Consolidamento di edifici in muratura

Cordoli

Cordoli - Resistenza

Resistenza del cordolo

Rc = min(Rc,t, Rc,m)

Resistenza elementi resistenti a trazione

Resistenza di aderenza tra cordolo e muratura

slide38

Consolidamento di edifici in muratura

Cuci-scuci

La tecnica di consolidamento cuci-scuci consiste nella sostituzione di limitate zone di muratura degradata o lesionate con una nuova tessitura muraria con elementi sani.

I nuovi elementi devono avere, quanto più possibile, caratteristiche simili a quelle della muratura esistente in termini di forma, di dimensioni e di caratteristiche meccaniche.

La malta da utilizzare deve essere a ritiro nullo per evitare distacchi tra parti nuove ed esistenti.

La tecnica può essere utilizzata sia per eliminare lesioni nei pressi delle intersezioni tra muri ortogonali, ripristinando la connessione tra le parti, sia per eliminare lesioni di maschi o fasce di piano.

La tecnica di cuci-scuci si applica generalmente a muratura di buona qualità con lesioni localizzate provocate da qualche dissesto. Non presenta vantaggi significativi quando si applica su pareti costituite da muratura scadente.

slide39

Consolidamento di edifici in muratura

Cuci-scuci – Tecnica di esecuzione

Fase A.Preparazione della parete: la parte di parete interessata viene messa a nudo attraverso la rimozione dell’intonaco;

Fase B.Puntellamento della parte di struttura interessata: in funzione del tipo di intervento da eseguire, occorre opportunamente puntellare la struttura. È sempre opportuno scaricare quanto più possibile la parete oggetto dell’intervento di cuci-scuci, mettendo in forza i puntelli tramite dispositivi vari (martinetti meccanici o oliodinamici, elementi metallici filettati, cunei di legno martellati, ecc.);

Fase C.Rimozione della muratura degradata (scucitura): viene rimossa la parte di parete degradata o interessata dalla lesione. È opportuno utilizzare mezzi manuali per evitare di degradare ulteriormente la muratura. Deve essere rimossa anche la malta di allettamento originaria la quale può compromettere le successive lavorazioni;

Fase D.Pulitura delle parti interessate: le parti di muratura esistente a contatto con la nuova devono essere opportunamente pulite con acqua spruzzata a bassa pressione;

slide40

Consolidamento di edifici in muratura

Cuci-scuci – Tecnica di esecuzione

  • Fase E.Ricostruzione della parete asportata (cucitura): la cucitura deve essere realizzata con materiali che hanno le stesse caratteristiche della muratura preesistente. Il consolidamento si effettua partendo dal basso verso l’alto. Per evitare distacchi tra le parti, occorre seguire particolari accorgimenti :
  • Lo spessore dei letti di malta deve essere il più limitato possibile per evitare elevate riduzioni di volume per effetto del ritiro e dell’incremento di carico dovuto alla messa in opera degli strati superiori;
  • Mettere in forza le parti gia costruite tramite l’utilizzo di cunei o spezzoni di mattoni duri (biscotti) in modo da compensare in parte gli effetti del ritiro;
  • Mettere in forza la puntellatura.

Fase F.Rimozione della puntellatura e messa in carico: raggiunto un sufficiente grado di maturazione della malta, si effettua la rimozione della puntellatura con la conseguente messa in carico della parete.

slide41

Consolidamento di edifici in muratura

Cuci-scuci – Resistenza nel piano

La presenza della lesione, e quindi la discontinuità tra le parti, non ci consente di poter considerare l’elemento con comportamento monolitico.

slide42

Consolidamento di edifici in muratura

Cuci-scuci – Resistenza nel piano

slide43

Consolidamento di edifici in muratura

Cuci-scuci – Resistenza nel piano

La resistenza dell’elemento consolidato è notevolmente superiore.

slide44

Consolidamento di edifici in muratura

Cuci-scuci – Resistenza fuori piano

La tecnica di cuci-scuci ripristina la connessione trasversale tra due pareti ortogonali.

Flessione

Taglio

Fo = min(Fo,f,Fo, t)

slide45

Consolidamento di edifici in muratura

Cerchiature

Nei casi in cui si ha l’esigenza di creare aperture nella muratura portante, è opportuno realizzare un telaio chiuso intorno alla stessa apertura, che abbia quantomeno la stesse capacità di rigidezza e di resistenza della muratura asportata.

Tali telai, che possono essere metallici o in c.a., sono le cosiddette cerchiature.

Le cerchiature possono essere utilizzate anche quando il foro è già esistente e si vuole incrementare la resistenza nel proprio piano della parete

slide46

Consolidamento di edifici in muratura

Cerchiature – Tecnica di esecuzione

Fase A.Puntellamento della parte di struttura interessata: per evitare cedimenti conseguenti alla fase di realizzazione del foro, è opportuno puntellare preventivamente le parti di struttura interessate. Poiché la struttura di puntellamento può essere di ingombro per le successive fasi del consolidamento, è possibile evitarne la realizzazione se si esegue la cerchiatura in due fasi successive. In una prima fase si realizza il traverso superiore (se composto da due profili si mettono in opera separatamente. Si scava inizialmente per metà dello spessore del muro, mettendo in opera il primo profilo del traverso. Successivamente si scava nella parte restante dello spessore del muro e si mette in opera il secondo profilo). Il traverso così realizzato risulta essere più lungo rispetto alla posizione dei piedritti in quanto deve essere efficacemente ancorato nel muro.

slide47

Consolidamento di edifici in muratura

Cerchiature – Tecnica di esecuzione

slide48

Consolidamento di edifici in muratura

Cerchiature – Tecnica di esecuzione

Fase B. Realizzazione del foro: viene realizzato il foro per alloggiare la cerchiatura. Deve essere realizzato con molta cautela in modo da non provocare danni alla muratura circostante. È sempre sconsigliabile utilizzare macchine a percussione;

Fase C. Realizzazione delle perforazioni di ancoraggio: ai fini di rendere la cerchiatura solidale con la muratura circostante, è opportuno realizzare ancoraggi tra le due parti con perforazioni armate. Generalmente si realizzano in prossimità dei piedritti e del traverso inferiore. L’estremo delle armature deve essere opportunamente ancorato al telaio

slide49

Consolidamento di edifici in muratura

Cerchiature – Tecnica di esecuzione

Fase D. Messa in opera della cerchiatura: la cerchiatura viene collocata nella giusta posizione avendo l’accortezza di agganciare le perforazioni alle parti metalliche trasversali. Se la posa in opera avviene in due fasi separate (vedi fase A), si deve realizzare l’incastro tra traverso superiore (già posizionato) e piedritti, tramite saldature o con dispositivi bullonati che garantiscono la trasmissione totale delle sollecitazioni. Successivamente vengono riempiti i vuoti con cls, possibilmente con additivi antiritiro.

slide50

Consolidamento di edifici in muratura

Cerchiature – Resistenza nel piano

Approccio lineare

Secondo questo approccio, il dimensionamento della cerchiatura consiste nel confrontare la rigidezza della cerchiatura con quello della muratura asportata tale che sia soddisfatta la seguente condizione:

dove kc è la rigidezza della cerchiatura, mentre km è la rigidezza della parte di parete asportata.

Naturalmente, la cerchiatura deve essere dimensionata in modo che la propria rigidezza sia quanto più possibile vicina a quella della muratura asportata (la rigidezza della cerchiatura non deve eccedere del 10% quella della muratura), per non creare notevoli differenze di rigidezza sulla struttura tra prima e dopo l’intervento.

slide51

Consolidamento di edifici in muratura

Cerchiature – Resistenza nel piano

Approccio lineare

(Rigidezza muratura)

(Rigidezza della cerchiatura (ipotesi di comportamento shear-type))

Inoltre, per garantire il comportamento shear-type, la rigidezza dei traversi deve essere superiore a quella dei piedritti

slide52

Consolidamento di edifici in muratura

Cerchiature – Resistenza nel piano

Approccio non lineare

Il calcolo di una cerchiatura può essere svolto tenendo conto anche dei maschi laterali che la circondano.

Occorre dimostrare che la rigidezza e la resistenza del sistema muro-cerchiatura sia superiore alla resistenza ed alla rigidezza del muro senza foro.

La curva di capacità del sistema muro-cerchiatura deve presentare caratteristiche di resistenza e rigidezza maggiori di quella del muro privo di fori.

Occorre confrontare la curva di capacità della parete senza foro con quella del sistema parete-cerchiatura.

slide53

Consolidamento di edifici in muratura

Cerchiature – Resistenza nel piano

Approccio non lineare

slide54

Consolidamento di edifici in muratura

Cerchiature – Particolare costruttivo

slide55

Consolidamento di edifici in muratura

Bibliografia

Metodi di calcolo e tecniche di consolidamento per edifici in muratura

Michele Vinci – Dario Flaccovio Editore

I tiranti in acciaio nel calcolo delle costruzioni in muratura

Michele Vinci – Dario Flaccovio Editore

ad