cause della seconda guerra mondiale cap 1 la crisi del 29 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Cause della seconda guerra mondiale cap.1° - La crisi del ‘29 PowerPoint Presentation
Download Presentation
Cause della seconda guerra mondiale cap.1° - La crisi del ‘29

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 28

Cause della seconda guerra mondiale cap.1° - La crisi del ‘29 - PowerPoint PPT Presentation


  • 1119 Views
  • Uploaded on

Cause della seconda guerra mondiale cap.1° - La crisi del ‘29. a cura del prof. Marco Migliardi. Il lungo cammino verso la WW2. In questi anni maturano le condizioni per lo scoppio della guerra che schematicamente riduciamo a questi episodi: 1929 crisi di Wall Street

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

Cause della seconda guerra mondiale cap.1° - La crisi del ‘29


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
    Presentation Transcript
    1. Cause della seconda guerra mondialecap.1° - La crisi del ‘29 a cura del prof. Marco Migliardi

    2. Il lungo cammino verso la WW2 • In questi anni maturano le condizioni per lo scoppio della guerra che schematicamente riduciamo a questi episodi: • 1929 crisi di Wall Street • La politica espansionistica della Germania • L’impresa coloniale etiope • La guerra civile spagnola • Il patto Ribbentrop-Molotov

    3. I “ruggenti” anni 20- 1° • Anche negli Usa la fine della guerra porta a crisi sociali e politiche • Grande crescita sindacale, scioperi per le otto ore di lavoro, crescita delle sinistre • La reazione fu però immediata e durissima • Red scare: per la paura dei rossi lo stato si mobilitò

    4. I “ruggenti” anni 20- 2° • Migliaia di socialisti e comunisti vennero deportati, l’immigrazione sospesa • Prendono forza i movimenti razzisti (KKK) • Ridimensionamento dei sindacati • Vittorie politiche repubblicane Gli anarchici Sacco e Vanzetti condannati ingiustamente a morte

    5. I presidenti repubblicani: Harding • La crisi democratica è evidente sotto Harding, il successore del democratico Wilson, che venne coinvolto in scandali finanziari e morì misteriosamente senza che vi fossero cambiamenti politici

    6. I presidenti repubblicani: Coolidge • Periodo di autoritari-smo. Proibizionismo • In politica estera si adottò l’isolazionismo • Liberismo in econo-mia. Laissez faire. • Grande crescita, ma senza mercati esteri

    7. I “Ruggenti anni 20” • Sviluppo dell’automobile • Nascono i primi elettrodomestici • I primi supermercati e con essi la pubblicità e il consumismo sfrenato (solo di prodotti USA, e spesso a rate), • Politica degli alti salari, ma dell’ancor più alta produttività (Taylorismo) V.”Tempi moderni”.

    8. Tra il 21 e il 29 in USA vi sono tutte presidenze repubblicane La loro bandiera era l’isolazionismo economico La conseguenza fu uno sviluppo immediato L’Europa, depressa, non offre però mercati Piano Dawes per finanziare l’Europa L’Europa può ora pagare le commesse d’armi avute durante la guerra La crisi del 29 - premesse*

    9. Crisi del 29 - premesse (2) • Maggiore competitività delle imprese USA • Nuovi fiumi di denaro tornano verso gli USA • Grossi investimenti grazie ai prestiti bancari facili • Investimenti in Borsa

    10. La Borsa • La media dei titoli alla Borsa di New York si quadruplicò tra il 1924 e il 1929, con incrementi che raggiunsero il 50 % all’anno • Per aziende, società e privati l’investimento azionario si rivelò un moltiplicatore di ricchezza • Il tasso di sconto molto basso facilitava le esposizioni finanziarie

    11. Cause della crisi del 29 • L’ottimismo dilagante fa sottovalutare alcuni elementi che annunciano una possibile crisi: Massiccio ricorso al credito Sperequazione economica Speculazione Borsistica Si compra allo scoperto. Si preferisce investire in Borsa piuttosto che in comparti produttivi Mutui, prestiti, vendite rateali concessi senza garanzie Sempre meno gente può accedere al mercato (per es. le campagne)

    12. Il crollo di Wall Street • Il micidiale meccanismo della crisi: LaGB aumenta il tasso al 6,5% per attirare capitali La Fed.Res. aumenta il tasso di sconto al 6% Ottobre ‘29 23 X 24 X Chi ha debiti o comprato allo scoperto è costretto a vendere a qualunque prezzo I valori dei titoli in Borsa sono all’85% del 29 I capitali vengono dirottati su altri impieghi e si svende in Borsa 1932 24-29 X

    13. I giornali italiani Vai agli articoli

    14. La borsa di Wall Street

    15. Immediate conseguenze • Negli USA i prezzi scesero del 30-50% • la produzione industriale si dimezzò • i disoccupati raggiunsero la cifra oltre 12 milioni, pari al 25% della forza lavoro • I fallimenti bancari furono migliaia. • A livello mondiale la produzione industriale si ridusse del 30% • Il numero dei disoccupati triplicò • Si parlò di morte del capitalismo

    16. L’economia USA 1929-33 1926 = 100 * = in miliardi di $

    17. Disoccupazione e produzione

    18. L’economia mondo • Le banche americane creditrici, nel momento di crisi rivogliono i loro soldi • L’Europa, massima debitrice, entra in crisi • Germania e Austria che avevano ottenuto i prestiti più elevati, soffrono di più • Il crollo dei prodotti agricoli in USA provoca la bancarotta dei paesi esportatori (Argentina, Uruguay, Australia...)

    19. La crisi monetaria • Per prima la GB è costretta a svalutare la sua moneta per essere più competitiva. • Presto gli altri paesi la seguono e la manovra risulta inefficace • Si ricorre allora al protezionismo e alle ripicche mercantili tra i vari stati • Crescono le tensioni fra gli stati capitalisti • Ripresa dell’imperialismo

    20. Ricapitolando… Sperequazione nella distribuzione dei redditi che impediva ai lavoratori dipendenti di domandare beni che le imprese producevano. La crisi del 1929 I ricchi già consumavano beni e non avvertivano il bisogno di consumare altro per assorbire tutta la produzione. Crisi di sovrapproduzione Riduzione degli investimenti Disoccupazione Imprese costrette al fallimento Grande depressione

    21. F.D.Roosevelt • Nel 1932 viene eletto presidente degli USA • Democratico, lontano parente di Theodore • Fu rieletto nel 1937, nel 1940 e nel 1945 • Morì poco dopo a 63 anni

    22. Il New Deal* • 1932: presidente F. D. Roosevelt, democratico • Subito si attua il New Deal • Punti fondamentali ispirati alle teorie di Keynes • Creare lo stato assistenziale (Welfare State) • Forte svalutazione del dollaro • Grandi interventi sociali (sindacati, pensioni, assicurazioni, sussidi, FARM) il Tennessee

    23. Keynes • John Maynard Keynes (1883-1946) fu il primo (dopo Marx) a teorizzare la genesi delle crisi di sovraproduzione • Contrario alla legge di Say che riteneva impossibile la crisi di sovraproduzione, Keynes sosteneva la possibilità di queste crisi quando una parte dei risparmi non torna sui mercati e viene congelata. • Questo succede quando il reddito non è ben distribuito e pochissimi hanno tantissimo: questi tendono a congelare i risparmi in attesa di tempi migliori. La domanda allora subirà una flessione. • E’ impossibile che l’economia superi da sola queste crisi, occorre che intervenga lo stato prelevando una parte di ricchezza dai + ricchi e distribuendola ai + poveri

    24. J. M. KEYNES L’economia mista Le imprese sono disposte a produrre solo se c’è la possibilità di collocare i loro beni sul mercato ( quindi Se c’è DOMANDA ) TEORIE La prospettiva di profitto deve superare i tassi che le imprese pagano per ottenere i finanziamenti Se la domanda è scarsa o nulla occorre stimolarla e ciò non può essere fatto dalle imprese bensì dallo STATO Lo stato deve intervenire, es. costruendo OPERE PUBBLICHE, aiutando l’economia Il reddito dei cittadini aumenta Aumenta la domanda di beni Aumenta l’occupazione Aumentano gli investimenti e quindi la produzione Aumenta la domanda Il sistema torna in equilibrio

    25. NEL SISTEMA ECONOMICO MISTO Interviene anche in campo economico Interviene in campo sociale con la redistribuzione del reddito nazionale Lo Stato Fa investimenti Aiuta i cittadini più deboli pagando pensioni e offrendo servizi sociali ( ciò stimola la domanda dei beni ) I mezzi di produzione appartengono sia ai privati che allo Stato Le caratteristiche del Sistema misto L’iniziativa privata è libera ma con vincoli sociali Lo Stato investe e svolge attività sociale per lo sviluppo sociale Le imprese private tendono al profitto quelle pubbliche alla politica economica e sociale Importanza ai sindacati per la contrattazione e i diritti e doveri dei lavoratori Il salario è finalizzato al miglioramento della vita

    26. LO STATO SOCIALE Limita la libera iniziativa con la concorrenza no a grandi monopoli LO STATO Difende i lavoratori, l’orario di lavoro, l’ambiente di lavoro Sviluppa il settore delle imprese pubbliche Sussidi ai lavoratori delle aziende in crisi Sostiene lo sviluppo economico

    27. Bilancio del New Deal • Riavviò la ripresa economica • Nel 39 il PIL era il doppio del 33 • Ottenne una più equa ridistribuzione dei redditi • Favorì la libertà sindacale e migliorò le condizioni di lavoro • Non eliminò la disoccupazione • Non riuscì a eliminare le holding

    28. Grazie per l’attenzione