i diritti locali tra comuni e monarchie n.
Download
Skip this Video
Download Presentation
I diritti locali tra Comuni e monarchie

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 19

I diritti locali tra Comuni e monarchie - PowerPoint PPT Presentation


  • 122 Views
  • Uploaded on

I diritti locali tra Comuni e monarchie. Italia comunale: gli statuti. Straordinaria fioritura, espressione dell’autonomia conquistata nel corso del XII secolo Baluardo della libertà comunale, protetto da rigorosi canoni interpretativi Rinvio ai paragrafi sull’argomento di Comuni e Impero.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'I diritti locali tra Comuni e monarchie' - verdad


Download Now An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
italia comunale gli statuti
Italia comunale: gli statuti
  • Straordinaria fioritura, espressione dell’autonomia conquistata nel corso del XII secolo
  • Baluardo della libertà comunale, protetto da rigorosi canoni interpretativi
  • Rinvio ai paragrafi sull’argomento di Comuni e Impero
gli statuti
Gli statuti
  • Alberto da Gandino: Quaestiones statutorum
  • A verbis statuti non est recedendum
  • Difesa rigorosa del dettato statutario contro le interpretazioni ‘manipolatrici’ dei giuristi, che sostengono, dal loro canto,
  • L’interpretazione passiva della norma statutaria alla luce dei principi del diritto comune
il regno di sicilia e le consuetudini
Il Regno di Sicilia e le consuetudini
  • 1130: nascita del Regno dopo la conquista normanna nel secolo precedente
  • Fioritura di consuetudini
  • Consuetudini di Bari redatte dai giudici Andrea e Sparano
  • Tavola di Amalfi: raccolta alluvionale di consuetudini riunite alluvionalmente tra il sec. XII ed il XIX, in uso fino al Seicento
il regno di sicilia e le consuetudini1
Il Regno di Sicilia e le consuetudini
  • Statuti di Benevento ( approvato nel 1207 e definitivamente pubblicato nel 1230) con una graduazione delle fonti del seguente tenore: «primum capitulum est ut secundum consuetudines approbatas, et legem longobardam, et eis deficientibus secundum legem romanam iudicetur»
  • Consuetudines neapolitanae, poste in vigore dal 1306
  • Consuetudini di Messina
  • Il fenomeno consuetudinario, dapprima sviluppato secondo maggiori margini di autonomia, è sottoposto dai Normanni e dagli Svevi a controllo
il regno di sicilia e la legislazione regia
Il Regno di Sicilia e la legislazione regia
  • 1140: Assise di Ariano di Ruggero II
  • Liber Constitutionum (Liber Augustalis) di Federico II di Svevia: 1231
  • Il più grande monumento legislativo laico dell’età bassomedievale, ordinato in tre libri dedicati al diritto pubblico, al diritto penale, al processo e al diritto privato
  • Esempio precoce di un’attività legislativa regia ordinata, tendenzialmente sistematica e ricca
il regno di sicilia e la legislazione regia1
Il Regno di Sicilia e la legislazione regia
  • Graduazione delle fonti
  • 1. Liber Constitutionum
  • 2. Consuetudini locali
  • 3. Il diritto longobardo come diritto territoriale
  • 4. Il diritto comune romano
  • L’opera, in vigore sino al Settecento, è accompagnata dall’ apparato di glosse di Marino da Caramanico e dai commentari di Andrea da Isernia e di altri giuristi
il regno di germania
Il Regno di Germania
  • La frammentazione politica si riflette sul versante legislativo:
  • Landrechtee Stadtrechte
  • Landrechte:
  • Sachsenspiegel (1215-1235) (Specchio sassone), composto dal giurista Eike von Repgow: testo, dapprima in latino, poi trasposto nel tedesco della Sassonia, capace di forte influenza sui testi successivi consuetudinari dell’area tedesca. Combinazione di due modelli processuali: il sistema probatorio prevede il duello, la testimonianza e il giuramento
il regno di germania1
Il Regno di Germania
  • Landrechte (diritti territoriali):
  • Scwabenspiegel (1275-1276) (Specchio svevo), derivato dallo Sachsenspiegel: vede la luce ad Augsburg in Baviera. Combinazione di norme consuetudinarie bavaresi, capitolari franchi, norme imperiali, testi romanistici e canonistici.
  • Stadtrechte (Diritti delle città),analoghi ai nostri statuti, con sfera però circoscritta alle mura cittadine (a differenza dei nostri statuti spesso estesi al contado)
il regno di francia
Il Regno di Francia
  • Distinzione del territorio in due grandi aree
  • Pays de droit écrit nella Francia Meridionale, dove è radicata la tradizione romanistica, alimentata dalla diffusione del Breviario Alariciano e del Corpus iuris civilis , rinnovato dalla scienza del diritto di impronta bolognese. Convivono consuetudini locali, messe per iscritto, accanto al diritto romano come diritto sussidiario
  • Il fenomeno delle renunciationesallenorme romane (es. rinuncia ai benefici del s.c. velleiano)
il regno di francia1
Il Regno di Francia
  • Livre de Jostice et de Plet: consuetudini di

Orléans

  • Etablissements de Saint Louis (1270): consuetudini dell’Anjou e di Tours
  • Coutumes de Beauvaisis scritte da Philippe de Beaumanoir(ca. 1280) della contea di Clermont
il regno di francia2
Il Regno di Francia
  • Pays de droit coutumier nel Nord della Francia: influsso della legge salica combinato con elementi diversi di formazione consuetudinaria
  • Testi scritti: Coutumier di Normandia (fine sec. XII)
  • Grand coutumier de Normandie (ca. 1270)

integrato da norme romane

  • Très Ancienne Coutume de Bretagne (1312-1341)
  • Grand coutumier de France (XIV secolo): consuetudini di Parigi destinate ad una grandissima influenza su tutto il territorio francese
il regno di francia3
Il Regno di Francia
  • Ordonnance di Filippo il Bello(1312) volta a disciplinare l’insegnamento del diritto civile e canonico nell’università di Orléans: la Francia è un paese a diritto consuetudinario; il diritto romano è ammesso a titolo di consuetudinelocale approvata dal re e non in quanto diritto imperiale
  • Nell’insegnamento del diritto e nella prassi il diritto romano è da considerarsi ratio scripta (raison écrite), espressione dei principi razionali di giustizia
  • Dal 1454, con l’ordonnance di Montil-lez Tours di Carlo VII, si avvia il processo di redazione scritta delle coutumes
la penisola iberica
La Penisola iberica
  • Dal sec. IX al XIII diritti locali fonte prevalente del diritto in Spagna
  • Cartas pueblas (carte di popolazione)
  • Fueros municipali «brevi»
  • Fueros municipali più estesi (verso lafine del sec. XII) con largo utilizzo di sentenze giudiziali
la penisola iberica1
La Penisola iberica
  • 4 famiglie di Fueros
  • Fuero de Jaca e de Tudela: area aragonese e navarra
  • Fuero de Salamanca :area dell’Estremadura leonese
  • Fuero de Cuenca (1233) :area dell’Estremadura castigliana
  • Costums de Lérida (1228) e Tortosa (1279) :area catalana
la penisola iberica2
La Penisola iberica
  • A partire dal secolo XIII si manifesta tendenza alla costruzione di testi uniformi, unificati per aree territoriali
  • Fuero general (1234-1253) in Navarra
  • Fueros de Aragon (1247) in Aragona (senza prevalenza sui diritti locali)
  • Usatges di Barcellona (Usatici) (ca. 1160) con ampia circolazione al di fuori della Catalogna
  • Fuero Juzgo (I metà XIII sec.) promosso da Ferdinando III in Castiglia: traduzione in castigliano del Liber iudiciorum
  • Fuero Real voluto da Alfonso X (1255) per la Castiglia: testo unificante sulla base del Liber iudiciorum anche con disposizioni tratte dal Liber Extra, estesoa molte città castigliane
la penisola iberica3
La Penisola iberica
  • Las Siete Partidas (1256-1265)(Pandectas castillanas),operapromossa da Alfonso X di Castiglia, composta da giuristi dotti tra cui Fernando Martinez de Zamora (allievo di Azzone): monumento legislativo destinato a grande influenza
  • 7 libri tratti quasi interamente dalle fonti romano-canoniche medievali normative e dottrinali (vi sono alcune norme castigliane)
  • Non entrano immediatamente in vigore
  • Ordinamiento de Alcalà(1348) di Alfonso XI le mette in vigore come diritto sussidiario dopo il diritto regio e i Fueros locali
scandinavia
Scandinavia
  • Dal Duecento sono messe per iscritto le consuetudini locali delle province dei tre regni di Danimarca Svezia e Norvegia
  • Es. : Lex Iutiae (1241) in Danimarca
  • Consuetudini del Västergötland in Svezia
  • Norvegia:
  • Magnus Lagaböter promuove testo legislativo esteso all’intero territorio norvegese (1270)
scandinavia1
Scandinavia
  • Svezia:
  • Magnus Eriksson promuove un testo legislativo (Landslag) esteso all’intero territorio svedese extraurbano (ca. 1350) ed un altro (stadtlag) per quello urbano (1352), in vigore fino al 1734
  • Edsöre : patti giurati tra i sudditi ed il re per la conservazione della pace pubblica, sanzionati dai giudici del re in caso di violazione : strumento di potenziamento dei poteri monarchici