slide1 n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Orizzonte celeste PowerPoint Presentation
Download Presentation
Orizzonte celeste

play fullscreen
1 / 14
Download Presentation

Orizzonte celeste - PowerPoint PPT Presentation

rianna
151 Views
Download Presentation

Orizzonte celeste

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Z coj = 36° j = 54°N Pn Q Cerchio verticale Parallelo celeste E Almicantarat Equatore celeste N S Orizzonte celeste W Meridiano celeste Q’ Pn Z’

  2. Emisfero NORD Pn Q Parallelo celeste (parallelo di declinazione) Equatore celeste Asse del Mondo Emisfero SUD Meridiano celeste (Cerchio orario) Q’ Pn

  3. Z Emisfero VISIBILE Cerchio verticale E Almicantarat N S Orizzonte celeste W Verticale dell’osservatore Emisfero INVISIBILE Z’

  4. Z coj = 36° j = 54°N Pn Q Parte dell’emisfero SUD Visibile E Equatore celeste N S Orizzonte celeste W Parte dell’emisfero NORD non Visibile Q’ Pn Z’

  5. NOTA BENE SE L’OSSERVATORE SI TROVA SULL’EQUATORE, NON POSSONO ESISTERE ASTRI CIRCUMPOLARI IN QUANTO I DUE POLI SI TROVANO SULL’ORIZZONTE SE L’OSSERVATORE INVECE SI TROVA SU UNO DEI POLI, TUTTI GLI ASTRI SONO CIRCUMPOLARI Z coj = 36° Astro CIRCUMPOLARE (non sorge e non tramonta – è sempre visibile j = 54°N Pn Q E Equatore celeste N S Orizzonte celeste W Q’ Pn Astro non CIRCUMPOLARE (sorge e non tramonta – ha un periodo di invisibiltà Z’

  6. Esempio n°1 A Greenwich sono le 1500 del 12 marzo 120300/Y 130300/M 130200/L 120400/X 130100/K 120500/W 130001/I 120600/V 122300/H 120700/U 122200/G 120800/T 122100/F 120900/S 122000/E 121000/R 121900/D 121100/Q 121800/C 121200/P 121700/B 121300/O 121600/A 121400/N 121500/Z

  7. Esempio n°2 A Greenwich sono le 1900 del 12 marzo (sono passate 4 ore dalla lastrina precedente) 120700/Y 130700/M 130600/L 120800/X 130500/K 120900/W 130400/I 121000/V 130300/H 121100/U 130200/G 121200/T 130100/F 121300/S 130001/E 121400/R 122300/D 121500/Q 122200/C 121600/P 122100/B 121700/O 122000/A 121800/N 121900/Z

  8. Esempio n°3 A Greenwich sono le 2300 del 12 marzo (sono passate 4 ore dalla lastrina precedente) 121100/Y 131100/M 131000/L 121200/X 130900/K 121300/W 130800/I 121400/V 130700/H 121500/U 130600/G 121600/T 130500/F 121700/S 130400/E 121800/R 130300/D 121900/Q 130200/C 122000/P 130100/B 122100/O 130001/A 122200/N 122300/Z

  9. Nota Bene: i fusi orari geografici sono 25. I due fusi (M-Y) divisi dall’anti-meridiano di greenwich (180°) hanno lo stesso orario ma non la stessa data Esempio n°4 A Greenwich sono le 0300 del 13 marzo (sono passate 4 ore dalla lastrina precedente) 121500/Y 131500/M 131400/L 121600/X 131300/K 121700/W 131200/I 121800/V Curiosità: rispetto alle lettere dell’alfabeto, nei fusi orari manca la lettera J (Julliett) 131100/H 121900/U 131000/G 122000/T 130900/F 122100/S 130800/E 122200/R Nota Bene: le cifre riportate sopra la lettera che contraddistingue il fuso orario stanno ad indicare le ore che bisogna togliere (-) od aggiungere (+) per sape-re l’ora di greenwich (fuso Z). Esempio: se nel fuso GOLF sono le ore 1000 come nella lastrina, basta togliere 7 ore (sopra la lettera è scritto “-7”) per sapere l’ora di greenwich (le 0300Z). 130700/D 122300/Q Nota Bene: Come si è chiaramente visto anche dalle precedenti lastrine, il giorno 12, mano a mano che passano le ore, si riduce come fusi orari fino a scomparire completamente quando a greenwich saranno le ore 1200/Z del 13 marzo. 130600/C 120001/P 130500/B 120100/O 130400/A 120200/N 130300/Z

  10. Apparenti contraddizioni dell’Antimerdiano di Greenwich COSA SUCCEDE ALL’ATTRAVERSAMENTO DEL MERIDIANO 180°? • NAVE A • Ha rotta 090 (EST) • Passa da una longitudine EST ad una longitudine OVEST • Non cambia orario ma RIDUCE di un giorno la DATA • NAVE B • Ha rotta 270 (OVEST) • Passa da una longitudine OVEST ad una longitudine EST • Non cambia orario ma AUMENTA di un giorno la DATA FUSO M Longitudine EST D+1 FUSO Y Longitudine OVEST D A ROTTA EST B ROTTA OVEST 180°

  11. STELLE – Come si determinano le coordinate locali orarie di una stella osservata? to = 19h12m12s/A Ora dell’orologio in cui viene effettuata l’osservazione (tempo osservazione) k= +16s Correzione dell’Orologio (va indietro di 16 secondi) tf = 19h12m30s/A Ora in cui viene effettuata l’osservazione (tempo del fuso orario) Cf = -1h/A Correzione fuso (per passare dal fuso A al fuso Z devo togliere un’ora Tm = 18h12m30s/Z Ora di Greenwich (quando ho osservato l’astro, che ora era a Greenwich?) Data: 18 Luglio 1999 – Stella DENEB – j = 40°N – l = 11°E (vedere la pagina completa delle effemeridi riportata sul sito internet, e le pagine gialle) Tempo sidereo (angolo orario del punto vernale grelativo alle ore 1800/Z) Ts = 206°06’.1 Parti proporzionali relative a 12m e 30s (sulle pagine gialle dei 12 minuti sulla colonna relativa a g) ppms = 3°08’.0 Tempo sidereo (angolo orario del punto vernale g) Ts = 209°14’.1 Coa= 49°38’.3 CoAscensione retta della stella DENEB (sulla pagina delle effemeridi nella colonna delle stelle) Angolo orario dell’astro rispetto a Greenwich T= 258°52’.4 Longitudine (positiva perché EST) l= + 11° Angolo orario dell’astro rispetto all’osservatore t= 268°52’.4 Se l’angolo orario (t) è maggiore di 180°, l’astro è ad EST e l’Angolo al polo (P) è uguale a 360 – t (col suffisso E) Se l’angolo orario (t) è minore di 180°, l’astro è ad OVEST e l’Angolo al polo (P) è uguale a t (col suffisso W) P= 091°07’.6 E d = 45°16’.7 N (leggo la declinazione d vicino alla Coa)

  12. Ts (Angolo orario di g) + Coa (Coascensione retta) = T* (Angolo orario dell’astro rispetto a Ms) T* (Angolo orario dell’astro rispetto a Ms) + l (Longitudine) = t* (Angolo orario dell’astro rispetto a ms) g ….Riportiamo i dati dalla lastrina precedente Coa * t* Pn PE = 360 – t* (l’astro è ad EST rispetto a ms) Ts T* PE Mezzocielo superiore di chi si trova sul meridiano 011°EST Ovest Est l ms Mezzocielo superiore di chi si trova sul meridiano di Greenwich Ms

  13. PIANETI – Come si determinano le coordinate locali orarie di un pianeta osservato? to = 19h12m12s/A Ora dell’orologio in cui viene effettuata l’osservazione (tempo osservazione) k= +16s Correzione dell’Orologio (va indietro di 16 secondi) tf = 19h12m30s/A Ora in cui viene effettuata l’osservazione (tempo del fuso orario) Cf = -1h/A Correzione fuso (per passare dal fuso A al fuso Z devo togliere un’ora Tm = 18h12m30s/Z Ora di Greenwich (quando ho osservato l’astro, che ora era a Greenwich?) Data: 18 Luglio 1999 – SATURNO – j = 40°N – l = 11°E (vedere la pagina completa delle effemeridi riportata sul sito internet, e le pagine gialle) Angolo orario del pianeta SATURNO relativo alle ore 1800/Z TP= 162°13’.1 Parti proporzionali relative a 12m e 30s (sulle pagine gialle dei 12 minuti sulla colonna relativa a g) ppms = 3°07’.5 Parti proporzionali relative alla variazione “v” (presente in fondo alla colonna di saturno (v = +2,3)) pp(v) = 0,5 TP = 165°21’.1 Angolo orario del pianeta SATURNO Longitudine (positiva perché EST) l= + 11° Angolo orario del pianeta SATURNO rispetto all’osservatore tP = 176°21’.1 Se l’angolo orario (t) è maggiore di 180°, l’astro è ad EST e l’Angolo al polo (P) è uguale a 360 – t (col suffisso E) Se l’angolo orario (t) è minore di 180°, l’astro è ad OVEST e l’Angolo al polo (P) è uguale a t (col suffisso W) P= 176°21’.1 W dp = 14°18’.7 N (leggo la declinazione d vicino all’angolo orario) pp(v) = 0,0 Parti proporzionali relative alla variazione “d” (presente in fondo alla colonna di saturno (v = 0.0)) dp = 14°18’.7 N (Declinazione di SATURNO)

  14. T* (Angolo orario dell’astro rispetto a Ms) + l (Longitudine) = t* (Angolo orario dell’astro rispetto a ms) ….Riportiamo i dati dalla lastrina precedente Pw = tP (l’astro è ad OVEST rispetto a ms) Pn tP Pw Tp Mezzocielo superiore di chi si trova sul meridiano 011°EST Ovest Est l ms Mezzocielo superiore di chi si trova sul meridiano di Greenwich Ms