la politica agricola comune 2014 2020 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
La Politica Agricola Comune 2014-2020 PowerPoint Presentation
Download Presentation
La Politica Agricola Comune 2014-2020

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 18

La Politica Agricola Comune 2014-2020 - PowerPoint PPT Presentation


  • 142 Views
  • Uploaded on

La Politica Agricola Comune 2014-2020. 26 giugno 2013. Consiglio dell’Unione europea. Accordo raggiunto tramite riunioni congiunte delle tre istituzioni europee ( triloghi ). Commissione europea. Parlamento europeo. Difficoltà per chiudere l’accordo. Codecisione.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'La Politica Agricola Comune 2014-2020' - shelly-forbes


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
accordo raggiunto tramite riunioni congiunte delle tre istituzioni europee triloghi

26

giugno

2013

Consiglio dell’Unione europea

Accordo raggiunto tramite riunioni congiunte delle tre istituzioni europee (triloghi)

Commissione europea

Parlamento europeo

difficolt per chiudere l accordo

Difficoltà per chiudere l’accordo

Codecisione

Negoziato tra 27 Stati membri allo stesso tavolo

Negoziato svolto in parallelo a quello sul QFP (Quadro finanziario pluriennale)

norme europee definitive

Norme europee definitive

Governo italiano

Parlamento italiano

Regioni e Province autonome

Conferenza Stato- Regioni

informazione

Normativa europea ancora in corso di elaborazione

indirizzo

Consultazione degli stakeholders

Norme nazionali di attuazione

pagamenti diretti
Pagamenti diretti
  • pagamento di base
  • pagamento per greening (30%)
  • pagamento per giovani agricoltori

facoltativi:

  • pagamento per piccoli agricoltori
  • pagamento supplementare primi ettari
  • pagamento per aree svantaggiate
  • aiuti accoppiati
pagamento per le pratiche agricole benefiche per il clima e l ambiente greening

30% dei pagamenti diretti

Pagamento per le pratiche agricole benefiche per il clima e l’ambiente(Greening)

Aree di interesse ecologico- EFA(5-7%)

Diversificazione delle colture

Fino a 10 ha

ESENZIONE

Mantenimento dei prati e pascoli permanenti (non arati da almeno 5 anni)

da 10 a 30 ha

minimo

2 colture

oltre 30 ha

minimo

3 colture

pagamento per le pratiche agricole benefiche per il clima e l ambiente greening1

esenzione dagli obblighi per le aziende biologiche o che aderiscono a misure agroambientali o munite di certificazioni ambientali

Pagamento per le pratiche agricole benefiche per il clima e l’ambiente(Greening)

A richiesta dell’Italia:

esenzione dagli obblighi per il riso

e per le colture permanenti (EFA)

pagamento per le pratiche agricole benefiche per il clima e l ambiente greening2

Pagamento per le pratiche agricole benefiche per il clima e l’ambiente(Greening)

esenzione dagli obblighi per le aziende con oltre il 75% della superficie a pascolo permanente, foraggere o riso

pagamento per le pratiche agricole benefiche per il clima e l ambiente greening3

Pagamento per le pratiche agricole benefiche per il clima e l’ambiente(Greening)

Sanzioni per mancata applicazione delle norme

2016-2017nessuna sanzione (solo ritiro del pagamento greening)

2018sanzione del 20% (oltre al ritiro del pagamento greening)

dal 2019sanzione del 25% (oltre al ritiro del pagamento greening)

Sistema di allerta: segnalazione agli agricoltori dei meri errori, senza applicazione di sanzioni

convergenza interna

livellamento dei valori dei diritti all’aiuto (titoli)

In atto entro il 2019

Anche nel 2019 si potrà mantenere una differenza tra i valori dei titoli

Convergenza interna

Aumento di almeno 1/3 della differenza tra il valore iniziale dei titoli ed il 90% della media nazionale

Modello di convergenza interna (all’interno dello SM) simile a quello di convergenza esterna (tra SSMM)

Gli SSMM possono fissare la perdita di valore dei titoli

tra il 2015 ed il 2019 a non oltre il 30%

agricoltore attivo

È requisito fondamentale per percepire aiuti diretti

Agricoltore attivo

Esclusi dagli aiuti: società sportive, campi da golf, società immobiliari, società aeree e ferroviarie, salvo che venga dimostrata la rilevanza dei proventi agricoli sul fatturato globale dell’azienda

Sulle superfici agricole deve essere esercitata un’attività minima

Gli Stati membri possono definire ulteriori criteri

premio giovani agricoltori fino ai 40 anni di et

Premio giovani agricoltori(fino ai 40 anni di età)

- massimo 90 ha

- per i primi 5 anni

Aiuto supplementare pari al 25% della media individuale dei titoli o della media nazionale/regionale dei pagamenti diretti oppure aiuto forfettario per azienda

premio piccoli agricoltori

Premio piccoli agricoltori

Premio supplementare primi ettari

Gli Stati membri possono destinare fino al 30% del budget nazionale per aumentare il sostegno sui primi ettari delle aziende agricole fino al 65% del valore dei titoli per un massimo di 30 ha per azienda

Schema facoltativo semplificato

Esenzione da greening e condizionalità

Premio da un minimo di 500 € fino a 1.250 €

aiuti accoppiati

Aiuti accoppiati

Maggiore flessibilità: fino al 13% del plafond nazionale, con ulteriore 2% per colture proteiche

organizzazioni comuni dei mercati

vino

Liberalizzazione dei diritti d’impianto

Nuovo sistema di autorizzazioni dal 2016

Organizzazioni comuni dei mercati

olio

revisione del sistema di aiuti

grano duro

inserimento tra i prodotti che beneficiano dell’intervento pubblico

formaggi a pasta dura

inserimento tra i prodotti che beneficiano dell’ammasso privato

estensione della programmazione produttiva ai prodotti DOP e IGP

prosciutti

abolizione del sistema delle quote dal 30 settembre 2017

zucchero

su richiesta dell italia obbligo di indicare l origine dei prodotti

Organizzazioni comuni dei mercati

ortofrutta

Su richiesta dell’Italia:obbligo di indicare l’origine dei prodotti 

possibilità di finanziare estirpazione e reimpianto di frutteti a seguito di fitopatie 

possibilità di partecipazione al regime anche per le Associazioni di organizzazioni di produttori

stabilite regole specifiche per lo Statuto delle organizzazioni di produttori

grazie dell attenzione

Direzione generale delle politiche internazionali e dell'Unione europea

Grazie dell’attenzione!

Foto: Alessandra e Andrea Gaddini, Angelo Barile