construction grammar e fenomeni proto derivazionali in cinese mandarino n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Construction Grammar e fenomeni (proto-)derivazionali in cinese mandarino PowerPoint Presentation
Download Presentation
Construction Grammar e fenomeni (proto-)derivazionali in cinese mandarino

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 57
taurus

Construction Grammar e fenomeni (proto-)derivazionali in cinese mandarino - PowerPoint PPT Presentation

2 Views
Download Presentation
Construction Grammar e fenomeni (proto-)derivazionali in cinese mandarino
An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author. While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Construction Grammar e fenomeni (proto-)derivazionali in cinese mandarino Corso di “Morfosintassi avanzata” e “Morfologia II” Bologna, 21-I-2009

  2. Introduzione Morfologia come sistema tripartito: flessione, derivazione, composizione (Haspelmath 2002)

  3. Introduzione • Flessione: veicola significato di tipo grammaticale, è richiesta obbligatoriamente dal contesto di frase (rilevante per la sintassi), non produce una parola nuova, si applica senza restrizioni: *Io parla con Sergio

  4. Introduzione • Derivazione: veicola significato di tipo grammaticale o concettuale, non è richiesta obbligatoriamente dal contesto di frase, produce una parola nuova, non è pienamente produttiva parole possibili vs.parole esistenti (Scalise 1988) ragionamento,accertamento, *accordamento (accordo, accordatura)

  5. Introduzione • Composizione: combinazione di due (o più) parole esistenti per formarne una nuova (Fabb 1998: 66)

  6. Problemi di “confine” • Flessione e derivazione: la flessione non cambia mai la categoria della base? Der im Wald laut singende Wanderer [singen]v [singende]agg ‘Il viandante che canta forte nella foresta’ (Haspelmath 1996: 44)

  7. Problemi di “confine” • Derivazione e composizione: un composto è l’unione di due parole, mentre la derivazione prevede l’impiego di una forma legata (affisso) o di altri mezzi (introflessione, mezzi soprasegmentali): capostazione composto pizzeria derivato

  8. Problemi di “confine” • Un composto è l’unione di due parole Che cos’è una parola?

  9. Problemi di “confine” • Un composto è l’unione di due parole? Haspelmath (2002: 85): base lexemes (lipstick vs. *lipsstick, child support vs. *children support) suggestions box, weapons inspector Bauer (2006: 719): subwords (language-specific)

  10. Problemi di “confine” • Composti neoclassici: biologia, antropologia, fisiologia… antropomorfo, pitecantropo, antropico Confisso: “un elemento semantico pieno che, in quella forma e con il suo specifico significato, non ha in genere esistenza come parola autonoma” (De Mauro 2005: 68)

  11. Problemi di “confine” • “(…) the borderline between the two types [derivation and compounding] is nevertheless as well estabilished as the notion of word is” (Bauer 2005:97) fishmonger, motorcade, seascape flights of mock-literary dialogue a funky, regional blues-type version (Renouf & Baayen 1998)

  12. Problemi di “confine” “Given the difficulty that there has been for many years in defining a word, it is not surprising that there should be difficulty with the borderline of compounding. Items which fit poorly into the category of word should also fit poorly in the category of possible compound element. (…) [I]t is items to which it is difficult or impossible to attribute a word-class which seem to cause the problems, and instances where items are in the process of gaining or losing the independence that goes with having a word-class.”” (Bauer 2005:106-107)

  13. Derivazione e grammaticalizzazione • Grammaticalizzazione: “grammaticalization refers most especially to the steps whereby particular items become more grammatical through time” (Hopper & Traugott 2003: 2) Futuro romanzo: cantabo ‘canterò’ vs.cantare habeo [[cantare] habeo] ‘ho da cantare’ > [cantare habeo] Iustinianus dicebat ‘Daras’ (< dare habes) (Fredegario, VII sec.) Francese chanterai, it. canterò, sp. cantaré (ivi, 52-55)

  14. Derivazione e grammaticalizzazione • Quali sono i correlati della grammaticalizzazione? - integrità: riduzione fonologica e bleaching, desemanticizzazione (concreto > astratto) - bondedness: giustapposizione (> cliticizzazione) > affisso - obligatorification: un elemento tende verso l’obbligatorietà - fissità posizionale (prefissi, suffissi…) (Lehmann 1995[1982]) “Our hypothesis is that the development of grammatical material is characterized by the dynamic coevolution of meaning and form” (Bybee, Perkins & Pagliuca 1994)

  15. Derivazione e grammaticalizzazione “when long written histories are available, many bound morphemes can be shown to go back to independent words” (Hopper & Traugott 2003:141). It. –mente (prontamente, rapidamente, etc.) Lat. mens ‘animo, intenzione, atteggiamento’ turbata mĕnte, simulata mĕnte, urbana mĕnte (Renzi & Andreose 2003:153) Nel suo sviluppo negli idiomi romanzi, la parola autonoma latina si evolve in un formante di avverbi da aggettivi (non da tutti, come risulta prevedibile) e “perde”, oltre al suo status di forma libera, la restrizione semantica agli aggettivi che denotano condizioni psicologiche.

  16. Derivazione e grammaticalizzazione • Quanto è “astratto” il significato derivazionale? Pol. –ówka ‘type of vodka made from NOUN’ (Carstairs-McCarthy 1992:187, Bauer 2002:37)

  17. Derivazione e grammaticalizzazione • “Affisso” e “parola” nelle lingue indoeuropee d’Europa: Tedesco los ‘libero’ Aller Verpflichtungen los ‘libero da tutti gli obblighi’ hoffnungslos ‘senza speranza’

  18. Derivazione e grammaticalizzazione • “Affisso” e “parola” nelle lingue indoeuropee d’Europa: Russo без bez ‘senza’ без проблемыbez problemy ‘senza problema’ безопасность bezopasnost’ ‘sicurezza’ (lett. ‘senza pericolo’)

  19. Derivazione e grammaticalizzazione • “Affisso” e “parola” nelle lingue indoeuropee d’Europa: Francese sur ‘su, sopra’ sur la lune ‘sulla luna’ surcharge ‘sovraccarico’ (Amiot 2005:186-187)

  20. Derivazione e grammaticalizzazione • Perché sur- è un prefisso? non cambia il genere della base a cui si aggiunge, può combinarsi a parole di diverse parti del discorso, forma nomi endocentrici e ha almeno un significato che possa considerarsi diverso da quello della preposizione corrispondente (Amiot 2005).

  21. Affissoidi, pseudo-affissi • Nederlandese boer: (1) contadino, agricoltore (2) mercante (sigarenboer ‘venditore di sigari’, kolenboer ‘mercante di carbone’) (Standard Klein Woordenboek Nederlands-Italiaans, 2007)

  22. Construction Morphology • Construction Morphology (Booij 2005, 2007): affissoidi e affissi derivazionali possono essere rappresentati come constructional idioms, ovvero come rappresentazioni strutturali in cui uno slot è occupato dall’affisso o affissoide, e un altro (o altri) da una variabile, e che contiene informazioni semantiche e categoriali

  23. Construction Morphology [[x]v er]n ‘one who V’s’ │ [[bak]v er]n ‘baker, one who bakes (professionally)’ [[x]n [boer]n ]n ‘seller of [X]n’ │ [[sigaren]n [boer]n ]n ‘cigar seller’ (Booij 2005: 124-5)

  24. Construction Morphology [[X]y [Y]y ]y ‘Y con una certa relazione con X’ │ [[X]n [Y]n ]n (schema per ogni composto n-n) │ [[X]n [boer]n ]n ‘venditore di [X]n’ [[sigaren]n [boer]n ]n [[kolen]n [boer]n ]n ‘cigar seller’ ‘coal merchant’

  25. Problemi di “confine” • Ing. monger < lat. mango ‘mercante che camuffa i difetti della sua merce, imbroglione’ (Castiglioni Mariotti, III ed., 1996): (1) dealer, trader (fishmonger) (2) promoter, spreader (warmonger) (OED ninth edition, 1996)

  26. Problemi di “confine” • Ing. monger < lat. mango ‘mercante che camuffa i difetti della sua merce, imbroglione’ (Castiglioni-Mariotti, III ed., 1996): ironmonger: ‘a dealer in hardware’ phrasemonger: ‘a person who seeks to impress by using stylized or formal phrases or quotations of others’ gossipmonger: ‘a person especially fond of or addicted to gossiping’ hatemonger: ‘a person who kindles hatred, enmity, or prejudice in others’ (Dictionary.com)

  27. Construction Morphology [[X]y [Y]y ]y ‘Y con una certa relazione con X’ │ [[X]n [Y]n ]n (schema per ogni composto n-n) │ [[X]n [monger]n ]n ‘venditore di [X]n’ [[fish]n [monger]n ]n [[iron]n [monger]n ]n ‘dealer in fish’ ‘dealer in hardware’

  28. Construction Morphology [[X]y [Y]y ]y ‘Y con una certa relazione con X’ │ [[X]n [Y]n ]n (schema per ogni composto n-n) │ [[X]n [monger]n ]n ? [[phrase]n [monger]n ]n [[hate]n [monger]n ]n ‘a person who seeks to impress ‘a person who kindles hatred, by using stylized or formal enmity, or prejudice in others’ phrases or quotations of others’

  29. Construction Morphology [[X]y [Y]y ]y ‘Y con una certa relazione con X’ │ [[X]n [Y]n ]n (schema per ogni composto n-n) │ [[X]n [monger]n ]n ‘una persona che usa o diffonde [X]n, con accezione negativa’ [[phrase]n [monger]n ]n [[hate]n [monger]n ]n ‘a person who seeks to impress ‘a person who kindles hatred, by using stylized or formal enmity, or prejudice in others’ phrases or quotations of others’

  30. Construction Morphology • It. tangentopoli, vallettopoli, etc. [[X]n [poli]n ]n ‘scandalo legato a [X]n’ [[calcio]n [poli]n ]n [[moggio]n [poli]n ]n

  31. Construction Morphology • It. tangentopoli, vallettopoli, etc. [[X]n [poli]n ]n ‘scandalo legato a [X]n’ [[calcio]n [poli]n ]n [[moggio]n [poli]n ]n

  32. Composizione e derivazione: il caso del cinese mandarino

  33. “Parola” e “morfema” in cinese • 字 zì ‘carattere’ vs. 词 cí ‘parola’ Zì: carattere, unità grafica, tende a concidere con il morfema (90% dei caratteri) 火 猫 书 huǒ māo shū ‘fuoco’ ‘gatto’ ‘libro’

  34. “Parola” e “morfema” in cinese • 字 zì ‘carattere’ vs. 词 cí ‘parola’ Cí : parola, unità morfo-sintattica, può essere mono- o plurimorfemica 眼光 吹风机 yǎnguāng chuīfēngjī occhio+luce soffiare+vento+apparecchio ‘visione’ ‘asciugacapelli’

  35. “Parola” e “morfema” in cinese • 字 zì ‘carattere’ vs. 词 cí ‘parola’ Raramente, più caratteri formano una parola monomorfemica (perlopiù prestiti) 葡萄 玻璃 麦克风 pútao bōli màikèfēng ‘uva’ ‘vetro’ ‘microfono’

  36. “Parola” e “morfema” in cinese • La forma tipica della “parola” cinese: bisillabica / bimorfemica, composizionalmente trasparente: morfemi grammaticali presenti in numero molto limitato (了 le ‘aspetto perfettivo’, 个 gè ‘classificatore generico’) la maggior parte dei morfemi lessicali sono legati; distinzione legato vs. libero influenzata dal micro- contesto sintattico

  37. “Parola” e “morfema” in cinese • Cinese come “lingua di composti” (Lin 2001): parole formate mediante la giustapposizione di morfemi lessicali, spesso trasparenti; impossibilità (apparente) di distinguere tra “parole” e “affissi”, grammaticalizzazione senza riduzione fonologica (Bisang 1996) uno stesso segno può essere usato con valore lessicale o grammaticale in diversi contesti

  38. “Parola” e “morfema” in cinese • Cinese come “lingua di composti” (Lin 2001): parole formate mediante la giustapposizione di morfemi lessicali, spesso trasparenti; impossibilità (apparente) di distinguere tra “parole” e “affissi”, grammaticalizzazione senza riduzione fonologica (Bisang 1996) uno stesso segno può essere usato con valore lessicale o grammaticale in diversi contesti

  39. Composizione e derivazione: il caso del cinese mandarino • 学xué ‘studiare, studio, branca del sapere’ 我学英语 wǒ xué Yīngyǔ io studiare inglese ‘io studio l’inglese’ 数学 社会学 shùxué shèhuìxué ‘matematica’ ‘sociologia’

  40. Composizione e derivazione: il caso del cinese mandarino • Fenomeni “paralleli” tra Europa e Cina Ingl. –hood (< Anglosassone –hād; cfr. antico sassone –hēd , antico alto tedesco –heit): “(…) originally a Germanic name meaning ‘person, sex, condition, rank, quality’ (…). Forming nouns of condition or quality or indicating a collection or group from nouns and adjectives, as childhood, falsehood, sisterhood” (Shorter Oxford 1993)

  41. Composizione e derivazione: il caso del cinese mandarino • Fenomeni “paralleli” tra Europa e Cina Cin. –性 –xìng “natura, carattere” (不定性 bùdìngxìng ‘incertezza, indeterminazione’, 抽象性 chōuxiàngxìng ‘astrattezza’). a) Qualità, indica proprietà intrinseche e caratteristiche di qualcosa; b) Indica le proprietà inerenti dell’essere umano; c) (Buddhismo) L’opposto di 相 xiàng [fisionomia]. Indica le proprietà inerenti, interne, non modificabili delle cose, come il calore del fuoco, o l’umidità dell’acqua ; d) Vita biologica, vitalità; e) Disposizione, temperamento. (Grande dizionario del cinese classico, 2000)

  42. Composizione e derivazione: il caso del cinese mandarino • Fenomeni “paralleli” tra Europa e Cina Cin. –性 –xìng “natura, carattere” (不定性 bùdìngxìng ‘incertezza, indeterminazione’, 抽象性 chōuxiàngxìng ‘astrattezza’). a) Qualità, indica proprietà intrinseche e caratteristiche di qualcosa; b) Indica le proprietà inerenti dell’essere umano; c) (Buddhismo) L’opposto di 相 xiàng [fisionomia]. Indica le proprietà inerenti, interne, non modificabili delle cose, come il calore del fuoco, o l’umidità dell’acqua ; d) Vita biologica, vitalità; e) Disposizione, temperamento. (Grande dizionario del cinese classico, 2000)

  43. Composizione e derivazione: il caso del cinese mandarino • Fenomeni “paralleli” tra Europa e Cina Il significato del lessema (o di una delle sue accezioni viene) generalizzata (in sincronia, –性 –xìng non indica più solo proprietà inerenti, immutabili) e diventa una marca ripetuta in una “famiglia” di parole. Non abbiamo però generalmente, nel caso del cinese, nessun indicatore della “perdita” di status lessematico (su tutti, l’erosione fonologica), e il lessema mantiente altri usi; se non si tratta di un morfo libero, come nel caso di –性 –xìng, potrà comparire solo come costituente di una parola composta, dove però ha posizione e significato diversi, legati comunque (anche per estensione) ad uno dei suoi significati originali (come ad es. in 性命 xìngmìng “vita”, accezione d).

  44. Composizione e derivazione: il caso del cinese mandarino • Fenomeni “paralleli” tra Europa e Cina [[X]x [xìng]n ]n ‘Qualità di X / connessa con X’ [[不定]agg [性]n ]n [[抽象]agg [性]n ]n bùdìngxìngchōuxiàngxìng ‘incertezza, indeterminazione’ ‘astrattezza’

  45. Composizione e derivazione: il caso del cinese mandarino • Grammaticalizzazione e derivazione in cinese • Generalizing abstraction: riduzione dei tratti distintivi di un concetto alle sue caratteristiche centrali (“spogliamento” dei tratti distintivi, livello tassonomico più alto) • Isolating abstraction: separazione di una proprietà o tratto del concetto che non è necessariamente centrale (Heine, Claudi & Hünnemeyer 1991:43)

  46. Composizione e derivazione: il caso del cinese mandarino • Grammaticalizzazione e derivazione in cinese 学xué ‘studiare, studio, branca del sapere’ (心学 xīnlǐxué ‘psicologia’) a) studiare (学习 xuéxí); b) imitare (模仿 mófáng); c) erudizione (学问 xuéwen); d) branca del sapere (学科 xuékē); e) scuola (学校 xuéxiào). (Grande dizionario del cinese classico, 2000)

  47. Composizione e derivazione: il caso del cinese mandarino • Grammaticalizzazione e derivazione in cinese 学xué ‘studiare, studio, branca del sapere’ (心学 xīnlǐxué ‘psicologia’) a) studiare (学习 xuéxí); b) imitare (模仿 mófáng); c) erudizione (学问 xuéwen); d) branca del sapere (学科 xuékē); e) scuola (学校 xuéxiào). (Grande dizionario del cinese classico, 2000)

  48. Composizione e derivazione: il caso del cinese mandarino • Grammaticalizzazione e derivazione in cinese Nederlandese boer: <lavoratore> <agricoltura> <gestisce / lavora in una fattoria> <vende dei prodotti> (Scalise, Bisetto & Guevara 2005; Lieber 2003)

  49. Composizione e derivazione: il caso del cinese mandarino • Grammaticalizzazione e derivazione in cinese Nederlandese boer: <lavoratore> <agricoltura> <gestisce / lavora in una fattoria> <vende dei prodotti> (Scalise, Bisetto & Guevara 2005; Lieber 2003)

  50. Composizione e derivazione: il caso del cinese mandarino • Il caso di 吧 bā ‘bar’ Morfema -吧 -bā< ing. ‘bar’ entra in cinese tramite il prestito (ibrido) 酒吧 jiǔbā, ‘locale dove si vendono bevande alcoliche, sito in un ristorante o hotel di stile occidentale (The Contemporary Chinese Dictionary) forme prodotte per analogia 水吧shǔibā ‘acqua bar, locale dove si servono bevande analcoliche o 咖啡吧 kāfēibā ‘caffè’