slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
imprenditore attività economica nozione comunitaria qualsiasi entità che svolga una attività economica. Non rilevano la forma giuridica e le finalità

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 43

Imprenditore attivit economica nozione comunitaria qualsiasi entit che svolga una attivit economica. Non rilevano la - PowerPoint PPT Presentation


  • 186 Views
  • Uploaded on

imprenditore attività economica nozione comunitaria qualsiasi entità che svolga una attività economica. Non rilevano la forma giuridica e le finalità differenze: enti no profit liberi professionisti. Scopo di lucro destinazione al mercato economicità di gestione cooperative

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Imprenditore attivit economica nozione comunitaria qualsiasi entit che svolga una attivit economica. Non rilevano la ' - helga


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1
imprenditore
  • attività economica
  • nozione comunitaria
  • qualsiasi entità che svolga una attività economica. Non rilevano la forma giuridica e le finalità
  • differenze:
  • enti no profit
  • liberi professionisti
slide2
Scopo di lucro
  • destinazione al mercato
  • economicità di gestione
  • cooperative
  • attività di godimento
    • rendita fondiaria
    • locazione immobili
slide3
imprenditore agricolo

art. 2135

coltivazione del fondo

silvicoltura

allevamento del bestiame

attività connesse

slide4
attività connesse

trasformazione

alienazione (vendita)

se rientrano nell’esercizio normale dell’agricoltura

  • criterio: connessione col fondo
  • agriturismo?
slide5
imprenditore commerciale

art. 2195

imprese soggette ad iscrizione nel registro delle imprese

1) produttive industriali

2) intermediarie nella circolazione dei beni

3) trasporto

4) bancarie e assicurative

5) altre ausiliarie

slide6
fatti da iscrivere (art. 2196)

entro 30 gg. dall’inizio dell’impresa al registro presso la CCIAA

  • dati anagrafici dell’imprenditore
  • ditta, oggetto e sede dell’impresa
  • nome e firma di institori e procur.
  • modifiche
  • cessazioni
slide7
effetti(art. 2193)

i fatti la cui iscrizione è obbligatoria

  • se non iscritti, non possono essere opposti a terzi, salvo che si provi che essi ne erano a conoscenza
  • dalla data in cui sono iscritti, i terzi non possono opporre di non averne conoscenza
slide8
institore(art. 2203)

è il preposto dal titolare all’esercizio:

  • dell’impresa
  • di una sede secondaria
  • di un ramo d’azienda

può compiere tutti gli atti, salvi i limiti della procura, salvo:

  • vendere o ipotecare immobili
  • cedere l’azienda
slide9
pubblicità della procura (art. 2206 ss.)

se non è depositata c/o il registro, la rappresentanza si ritiene generale

le limitazioni non sono opponibili ai terzi se non si prova che ne erano a conoscenza al momento della conclusione dell’affare

lo stesso vale per le modifiche e le limitazioni successive (art. 2207)

slide10
responsabilità (art. 2208)

l’institore è personalmente obbligato se non fa sapere al terzo che agisce per l’imprenditore

il terzo può agire anche nei confronti dell’imprenditore per gli atti compiuti dall’institore pertinenti all’esercizio dell’impresa cui è preposto

slide11
piccolo imprenditore art. 2083

Sono piccoli imprenditori

  • i coltivatori diretti del fondo
  • gli artigiani
  • i piccoli commercianti
  • e coloro che esercitano un’attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia
slide12
scritture contabili art. 2214ss.

L’imprenditore commerciale non piccolo deve tenere:

  • libro giornale (operazioni giornaliere)
  • libro degli inventari (all’inizio, e ogni anno)

deve conservare, per 10 anni, anche in forma digitale:

  • le scritture contabili
  • fatture, lettere, telegrammi ricevuti
  • copie di quelli inviati
slide13
libro giornale (2216)
  • deve indicare giorno per giorno le operazioni relative all’esercizio dell’impresa
  • deve essere vidimato ogni anno

libro degli inventari (2217)

  • contiene l’indicazione delle attività e passività inerenti e non all’impresa
  • si chiude con il bilancio e il conto profitti e perdite
slide14
criteri e obblighi (2217 ss.)
  • il conto p.p. deve dimostrare con evidenza e verità utili e perdite
  • nelle valutazioni occorre attenersi ai criteri stabiliti per la s.p.a., in quanto applicabili
  • le scritture vanno tenute senza spazi in bianco, interlinee, abrasioni
  • le cancellature devono rendere leggibili le parole cancellate
slide15
azienda(art. 2555)

Definizione:

complesso dei beni

organizzati dall’imprenditore

per l’esercizio dell’impresa

  • beni materiali e immateriali
  • crediti, contratti
  • avviamento
  • valutazione
slide16
trasferimento (2556)

I contratti di trasferimento della proprietà o del godimento di un’azienda commerciale devono essere

  • registrati entro 30 giorni
  • provati per iscritto, salvo siano richieste forme particolari
    • per il trasferimento di certi beni

es. beni immobili

    • per la natura del contratto

es. donazione

slide17
successione nei contratti
  • Salvo patto contrario, l’acquirente subentra nei contratti stipulati per l’esercizio dell’impresa che non hanno carattere personale (2558)

es. immobile locato dal cedente

  • Il terzo può recedere per giusta causa entro 3 mesi dalla notizia della cessione, salva la responsabilità del cedente
  • Le norme si applicano anche a affitto e usufrutto d’azienda
slide18
successione nei crediti (2559)
  • La cessione ha effetto verso i terzi dalla data in cui è iscritta nel registro
  • Non occorre notifica o accettazione
  • Il debitore ceduto è liberato se paga in buona fede al cedente
  • Le norme si applicano anche a affitto e usufrutto d’azienda
slide19
successione nei debiti (2560)
  • Il cedente non è liberato dei debiti anteriori al trasferimento se non c’è il consenso dei creditori
  • Se l’azienda è commerciale, anche l’acquirente risponde in solido con il cedente dei debiti, purché risultino dalle scritture contabili
slide20
divieto di concorrenza (2557)

Chi cede l’azienda non può, nei 5 anni successivi, iniziare una nuova impresa che, per l’oggetto, l’ubicazione o altre circostanze, si idonea a sviare la clientela dell’azienda ceduta

Un limite più ampio è valido, purché

  • non impedisca ogni attività professionale
  • non superi i 5 anni di durata

Se la durata del divieto è > 5 anni o non è indicata, si intende di 5 anni

slide21
concorrenza sleale (2598)

Compie atti di concorrenza sleale chi:

1) usa nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con quelli altrui,

imita servilmente i prodotti di un concorrente,

compie con qualsiasi altro mezzo atti idonei a creare confusione con i prodotti o l’attività di un concorrente

2) diffonde notizie o apprezzamenti sui prodotti o l’attività di un concorrente idonei a determinarne il discredito

si appropria di pregi dei prodotti o dell’impresa di un concorrente

slide22
concorrenza sleale (continua)

3) si vale direttamente o indirettamente di ogni altro mezzo contrario alla correttezza professionale e idoneo a danneggiare l’altrui azienda

Esempi:

  • pubblicità ingannevole
  • storno di dipendenti
  • violazione di segreti
  • vendite sotto costo
  • concorrenza parassitaria
  • violazione di norme di diritto pubblico
slide23
sanzioni (2599 ss.)
  • inibitoria
  • rimozione degli effetti
  • risarcimento del danno

se c’è dolo o colpa

la colpa è presunta

  • pubblicazione della sentenza

presupposti

  • qualità di imprenditore
  • rapporto di concorrenza
slide24
Legge antitrust

introdotta nel 1990

  • modello comunitario
  • artt. 81-82 del Trattato CE
  • Regolamento concentrazioni

Autorità garante della concorrenza e del mercato

sito: www.agcm.it

  • intese
  • abusi di posizione dominante
  • concentrazioni
slide25
intese

vietate se hanno per oggetto o per effetto di restringere o alterare la concorrenza

  • in modo consistente
  • in una parte sostanziale del mercato interessato

Possono consistere in:

  • accordi
  • deliberazioni di associazioni di imprese o di consorzi
  • pratiche concordate
  • introdotta nel 1990
  • modello comunitario
  • artt. 81-82 del Trattato CE
  • Regolamento concentrazioni
  • Autorità garante della concorrenza e del mercato
  • sito: www.agcm.it
  • intese
  • abusi di posizione dominante
  • concentrazioni
slide26
esempi
  • accordi sui prezzi
  • limiti quantitativi
  • ripartizioni dei mercati o delle fonti di approvvigionamento
  • discriminazioni di prezzo
  • contratti “leganti” (tying contracts)

Distinzione fra:

  • intese orizzontali
  • intese verticali
slide27
sanzioni
  • nullità
  • inibitoria
  • sanzioni pecuniarie amministrative

(fino al 10% del fatturato)

autorizzazioni(art. 4)

  • disposte, anche per categorie, se producono miglioramenti a vantaggio dei consumatori

aumento o miglioramento della produzione, della distribuzione o del progresso tecnologico

  • revocabili se vengono meno i presupposti
slide28
abuso di posizione dominante
  • non è vietato raggiungere una posizione dominante, ma abusarne
  • negli USA è diverso
  • può essere singola o collettiva
  • esempi: gli stessi delle intese

inoltre: imposizione del prezzo

  • sanzioni: le stesse delle intese
slide29
concentrazioni

modello: Regolamento CE n. 4064/1989

modificato 4 volte (ultima: Reg. CE 1310/1997)

vietate se creano o rafforzano una posizione dominante

limiti dimensionali aggiornati periodicamente

possono realizzarsi attraverso:

  • fusione, acquisto o affitto d’azienda
  • costituzione di un’impresacomune
  • acquisizione del controllo (diretto o indiretto) su un’impresa o parte di essa
slide30
nozione di controllo
  • nei casi dell’art. 2359 c.c.
  • controllo giuridico(maggioranza)
  • controllo di fatto(nomina maggioranza amministratori)
  • controllo contrattuale(tipico tedesco, in Italia non c’è)
  • diritti, anche esercitatati congiuntamente, che di fatto danno, anche indirettamente, un’influenza dominante su un’impresa. Es.:
  • diritti di proprietà o godimento su tutto o parte del patrimonio di un’impresa
  • diritti che attribuiscono un’influenza determinante sulla composizione o sulle decisioni degli organi
slide31
Marchi: requisiti di validità
  • novità
  • confondibilità sull’origine, anche per associazione, con marchi o altri segni distintivi altrui, registrati o usati con notorietà generale per prodotti simili
  • somiglianza con marchi rinomati altrui (anche se registrati per prodotti diversi) o con segni notori altrui
  • capacità distintiva
  • segni di uso generale nel commercio
  • segni che descrivono natura, qualità, provenienza geografica del prodotto
  • liceità
  • segni contrari a legge, ordine pubblico, buon costume
slide32
acquisto del diritto
  • registrazione
  • persone fisiche o giuridiche
  • nazionale, comunitaria, internazionale
  • pagamento tasse per ogni classe
  • esclusiva 10 anni - rinnovabile
  • uso di fatto
  • con notorietà e estensione nazionale
  • onere della prova
  • tutela della concorrenza sleale
  • no descrizioni e sequestri
slide33
perdita del diritto (decadenza)
  • non uso o sospensione dell’uso

per 5 anni

  • volgarizzazione

perdita della capacità distintiva: il marchio diventa nome generico del prodotto

  • decettività sopravvenuta

il marchio diventa ingannevole

  • illiceità sopravvenuta
slide34
trasferimento
  • si può cedere il marchio, indipendentemente dall’azienda, per la totalità o parte dei prodotti
  • non deve derivarne inganno per il pubblico

licenza

  • esclusiva o non esclusiva
  • per la totalità o parte dei prodotti
  • struttura del contratto
  • merchandising
slide35
azioni giudiziarie
  • nullità - decadenza - contraffazione
  • misure preventive: descrizione - sequestro - inibitoria
  • sanzioni definitive: inibitoria - distruzione - risarcimento danni (se c’è dolo o colpa) - pubblicazione della sentenza

Marchi collettivi e di qualità

  • non indicano l’origine imprenditoriale, ma la qualità o la provenienza geografica
  • principio della “porta aperta”
  • disciplinare di concessione
slide36
Brevetti: requisiti di validità
  • novità
  • l’invenzione non è compresa nello stato della tecnica
  • insieme delle conoscenze accessibili ovunque al pubblico, comprese le domande di brevetto anteriori non ancora pubblicate, anche all’estero
  • originalità (attività inventiva)
  • la soluzione non deve risultare evidente al tecnico medio
  • indizi di non evidenza
  • industrialità
  • scoperte, teorie scientifiche; metodi matematici, chirurgici, terapeutici, diagnostici (non prodotti per attuarli)
  • piani e metodi per attività intellettuali e commerciali, giochi, presentazioni di informazioni, software
  • “in quanto tali”
  • sufficiente descrizione
  • l’invenzione deve essere attuabile sulla scorta delle istruzioni contenute nel testo del brevetto
slide37
brevettazione
  • titolari: persone o società - inventore (dir. morale)
  • tipi di brevetto: nazionale, europeo, comunitario
  • parti: testo, disegni, rivendicazioni
  • procedimento: domanda - [esame preventivo] - pubblicazione - [opposizione] - concessione
  • esclusiva: 20 anni dalla domanda - non rinnovabile

invenzione del dipendente (artt. 23-24)

  • pagato per inventare: solo diritto morale
  • pagato per altro: equo premio
  • invenzione occasionale: diritto di prelazione per l’impresa

brevettazione del non avente diritto (art. 27 bis)

  • assunzione domanda a proprio nome
  • deposito di nuova domanda con effetti della prima
  • rigetto della domanda
la tutela delle invenzioni non brevettate art 6 bis l inv
La tutela delle invenzioni non brevettate: art. 6-bis l. inv.

Informazioni aziendali (ivi comprese le informazioni commerciali)

  • soggette a legittimo controllo
  • segrete(nel loro insieme, o nella precisa configurazione e combinazione dei loro elementi, non devono essere generalmente note o facilmente accessibili agli esperti o agli operatori del settore)
  • dotate di valore economico(perché segrete)
  • sottoposte a misure ragionevolmente adeguate a mantenerle segrete
informazioni aziendali
Informazioni aziendali

Informazioni tecniche

  • informazioni brevettabili come invenzione, modello o industrial design, relative a prodotti o a procedimenti produttivi
  • conoscenze anche non brevettabili che consentono di ottenere vantaggi dal punto di vista tecnico o economico nello svolgimento di un processo produttivo (know-how)
slide40
Informazioni commerciali
  • dati relativi alle tecniche e alle forme di organizzazione dell’attività commerciale

(strategie di marketing, forme di distribuzione, strumenti pubblicitari e promozionali, analisi di mercato, business methods)

  • informazioni relative alla clientela

(liste ed ogni altro data base, in forma analogica o digitale, relativi a clienti attuali o potenziali)

slide41
Licenze di brevetto
  • volontarie

regime simile ai marchi

  • obbligatorie
  • ammontare della royalty stabilito dall’Ufficio brevetti
  • mancata attuazione entro 3 anni dalla concessione
  • invenzioni di perfezionamento
  • invenzioni di nuovo uso
  • norme TRIPs a favore dei PVS

Tutela giudiziale

regime simile ai marchi

slide42
ultime cose sull’impresa
  • Inizio

Già dagli atti preparatori

  • Fine
  • Cessazione dell’attività?
  • Liquidazione
  • Cancellazione dal registro
  • Imprenditore occulto
  • Socio occulto di società palese: art. 147, 2 l. fall.
  • Socio occulto di imprenditore: società di fatto
  • Imprenditore occulto in luogo di quello palese: non è possibile
slide43
associazione in partecipazione
  • L’associante attribuisce all’associato una partecipazione agli utili dell’impresa o di un affare a fronte di un determinato apporto, consistente in denaro o in una prestazione (art. 2549 c.c.)
  • i terzi assumono diritti e obblighi solo nei confronti dell’associante
  • all’associante spetta la gestione dell’impresa
  • l’associato ha diritto al rendiconto se il contratto dura più di un anno
  • l’associato partecipa alle perdite in misura uguale agli utili, salvo patto contrario
  • in ogni caso, le perdite non possono superare il valore dell’apporto
ad