slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Virgilio PowerPoint Presentation
Download Presentation
Virgilio

Loading in 2 Seconds...

  share
play fullscreen
1 / 48
trixie

Virgilio - PowerPoint PPT Presentation

385 Views
Download Presentation
Virgilio
An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author. While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Virgilio Scrive: Bucoliche, Georgiche , Eneide Poema Epico costituito da 12 libri. Proemio Libro I,Libro II, Libro III, Libro IV , LIBRO V,LIBRO VI. I rimproveri e le preghiere di Didone(305-313)

  2. DIDONE VIENE A SAPERE DALLA DEA FAMA CHE ENEA STA PER LASCIARE LA SUA TERRA A SUA INSAPUTA. ALLORA INFURIATA VA A CERCARLO E QUANDO LO TROVA LO RIMPROVERA, E ALLO STESSO TEMPO LO SUPPLICA DI RIMANERE.

  3. Dissimulareetiamsperasti, perfide, tantum possenefastacitusquemeadecedere terra? Nec te noster amor nec te datadexteraquondam necmorituratenet crudeli funereDido? Quinetiamhibernomolirisidereclassem et mediis properasAquilonibusire per altum, crudelis? Quid? si non arva aliena domosque ignotas peteres, et Troia antiqua maneret, Troia per undosum peteretur classibus aequor? Hai sperato anche di nascondere, oh perfido, di poter compiere un misfatto tanto grande e di poter lasciare la mia terra senza parlare ? Non ti trattiene né il nostro amore, né la parola data un tempo, né Didone che sta per morire di una morte crudele ? Anzi ti affretti a preparare la flotta sotto la stella dell’inverno , e ad andare per mare alto in mezzo alla Tramontana, crudele ? Perché ? Se non dovessi andare verso territori stranieri e case sconosciute, e l’antica Troia esistesse ancora, Troia sarebbe raggiunta con la flotta attraverso il mare ondoso?

  4. Dissimulo,as,avi,atum,are Vai al brano Vai all’analisi

  5. Spero,as,avi,atum,are Vai all’analisi Vai al brano

  6. Possum,potes,potui,posse Vai all’analisi Vai al brano

  7. Decedo,is,cessi,cessum,cedere Vai all’analisi Vai al brano

  8. Do,das,dedi,datum,dare Vai all’analisi Vai al brano

  9. Morior,eris,mortuus sum,mori Vai all’analisi Vai al brano

  10. Teneo,es,tenui,tentum,tenere Vai all’analisi Vai al brano

  11. Molior,iris,molitus sum,moliri Vai all’analisi Vai al brano

  12. Propero,as,avi,atum,are Vai all’analisi Vai al brano

  13. Eo,is,ivi(ii),itum,ire Vai all’analisi Vai al brano

  14. Peto,is,ivi(ii),itum,ere Vai all’analisi Vai al brano

  15. Maneo,es,mansi,mansum,ere Vai all’analisi Vai al brano

  16. ParadigmaAnalisi

  17. Modo: infinito Tempo: presente Diatesi: attiva Introduce una proposizione infinitiva. Il soggetto ( sottointeso ) è Enea, al quale si riferisce anche l’aggettivo “perfide”. Il verbo è retto da “sperasti”. Vai al paradigma Vai al brano

  18. ParadigmaAnalisi

  19. Modo: indicativo Tempo: perfetto Diatesi: attiva Persona: seconda singolare “Sperasti” è in realtà la forma sincopata di “speravisti”. Probabilmente tale forma è stata utilizzata per evitare la presenza di un quadrisillabo dispondiaco nel verso, che avrebbe impedito di rispettare lo schema metrico dell’esametro. E’ il verbo della proposizione principale che regge l’infinito che lo precede e quelli che lo seguono. Vai al paradigma Vai al brano

  20. ParadigmaAnalisi

  21. Modo: infinito Tempo: presente Diatesi: attiva “Posse” è l’infinito di “possum” ( composto di sum ). Il soggetto (sottointeso) è ancora Enea. Introduce una proposizione infinitiva. Il verbo è retto da “sperasti”. Vai al paradigma Vai al brano

  22. ParadigmaAnalisi

  23. Modo: infinito Tempo: presente Diatesi: attiva “Decedere” composto della preposizione “de” + il verbo “cedo”. Il soggetto (sottointeso) è Enea. Il verbo è retto da “sperasti”. Vai al paradigma Vai al brano

  24. ParadigmaAnalisi

  25. Modo: participio Tempo: presente Diatesi: attiva Caso: nominativo Genere: femminile Il verbo è accordato con “dextera”, ( la mano destra) che in questo caso assume il significato di “accordo” o “parola data”, dall’usanza che i Latini avevano, di stringersi la mano destra quando stipulavano un accordo. Vai al paradigma Vai al brano

  26. ParadigmaAnalisi

  27. Modo: participio Tempo: futuro Diatesi: attiva Caso: nominativo Genere: femminile Il verbo è un participio congiunto avente come soggetto “Dido”, va tradotto rendendo l’idea di imminenza e/o predestinazione. Infatti in questo punto del dialogo, Didone preannunzia la sua morte crudele, ovvero il suo suicidio. Vai al paradigma Vai al brano

  28. ParadigmaAnalisi

  29. Modo: indicativo Tempo: presente Diatesi: attiva Persona: terza singolare E’ il verbo della principale che ha come soggetti “noster amor”, “dextera data” e “Dido moritura”. Vai al paradigma Vai al brano

  30. ParadigmaAnalisi

  31. Modo: infinito Tempo: presente Diatesi: passiva (deponente) Introduce un’infinitiva che ha come soggetto (sottointeso) Enea. Il verbo è retto da “properas”. Vai al paradigma Vai al brano

  32. ParadigmaAnalisi

  33. Modo: indicativo Tempo: presente Diatesi: attiva Persona: seconda singolare Il soggetto (sottointeso) è Enea. E’ il verbo della principale che regge le infinitive introdotte da “moliri” e “ire”. Vai al paradigma Vai al brano

  34. ParadigmaAnalisi

  35. Modo: infinito Tempo: presente Diatesi: attiva Il verbo introduce un’infinitiva che ha come soggetto (sottointeso) Enea. E’ retto da “properas”. Vai al paradigma Vai al brano

  36. ParadigmaAnalisi

  37. Modo: congiuntivo Tempo: passato Diatesi: attiva Persona: seconda singolare Il soggetto (sottointeso) è Enea. Il verbo è in modo congiuntivo perché correlato alla preposizione “si” che introduce un periodo ipotetico del quarto tipo o dell’irrealtà. Il tempo è passato perché esprime anteriorità rispetto al verbo della reggente, “peteretur”. Vai al paradigma Vai al brano

  38. ParadigmaAnalisi

  39. Modo: congiuntivo Tempo: passato Diatesi: attiva Persona: terza singolare Il verbo ha come soggetto “Troia”. Il modo è congiuntivo perché correlato alla preposizione “si” che introduce un periodo ipotetico del quarto tipo o dell’irrealtà. Il tempo è passato perché esprime anteriorità rispetto al verbo della reggente. “peteretur”. Vai al paradigma Vai al brano

  40. Analisi Modo: congiuntivo Tempo: passato Diatesi: passiva Persona: terza singolare Il soggetto è “Troia”. E’ il verbo dell’apodosi del periodo ipotetico di quarto tipo (o dell’irrealtà) introdotto da “si”. Vai al paradigma Vai al brano

  41. Anafora La preposizione “nec” si trova in posizione anaforica nel verso successivo. Vai al brano

  42. Enjambement Il verso si trova in enjambement con il successivo,aumentando la tensione già data dalla ripetizione di “nec”. Vai al brano

  43. Drammaticità Nel discorso diretto, Didone parla di se stessa in terza persona; così facendo viene evidenziata la drammaticità del momento. Vai al brano

  44. Analisi Altum è propriamente un aggettivo sostantivato e designa il mare profondo. Torna al testo

  45. Analisi Letteralmente «in mezzo agli Aquiloni», ablativo con valore locativo. Aquilo,o Boreas, un vento di nord-est tipico della stagione invernale e portatore di piogge e tempeste. Torna al testo

  46. Analisi Nota le ripetizioni in chiasmo: petere,Troia, Troia,peteretur; e le allitterazioni di t e r. Torna al testo

  47. Paradigmi Dissimulo,as,avi,atum,are. Spero,as,avi,atum,are. Possum,potes,potui,posse. Decedo,is,cessi,cessum,cedere. Do,das,dedi,datum,dare. Morior,eris,mortuussum,mori. Teneo,es,tenui,tentum,tenere. Molior,iris,molitussum,moliri. Propero,as,avi,atum,are. Eo,is,ivi(ii),itum,ire. Peto,is,ivi(ii),itum,ere. Maneo,es,mansi,mansum,ere.