slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Eugenio Montale PowerPoint Presentation
Download Presentation
Eugenio Montale

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 30

Eugenio Montale - PowerPoint PPT Presentation


  • 194 Views
  • Uploaded on

Eugenio Montale. 1920-1980 esperienza poetica montaliana Convergenza creativa con tutte le principali esperienze del secolo, senza mai essere eclettico o ripetitivo Vicinanza ma non identificabilità con Ermetismo o Neoavanguardia Posizione contro tutte queste tendenze

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

Eugenio Montale


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

1920-1980 esperienza poetica montaliana

  • Convergenza creativa con tutte le principali esperienze del secolo, senza mai essere eclettico o ripetitivo
  • Vicinanza ma non identificabilità con Ermetismo o Neoavanguardia
  • Posizione contro tutte queste tendenze
  • Originalità alla base della centralità nella poesia novecentesca
  • Posizione intermedia tra Ungaretti e Saba
  • Originalità nella modalità di conciliare classicismo e modernismo, tendenza metafisica ed esigenza di adesione al mondo fisico, stile elevato e confronto con la realtà, prosasticità e impegno filosofico, gioco e protesta
  • Originalità coerenza dell’interpretazione del destino dell’uomo moderno nella società di massa (ricerca di una via di scampo e di salvezza, poi con la denuncia della vanità della stessa ricerca, comunque centro della sua riflessione)
slide3

Indice

Biografia

1

Ossi di seppia

2

Le Occasioni

3

La Bufera

4

Satura

5

slide4

Introduzione all’autore

  • Ricerca del varco , ovvero superamento della solitudine esistenziale alla ricerca di una vita autentica
  • Recupero memoriale: Proust e Ungaretti
  • Visione proustiana delpresente come rivisitazione del passato
  • Perdita del passato di Montale nel buio della memoria, incapace di custodirlo.
  • Poetica della sofferenza espressa dalla irregolarità delle rime e delle assonanze (irrequieto-lieto; s’addipana-s’allontana; scogliera-sera-petroliera).
slide5

Eugenio Montale - L’opera letteraria

Saggi, articoli, prose

  • Meriggiare pallido …
  • Spesso il male …
  • Non chiederci la parola
  • Cigola la carrucola…

Ossi di seppia (1925)

  • A Liuba che parte
  • Ti libero la fronte
  • Nuove stanze

Occasioni (1939)

La Bufera (1956)

  • Piccolo Testamento
  • Primavera hitleriana
  • Piove
  • Le rime
  • Xenia

Satura (1971)

Diario 71-72 - Quaderno di 4 anni

Diario postumo

slide6

I primi anni

  • Nascita nel 1896 a Genova da agiata famiglia borghese
  • Ultimo di sei fratelli
  • Salute malferma
  • Bocciatura alle scuole tecniche
  • Studi di ragioneria
  • Lezioni di canto
  • Letture in Biblioteca
  • Vacanze a Monterosso
slide7

Esperienza della Guerra

  • Chiese di partire per il fronte
  • Esperienza breve e non significativa in Val Pusteria
  • Approfondimento interesse per la poesia e le sue letture poetiche
  • Inizia a scrivere: la prima poesia è del 1916 Meriggiare pallido e assorto
slide8

Il Fascismo

  • Firma manifesto degli intellettuali antifascisti

Io non sono stato fascista e non ho cantato il fascismo, ma neppure ho scritto poesie in cui quella pseudorivoluzione apparisse osteggiata

  • La non iscrizione al PNF gli costerà il posto di lavoro
slide9

Il caso Svevo

È il primo letterato che apprezza I romanzi di Svevo e lo “scopre”

Ossi di seppia

Esce la sua prima raccolta poetica nell’indifferenza generale

Un anno fondamentale

1925

slide10

Il periodo bellico

  • Rimane senza lavoro dopo il licenziamento dal Vieusseux
  • Aiuta gli amici intellettuali ebrei, Saba e Carlo Levi
  • Durante la Resistenza entra nel Partito d’Azione
  • Dal 1946 va a Milano al Corriere della Sera
slide11

Eventi

Esce la raccolta “Quaderno di 4 anni”

1973

1975

Diventa senatore a vita

Vince il Premio Nobel per la Letteratura

1967

Gli ultimi anni

1977

Esce la raccolta ‘Diario’ del 71 e del 72

1981

Muore a Milano

slide13

Il premio Nobel

« Per la sua poetica distinta che, con grande sensibilità artistica, ha interpretato i valori umani sotto il simbolo di una visione della vita priva di illusioni. »

(motivazione apportata alla consegna del Premio Nobel per la Letteratura nel 1975)

slide14

Satura

La Bufera

Le Occasioni

Ossi di seppia

Linea del tempo

1971

1925

1939

1956

Seguiranno: Diario del 71 e del 72 (73) Quaderno di 4 anni (77) Diario postumo (96)

slide15

Periodizzazione opere montaliane:

il primo Montale di Ossi di seppia

  • Legami col testo filosofico e culturale del tempo
  • La realtà come parvenza ingannevole
  • Motivazione titolo: residui calcare del mare e condizione umana impoverita
  • Il tema del paesaggio ligure metafisico e l’arsura del sole
  • L’impossibilità di valicare il muro
  • L’immoto andare dell’uomo
  • La frantumazione dell’io soggetto come in Pirandello e Svevo
  • La disarmonia dell’uomo e il fallimento del ruolo della memoria
  • L’aridità esterna come inaridimento interiore
  • L’indifferenza di fronte al male di vivere e le analogie con Leopardi
  • L’inutile ricerca di una maglia rotta nella rete
  • L’unica speranza, il rivivere
  • La mancanza della fiducia ungarettiana nel valore della poesia e della parola
  • La poetica degli ossi , oggetti come equivalenti astratti di poesia e dell’uomo
  • Male di vivere come incontro realmente accaduto nella vita
  • Gli oggetti come testimonianza del complesso percorso del destino umano
  • Il correlativo oggettivo e l’umiltà degli oggetti di riferimento
slide16

Ossidiseppia (1925)

  • Titolo allusivo del tema centrale dell’opera, ossia all’aridità intesa come condizione esistenziale impoverita e prosciugata
  • Impossibilita di cogliere il senso ultimo del vivere e stabilire un rapporto armonico con la realtà esterna
  • Il motivo dell’aridità nelle ricorrenti immagini del paesaggio ligure, brullo e disseccato dal sole e dalla salsedine.
  • In questo contesto, frequente immagine del muro ha un valore allegorico: esso imprigiona l’uomo senza concedergli una possibilità di scampo
  • Il miracolo atteso si risolve in un’esperienza negativa, in una percezione traumatica del nulla nascosto dietro l’apparenza ingannevole delle cose
slide17

Il pessimismo in Ossidiseppia (1925)

  • Pessimismo alla base stessa della poesia, non più in grado di proporre messaggi positivi né di attingere all’essenza segreta delle cose
  • Preclusione via del sublime, al poeta il compito di ripiegare su realtà umili e prosastiche, puntando su una dizione spoglia e secca
  • Ricerca di suoni aspri e di ritmi spezzati, volutamente anti-musicali
  • Ricorso ad un lessico impoetico, con intrusioni di termini aulici in funzione ironica e straniante
  • Il ricorso al verso libero e all’endecasillabo
  • Rifiuto del lirismo e del linguaggio analogico della contemporanea linea simbolista
slide18

: La poetica degli oggetti : esemplificazione

  • Definizione di uno stato d’animo dalla tipica condizione esistenziale dell’uomo contemporaneo
  • Il male di vivere presentato non in forma direttamente concettuale o esplicativa, ma in prima persona, come incontro realmente avvenuto
  • Incontro necessario per trasferire ed identificare uno stato d’animo o una condizione esistenziale in alcune presenze concrete
  • Riferimento a oggetti e presenze sintomo delle complesse vicende del destino umano, caricandosi di significato
  • Analogia simbolista e irrazionalità, la poetica degli oggetti montaliana e rapporto razionale con il mondo
slide19

Montale eDante

  • Ungaretti erede del monolinguismo petrarchesco, Montale del plurilinguismo dantesco per una poesia ad andamento discorsivo, lontana dalla lirica pura e più attenta alla presenza delle cose che non alla definizione di una condizione interiore.
  • All’analogia ungarettiana sostituzione con il correlativo oggettivo
  • Rapporto con la Commedia dantesca riferito alla ricerca di una poesia metafisica che, pur partendo dalla realtà del mondo esterno, cercava di cogliervi i segni del divino, sforzandosi di penetrare nella dimensione dell’ultrasensibile.
  • Differenza con Dante: il cammino montaliano NON riesce a decifrare i significati segreti dell’essere e ad infrangere le barriere dell’infinito, pur cercando continuamente di trascenderlo.
  • L’influsso di Dante su Montale nell’ambito della citazione, più o meno diretta, e ancor di più nell’allegoria.
slide20

Ossi di seppia

Il paesaggio ligure

Il male di vivere

Correlativo oggettivo

La maglia nella rete

Aspetti

La filosofia in negativo

L’antidannunzianesimo

slide21

Novità delle Occasioni: il secondo MOntale

la fenomenologia del negativo

dalla natura (lo spazio) alla storia (tempo)

Siamo negli anni ’30-40

Compare la Storia

La memoria

Più oscuro

La donna salvifica

slide22

L’allusione ai temi biografici in realtà taciuti o impliciti

Poetica degli oggetti portata alle estreme conseguenze

La sottrazione di commenti psicologici

La variazione verso una poesia densa e l’innalzamento stilistico

Le divergenze dall’ermetismo e il ricorso agli oggetti-concetti

L’aristocraticismo culturale con il trasferimento a Firenze

La rivalutazione della cultura classica quale baluardo delle minacce della società contemporanea

Il recupero di una nuova figura femminile, la donna-angelo irrequieta come proiezione dell’inquietudine esistenziale del poeta stesso

Ne La Bufera e altro rappresentazione di Clizia fiore-poetico-girasole

La quotidianità frustrante e la speranza posta nell’essere femminile salvifico per un nuovo valore della realtà

L’impotenza della cultura di fronte alla guerra, ma chiave di consapevolezza

slide23

1940-54 La Bufera (1956) – I 3 protagonisti

La Storia

La Bufera e altro

Clizia

Volpe

slide24

1

2

3

  • 60 poesie scritte prima e dopo la Seconda Guerra Mondiale.
  • Novità della Storia vista come realtà esterna ma incomprensibile per il poeta perchè è assurda
  • Forse proprio perchè la vita è incomprensibile il poeta affronta il tema dei morti
  • Quindi attenzione più incentrata sul solito privatismo e il male di vivere che sugli eventi storici esterni
  • Per questo immutabile orizzonte è stato molto criticato dalla critica marxista
  • Passa il Fascismo, la guerra la speranza della ricostruzione ma la poesia di M. non cambia

Temi de La Bufera

3 temi: 1. la Storia esterna 2. I morti e il male di vivere 3. La continuità

slide25

Atmosfera stravolta dalla tragedia della guerra, il fallimento delle speranza della Liberazione

L’avversione al dogmatismo della Chiesa e all’influenza politica della Democrazia Cristiana

Le tensioni della Guerra Fredda

Una vita privata modificata

La partenza della donna-angelo (Irma Brandeis) nell’oltre-cielo irraggiungibile

Recupero degli affetti giovanili, depositari di una saggezza valida nel tempo

La nuova figura femminile: Volpe l’anti-Beatrice, la spinta alla sensualità

Il prevalere del pessimismo

Presenza plurilinguismo, registri sublimi, termini dal tecnico al dialettale

slide26

1971 Satura

Esce dopo un lungo silenzio poetico”

Xenia

Lanx Satura

Satura

Linguaggio semplice

Satira

Varietà di temi

Text

La cronaca entra nell’universo

poetico montaliano

slide27

I temi di Satura

Apparentemente c’è una frattura con La Bufera. Ma…

La cronaca

Conclusione

Il linguaggio

Entra nella poesia la storia quotidiana, ma non i fatti, il senso della storia. Il poeta, che non la ama, ci ride sopra. Satira

Il linguaggio oscuro, simbolico ed ermetico si fa ora piano e quotidiano. Ma lo stile è sempre eccelso

Si può dire che non c’è frattura, ma continui approfondimentiIl rapporto con la Storia si fa ancora + duro, lo stile resta elevato

slide28

Xenia

Titolo

Tema

Forma

Stile

I ricordi dolci della moglie morta alla quale non aveva mai dedicato poesie

Poesie brevissime, a volte di 2 soli versi, liberi, spesso in forma di diario

Stile molto semplice, colloquiale, come semplice era la Mosca

Gli Xenia sono i doni che si fanno agli ospiti quando partono

slide29

Accentuazione pessimismo nei confronti del consumismo e la perdita dei veri valori della vita, l’omologazione e i mass-media

Il doppio significato di Satura in chiave ironica e distaccata

Assenza di alternative per il futuro e consapevolezza della catastrofe

La moglie Drusilla Mosca Tanzi e la sua saggezza del vivere quotidiano

La scelta di uno stile basso e comico

Diario del ‘71 e ’72, Quaderno di quatto anni: poesia come cronaca del quotidiano

Verificazione secondo una discorsività frammentata

Ispirazione diaristica esplicitata da antitesi e ossimori come denuncia contro una realtà da disprezzare e irridere