html5-img
1 / 73

FABBRICATI RURALI

FABBRICATI RURALI. MODALITA’ TECNICHE ED OPERATIVE PER L’ACCERTAMENTO DEI FABBRICATI CHE HANNO PERSO I REQUISITI DI RURALITA’ (D.L. 03 OTTOBRE 2006 N. 262) A cura di Silverio Bianchini, Luigi del Monaco e Italo Natillo Agenzia del territorio - Ufficio provinciale di Modena

philomena
Download Presentation

FABBRICATI RURALI

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author. Content is provided to you AS IS for your information and personal use only. Download presentation by click this link. While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server. During download, if you can't get a presentation, the file might be deleted by the publisher.

E N D

Presentation Transcript


  1. FABBRICATI RURALI MODALITA’ TECNICHE ED OPERATIVE PER L’ACCERTAMENTO DEI FABBRICATI CHE HANNO PERSO I REQUISITI DI RURALITA’ (D.L. 03 OTTOBRE 2006 N. 262) A cura di Silverio Bianchini, Luigi del Monaco e Italo Natillo Agenzia del territorio - Ufficio provinciale di Modena Modena, 19 aprile 2007

  2. Obiettivi della presentazione • L’accatastamento dei fabbricati censiti o mai dichiarati al NCT • Aspetti generali sull’accatastamento dei fabbricati (Luigi del Monaco) • I fabbricati rurali presenti nella banca dati del catasto terreni, alcune definizioni (Italo Natillo) • Le modalità di compilazione del tipo mappale e alcuni esempi (Italo Natillo) • Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) • Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati censiti o mai dichiarati al NCT (Luigi del Monaco e Italo Natillo) • I controlli DOCFA dei Comuni, art. 34 quinquies, DL n. 4/2006 (Silverio Bianchini) • L’accertamento dei fabbricati in corso di costruzione F3 e di definizione F4 (Luigi del Monaco) • Le nuove disposizioni in merito all’accatastamento delle unità immobiliari appartenenti al gruppo E (Luigi del Monaco) Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  3. Aspetti generali sull’accatastamento dei fabbricati (Luigi del Monaco) • Le regole inerenti l’accatastamento dei fabbricati rurali sono dettate, principalmente, dalla seguente normativa: • DPR 23 marzo 1998, n. 139 (regolamento recante norme per la revisione dei criteri di accatastamento dei fabbricati rurali, a norma dell’art. 3, comma 156, della legge 23 dicembre 1996, n. 662) • In particolare, si rileva che l’art. 1 comma 1 del DPR 139/98 stabilisce che per l’accatastamento di questi fabbricati si applicano le disposizioni di cui all’art. 5 del DM 2 gennaio 1998 (regolamento recante norme in tema di costituzione del catasto dei fabbricati e modalità di produzione ed adeguamento della nuova cartografia catastale), ossia si applicano le disposizioni per la conservazione del catasto edilizio urbano (legge 11 agosto 1939, n. 1939). Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  4. Aspetti generali sull’accatastamento dei fabbricati (di Luigi del Monaco) • E’ importante sottolineare come in base al DM 2 agosto 1998 tutti i fabbricati (urbani e rurali) saranno oggetto di dichiarazione al catasto edilizio urbano (accatastamento) in occasione della formazione del catasto dei fabbricati (CF), che sostituiràl’attuale catasto edilizio urbano (CEU). • Oggi, è possibile delineare il seguente quadro: • I fabbricati non censiti nel catasto dei terreni, perché di nuova costruzione o perché mai dichiarati, sono da accatastare obbligatoriamente al CEU • I fabbricati censiti nel catasto dei terreni, sono da accatastare obbligatoriamente al CEU: • Quando subiscono variazioni oggettive (frazionamenti, ampliamenti, demolizioni, ecc.) • quando vengono meno i requisiti di ruralità • quando devono essere suddivisi in più porzioni rurali o promiscue. • Viceversa non è obbligatorio l’accatastamento al CEU di questi fabbricati • In tutti i casi diversi da quelli sopra delineati • Nei casi di trasferimento o costituzione di diritti reali (art. 27 del DM 2 gennaio 1998). Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  5. Aspetti generali sull’accatastamento dei fabbricati (di Luigi del Monaco) • A maggior chiarimento, anche di situazioni particolari frequentemente riscontrabili tra i fabbricati rurali o ex rurali, è bene porre in evidenza che (vedi DM 2 gennaio 1998): • I fabbricati sono censiti al catasto edilizio urbano (CEU) per unità immobiliare, cioè • una porzione di fabbricato, o un fabbricato, o un insieme di fabbricati o un’area, che, nello stato in cui si trova e secondo l’uso locale, presenta potenzialità di autonomia funzionale e reddituale. Questo vuol dire che non è possibile accatastare una porzione di fabbricato non autonomamente utilizzabile (ad es. una più stanze) anche se ciò è richiesto per il venir meno del requisito dimensionale per il riconoscimento della ruralità. In questi casi è meglio procedere all’accatastamento dell’intera unità immobiliare e poi dichiarare fiscalmente solo la parte di reddito afferente la porzione non più rurale. Si tenga presente che l’abitazione e gli immobili di uso diverso (stalle, fienili, deposito attrezzi, ecc.), strumentali all’esercizio dell’attività agricola, costituiscono unità immobiliari distinte e sono da accatastare al CEU separatamente • Ad ogni unità immobiliare è attribuito l’identificativo catastale (foglio, mappale ed eventuale subalterno); • Per ogni unità immobiliare è determinata la rendita catastale; • Sono iscritte in catasto senza attribuzione di rendita (art. 3, comma 2): • Fabbricati o loro porzioni in corso di costruzione o di definizione; • Costruzioni inidonee ad utilizzazioni produttive di reddito, a causa dell’accentuato livello di degrado; • Lastrici solari; • Aree urbane. Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  6. Aspetti generali sull’accatastamento dei fabbricati (di Luigi del Monaco) • Non devono essere accatastate al CEU le seguenti opere (art. 3, comma 3, DM 2 gennaio 1998): • Manufatti con superficie coperta inferiore a 8 mq; • Serre adibite alla coltivazione e protezione delle piante sul suolo naturale; • Vasche per l’acquacoltura o di accumulo per l’irrigazione dei terreni; • Manufatti isolati privi di copertura; • Tettoie, porcili, pollai, casotti, concimaie, pozzi e simili, di altezza utile inferiore a 1,80 m, purché di volumetria inferiore a 150 mc; • Manufatti precari, privi di fondazione, non stabilmente infissi al suolo. • Le opere di cui ai punti 1, 5 nonché quelle di cui al punto 3 rivestite con paramento murario, qualora accessori a servizio di una o più unità immobiliari ordinarie, sono oggetto di iscrizione in catasto contestualmente alle predette unità (art. 3, comma 4, DM 2 gennaio 1998). Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  7. Aspetti generali sull’accatastamento dei fabbricati (di Luigi del Monaco) • Una notazione particolare meritano i fabbricati rurali ad uso diverso dell’abitazione. • Questi fabbricati, se dichiarati al CEU, perché di nuova costruzione, oppure perché subiscono variazioni oggettive, oppure, infine, per volontà del proprietario, sono qualificabili nella categoria D/10 (istituita dall’art. 1, comma 5, del DPR 139/98) qualora: • Non sono adibiti ad abitazione fatta eccezione per gli agriturismo • Sono strumentali all’esercizio dell’attività agricola di cui all’art. 32 del T.U. delle imposte sui redditi (DPR 22 dicembre 1986, n. 917), tra cui sono comprese anche quelle di agriturismo. • Abbiano caratteristiche di destinazione e tipologia tali da non consentire, senza radicali trasformazioni, una destinazione diversa da quella per la quale furono originariamente costruite. • Si sottolinea la circostanza che l’unico elemento discriminante per definire la concreta strumentalità all’attività agricola effettivamente praticata, quindi la ruralità del fabbricato, risiede nella compatibilità delle caratteristiche tipologiche e funzionali con l’effettiva produzione del fondo al quale è asservito. Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  8. Aspetti generali sull’accatastamento dei fabbricati (di Luigi del Monaco) • Da quanto riportato nella precedente slide si desume che: • Deve ritenersi compatibile con l’attività agrituristica la destinazione residenziale, cui è attribuita una delle categorie del gruppo A; • nel caso in cui le costruzioni di cui si tratta hanno caratteristiche ordinarie (per tipologia, strutture, finiture, impianti, dimensione, ecc.) esse vanno qualificate con una delle categorie del gruppo C (C/2, C/3, C/6 e C/7) • Se i caratteri di strumentalità non sono presenti il fabbricato è da qualificare in una delle altre categorie del gruppo D, in genere D/7 o D/8, ovvero in una delle predette categorie del gruppo C a seconda delle caratteristiche del fabbricato stesso, speciali o ordinarie • In termini del tutto generali, si tenga presente che: • gli aspetti catastali sono sempre da tenere distinti da quelli urbanistici e fiscali • le unità già censite al CEU non sono oggetto di variazione qualora vengano riconosciute rurali Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  9. Obiettivi della presentazione • L’accatastamento dei fabbricati censiti o mai dichiarati al NCT • Aspetti generali sull’accatastamento dei fabbricati (Luigi del Monaco) • I fabbricati rurali presenti nella banca dati del catasto terreni, alcune definizioni (Italo Natillo) • Le modalità di compilazione del tipo mappale e alcuni esempi (Italo Natillo) • Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) • Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati censiti o mai dichiarati al NCT (Luigi del Monaco e Italo Natillo) • I controlli DOCFA dei Comuni, art. 34 quinquies, DL n. 4/2006 (Silverio Bianchini) • L’accertamento dei fabbricati in corso di costruzione F3 e di definizione F4 (Luigi del Monaco) • Le nuove disposizioni in merito all’accatastamento delle unità immobiliari appartenenti al gruppo E (Luigi del Monaco) Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  10. I fabbricati rurali presenti nella banca dati del catasto terreni, alcune definizioni (Italo Natillo) • Nella banca dati catastale I fabbricati rurali assumono le seguenti qualità: • FABB PROMIS - Fabbricato promiscuo, costituito da una o più porzioni rurali e da una o più porzioni urbane. Queste porzioni sono contraddistinte sempre da subalterni. • FABB RURALE - Intero fabbricato contraddistinto da un numero di particella a cui può essere graffata un’area rurale di pertinenza. A tale proposito si fa rilevare che non è infrequente il caso in cui aree rurali derivate da frazionamento di fabbricati rurali hanno mantenuto la qualità di FABB RURALE. In questi casi occorre presentare un DOCTE per il cambio di qualità. • FR DIV SUB - Intero fabbricato rurale suddiviso in porzioni appartenenti a ditte diverse e contraddistinte da subalterni, definite a suo tempo con l’ex mod. 6. Urbana Rurale Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  11. I fabbricati rurali presenti nella banca dati del catasto terreni, alcune definizioni (di Italo Natillo) • Segue classificazione: • PORZ ACC FR - Accessori comuni (scale, portici, pozzi, forni, ecc) a più fabbricati rurali. Tali porzioni sono sempre contraddistinte da subalterni. • PORZ RUR FP - Porzione rurale facente parte di un fabbricato promiscuo. • Non è superfluo richiamare l’attenzione su quei fabbricati che nella banca dati del catasto terreni sono qualificati FU D’ACCERT. Trattasi di interi fabbricati, ritenuti non rurali dai rilevatori catastali, la cui presenza sul territorio è stata rilevata nel corso di sopralluoghi di lustrazione in anni non recenti. Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  12. Obiettivi della presentazione • L’accatastamento dei fabbricati censiti o mai dichiarati al NCT • Aspetti generali sull’accatastamento dei fabbricati (Luigi del Monaco) • I fabbricati rurali presenti nella banca dati del catasto terreni, alcune definizioni (Italo Natillo) • Le modalità di compilazione del tipo mappale e alcuni esempi (Italo Natillo) • Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) • Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati censiti o mai dichiarati al NCT (Luigi del Monaco e Italo Natillo) • I controlli DOCFA dei Comuni, art. 34 quinquies, DL n. 4/2006 (Silverio Bianchini) • L’accertamento dei fabbricati in corso di costruzione F3 e di definizione F4 (Luigi del Monaco) • Le nuove disposizioni in merito all’accatastamento delle unità immobiliari appartenenti al gruppo E (Luigi del Monaco) Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  13. Le modalità di compilazione del tipo mappale e alcuni esempi (Italo Natillo) • Con riferimento alla precedente classificazione sono utili le seguenti considerazioni generali: • Per accatastare un fabbricato non censito al catasto dei terreni, oppure un fabbricato che ha variato la “geometria” esistente in mappa, occorre presentare un tipo mappalecon proposta di aggiornamento redatta con PREGEO 9.0: • di modesta entità: • Se si verifica un ampliamento inferiore o uguale al 50% della superficie del fabbricato esistente • Se si demolisce parzialmente il fabbricato esistente • Quando trattasi di fabbricato ex novo avente una superficie non superore a 20 mq • Quando si inserisce in mappa una geometrie da rappresentarsi con linea tratteggiata o punteggiata • ordinario (con il riferimento ai punti fiduciali), negli altri casi Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  14. Le modalità di compilazione del tipo mappale e alcuni esempi (Italo Natillo) • Continua da pagina precedente • Per accatastare un fabbricato censito al catasto terreni, la cui “geometria” è conforme allo stato di fatto, occorre presentare: • un tipo mappale ordinario per conferma di mappa. Si ricorda che dopo le righe 0 e 9 deve essere inserita una riga 6 con scritto CONFERMA. In questi casi la proposta di aggiornamento è obbligatoria solo nel caso di cambio del numero della particella. • Il cambio del numero di particella è necessario soltanto quando si tratta di un fabbricato rurale intero, ossia non diviso in subalterni intestati a ditte diverse oppure non si tratti di un fabbricato di tipo promiscuo, essendo quest’ultimo in parte censito al catasto urbano • Per i fabbricati urbani da accertare (FU D’ACCERT) bisogna regolarsi come per i fabbricati che hanno perso i requisiti di ruralità, ossia presentare il di tipo mappale come sopra indicato e relativa pratica DOCFA (vedi pagine successive). NB. Per questi fabbricati l’eventuale voltura si esegue solo dopo l’accatastamento al catasto edilizio urbano. • Per la demolizione di un fabbricato rurale censito nel catasto dei terreni basta presentare un mod. 26 con allegato un estratto di mappa. NB. Questo è uno dei pochissimi casi in cui è previsto l’utilizzo del modello 26. Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  15. Le modalità di compilazione del tipo mappale e alcuni esempi (Italo Natillo) • Sono stati sviluppati alcuni esempi di redazione di tipo mappale per i casi più significativi di conferma di mappa (vedi file PDF a parte): • 1° caso – Accatastamento di un fabbricato rurale • 2° caso – Accatastamento di una porzione di fabbricato rurale diviso in subalterni appartenenti a ditte diverse • 3° caso – Accatastamento della porzione rurale di un fabbricato promiscuo Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  16. Obiettivi della presentazione • L’accatastamento dei fabbricati censiti o mai dichiarati al NCT • Aspetti generali sull’accatastamento dei fabbricati (Luigi del Monaco) • I fabbricati rurali presenti nella banca dati del catasto terreni, alcune definizioni (Italo Natillo) • Le modalità di compilazione del tipo mappale e alcuni esempi (Italo Natillo) • Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) • Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati censiti o mai dichiarati al NCT (Luigi del Monaco e Italo Natillo) • I controlli DOCFA dei Comuni, art. 34 quinquies, DL n. 4/2006 (Silverio Bianchini) • L’accertamento dei fabbricati in corso di costruzione F3 e di definizione F4 (Luigi del Monaco) • Le nuove disposizioni in merito all’accatastamento delle unità immobiliari appartenenti al gruppo E (Luigi del Monaco) Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  17. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) • Per l’accatastamento dei fabbricati rurali o ex rurali, sia interi che porzioni, occorre presentare al catasto edilizio urbano il documento DOCFA tradizionale dopo che è stato introdotto il tipo mappale nel catasto dei terreni • La redazione della pratica DOCFA per i FABBRICATI RURALI ed EX RURALI presenta le seguenti particolarità • I fabbricati ex rurali mai dichiarati, i fabbricati ex rurali censiti al catasto dei terreni, i fabbricati ex rurali presenti a partita 1 o quelli classificati FU D’ACCERT, devono essere dichiarati al catasto edilizio urbano come se fossero nuove costruzioni • Le porzioni di fabbricato promiscuo, invece, devono essere dichiarate quali unità afferenti • Il subalterno che identifica la porzione ex rurale al catasto dei terreni, soppresso con il tipo mappale, può non essere ripristinato al catasto edilizio urbano, in quanto le due numerazioni sono autonome • A questo proposito si fa presente che è utile indicare nell’elaborato planimetrico o, in mancanza, nello spazio per la relazione tecnica del DOCFA, la natura di ex fabbricato rurale dei subalterni soppressi e la corrispondenza tra i subb. soppressi ai terreni ed i nuovi subb. costituiti all’urbano. • Nella relazione tecnica: • dichiarare se trattasi di Fabbricato rurale, di Ex fabbricato rurale o di Ex Fabbricato rurale mai dichiarato • dichiarare l’esistenza dei requisiti di strumentalità, previsti nel caso di Fabbricato rurale non abitativo • la data in cui sono venuti meno i requisiti per il riconoscimento della ruralità e se la mancanza di questi requisiti, per le sole abitazioni, è dovuta alla non iscrizione nel registro delle imprese dell’imprenditore agricolo; Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  18. Legenda elaborato planimetrico ex mod. EP3 Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  19. Ex fabbricato rurale – L’unità abitativa ha perso i requisiti di ruralità il 15/03/2006 per effetto dell’art. 9 del DL 31 dicembre 1993 n. 557, comma 3, modificato con D.L. 03 ottobre 2006, art. 2, comma 37. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  20. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  21. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) • SANZIONI • Si riportano di seguito le principali fattispecie in cui sono applicabili le sanzioni previste dalla legge: • Omessa o tardiva dichiarazione di nuova costruzione o denuncia di variazione di fabbricati (urbani e rurali) – DOCFA • Rientrano in questa fattispecie anche i fabbricati esistenti mai dichiarati o censiti nel Catasto Terreni che hanno perso i requisiti di ruralità • Mancata presentazione di planimetria • Regolarizzazione di pratica DOCFA per errata redazione di planimetria • Mancata o tardiva presentazione di tipo mappale • Mancata presentazione od errata redazione di tipo di frazionamento • Mancata o tardiva presentazione di volture • Opposizione all’accesso dei funzionari catastali e dei membri delle commissioni censuarie ai beni iscritti o da iscrivere al catasto dei terreni o al catasto edilizio urbano Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  22. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) • SANZIONI • E’ importante tenere presente i seguenti elementi • Dlgs 18 dicembre 1997, n. 472, tratta delle disposizioni generali in materia di sanzioni amministrative per le violazioni di norme tributarie. Sono importanti gli articoli 2, 8, 13, 16, 18 e 26 • Importo della sanzione. Trattasi di misura stabilita per ogni documento catastale (es. per unità immobiliare, per tipo mappale, per tipo di frazionamento,, ecc.) da disposizioni legislative variabili tra un minimo ed un massimo. Sta all’Ufficio stabilire l’importo della sanzione in base: • Alla gravità della violazione accertata • All’opera svolta per l’eliminazione o l’attenuazione delle conseguenze • Alle condizioni soggettive, economiche e sociali, del trasgressore; • Alla recidiva violazione nei tre anni precedenti Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  23. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) • SANZIONI • E’ importante tenere presente i seguenti elementi (segue) • Spese di notifica. Si tratta delle spese per la notifica dell’atto di contestazione (vedi dopo) • Interessi moratori. Sono dovuti gli interessi ai soli tributi non versati. Questi interessi al tasso legale si calcolano su base giornaliera nel caso di ravvedimento operoso (vedi dopo) o per semestri compiuti nel caso di elevazione di atto di contestazione della sanzione (vedi dopo) • Importo minimo di riscossione. Non si riscuotono sanzioni o interessi qualora l’ammontare dovuto, per anno di imposta, non supera l’importo di € 16,53 • Il termine entro cui deve essere presentato il documento catastale. Trattasi di un numero di giorni o di una data fissati da disposizioni di legge che regolano le diverse materie catastali. • L’intervallo di tempo intercorrente tra la data della violazione catastale commessa e la data in cui doveva essere presentato il documento catastale Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  24. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) • SANZIONI • E’ importante tenere presente i seguenti elementi (segue) • Ravvedimento operoso. Trattasi della spontanea presentazione dei documenti oltre i termini stabiliti. Nel caso in cui ciò avvenga entro 90 gg. dal termine prefissato la sanzione si riduce ad 1/8. Se invece tale ravvedimento avviene dal 91° giorno fino all’anno la sanzione si riduce ad 1/5 • Atto di contestazione – E’ l’atto con il quale l’Ufficio contesta all’interessato l’avvenuta violazione di una norma catastale e con il quale irroga la sanzione e determina le spese accessorie (interessi e spese di notifica). Una volta ricevuto l’atto di contestazione non è più possibile ricorrere al ravvedimento operoso. E’ possibile, però, ottenere la riduzione dell’importo della sanzione ad ¼ qualora il pagamento avvenga entro 60 gg. dalla data della notifica dell’atto. Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  25. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) • SANZIONI • E’ importante tenere presente i seguenti elementi (segue) • Decadenza - In virtù del termine quinquennale di decadenza, descritto dall’art. 20 del Decreto legislativo del 18.12.1997 n° 472 : “l’atto di contestazione di cui all’art. 16, ovvero l’atto di irrogazione, devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è avvenuta la violazione. Entro gli stessi termini devono essere resi esecutivi i ruoli nei quali sono iscritte le sanzioni irrogate ai sensi dell’art. 17, comma 3. • Modalità di pagamento che può avvenire: • direttamente allo sportello o per via telematica, nel caso di ravvedimento operoso • direttamente allo sportello o per posta, nel caso di avvenuta verbalizzazione • Ricorso – è opponibile ricorso alla Commissione tributaria provinciale alla notifica dell’atto di contestazione Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  26. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) TIPOLOGIA DELLA VIOLAZIONE: Omessa o tardiva dichiarazione di nuova costruzione o denuncia di variazione per fabbricati urbani e rurali • TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE DOCFA • Entro il 31/01 dell'anno successivo a quello della realizzazione delle opere, del cambio di destinazione o della perdita dei requisiti per il riconoscimento della ruralità (art. 28 R.D.L. 652/39) se la violazione è stata commessa prima 12/03/2006, data di entrata in vigore della legge 80/2006 • entro 30 gg. dalla data di ultimazione delle opere, del cambio di destinazione o della perdita dei requisiti per il riconoscimento della ruralità, se la violazione è stata commessa a partire dal12/03/2006. Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  27. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) TIPOLOGIA DELLA VIOLAZIONE: Omessa o tardiva dichiarazione di nuova costruzione o denuncia di variazione per fabbricati urbani e rurali (segue) • SANZIONI INTERE importi per unità immobiliare • violazioni commesse fino al 31/12/2004 da € 10,00 a € 103,00 • violazioni commesse dall’ 01/01/2005 da € 258,00 a € 2.066,00 • SANZIONI RIDOTTE importi per unità immobiliare • Ravvedimento operoso (pagamento allo sportello di presentazione del DOCFA o per via telematica) • Regolarizzazione entro 90 gg. dalla data della violazione, riduzione della sanzione intera ad 1/8 • Regolarizzazione entro l’anno dalla data della violazione, riduzione della sanzione intera ad 1/5 • Definizione della controversia verbalizzata (per i casi in cui non è stato possibile optare per il ravvedimento operoso) entro 60 gg dalla notifica del verbale, riduzione dell’importo ad 1/4 Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  28. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) TIPOLOGIA DELLA VIOLAZIONE: Omessa presentazione di planimetria (art. 7 RDL 652/39 e art. 60 del DPR 1142/1949) • La planimetria può essere presentata spontaneamente o su invito dell’Ufficio. In entrambi i casi è irrogata la sanzione. Nel primo caso è applicabile il ravvedimento operoso. • SANZIONE INTERA importo per unità immobiliare da € 10,00 a € 103,00 • SANZIONE RIDOTTA importo per unità immobiliare • Ravvedimento operoso (pagamento allo sportello di presentazione del DOCFA o per via telematica) • Regolarizzazione entro 90 gg. dalla data della violazione, riduzione della sanzione intera ad 1/8 • Regolarizzazione entro l’anno dalla data della violazione, riduzione della sanzione intera ad 1/5 • Definizione della controversia verbalizzata (per i casi in cui non è stato possibile optare per il ravvedimento operoso) entro 60 gg dalla notifica del verbale, riduzione dell’importo ad 1/4 Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  29. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) TIPOLOGIA DELLA VIOLAZIONE: Regolarizzazione di documento DOCFA per errata redazione di planimetria (art. 7 RDL 652/39) • La planimetria corretta deve essere presentata entro il termine stabilito con l’invito a regolarizzare la violazione. Non è applicabile il ravvedimento operoso. • SANZIONE INTERA importo per unità immobiliare da € 10,00 a € 103,00 • SANZIONE RIDOTTA importi per unità immobiliare • Definizione della controversia verbalizzata (per i casi in cui non è stato possibile optare per il ravvedimento operoso) entro 60 gg dalla notifica del verbale, riduzione dell’importo ad 1/4 Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  30. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) TIPOLOGIA DELLA VIOLAZIONE: omessa presentazione di tipo mappale • TERMINI - Il tipo mappale deve essere presentato entro 6 mesi dalla data di ultimazione delle opere o della perdita dei requisiti per il riconoscimento della ruralità (art. 8 legge 679/69) • DICHIARAZIONI – Indicazione nel libretto delle misure (relazione tecnica) della data di ultimazione delle opere o della perdita dei requisiti per il riconoscimento della ruralità Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  31. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) TIPOLOGIA DELLA VIOLAZIONE: Omessa presentazione di tipo mappale (art. 8 legge 679/69), segue • SANZIONE INTERA importi per tipo mappale da € 10,00 a € 103,00 • SANZIONE RIDOTTA importi per tipo mappale • Ravvedimento operoso (pagamento allo sportello di presentazione del Tipo o per via telematica) • Regolarizzazione entro 90 gg. dalla data della violazione, riduzione della sanzione intera ad 1/8 • Regolarizzazione entro l’anno dalla data della violazione, riduzione della sanzione intera ad 1/5 • Definizione della controversia verbalizzata (per i casi in cui non è stato possibile optare per il ravvedimento operoso) entro 60 gg dalla notifica del verbale, riduzione dell’importo ad 1/4 Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  32. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) TIPOLOGIA DELLA VIOLAZIONE: Mancata presentazione o errata redazione di tipo di frazionamento • Il tipo di frazionamento corretto deve essere presentato entro il termine stabilito con l’invito a regolarizzare la violazione (artt. 5, 6 e 7 del DPR 26 ottobre 1972 n. 650). Non è applicabile il ravvedimento operoso. • SANZIONE INTERA importo per tipo di frazionamento da € 4,00 a € 61,00 • SANZIONE RIDOTTA importi per tipo di frazionamento • Definizione della controversia verbalizzata (per i casi in cui non è stato possibile optare per il ravvedimento operoso) entro 60 gg dalla notifica del verbale, riduzione dell’importo ad 1/4 Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  33. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) TIPOLOGIA DELLA VIOLAZIONE: Mancata o tardiva presentazione delle volture per i beni censiti al catasto dei terreni ed al catasto edilizio urbano (artt. 3 e 12 del DPR 650/72) La voltura deve essere richiesta entro 30 giorni dalla data di registrazione dell’atto di trasferimento. Essa può essere presentata spontaneamente o su invito dell’Ufficio. Nel primo caso è applicabile il ravvedimento operoso. Nel secondo caso la sanzione è irrogata trascorso il termine stabilito dall’invito all’eliminazione dell’irregolarità. • SANZIONE INTERA importo per domanda di volture da € 15,00 a € 61,00 • SANZIONE RIDOTTA importo per domanda di volture • Ravvedimento operoso (pagamento allo sportello di presentazione del DOCFA o per via telematica) • Regolarizzazione entro 90 gg. dalla data della violazione, riduzione della sanzione intera ad 1/8 • Regolarizzazione entro l’anno dalla data della violazione, riduzione della sanzione intera ad 1/5 • Definizione della controversia verbalizzata (per i casi in cui non è stato possibile optare per il ravvedimento operoso) entro 60 gg dalla notifica del verbale, riduzione dell’importo ad 1/4 Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  34. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) TIPOLOGIA DELLA VIOLAZIONE: Opposizione all’accesso dei funzionari catastali e dei membri delle commissioni censuarie ai beni iscritti o da iscrivere al catasto edilizio urbano (art. 31 RDL 652/39) • Non è applicabile il ravvedimento operoso. • SANZIONE INTERA importo per tipo di frazionamento da € 10,00 a € 103,00 • SANZIONE RIDOTTA importi per tipo di frazionamento • Definizione della controversia verbalizzata (per i casi in cui non è stato possibile optare per il ravvedimento operoso) entro 60 gg dalla notifica del verbale, riduzione dell’importo ad 1/4 Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  35. Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) TIPOLOGIA DELLA VIOLAZIONE: Opposizione all’accesso dei funzionari catastali e dei membri delle commissioni censuarie ai beni iscritti o da iscrivere al catasto dei terreni (RDL 1572/31 art. 40) • Non è applicabile il ravvedimento operoso. • SANZIONE INTERAda € 4,00 a € 30,00 • SANZIONE RIDOTTA • Definizione della controversia verbalizzata (per i casi in cui non è stato possibile optare per il ravvedimento operoso) entro 60 gg dalla notifica del verbale, riduzione dell’importo ad 1/4 Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  36. Obiettivi della presentazione • L’accatastamento dei fabbricati censiti o mai dichiarati al NCT • Aspetti generali sull’accatastamento dei fabbricati (Luigi del Monaco) • I fabbricati rurali presenti nella banca dati del catasto terreni, alcune definizioni (Italo Natillo) • Le modalità di compilazione del tipo mappale e alcuni esempi (Italo Natillo) • Le avvertenze per la compilazione del DOCFA e le sanzioni per violazione di norme catastali (Silverio Bianchini) • Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati censiti o mai dichiarati al NCT (Luigi del Monaco e Italo Natillo) • I controlli DOCFA dei Comuni, art. 34 quinquies, DL n. 4/2006 (Silverio Bianchini) • L’accertamento dei fabbricati in corso di costruzione F3 e di definizione F4 (Luigi del Monaco) • Le nuove disposizioni in merito all’accatastamento delle unità immobiliari appartenenti al gruppo E (Luigi del Monaco) Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  37. Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati censiti o mai dichiarati nel NCT (Luigi del Monaco e Italo Natillo) • L’art. 2, comma 36, del DL 3 ottobre 2006 n. 262, convertito dalla legge 24 novembre 2006, n. 286, come modificato dalla legge 27 dicembre 2006 n. 296, ha dato un rilevante impulso all’attività di accertamento in catasto di quei fabbricati che hanno perso i requisiti per il riconoscimento della ruralità ai fini fiscali, ovvero non dichiarati, prevedendo un’importante cooperazione tra Agenzia del territorio e AGEA. • Per consentire più efficaci controlli la dichiarazione annuale resa ad AGEA da parte degli interessati all’ottenimento dei contributi agricoli, contiene dal 1.1.2007 una sezione dedicata ai fabbricati con i seguenti dati: • identificativi catastali dei fabbricati; • destinazione d’uso degli immobili; • generalità del soggetto dichiarante e informative sul proprietario; • generalità dei soggetti utilizzatori; • dichiarazione di conformità sull’intestazione catastale. Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  38. Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati censiti o mai dichiarati nel NCT (Luigi del Monaco e Italo Natillo) • Per l’anno 2007 l’Agenzia del territorio ha programmato lo svolgimento di attività straordinarie che riguardano: • l’analisi ed elaborazione delle informazioni ottenute dalle dichiarazioni Agea a partire dall’anno 2007 rese dai soggetti interessati ai contributi agricoli e che detengono i fabbricati, ai sensi di quanto previsto dall'art. 2, comma 33, del decreto-legge 3 ottobre 2006, n. 262 • Le verifiche sui soggetti intestatari di fabbricati censiti al catasto dei terreni attraverso incroci dati con le informazioni in possesso dell’Agenzia delle Entrate allo scopo di accertare la presenza di volume di affare IVA da attività agricola e redditi complessivi ed iscrizione presso il registro delle imprese agricole; • Le verifiche sui soggetti intestatari in catasto di fabbricati censiti al catasto dei terreni attraverso incroci dati con le informazioni in possesso del Comune, tesi ad individuare eventuali loro residenze nei fabbricati medesimi (incrocio con la banca dati anagrafica dei residenti) ed eventuali autorizzazioni edilizie rilasciate per la trasformazione e/o restauro (incrocio con la banca dati delle autorizzazioni e permessi edilizi); • l’individuazione di fabbricati e non dichiarati in catasto presenti in foto aeree sovraimposte e georiferite rispetto alla cartografia catastale. • Il risultato degli accertamenti consentirà di provvedere alla formazione di specifici elenchi comunali di fabbricati per i quali i soggetti titolari di diritti reali sugli stessi sono obbligati alla presentazione della dichiarazione in catasto, da pubblicizzare secondo specifiche modalità. Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  39. Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati censiti o mai dichiarati nel NCT (Luigi del Monaco e Italo Natillo) • La legge finanziaria 2007 (n. 298/06), al comma 339, modificando la precedente formulazione portata dal D.L. n. 262/06, ha previsto che la richiesta ai soggetti interessati ad accatastare possa essere eseguita secondo le seguenti modalità: • comunicato da pubblicare nella Gazzetta Ufficiale della disponibilità, per ciascun comune, dell’elenco degli immobili individuati • pubblicizzazione, per i sessanta giorni successivi alla pubblicazione del comunicato, il predetto elenco, con valore di richiesta, per i titolari dei diritti reali, di presentazione degli atti di aggiornamento catastale redatti ai sensi del regolamento di cui al decreto del Ministro delle finanze 19 aprile 1994, n. 701, presso • i comuni interessati • gli uffici provinciali • sul proprio sito internet • Se i soggetti interessati non ottemperano alla richiesta entro novanta giorni dalla data di pubblicazione del comunicato, gli uffici provinciali dell’Agenzia del territorio provvedono, con oneri a carico dell’interessato, alla iscrizione in catasto attraverso la predisposizione delle relative dichiarazioni redatte in conformità al regolamento di cui al decreto del Ministro delle finanze 19 aprile 1994, n. 701, e a notificarne i relativi esiti. Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  40. Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati censiti o mai dichiarati nel NCT (Luigi del Monaco e Italo Natillo) • Attività di accertamento straordinario dei fabbricatio censiti al catatso dei terreni o mai dichiarati • Alla fine degli anni novanta è stata stipulata una convenzione tra l’ex Dipartimento del Territorio e l’ex AIMA finalizzata alla foto identifcazione dei fabbricati non presenti nella mappa catastale. • L’AIMA ha fornito al Dipartimento il seguente materiale per ciascun fabbricato foto identificato: • Schede di rilevamento : • Ortofoto • Estratto di mappa aggiornato a seguito dell’interpretazione dell’ortofoto • Foto • L’AIMA ha fotoidentificato n. 4.685 fabbricati per la provincia di Modena • L’Ufficio ha collaudato le risultanze AIMA mediante sopralluoghi a campione Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  41. Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati censiti o mai dichiarati nel NCT (Luigi del Monaco e Italo Natillo) Fotoidentificazioni da lavorare Elenco delle province interessate alle collaborazioni attivate negli anni successivi al 1996 Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  42. Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati censiti o mai dichiarati nel NCT (Luigi del Monaco e Italo Natillo) • Le attività di accertamento dei fabbricati individuati dall’AIMA programmate per l’anno 2007 sono le seguenti: • Verifica della situazione catastale (NCT e NCEU) dei fabbricati fotoidentificati finalizzata ad accertare se nel frattempo gli interessati abbiano provveduto all’accatastamento (mod. 26 o tipo mappale, eventuale DOCFA) • Compilazione di un elenco dei fabbricati non dichiarati, con tutti i dati di identificazione catastale (foglio, mappale e ditta) Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  43. Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati censiti o mai dichiarati nel NCT (Luigi del Monaco e Italo Natillo) • 1° esempio: fabbricato urbano non censito • ortofoto del 1996 Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  44. Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati ex rurali censiti o mai dichiarati (Luigi del Monaco e Italo Natillo) • Estratto di mappa ricognitivo (anno 1998) aggiornato da interpretazione dell’ortofoto e modificato successivamente con rilievi sopralluogo Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  45. Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati censiti o mai dichiarati nel NCT (Luigi del Monaco e Italo Natillo) • Scheda di rilevamento del fabbricato (anno 1998) Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  46. Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati ex rurali censiti o mai dichiarati(Luigi del Monaco e Italo Natillo) • Foto del fabbricato rilevato (anno 1998) Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  47. Estremi del tipo mappale presentato nel 2001 Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati ex rurali censiti o mai dichiarati(Luigi del Monaco e Italo Natillo) Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  48. Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati censiti o mai dichiarati nel NCT(Luigi del Monaco e Italo Natillo) • Estratto di mappa attuale con il fabbricato già inserito a seguito di denuncia di parte Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  49. Dati di accatastamento al CEU Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati ex rurali censiti o mai dichiarati(Luigi del Monaco e Italo Natillo) Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

  50. Gli accertamenti d’ufficio dei fabbricati ex rurali censiti o mai dichiarati(Luigi del Monaco e Italo Natillo) • 2° esempio: fabbricato rurale non censito • ortofoto del 1996 Ufficio provinciale di Modena / L’accatastamento dei fabbricati ex rurali e altri argomenti catastali / 19 aprile 2007

More Related