slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
10.00 PowerPoint Presentation
Download Presentation
10.00

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 31

10.00 - PowerPoint PPT Presentation


  • 188 Views
  • Uploaded on

10.00. La carne di Gesù è il pane della vita. O quam suavis est, Domine, spiritus tuus, O come è soave, Signore il Tuo spirito, qui ut dulcedinem tuam in filios demonstrares se per mostrare ai Tuoi figli la Tua tenerezza, pane suavissimo de caelo praestito,

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about '10.00' - viet


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

La carne di Gesù

è il pane della vita

slide3

O quam suavis est, Domine, spiritus tuus,

O come è soave, Signore il Tuo spirito,

qui ut dulcedinem tuam in filios demonstrares

se per mostrare ai Tuoi figli la Tua tenerezza,

pane suavissimo de caelo praestito,

donandoci un dolcissimo pane del celo,

slide5

Benedetto XVI

ha introdotto la preghiera mariana dell’ Angelus

dal Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo

nella XX Domenica del Tempo Ordinario /B

19 agosto 2012

slide6

esurientes reples bonis,

ci hai ricolmati di beni,

fastidiosos divites dimittens inanes.

e hai rimandato i ricchi a mani vuote.

slide10

In quel tempo, Gesù disse alla folla: «Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo». Allora i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?». Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita.

Dal Vangelo secondo Giovanni 6, 51-58

slide11

Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno».

Dal Vangelo secondo Giovanni 6, 51-58

slide17

Il Vangelo di questa domenica (cfr Gv 6,51-58) è la parte finale e culminante

del discorso fatto da Gesù nella sinagoga di Cafarnao

slide18

dopo che il giorno precedente aveva dato da mangiare a migliaia di persone con soli cinque pani e due pesci.

Gesù svela il senso di quel miracolo, e cioè che il tempo delle promesse è compiuto:

Dio Padre, che con la manna aveva sfamato gli Israeliti nel deserto, ora ha mandato Lui, il Figlio, come vero Pane di vita, e questo pane è la sua carne, la sua vita, offerta in sacrificio per noi.

slide19

Si tratta dunque di accoglierlo con fede, non scandalizzandosi della sua umanità;

e si tratta di «mangiare la sua carne e bere il suo sangue» (cfr Gv 6,54), per avere in se stessi la pienezza della vita.

slide20

E’ evidente che questo discorso non è fatto per attirare consensi.

Gesù lo sa e lo pronuncia intenzionalmente; e infatti quello fu un momento critico, una svolta nella sua missione pubblica.

slide21

La gente, e gli stessi discepoli, erano entusiasti di Lui quando compiva segni prodigiosi;

e anche la moltiplicazione dei pani e dei pesci era una chiara rivelazione che Egli era il Messia,

tant’è che subito dopo la folla avrebbe voluto portare Gesù in trionfo e proclamarlo re d’Israele.

Ma non era questa la volontà di Gesù,

che proprio con quel lungo discorso smorza gli entusiasmi e provoca molti dissensi.

slide22

Egli, infatti, spiegando l’immagine del pane, afferma di essere stato mandato ad offrire la propria vita,

e chi vuole seguirlo deve unirsi a Lui in modo personale e profondo, partecipando al suo sacrificio di amore.

slide23

Per questo Gesù istituirà nell’ultima Cena il Sacramento dell’Eucaristia:

perché i suoi discepoli possano avere in se stessi la sua carità - questo è decisivo –

e, come un unico corpo unito a Lui, prolungare nel mondo il suo mistero di salvezza.

slide24

Ascoltando questo discorso la gente capì che Gesù non era un Messia come lo volevano,

che aspirasse ad un trono terreno.

slide25

Non cercava consensi per conquistare Gerusalemme; anzi, alla Città santa voleva andarci per condividere la sorte dei profeti: dare la vita per Dio e per il popolo.

Quei pani, spezzati per migliaia di persone, non volevano provocare una marcia trionfale,

ma preannunciare il sacrifico della Croce, in cui Gesù diventa Pane, corpo e sangue offerti in espiazione.

slide26

Gesù dunque fece quel discorso per disilludere le folle e, soprattutto, per provocare una decisione nei suoi discepoli.

Infatti, molti tra questi, da allora, non lo seguirono più.

slide28

Egli, chicco di grano gettato nei solchi della storia,

è la primizia dell’umanità nuova, liberata dalla corruzione del peccato e della morte.

slide29

E riscopriamo la bellezza del Sacramento dell’Eucaristia, che esprime tutta l’umiltà e la santità di Dio:

il suo farsi piccolo, Dio si fa piccolo, frammento dell’universo per riconciliare tutti nel suo amore.

slide30

La Vergine Maria, che ha dato al mondo il Pane della vita,

ci insegni a vivere sempre in profonda unione con Lui.