elezioni culture politiche e comportamento elettorale n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Elezioni, culture politiche e comportamento elettorale PowerPoint Presentation
Download Presentation
Elezioni, culture politiche e comportamento elettorale

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 13

Elezioni, culture politiche e comportamento elettorale - PowerPoint PPT Presentation


  • 164 Views
  • Uploaded on

Elezioni, culture politiche e comportamento elettorale. Obiettivi del capitolo. Presentare lo sviluppo del “regime elettorale” italiano, fino ai giorni nostri Discutere i modelli prevalenti del comportamento politico degli italiani

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Elezioni, culture politiche e comportamento elettorale' - roden


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

Obiettivi del capitolo

  • Presentare lo sviluppo del “regime elettorale” italiano, fino ai giorni nostri
  • Discutere i modelli prevalenti del comportamento politico degli italiani
  • Riassumere i risultati degli studi sulle sub-culture politiche in Italia e la loro distribuzione territoriale
il regime elettorale nell italia repubblicana
Il regime elettorale nell’Italia repubblicana
  • La tradizione del sistema maggioritario dell’Italia liberale non riemerge…
  • … l’orientamento dei costituenti è per il principio di rappresentanza proporzionale, già sperimentato nel 1919
  • Sono infatti proporzionali entrambi i sistemi elettorali, pure molto diversi, scelti dalla Costituente per Camera dei Deputati e Senato della Repubblica
  • Alla Camera il voto di preferenza alimenta la competizione intrapartitica
ascesa e declino del referendum
Ascesa (e declino?) del referendum
  • Dopo lo scontro sul divorzio (1974) è un mezzo di mobilitazione usato da parte di minoranze
  • Successi (abrogazioni) solo nella fase 1987-1995
  • Declino di partecipazione dopo la fase 1991-1993

Tuttavia, ancora uno strumento molto usato

e molto adatto per costruire maggioranze alternative

o per sottolineare la distanza tra partiti e società

i cambiamenti dei primi anni novanta
I cambiamenti dei primi anni novanta
  • Prodromi negli anni ‘80: sintomi della crisi partitica, aumento dell’astensionismo e biforcazione tra establishment politico e elettorato
  • Alcune proposte di “grande riforma” che comprendono il ritocco dei sistemi elettorali
  • Il movimento referendario ed il primo ritocco del sistema elettorale della camera (1991, la preferenza unica)
  • Referendum del 1993 abolisce la soglia del 65% al Senato e rischia di differenziare enormemente i sistemi elettorali delle due camere
  • Nuovo sistema elettorale misto.
  • Tangentopoli e la drammatica fase della XII legislatura
le riforme elettorali degli anni novanta
Camera (L. 277/93): sistema misto-maggioritario con 25% dei seggi attribuiti proporzionalmente in 26 circoscrizioni. Voto di lista proporzionale e scorporo parziale

Senato (L.278/93): sistema misto-maggioritario con 25% dei seggi attribuiti proporzionalmente in 20 regioni. Nel proporzionale eletti i migliori perdenti dei collegi e scorporo totale

Elezioni comunali: elezione diretta del sindaco e premio alla coalizione maggioritaria

Elezioni provinciali: elezione diretta del presidente e premio alla coalizione maggioritaria

Elezioni regionali: premio di maggioranza (1995) e elezione diretta del presidente (1999-2001)

Le riforme elettorali degli anni novanta
effetti del sistema elettorale introdotto nel 1993
Effetti del sistema elettorale introdotto nel 1993
  • Centralità del gioco coalizionale al fine di massimizzare la vittoria nei collegi uninominali
  • Centralità (soprattutto nei collegi “aperti”) del profilo personale dei candidati e quindi perdita parziale di autonomia delle élite partitiche nella gestione del processo di selezione parlamentare.
  • Venir meno di alti tassi di partecipazione ed elevata prevedibilità del voto (vedere dati sulla volatilità)
  • Affermazione del bipolarismo
sistemi elettorali introdotti dalla legge 270 2005
Sistemi elettorali introdotti dalla legge 270/2005
  • Camera: 26 circoscrizioni proporzionali ( + collegio uninominale in Valle d’Aosta e circoscrizione estera). Soglia del 10% dei voti validi per le coalizioni, soglia del 2% per ogni partito incluso in una coalizione, ed del 4% per i partiti che corrono da soli. La coalizione che arriva prima a livello nazionale riceve un bonus che porta i suoi seggi a 340.
  • Senato: circoscrizioni coincidono con le 20 regioni (+ circoscrizione estero). Distribuzione proporzionale con le eccezioni di alcuni collegi uninominali (Valle d’Aosta e Trentino Alto-Adige). Soglie simili a quelle della camera. Premi di maggioranza regionali: in ogni singola regione la coalizione che raggiunge la maggioranza dei voti ottiene almeno il 55% dei seggi.
modelli tradizionali di elettore in italia parisi e pasquino 1977
Modelli tradizionali di elettore in Italia (Parisi e Pasquino 1977)
  • Elettore di appartenenza: si sente “parte” di un partito o di una determinata cultura politica - raramente nega il suo consenso con manifestazioni di astensione o protesta.
  • Elettore di opinione: fa del cambiamento una propria strategia, tende a valutare con attenzione il comportamento degli attori partitici preferiti in precedenza, ma anch’esso tende comunque ad attivarsi e presumibilmente a rimanere nella stessa area
  • Elettore di scambio: diffuso in aree geografiche e politiche delimitate, basa il proprio voto sul calcolo e sull’aspettativa di una controprestazione. Accorda consenso ad un partito (o ad un singolo candidato) in grado di soddisfare un suo precipuo interesse.
elementi tipici del comportamento elettorale nella prima repubblica
Elementi tipici del comportamento elettoralenella prima repubblica
  • Prevedibilità degli eventi elettorali ed estrema stabilità dei suoi effetti in termini di distribuzione di seggi e cariche
  • Distribuzione definita a livello territoriale dei vari tipi di elettore e di voto
  • Ruolo spesso di secondo ordine delle elezioni non legislative
  • Assenza di fenomeni di disallineamento dagli ordini di partito almeno sino alla stagione dei referendum (a partire dalla fine degli anni ’70)
mutamenti nel comportamento elettorale all inizio degli anni 90
Mutamenti nel comportamento elettorale all’inizio degli anni ‘90
  • Volatilità totale e di blocco: si muove già nel 1992 e si eleva soprattutto nel 1994 e 1996.
  • Forza elettorale dei 7 partiti storici: sopra al 90% fino al 1983. Ancora forte nel 1987. Scende al 77% nel 1992 e crolla nel 1994
  • Turnover parlamentare: si muove già nel 1992 e si impenna nel 1994
la mappa politica della seconda repubblica
La mappa politica della seconda repubblica
  • Maggiore complessità rispetto alla prima repubblica
  • “dissoluzione” dell’area bianca
  • Erosione dell’area rossa
  • Frammentazione del “controllo” dei vari partiti nel mezzogiorno
  • Confini più sfumati e mobili tra le varie aree

Tuttavia, il territorio è ancora una variabile fondamentale

Comportamenti di voto ancora correlati a

subculture politiche e capitale sociale