non vero che di mamma ce n una sola l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
“Non è vero che di mamma ce n’é una sola” PowerPoint Presentation
Download Presentation
“Non è vero che di mamma ce n’é una sola”

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 15

“Non è vero che di mamma ce n’é una sola” - PowerPoint PPT Presentation


  • 129 Views
  • Uploaded on

“Non è vero che di mamma ce n’é una sola”. di Elena Mazzocchi. Quali sono le principali funzioni genitoriali?. La funzione protettiva La funzione affettiva La funzione regolativa La funzione predittiva La reveriè.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about '“Non è vero che di mamma ce n’é una sola”' - pelham


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
quali sono le principali funzioni genitoriali
Quali sono le principali funzioni genitoriali?
  • La funzione protettiva
  • La funzione affettiva
  • La funzione regolativa
  • La funzione predittiva
  • La reveriè
non necessariamente queste funzioni devono essere svolte dai genitori biologici
Non necessariamente queste funzioni devono essere svolte dai genitori biologici

E’una dimensione mentale,emotiva e concreta

La funzione genitoriale

è svolta da chi è in grado

di fare un pensiero,

di collegarlo con una

capacità emotiva e di

mettere in atto un’azione appropriata

come si attiva la funzione genitoriale
Come si attiva la funzione genitoriale?
  • Fare un pensiero significa avere il bambino

nella mente, vederlo

  • Attivare la capacità emotiva significa

sapere se il bambino sta bene o no

  • Compiere azioni appropriatesignifica,

aiutarlo a crescere

essere genitori significa aver attivato ciascuna di queste funzioni
Essere genitori significa aver attivato ciascuna di queste funzioni

Ciascuna di esse però può essere attivata anche da figure genitoriali diverse dai genitori biologici

  • Insegnanti/Educatori
  • Amici
  • Vicini di casa
  • Istruttori sportivi…
quali sono i momenti che possono alterare le funzioni genitoriali
Quali sono i momenti che possono alterare le funzioni genitoriali?
  • Malattie fisiche e psicologiche
  • Gravi disagi economici
  • Episodi o continue forme di violenza
  • Lutti

La gravità di questi eventi porta senza alcun dubbio una crisi famigliare profonda che a volte non è risolvibile immediatamente.

I figli all’interno di queste famiglie vivono un disagio profondo che va sostenuto e risolto, come?

l affido come possibile soluzione come nasce
L’affido come possibile soluzione,come nasce?
  • Nasce da una legge relativamente recente
  • La legge(149/2001) si concentra sul minore e sul suo bisogno di crescere in una famiglia nel caso in cui si trovasse temporaneamente privo di una ambiente famigliare idoneo
  • In questo caso il minore potrà essere affidato a una famiglia in grado di assicurare il suo mantenimento, la sua educazione, istruzione e le relazioni affettive di cui necessita
  • Temporaneamente la famiglia affidataria eserciterà le funzioni genitoriali che sono diventate critiche nella famiglia d’origine

(L. 184/1983) che regola anche l’adozione e successivamente,

due famiglie
Due Famiglie?
  • La famiglia affidataria non sostituisce ma integra la famiglia d’origine in un momento difficile
  • Compie un atto di vero amore nei confronti del minore infatti:
  • NON entra in competizione con la famiglia d’origine
  • NON ostacola la relazione con essa ma anzi la sostiene
qual il compito della famiglia affidataria
Qual è il compito della famiglia affidataria?
  • Deve poter permettere al bambino di “portare dentro”all’esperienza dell’affido, attraversonuovilegami non sostitutivi, qualcosa di prezioso che servirà nell’organizzazione della sua identità
  • L’obiettivo da raggiungere attraverso l’appartenenza alla famiglia affidataria è quello di far recuperare al bambino il proprio passato accompagnandolo nel tentativo di ricomporre in lui vissuti negati, oltre che a compensarlo con esperienze gratificanti
quali sono i requisiti per essere una buona famiglia affidataria
Quali sono i requisiti per essere una buona famiglia affidataria?
  • Capire i bisogni del bambino

entrando in empatia con lui

  • Saper affrontare la frustrazione

dovuta alla “separazione” dalla famiglia

naturale

  • Saper riorganizzarsi e ristrutturarsi

in funzione del nuovo venuto

  • Accogliere e comprendere la diversità

del bambino

  • Accettare il bambino e la sua famiglia

senza esprimere valutazioni di giudizio

  • Essere preparata ad accettare le difficoltà

che possono sorgere con la famiglia naturale

  • Credere nella possibilità di un cambiamento e

di crescita, anche se lenta e incerta, dei genitori del minore affidato

quindi possibile che di mamma non ce ne sia una sola
Quindi è possibile che di mamma non ce ne sia una sola?
  • L’attaccamento primario che ognuno di noi ha provato nei primi anni della vita, è senza dubbio unico ma possiamo riconoscere tutti gli aspetti genitoriali anche nella famiglie affidatarie
  • I ragazzi che hanno affrontato l’esperienza dell’affido mantengono con la famiglia affidataria un rapporto stretto e affettuoso riconoscendole un ruolo primario nella loro vita; è infatti grazie al loro gesto che:
  • La loro famiglia naturale ha potuto ritrovare un equilibrio
  • Sono cresciuti in un ambiente affettivamente ed educativamente “ famigliare”
una mamma e un pap in pi
Una mamma e un papà in più
  • I ragazzi che sono stati in Affido con successo sicuramente concorderanno con quest’affermazione ma è opportuno sottolineare anche quanto il successo della famiglia affidataria dipenda da alcuni fattori non imputabili ad essa.

Il Focolare onlus lavora da anni affinchè l’affido sia un esperienza positiva per tutti gli attori in gioco, come?

come possiamo sostenere le famiglie affidatarie
Come possiamo sostenere le famiglie affidatarie?
  • Attivare una rete di comunicazione con i servizi sociali e le istituzioni
  • Coinvolgere le famiglie nei gruppi di auto-mutuo – aiuto
  • Favorire i rapporti con le famiglie naturali
  • Essere sempre ricettivi nei confronti delle loro grandi o piccole difficoltà
sostenere una famiglia affidataria un compito bellissimo
Sostenere una famiglia affidataria: un compito bellissimo

Spesso ci interroghiamo sui numerosi disagi della nostra società sentendoci impotenti

Ciascuno di noi può mettere a disposizione la propria esperienza di vita arricchendola e rendendo più felice quella di chi sta vivendo un forte disagio

Come?

come partecipare alle nostre iniziative
Come partecipare alle nostre iniziative
  • Dal 2004 ad oggi il FOCOLARE onlus ha attivato 3 sportelli informativi nel F.V.G. ma ne servono ancora….
  • La casa famiglia di Tapogliano avrà un centro diurno che accoglierà numerosi bambini desiderosi dell’affetto di ciascuno di noi…
  • Le famiglie affidatarie hanno bisogno di molto sostegno, partecipare alla loro vita, offrendo il nostro aiuto anche solo per accompagnare i bambini a scuola è un gesto d’affetto
  • Se crediamo tutti nel valore immenso della famiglia sapremo certamente come essere utili a chi ci sta accanto… BENVENUTI!