PROGETTARE SU BASE ICF - PowerPoint PPT Presentation

nelle-pickett
progettare su base icf n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
PROGETTARE SU BASE ICF PowerPoint Presentation
Download Presentation
PROGETTARE SU BASE ICF

play fullscreen
1 / 59
Download Presentation
Presentation Description
190 Views
Download Presentation

PROGETTARE SU BASE ICF

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. PROGETTARE SU BASE ICF Parlare di modelli progettuali, come: PDP (Piano Didattico Personalizzato) PAI (Piano Annuale per l’Inclusività) DF (Diagnosi Funzionale) PDF (Profilo Dinamico Funzionale) PEI-PDV (Piano Educativo Individualizzato – Progetto di Vita) implica necessariamente assumere come riferimento la globalità e complessità dell’alunno, il suo funzionamento apprenditivo, derivante dalle reciproche influenze tra le condizioni fisiche, i contesti in cui lo studente cresce e le sue caratteristiche personali. L’alunno funziona bene dal punto di vista evolutivo e apprenditivo se riesce a intrecciare positivamente le spinte biologiche alla crescita con le varie forme di apprendimento date dall’esperienza e dal contatto con le relazioni umane e gli ambienti fisici.

  2. Componenti del sistema ICF Condizioni di salute Strutture e funzioni Attività Partecipazione corporee Fattori ambientali Fattori personali Frecce bidirezionali: schema complesso, multidimensionale

  3. Definizioni componenti Funzioni corporee: funzioni fisiologiche dei sistemi corporei, incluse quelle psicologiche Strutture corporee: parti strutturali o anatomiche del corpo Attività: è l’esecuzione di un compito o di un’azione da parte di un individuo Partecipazione: è il coinvolgimento di una persona in una situazione di vita Fattori ambientali: tutti gli aspetti del mondo esterno ed estrinseco che formano il contesto della vita di un individuo e come tali hanno un impatto sul funzionamento della persona Fattori sociali: sono fattori contestuali correlati all’individuo quali l’età, il sesso la classe sociale, le esperienze di vita ecc.

  4. In uno o più di questi ambiti si può generare un BES particolare (o più di uno), che poi interagirà con gli altri ambiti, producendo la situazione globale e complessa di questo alunno.

  5. Sistema alfanumerico di valutazione • (es. b550.2) - Le lettere indicano le componenti:b FUNZIONI CORPOREE (body)s STRUTTURE CORPOREE (structure)d ATTIVITA’ e PARTECIPAZIONE (domain)e FATTORI AMBIENTALI (environment)- I numeri:1^ cifra indica il DOMINIO2^e 3^ cifra indicano la CATEGORIA di 1° livello4^ e 5^ cifra indicano le CATEGORIE ai livelli successivi- Il qualificatore:Il codice è completato dal qualificatore (uno o più numeri dopo il punto) che indica il livello di difficoltà in una scala 0-4: 0 = nessuna difficoltà 1 = difficoltà lieve 2 = difficoltà media 3 = difficoltà grave 4 = difficoltà completa

  6. ESEMPIO • b114 • b= funzioni corporee (Componente) • 1= 1^ cifra (Dominio) • 1= 2^ cifra (Categoria di I livello) • 4= 3^ cifra (Categoria di I livello) • Il codice sopra citato rientra nel Capitolo «Funzioni mentali» e corrisponde alle «Funzioni dell’orientamento».

  7. ESEMPIO • b21023 • b = funzioni corporee ( Componente) • 2= 1^ cifra (Dominio) • 1= 2^ cifra (Categoria di I livello) • 0= 3^ cifra (Categoria di II livello) • 2= 4^ cifra ( Categoria di livello superiore) • 3= 5^ cifra ( Categoria di livello superiore)

  8. Uso dei qualificatori

  9. ESEMPIO

  10. Dominio • Il dominio è un insieme di aree che fanno parte delle varie componenti. • I domini sono identificati: • dalle funzioni corporee (come le funzioni mentali, sensoriali, ecc.) e contraddistinti dalla lettera b e da una cifra (da b1 a b8 ); • dalle strutture corporee ( ad es. occhio, orecchio, ecc.) e sono contraddistinti dalla lettera s e da una cifra (da s1 a s8); • dai vari compiti e azioni della vita quotidiana, appartenenti ad Attività e Partecipazione, e contraddistinti dalla lettera d e da una cifra (da d1 ad9); • nelle influenze esterne sul funzionamento individuale e sulla disabilità (prodotti e tecnologia, ecc.) esercitate dai fattori ambientali.

  11. Il Capitolo Ogni componente della classificazione è suddivisa in capitoli. Ogni capitolo ha un titolo e una breve spiegazione dell’argomento trattato.

  12. Funzioni mentali • Definizione ufficiale ICF: «Questa parte riguarda le funzioni del cervello e comprende sia funzioni mentali globali come la coscienza, l’energia e le pulsioni, che funzioni mentali specifiche, come la memoria, il linguaggio e il calcolo».

  13. La Categoria All’interno dei capitoli si trovano le categorie, che descrivono il funzionamento di un individuo. Ogni categoria è composta da un codice alfanumerico, da un nome e da una breve definizione operativa. Le categorie sono organizzate secondo uno schema gerarchico o a grappolo.

  14. Ambiente naturale e cambiamenti effettuati dall’uomo • Definizione ufficiale ICF: «Questa parte riguarda gli elementi animati e inanimati dell’ambiente naturale o fisico, e le parti di quell’ambiente che sono state modificate dall’uomo così come le caratteristiche umane all’interno di quell’ambiente».

  15. CAPITOLO 1: APPRENDIMENTO E APPLICAZIONE DELLE CONOSCENZE

  16. d130

  17. d135

  18. d145

  19. d1750

  20. CAPITOLO 2: COMPITI E RICHIESTE GENERALI

  21. d2402