Santilandia 2010 - PowerPoint PPT Presentation

slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Santilandia 2010 PowerPoint Presentation
Download Presentation
Santilandia 2010

play fullscreen
1 / 20
Santilandia 2010
93 Views
Download Presentation
sylvia-edwards
Download Presentation

Santilandia 2010

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Santilandia 2010 Ospite eccezionale ZEFFIRINO NAMUNCURÀ

  2. Zeffirino nasce in Argentina, a Chimpay il 26 agosto 1886 e viene battezzato nell’88 dal missionario salesiano don Milanesio.

  3. Fa parte del popolo indios araucano che nel 1879 viene assalito dai soldati argentini partiti da Buenos Aires.

  4. Gli argentini sono capeggiati dal generale Julio Roca.

  5. Zeffirino è figlio del “Signore della Pampa”, il gran cacicco degli Araucani (Mapuche) Manuel Namuncurà, e nipote del Cacico Generale che cercò di unificare tutte le tribù e proteggerle dai nemici: i cristiani.

  6. Un giorno durante una delle molteplici battaglie tra argentini e indios, Zeffirino, scivola dalla montagna e cade in un fiume. Si salva quasi per miracolo.

  7. Poiché è molto intelligente il padre lo vuole mandare a studiare a Buenos Aires presso la Scuola Militare, ma si fa togliere subito dopo pochi giorni perché si trova male.

  8. Zeffirino viene portato poi in un Collegio salesiano. Anche lì i primi tempi sono molto difficili per lui, poi inizia ad ambientarsi e diventa un bravo organizzatore di passeggiate, gite in piroga sul fiume, gare con l’arco e le frecce che costruisce lui stesso.

  9. Dopo il gioco e l’allegria Zeffirino porta tutti i suoi compagni in chiesa. Zeffirino è molto diligente e studioso ed è molto legato a Don Milanesio. Gli dice sempre:

  10. A quei tempi gli Indios risultano indifesi contro le più comuni malattie dei bianchi, così anche per Zeffirino inizia la brutta esperienza della tubercolosì. Una tosse insistente e ribelle che affatica molto i polmoni. I Padri missionari decidono di trasportarlo in un ambiente più salubre verso il sud, a Viedma. È un viaggio molto lungo, prima 500 Km in treno, poi gli ultimi 250 Km Zeffirino viene trasportato da una lunga carrozza trainata da cavalli, ribattezzata col nome di “galera”. Impiegano più di una settimana (oggi con l’aereo servono solo 2 ore).

  11. Tra i migliori amici di Zeffirino c’è anche il primo Vescovo salesiano Monsignor Cagliero, che poi diventerà Cardinale. Questi si fa istruire da Zeffirino circa le abitudini degli Indios per poi andare in visita pastorale sui territori delle Ande. Anche Zeffirino desidera andare ma la sua malattia glielo impedisce.

  12. Durante la Visita Pastorale il Vescovo e i missionari danno il battesimo a tutti i componenti della tribù di Zeffirino.

  13. Nel 1903 la sua salute subisce un crollo.

  14. Così nel 1904 viene portato in Italia per essere curato. A Torino giunge a Valdocco, qui conosce don Rua il successore di San Giovanni Bosco. Appena arriva si reca subito a venerare l’immagine di Maria Ausiliatrice.

  15. Il 27 settembre 1904 Mons. Cagliero va a Roma dal Papa Pio X e porta con sé anche Zeffirino. Il Papa si emoziona a vedere questo giovane araucano e lo invita nel suo studio per sentire i suoi racconti.

  16. Non sono cattivi gli araucani, ma non conoscono il vero Dio. Il mio più grande desiderio è quello di salvare i miei fratelli! Anche a Valdocco Zeffirino si trova bene con i suoi compagni. Studia e prega davanti a Gesù Eucarestia. A chi gli fa domande sul suo popolo racconta:

  17. Sì, figlio mio, Dio ti benedica! Signor Don Bosco, mi farò salesiano? Durante l’inverno viene portato a Roma, a Villa Sora a Frascati, per ulteriori cure. Zeffirino non si arrende alla malattia e vuole studiare per diventare sacerdote. Una notte Zeffirino sogna Maria Ausiliatrice, il Papa e Don Bosco al quale chiede:

  18. Pregate per me, che possa guarire, essere sacerdote se piace al Signore. Grazie di tutto! Nella primavera del 1905 la sua salute si aggrava ulteriormente, la tosse diventa di un’intensità impressionante ripete sempre:

  19. Il 28 aprile viene trasportato di nuovo a Roma, all’ospedale Fatebenefratelli sull’isola Tiberina. Egli sa che deve morire e chiede di ricevere la Santa Comunione. L’11 maggio 1905 Zeffirino parte per il Paradiso. Pochi giorni dopo un missionario raggiunge l’abitazione del grande cacico. Manuel Namuncurà uscì, si siede davanti all’entrata della capanna e piange.

  20. Nel 1924 le sue spoglie furono rimpatriate e interrate nel cimitero di Fortin Mercedes. Il 2 maggio 1944 iniziò la causa di beatificazione. Il 22 giugno 1972 fu proclamato venerabile da Paolo VI. Nel dicembre del 2006 gli viene riconosciuto il primo miracolo, che ha portato ZeffirinoNamuncurà ad essere il primo argentino aborigeno a raggiungere la beatificazione, fatta l’11 novembre 2007 ad opera del salesiano Cardinal Bertone.