l integrazione degli alunni dva il ruolo dell amministrazione scolastica n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
L’integrazione degli alunni dva : il ruolo dell’amministrazione scolastica PowerPoint Presentation
Download Presentation
L’integrazione degli alunni dva : il ruolo dell’amministrazione scolastica

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 21

L’integrazione degli alunni dva : il ruolo dell’amministrazione scolastica - PowerPoint PPT Presentation


  • 125 Views
  • Uploaded on

L’integrazione degli alunni dva : il ruolo dell’amministrazione scolastica. a cura di Rita Garlaschelli referente UFFICIO INTEGRAZIONE USP di Milano. USP di Milano Ufficio integrazione degli alunni diversamente abili.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'L’integrazione degli alunni dva : il ruolo dell’amministrazione scolastica' - zia


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
l integrazione degli alunni dva il ruolo dell amministrazione scolastica

L’integrazione degli alunni dva : il ruolo dell’amministrazione scolastica

a cura di Rita Garlaschelli

referenteUFFICIO INTEGRAZIONE USP di Milano

usp di milano ufficio integrazione degli alunni diversamente abili
USP di MilanoUfficio integrazione degli alunni diversamente abili
  • consulenza per tematiche e problemi sull’Handicap alle istituzioni scolastiche, alle Associazioni, alle singole famiglie
  • erogazione dei finanziamenti finalizzati a favorire l’integrazione (acquisto di sussidi , sperimentazione metodologica-didattica, formazione dei docenti, ecc.)
  • coordinamento delle 14 scuole snodo per l’Handicap, cui si è scelto di erogare la maggior parte dei finanziamenti, per migliorare la qualità dell’integrazione scolastica attraverso l’attuazione di progetti di territorio
  • interazione con Enti locali, ASL, Aziende Ospedaliere, UONPIA e Associazioni, per condividere progetti mirati di integrazione scolastica e per promuovere procedure per l’elaborazione di Intese Interistituzionali
  • progettazione, organizzazione e sviluppo di processi tecnici ed amministrativi riferiti alla segnalazione degli alunni, alla valutazione della documentazione psicomedica e alla definizione degli organici di sostegno
gruppo di lavoro interistituzionale provinciale per l handicap g l i p art 15 legge 104 1992
Gruppo di Lavoro Interistituzionale Provinciale per l’Handicap – G.L.I.P. (art. 15, Legge 104/1992)

“Presso ogni ufficio scolastico provinciale è istituito un gruppo di lavoro composto da: un ispettore tecnico nominato dal provveditore agli studi, un esperto della scuola utilizzato ai sensi dell’art. 14, decimo comma, della Legge 20 maggio 1982, n. 270, e successive modificazioni, due esperti designati dagli enti locali, due esperti delle unità sanitarie locali, tre esperti designati dalle associazioni delle persone handicappate maggiormente rappresentative a livello provinciale nominati dal provveditore agli studi …. Il gruppo di lavoro dura in carica tre anni.”

glh provinciale
GLH provinciale
  • e’ composto dal referente dell’Ufficio integrazione, da docenti e da dirigenti scolastici con particolari competenze in materia
  • esamina le situazioni di handicap segnalate dalle istituzioni scolastiche
  • esprime una valutazione di gravità secondo dei criteri predefiniti dal GLIP
  • avanza proposte di organico di sostegno
quale formazione per quali docenti per quale integrazione
Quale formazione, per quali docenti, per quale integrazione

a.s. 2008/2009 – organico di sostegno pari a 4572 unità

in rapporto a 10782 alunni diversamente abili

I docenti di sostegno specializzati

I docenti di sostegno non specializzati

E gli altri docenti?

il sistema istruzione e la formazione dei docenti di sostegno
Il sistema Istruzione e la formazione dei docenti di sostegno

Legge 104/1992, art. 14: “Il Ministero della Pubblica Istruzione provvede alla formazione e all’aggiornamento del personale docente per l’acquisizione di conoscenze in materia di integrazione scolastica degli studenti handicappati.”

Impegno a diversi livelli:

  • Ministero – Direttiva nazionale, con stanziamento di fondi finalizzati
  • USR, con la Contrattazione Integrativa Regionale (CIR) e iniziative di sua pertinenza
  • USP, con l’organizzazione di iniziative centralizzate, spesso attraverso il GLIP, e con l’assegnazione di fondi alle scuole snodo
  • Le scuole snodo
  • Le singole istituzioni scolastiche
l usp di milano e la formazione dei docenti di sostegno
LE RISORSE

fondi del GLIP

fondi per la formazione assegnati alle 14 scuole snodo

fondi derivanti dalla Contrattazione Integrativa Regionale

LE MODALITA’ DI AZIONE

rilevazione dei bisogni formativi dei docenti di sostegno

organizzazione di convegni e seminari provinciali

iniziative provinciali per i referenti dei GLH di istituto e per i genitori

coordinamento delle iniziative territoriali (v. corsi di informazione/formazione per docenti non specializzati)

bando di assegnazione fondi ai sensi per progetti di formazione presentati da singole scuole, reti di scuole, Enti accreditati

L’USP di Milano e la formazione dei docenti di sostegno
bandi di presentazione dei progetti novembre 2005 febbraio 2006 ottobre 2007 ottobre 2008
Bandi di presentazione dei progetti novembre 2005, febbraio 2006, ottobre 2007, ottobre 2008

Progetti presentati: da singole scuole, reti di scuole, GLIP, Enti accreditati

Progetti finanziati: tutti quelli presentati, fatti salvi quelli centrati sul metodo Feuerstein e sui disturbi specifici dell’apprendimento

Totale del finanziamento: oltre 420.000 euro

Tematiche prevalenti: dislessia – intervento sui soggetti disabili sensoriali – stesura del PEI – il ruolo del docente di sostegno

la progettualit dell ufficio
La progettualità dell’Ufficio
  • monitoraggio dell’integrazione (v. direttiva di istituzione dell’USP)
  • raccolta e documentazione delle buone pratiche
  • anagrafe dinamica
  • progetto Dislessia
  • nuove tecnologie e disabilità
  • patrocinio/compartecipazione ad iniziative formative o di orientamento per gli alunni diversamente abili
  • promozione di accordi interistituzionali
  • sostegno al piano nazionale I care
monitoraggio dell integrazione
Monitoraggio dell’integrazione

il modello italiano

la forza delle buone pratiche

tante luci, ma ancora diverse ombre

il monitoraggio : entrare nelle scuole per

studiare i fenomeni in situazione, con una ricerca in

collaborazione con chi opera sul campo

la raccolta delle buone pratiche iniziative direzione generale per lo studente ufficio iv mpi
La raccolta delle buone praticheiniziative Direzione Generale per lo studente- Ufficio IV MPI
  • per sistematizzare quel che si fa nelle scuole
  • per far conoscere le esperienze significative
  • per valorizzare un patrimonio di professionalità e di ricerca
  • per disseminare le buone pratiche
una rete di istituzioni
Una rete di istituzioni

per favorire le

sinergie

per ottimizzare le

risorse

per potenziare gli

interventi a favore

degli alunni dva

progetto dislessia
Progetto dislessia

i progressi della ricerca

il disagio sommerso

l’impegno dell’amministrazione

(i documenti, le circolari … v. 5.10.2004 prot. n. 4099 )

formazione, screening, interventi di recupero

nuove tecnologie e disabilit
Nuove tecnologie e disabilità

Le finalità:

garantire la fruizione delle tecnologie a tutti gli alunni con disabilità, che le possono usare come strumenti personali per l’autonomia e l’integrazione

attivarsi perché tutte le attività informatiche a scuola previste tengano conto delle esigenze degli alunni disabili e delle necessità della loro integrazione

i destinatari del progetto
I destinatari del progetto
  • docenti
  • alunni disabili delle scuole di ogni ordine e grado
  • genitori di alunni disabili
  • associazioni dei disabili di ogni provincia
filosofia del progetto
Filosofia del progetto
  • partire da ciò che già esiste sul territorio
  • costruire/implementare Centri di supporto in grado di agire e di coinvolgere il territorio
  • evitare che il progetto diventi una meteora
  • costruire una rete regionale perché le singole esperienze diventino condivise da tutti
  • valorizzare la professionalità degli insegnanti
  • trovare il giusto equilibrio tra tecnologia e didattica
compiti dei centri di supporto ist d arte di monza ls marconi di milano
Compiti dei centri di supportoIst. d’Arte di Monza – LS”Marconi” di Milano

Componente trasversale di base, comune a tutti i Centri /componente specialistica di quel centro

  • ottimizzare le risorse
  • fornire assistenza tecnica
  • fornire assistenza didattica
  • curare con la scuola l’addestramento dello studente
  • curare la formazione degli operatori
  • curare la formazione dei genitori
il progetto i care
Il progetto I care
  • Imparare
  • Comunicare
  • Agire in una
  • Rete
  • Educativa

eseguire una ricerca-azione finalizzata al miglioramento, partendo da un’autoanalisi della qualità dell’accoglienza degli alunni diversamente abili