slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
L’ATOMO PowerPoint Presentation
Download Presentation
L’ATOMO

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 25

L’ATOMO - PowerPoint PPT Presentation


  • 209 Views
  • Uploaded on

L’ATOMO. Laboratorio estivo di Fisica Moderna Università Cattolica del Sacro Cuore 16-19 luglio ‘03. COMPONENTI DEL GRUPPO. ATOMO 1: Jessica Ruggeri Cora Bregalanti Federica Caminiti Simona Corbellini ATOMO 2: Andrea Picciolo

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'L’ATOMO' - spike


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

L’ATOMO

Laboratorio estivo di Fisica Moderna

Università Cattolica del Sacro Cuore

16-19 luglio ‘03

componenti del gruppo
COMPONENTI DEL GRUPPO

ATOMO 1: Jessica Ruggeri

Cora Bregalanti

Federica Caminiti

Simona Corbellini

ATOMO 2: Andrea Picciolo

Luigi Cardamone

Luca Lauretta

Emanuele Egiziano

ATOMO 3: Nicoletta Novello

Elisa Portaluri

Alessandra Roberto

Benedetto Scibetta

Mattia Migliorati

slide3

Il tramonto della fisica classica, direttamente connesso con la nascita della fisica moderna, ha innanzitutto lasciato un grande insegnamento: ogni dottrina scientifica ha un proprio campo di validità.

introduzione
Introduzione

Obiettivo del nostro percorso era verificare sperimentalmente la struttura composita degli atomi, concettualmente e cronologicamente connessa con la teoria dei quanti e la spettroscopia.

Attraverso tre esperienze ci siamo avvicinati alle teorie atomiche di Thomson, Rutherford, Bohr

slide5

THOMSON

Per dare un’immagine concreta alla struttura atomica Thomson nel 1902 teorizza il cosiddetto modello a “PANETTONE”.

Mentre la carica positiva, distribuita in modo continuo, occupa una sfera di raggio r=10-10, gli elettroni sono “sparsi” in numero tale da equilibrare la carica positiva.

rutherford
Rutherford

Tra il 1908 e il 1911 Rutherford, per giustificare razionalmente una celebre esperienza sulla diffusione delle particelle α, introduce il modello planetario degli elettroni.

Egli idealizza l’atomo come un microscopico sistema solare in cui gli elettroni, simili a pianeti, ruotano attorno ad una massa positiva, più tardi chiamata nucleo.

slide7
Bohr

Nel 1913 Bohr presenta un suo modello atomico basato su due postulati:

  • ogni orbita ha un determinato livello energetico
  • l’elettrone,passando da un orbita all’altra, assorbe o emette una determinata quantità di energia.

L’ENERGIA E’ QUANTIZZATA

slide8

L’esperimento di Thomson è la scoperta dell’elettrone...

Thomson attraverso un brillante esperimento riuscì a calcolare il rapporto e/m dimostrando l’esistenza dell’elettrone.

slide9

Per ripetere l’esperimento di Thomson ci siamo serviti di un’apparecchiatura come quella in figura:

Attraverso questa attrezzatura èstato possibile studiare i raggi catodici in relazione ad un campo magnetico uniforme.

slide10

Abbiamo osservato come i raggi catodici subivano l’influenza del campo magnetico generato dalle due bobine.

Abbiamo ipotizzato che i raggi catodici fossero formati da particelle cariche, dotate di una propria massa e di una propria carica...

In base a queste ipotesi è stato possibile calcolare il rapporto e/m a partire dalle grandezze sperimentali:

e/m= 2V/ (k2I2r2)

slide11

In accordo con le nostre ipotesi teoriche questo rapporto si rivelava costante al variare di tutti gli altri parametri della formula precedente.

I raggi catodici erano quindi costituiti da particelle tutte uguali, dotate di una massa e di una carica intrinseca:

gli elettroni...

slide13

IL MODELLO

PLANETARIO

DI

RUTHERFORD

OBIETTIVO:Confronto tra il modello di Thomson (“ a panettone”: carica diffusa in tutto lo spazio dentro cui si muovono gli elettroni) e il modello di Rutherford (“planetario”: carica positiva concentrata al centro con gli elettroni che ruotano attorno al nucleo)

diffusione di particelle a
…diffusione di particelle a...
  • Scatola cilindrica sottovuoto
  • Cannone di particelle a
  • Lamina d’oro
  • Rilevatore di particelle e della loro energia
slide15

ESPERIMENTO:

Le particelle alfa vengono sparate contro una lamina d’oro:

1) se tutte le particelle attraversano la lamina, è esatto il modello di Thomson

2)se alcune particelle rimbalzano, è esatto il modello di Rutherford

  • all’ interno del sistema viene creato vuoto spinto per evitare che le particelle si disperdano
  • la sorgente di radiazioni emette particelle a
  • le particelle a colpiscono la lamina d’oro
  • un sensore collegato al computer rileva il numero di particelle che attraversano la lamina
slide16

Verificato che le particelle rimbalzano, lo scopo della rilevazione dei dati era di verificare che la formula teorica: N(J)/Dt = d* n*(qa2* QN2 /sen4 (J/2)), relativa al numero di particelle passate attraverso la lamina, corrispondesse al numero di particelle rilevate dal sensore.

Affinché venisse dimostrata la nostra tesi era necessario variare l’inclinazione della sorgente rispetto alla lamina.

Dai dati abbiamo ricavato il grafico del numero di particelle in funzione dell’ angolo.

Curva teorica e curva sperimentale dovrebbero corrispondere.

slide19

CONCLUSIONE:

Osservando il grafico si nota che le due curve sperimentali coincidono fra di loro e con quella teorica.

Questo dimostra la corretta acquisizione dei dati e in primo luogo che la formula teorica elaborata da Rutherford ha una conferma sperimentale.

Si può concludere che il modello planetario è esatto secondo i dati ottenuti!

gli spettri a righe
Gli Spettri a righe

Lo spettro continuo è ottenuto dalla dispersione della luce bianca nelle sue diverse componenti.

Gli spettri a righe si ottengono nello momento in cui al posto della luce bianca viene utilizzato un gas rarefatto. Gli effetti osservati riguardano esclusivamente la composizione spettrometrica del gas stesso.

obiettivo dell esperimento
Obiettivo dell’esperimento.

L’obiettivo dell’esperimento era di dimostrare la veridicità della tesi di Bohr. Egli ipotizza che esistono solo determinate orbite sulle quali gli elettroni si trovano conservando la propria energia. Gli elettroni possono “saltare” da un’orbita all’altra assorbendo o cedendo energia. Quando gli elettroni passano da un’orbita più esterna a una più interna emettono energia sotto forma di radiazione luminosa. Queste onde luminose hanno ognuna un specifica frequenza, di conseguenza determinano degli spettri a righe. Questi sono un’impronta digitale dell’atomo.

slide22

Spettrofotometro

Reticolo di diffrazione

Sensore di luce montato su goniometro

Collimatore

Lente focalizzatrice

Lampada di Neon

usando una fenditura pi piccola l intensit dei picchi minore ma lo spettro risulta pi dettagliato
Usando una fenditura più piccola l’intensità dei picchi è minore, ma lo spettro risulta più dettagliato.

Fenditura 4

Fenditura 1

slide25

Conclusioni

Thomson e Rutherford intuiscono la struttura atomica della materia ed elaborano modelli atomici tali da spiegarne il comportamento;

Bohr, dall’analisi degli spettri di emissione dei gas eccitati, riesce a darne un’interpretazione basandosi sulle leggi della fisica classica;

Einstein fa un passo avanti rispetto agli schemi teorizzati da Bohr, estendendo il concetto di quantizzazione, oltre che all’energia emessa dagli elettroni eccitati, anche alle onde elettromagnetiche.

Thomson

Rutherford

Bohr

Einstein