slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Il linguaggio PowerPoint Presentation
Download Presentation
Il linguaggio

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 23

Il linguaggio - PowerPoint PPT Presentation


  • 147 Views
  • Uploaded on

Il linguaggio. Le origini della comunicazione e del linguaggio Il soggetto umano è un essere comunicante per sua natura La comunicazione è relata con due dimensioni: cognitiva (= pensiero e intelligenza) relazionale (= interazione e contatto sociale).

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Il linguaggio' - yamka


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2
Le origini della comunicazione e del linguaggio
  • Il soggetto umano èun essere comunicante per sua natura
  • La comunicazione è relata con due dimensioni:
    • cognitiva (= pensiero e intelligenza)
    • relazionale (= interazione e contatto sociale)
slide3
L’evoluzione e la comunicazione - 1
  • L’evoluzione filogenetica della comunicazione umana in connessione con:
    • posizione eretta
    • opponibilità del pollice
    • riduzione della mandibola
    • sviluppo del sistema gestuale
    • sviluppo dell’apparato fonatorio e articolatorio
slide4
L’evoluzione e la comunicazione – 2
  • Lo sviluppo ontogenetico della comunicazione umana in termini di:
    • processi comunicativi preverbali nell’infante
    • routine quotidiane
    • comparsa dell’intenzionalità e dell’azione pianificata
    • interdipendenza intrinseca fra pensiero e linguaggio
slide5
La natura del linguaggio umano

Universali linguistici = proprietà comuni a tutte le lingue umane

  • Produttività linguistica:
    • possono essere generate un numero infinito di frasi
    • qualsiasi idea può essere espressa in tutte le lingue
  • Proprietà costruttive del linguaggio:

Tutte le lingue sono costruite secondo identiche modalità

- si usa un numero limitato di suoni, detti fonemi (meno di 100)

- i fonemi possono essere combinati per generare le parole

- l’arbitrarietà dei significati delle parole

- le parole possono esser combinate per generare enunciati e discorsi

slide6

Conoscere i suoni di una lingua aiuta ad identificare l’inizio e la fine di una parola nel flusso linguistico.

La percezione dei suoni di una lingua

  • Il riconoscimento delle parole è influenzato da:
    • frequenza
    • contesto
    • superiorità della parola:

ESEMPIO la lettera critica viene riconosciuta più facilmente quando fa parte di una parola, sia rispetto a quando è parte di una non-parola, che quando viene presentata in isolamento

Il fenomeno delle cattura visiva: attribuire suoni significativi ad una fonte sonora anche se fisicamente dislocata rispetto al parlante

slide7

- lettere singole

- parole di quattro lettere

- non parole di quattro lettere

Superiorità della parola

Ai soggetti venivano presentate:

MASK

WORD

- - - D

K

Condizione parola

D

D

K

Condizione lettera

OWRD

- - - D

K

Condizione non-parola

slide8
Il significato di significato

Morfena = più piccola unità lessicale dotata di significato, sequenza minima di fonemi che ha significato

Le parole possono essere di due tipi:

funzionali: sono impiegate per specificare le relazioni tra concetti (preposizioni e avverbi)

di contenuto: nomi, verbi, aggettivi e avverbi

Il significato deriva dall’interazione di tre elementi:

a) referenza: relazione tra parola e ciò che significa (ad es. l’oggetto cui la parola si riferisce

b) denotazione: l’equivalente lessicale del concetto

c) senso: l’insieme delle relazioni che una parola può assumere in combinazione con altre parole (ad es.: sinonimia, antinomia)

slide9

Differenziale semantico

  • Tecnica utilizzata per misurare il significato
  • Il procedimento permette di valutare lo spazio semantico di una parola secondo tre fattori:
    • bontà (buono-cattivo, positivo-negativo)
    • attività (atti-passivo)
    • intensità (forte-debole)
  • Questa tecnica può esser utilizzato anche per valutare parole che denotano prodotti, marchi, ecc.
slide10

La grammatica generativo-trasformazionale

Una grammatica a struttura sintagmatica (sintagma = costituente frasale) si fonda su tre elementi:

  • Un vocabolario finito
  • Un insieme finito di simboli
  • Un insieme finito di regole

Regole di riscrittura

Regole sintattiche

Regole trasformazionali

slide11
Regole di riscrittura

Regole che consentono di trasformare (riscrivere) il contenuto di

un simbolo in quello di un altro simbolo

Esempio: X  Y = mettere al posto di X quanto indicato in Y

Nomi comuni: Nc  uomo, donna, bambino, ecc.

Verbi transitivi: Vt  vide, guardò, camminò, ecc.

Articoli: Art.  un, il

Aggettivi: Agg.  bello, felice, grande, ecc.

slide12
Regole sintattiche

Le regole permettono di trasformare da un simbolo generale F la struttura sintagmatica della frase

F  SN + SV

SN  Art + (Agg) + N

SV  V + SN

Esempio:

F = Un uomo grasso colpì il cane

SN = Un uomo grasso + SV = colpì il cane

SN  Art (un) + Agg (grasso) + N (uomo)

SV  V (colpì) + SN  Art (il) + N (cane)

slide13
Struttura superficiale e profonda

Le regole di trasformazione rendono esplicite alcune intuizioni che abbiamo del linguaggio.

Esempio:

L’automobile è stata riparata da un meccanico

L’automobile è stata riparata da un minuto

La struttura superficiale delle due frasi è simile: c’è solo la differenza di una parola (meccanico-minuto)

La struttura profonda è diversa: la diversità è esplicitata applicando la stessa trasformazione a ciascuna frase.

slide14
La teoria di Grice

La comunicazione umana si distingue in:

  • significato naturale = il fumo è un indizio naturale della presenza di fuoco
  • significato convenzionale (o significato n-n, non naturale) = qualsiasi parola della lingua italiana o di un’altra lingua

Per Grice il significato è il «voler dire» qualcosa da parte del parlante a qualcun altro.

La comunicazione = processo costituito da un emittente che ha intenzione di far sì che il ricevente pensi o faccia qualcosa, operando in modo tale da riconoscere che l’emittente sta cercando di causare in lui quel pensiero o quell’azione

In questo processo, sono centrali i concetti di:

  • intenzione comunicativa
  • consapevolezza reciproca (fra parlante e interlocutore) di tale intenzione
slide15
Il principio di cooperazione

«dai il tuo contributo al momento opportuno, così com’è richiesto dagli scopi e dall’orientamento della conversazione in cui sei impegnato»

Da tale principio Grice fa discendere quattro massime:

  • di quantità = contributo adeguato agli scopi; non informativo più del necessario
  • di qualità = contributo vero; non dire cose ritenute non provate
  • di relazione = contributi pertinenti
  • di modo = espressioni non oscure, non ambigue, brevi; ordinate

La violazione di qualunque di queste massime va a minacciare la conversazione fra due o più interlocutori

L’equazione di Grice: comunicazione = cooperazione

apprendimento della lingua
Apprendimento della lingua

Diversità tra apprendimento e acquisizione

La componente innatista del linguaggio = LAD

I bambini molto piccoli imparano a distinguere:

. Suoni linguistici

. Suoni non linguistici

I bambini dimostrano di possedere:

. Competenza linguistica = stringhe di suoni significative da quelle non

. Competenza comunicativa = quando le persone parlano vogliono comunicare qualcosa

lo sviluppo dell abilit linguistica
Lo sviluppo dell’abilità linguistica
  • Lo sviluppo dell’abilità di produrre suoni linguistici è condizionata dallo sviluppo del:
  • Tratto vocale: al momento della nascita è molto simile a quello dello scimpanzè

A 4 mesi il tratto vocale cambia in maniera da rendere possibile la produzione di suoni linguistici

A 6 mesi i bambini eseguono il controllo volontario di alcuni suoni consonantici (lallazione)

Quasi subito dopo i bambini incominciano ad usare una sorta di gergo espressivo (usano una varietà di sillabe, con un minore numero di ripetizioni)

l acquisizione del vocabolario
L’acquisizione del vocabolario

Un bambino per poter apprendere una parola deve riuscire a:

. Identificarla

. Riconoscerla

I bambini sono aiutati dal modo con cui la coppia parentale e gli adulti in genere parlano con il bambino:

. Parlano lentamente

. Usano frasi brevi, semplici e ridondanti

Viene usato il motherese: aiuta i bambini a segmentare il flusso dei suoni in unità linguistiche

curva di acquisizione
Curva di acquisizione

2500

N. di parole

270 a 2 anni

100

1

6

Età (in anni)

dalle olofrasi alle frasi
Dalle olofrasi alle frasi
  • La produzione di parole singole inizialmente corrisponde alla produzioni di olofrasi
  • Alla metà del 2° anno le olofrasi cominciano ad essere sostituite da enunciati con due parole (linguaggio telegrafico)

Il linguaggio olofrasico è universale

Con l’aumentare della complessità cognitive e linguistica il bambino tenderà a produrre enunciati sempre più lunghi.

Si verificano due tipi di cambiamenti:

  • Il bambino dimostra la capacità di organizzare e produrre frasi più lunghe indipendentemente dalla complessità di queste sequenze
  • Il bambino dimostra di apprendere forme grammaticali più complesse
il fenomeno della generalizzazione grammaticale
Il fenomeno della generalizzazione grammaticale

L’acquisizione della sintassi favorisce forme di di:

Iperregolarizzazione grammaticale

Esempio: la forma del participio passato con suffisso –ito viene generalizzata anche ai verbi irregolari

  • Capito - Aperto = Aprito
  • Sentito - Sofferto = Soffrito

La generalizzazione si manifesta anche nei riguardi delle parole inesistenti.

Esempio: “un wuggo” viene trasformato al plurale in “dei wugghi”

relativismo linguistico 1
Relativismo linguistico - 1

Ipotesi Sapir – Worf  la lingua parlata di un individuo determina il modo in cui egli percepisce e concettualizza il mondo.

Carmaichael, Hogan e Walter (1932) hanno dimostrato che nomi diversi dati a figura ambigue determinano il modo in cui vengono memorizzati e riprodotti gli oggetti denotati. Esempio:

Heider (1972) ha verificato la capacità di discriminare e ricordare i colori in Ss Americani e Dani (Nuova Guinea): gli americani e i dani discriminano bene le differenti tonalità cromatiche, nonostante i primi dispongano di sei termini di base e i secondi solo due.

Questi risultati costituiscono una falsificazione dell’ipotesi di Worf

Perché?

Occhiali

Manubrio

relativismo linguistico 2
Relativismo linguistico - 2
  • Worf non era interessato alle differenze alle differenze di vocabolario tra le lingue, piuttosto alle differenze sintattiche
  • Worf pensava che la grammatica plasmasse il pensiero.
  • Bloom (1981) ha studiato l’effetto della lingua sull’uso dei controfattuali (se … allora):
  • i cinesi pensano in maniera differente rispetto agli americani perché la grammatica cinese non consente la formulazione di enunciati controfattuali.
  • in inglese: se fossi re ti farei regina
  • in cinese: se sono re ti faccio regina
  • Au (1983) ha scoperto che i cinesi monolingui sono in grado di comprendere una storia controfattuale