slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
P EDAGOGIA SPERIMENTALE PowerPoint Presentation
Download Presentation
P EDAGOGIA SPERIMENTALE

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 28

P EDAGOGIA SPERIMENTALE - PowerPoint PPT Presentation


  • 148 Views
  • Uploaded on

Università degli Studi Firenze Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Fisioterapia . P EDAGOGIA SPERIMENTALE. Docente Dott.ssa Antonia Stefanelli. a.a.2011-2012. IL GRUPPO DI LAVORO.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'P EDAGOGIA SPERIMENTALE' - terrene


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Università degli Studi Firenze

Facoltà di Medicina e Chirurgia

Corso di Laurea in Fisioterapia

PEDAGOGIA SPERIMENTALE

Docente Dott.ssa Antonia Stefanelli

a.a.2011-2012

slide3

“SE GLI UOMINI DEVONO INTERESSARSI AD UNA COSA, E’ NECESSARIO CHE POSSANO PARTECIPARVI ATTIVAMENTE”

HEGEL

slide4

IL GRUPPO ( Kurt Lewin 1951)

“ Il gruppo è qualcosa di più o, per meglio dire, qualcosa di diverso della somma dei suoi membri: ha una struttura propria, fini peculiari e relazioni particolari con altri gruppi” 8Lewin K. Teoria del campo delle scienze sociali.SelectedTheoricalPapers. (Hardcover - 1951)

slide5

Le prime ricerche sui gruppi furono opera di Kurt

Lewin (1890-1947), a cui dobbiamo la Teoria del

Campo

Quel che ne costituisce l’essenza non è la somiglianza o la dissomiglianza rintracciabile tra i suoi membri, bensì la loro interdipendenza..

“ Un gruppo è definito al meglio come una totalità dinamica basato sull’interdipendenza invece che sulla somiglianza” (Lewin 1948)

slide6

Un gruppo possiede una propria dinamica: tende a modificare il sistema degli eventi psicologici (forze) che esso determina. Gli squilibri delle forze esistenti fanno del gruppo un sistema che evolve (dinamico) e attraverso fasi di sviluppo punta ad un adattamento che trasforma le relazioni interpersonali in relazioni sociali (massima maturità interna).

slide7

ALCUNE TIPOLOGIE DIDI GRUPPO

I GRUPPI DI DISCUSSIONE

I GRUPPI DI ATTIVITÀ

I GRUPPI DI LAVORO

I GRUPPI DI STUDIO E/O DI APPRENDIMENTO

I GRUPPI DI ORIENTAMENTO

I GRUPPI DI COUNSELING

I GRUPPI TERAPEUTICI

slide8

IL GRUPPO

  • Interindipendenza : un evento che influenza un membro del gruppo li influenza tutti
  • Relazioni interpersonali : gli appartenenti ad un gruppo interagiscono tra di loro, ossia entrano in relazione:
  • Senso di appartenenza: pur non interagendo,i membri devono avere una percezione collettiva della loro unità
  • Scopi comuni: i gruppi esistono per una ragione
  • Motivazione: nei gruppi i singoli individui cercano di perseguire una propria soddisfazione mediante questa associazione
  • Influenza reciproca: i membri si influenzano
  • Relazione strutturale: vengono dati da ruoli e norme
slide9

GRUPPI FORMALI e INFORMALI

GRUPPO FORMALE Costituito all’interno di una

cornice istituzionale

Obiettivi definiti dall’istitu-

zione di appartenenza

GRUPPO INFORMALE Aggregazione spontanea

Scopo principale coltivare

relazioni tra membri

slide10

I FATTORI COSTITUTIVI DEL GRUPPO DI LAVORO

  • OBIETTIVI
  • METODI
  • RUOLI
  • LEADERSHIP
  • COMUNICAZIONE
  • CLIMA
  • SVILUPPO INDIVIDUALE E DEL TEAM
slide11

ALCUNI CONCETTI

  • il principio della interdipendenza come supremazia del tutto sulle parti:
  • il concetto di dinamicità inteso come conseguenza delle caratteristiche diverse da quelle risultanti dalla somma delle componenti:
  • il concetto di tutto non come somma delle singole parti:
  • il concetto di equilibrio, inteso come “ quasi stazionario” in fatti i nuovi eventi interni o esterni ne vanno a modificare la struttura. Vi è un contrasto tra forme di coesione e di destrutturazione.
  • il gruppo inteso come sistema dinamico per i cambiamenti , trasformazioni , evoluzioni all’interno di un campo di forze
slide13

NEL LAVORO DI GRUPPO EMERGONO :

  • negoziazioni di : obiettivi, metodi, ruoli, idee, decisioni
  • confronto fra : persone, capacità, culture, stili di comunicazione
  • IL LAVORO DI GRUPPO DEVE SVILUPPARE
  • integrazione di : obiettivi individuali del gruppo e dell’organizzazione, metodologie, ruoli, competenze, qualità personali
  • gestione delle differenze : competenze, percezioni, idee, soluzioni, aspettative, motivazioni

E.Spaltro, P.De Vito Piscitelli   Psicologia per le organizzazioni  La Nuova Italia Scientifica  Roma  1990 

slide14

IL GRUPPO DI LAVORO

  • E’ un insieme limitato di persone con la consapevolezza della loro unità
  • Interdipendenti
  • Interagenti in un certo periodo e in un certo spazio
  • Legate da un senso di appartenenza
  • Con valori, norme,ruoli dichiarati, accettati e condivisi
  • Impegnate a raggiungere un certo obiettivo
  • Impegnate nello svolgimento di un compito
  • Motivate da interessi professionali, sportivi, aziendali, ecc.
slide15

Lo psicologo sociale Bruce Tuckman propose nel 1965 un modello dievoluzione della vita di gruppo che consiste in cinque fasi sequenziali:

slide18

SVILUPPO DEL GRUPPO DI LAVORO

  • IL PROCESSO CHE PERMETTE AD UN GRUPPO DI OPERARE EFFICACEMENTE PREVEDE:
  • COSTITUZIONE
  • VERIFICA
  • MIGLIORAMENTO
slide19

COSTITUZIONE

OBIETTIVI

comunicativo,chiarito e condiviso , adeguato alle responsabilità del gruppo. verificabile

Costruito su fatti e dati osservabili

slide20

METODI

Criteri generali che regolano l’attività del gruppo

Strategia con cui si affronta un progetto, si prende una decisione, si risolve un problema

slide21

RUOLI : il gruppo efficace sa utilizzare al meglio le differenze competenti dei suoi membri,coerenti con le caratteristiche personali,attribuiti in relazione delle caratteristiche del compito,in relazione agli obiettivi

slide22

MODALITA’ DI COMUNICAZIONE: è il processo chiave per il funzionamento del gruppo.

Le principali componenti:

ESPOSIZIONE

FEEDBACK

ASCOLTO

CONFRONTO e SCAMBIO

slide23

CLIMA: è il vissuto emotivo del gruppo .

E’ osservabile attraverso i suoi principali indicatori:

SOSTEGNO

CALORE

SODDISFAZIONE

RICONOSCIMENTO

STIMA

APERTURA e FEEDBACK

slide24

VERIFICA

  • E’ necessario che i processi siano sottoposti a verifica
  • A coloro che sono impegnati nelle attività sanitarie oggi,
  • è richiesto:
  • Capacità di adattarsi al cambiamento
  • Flessibilità
  • Capacità di confrontarsi, comunicare in attività integrate
  • Apporti di idee innovative nelle progettualità
  • Monitoraggio e diagnosi rispetto a risultati/obiettivi
  • Criticità
  • Punti forti

l.

slide25

MIGLIORAMENTO

  • Identifica la costruzione del sistema di
  • competenze del gruppo di lavoro e la
  • parallela crescita del sistema di
  • competenze individuali
  • • Esprime l’evoluzione del campo, la crescita, l’efficacia del gruppo di lavoro sulla base della verifica effettuata
  • • È la testimonianza della formazione e
  • trasformazione in qualcosa di diverso dalla somma degli individui che ne fanno parte
slide26

IL GRUPPO DI LAVORO DEVE EVOLVERE COME TEAM

  • Obiettivi comuni
  • Consapevolezza della missione del gruppo
  • Relazioni di integrazione e adattamento
  • Condivisione di impegni e responsabilità
  • Benefici condivisi
  • Impegno e partecipazione attiva
  • Sviluppo di una comunicazione aperta
slide27

GRUPPO E CAMBIAMENTO

Lavoro in gruppo Lavoro di gruppo

… La qualità delle relazioni qualifica la tipologia di gruppo

Tratto da “Pluralità” di E. Spaltro 1985