prospettive gestione rifiuti n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
PROSPETTIVE GESTIONE RIFIUTI PowerPoint Presentation
Download Presentation
PROSPETTIVE GESTIONE RIFIUTI

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 14

PROSPETTIVE GESTIONE RIFIUTI - PowerPoint PPT Presentation


  • 102 Views
  • Uploaded on

Perugia Host LIONS.. 80 .. Together “ Insieme per gli altri ”. PROSPETTIVE GESTIONE RIFIUTI. Ing. Massimo Pera. In Italia è ancora emergenza rifiuti! . In Italia ci sono diverse Regioni Commissariate per l’emergenza sui rifiuti: Campania Calabria Sicilia Puglia Abruzzo Molise

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'PROSPETTIVE GESTIONE RIFIUTI' - mendel


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
prospettive gestione rifiuti

Perugia Host

LIONS.. 80.. Together

“ Insieme per gli altri”

PROSPETTIVE GESTIONE RIFIUTI

Ing. Massimo Pera

in italia ancora emergenza rifiuti
In Italia è ancora emergenza rifiuti!
  • In Italia ci sono diverse Regioni Commissariate per l’emergenza sui rifiuti:
  • Campania
  • Calabria
  • Sicilia
  • Puglia
  • Abruzzo
  • Molise
  • Sardegna
  • Provincia di Roma
quanti rifiuti si producono
Quanti rifiuti si producono?

In Italia si producono circa 1,5 kg di rifiuti al giorno a testa!!

che possiamo fare allora
Che possiamo fare allora?

1°) PREVENZIONE: riduzione rifiuti all’origine

2°) RACCOLTA DIFFERENZIATA: con sistemi “porta a porta”

3°) TRATTAMENTO DEI RIFIUTI: per recuperare energia;

4°) SMALTIMENTO IN DISCARICA.

1 azione fare meno rifiuti
1° AZIONE: FARE MENO RIFIUTI!
  • Ridurre la politica dell’usa e getta;
  • Ridurre il consumo degli imballaggi;
  • Ridurre la formazione di rifiuti verdi ed organici attraverso la valorizzazione dell’autocompostaggio;
  • Dare sostegno a forme di consumo e di distribuzione delle merci che minimizzano la generazione di rifiuti;
  • Ridurre la formazione dei rifiuti e della pericolosità degli stessi attraverso l’introduzione di tecnologie pulite nei cicli produttivi.
  • NOTA BENE: SONO POLITICHE CHE SPESSO NON SONO ATTUABILI ATTRAVERSO I COMPORTAMENTI DEI SINGOLI INDIVIDUI
2 azione incrementare la roccolta differenziata dei rifiuti
2° AZIONE: INCREMENTARE LA ROCCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

PREVISIONI DI LEGGE

  • almeno il 35% entro il 31 dicembre 2006;
  • almeno il 45% entro il 31 dicembre 2008;
  • almeno il 65% entro il 31 dicembre 2012
  • NOTA BENE: ALMENO IL 35% DEI RIFIUTI PRODOTTI DEVE ESSERE SMALTITO!!!
slide8

CENTRO STORICO – raccolta a sacchi

AVVIO SERVIZIO 29 agosto 2010

CONSEGNA A TUTTE LE FAMIGLIE DI KIT DI SACCHI COLORATI DIFFERENZIATI PER TIPOLOGIA

PORTA

S. ANGELO

CORSO GARIBALDI

ZONA

UNIVERSITARIA

CORSO BERSAGLIERI

SAN FRANCESCO AL PRATO

  • UTENZE COINVOLTE
  • DOMESTICHE: n. 4.500
  • NON DOMESTICHE: n. 900
  • RISULTATI OTTENUTI

MORLACCHI-ACQUEDOTTO

VIA E. DAL POZZO

BRUNAMONTI

CARTOLARI

VIA XIV SETTEMBRE

VIA DELA CUPA

PORTA EBURNEA

CORSO CAVOUR

BORGO XX GIUGNO

OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE:65%

slide9

PERIFERIA – contenitori domiciliari

Il sistema di raccolta prevede la trasformazione del servizio

da stradale a domiciliare, con il ritiro a domicilio delle

frazioni merceologiche a scadenze fisse.

Tale sistema prevede il posizionamento su area privata

di un tris di contenitori da 240 lt per le utenze

domestiche e da 1000 lt per le utenze condominiali o

commerciali.

Prima dell’avvio del servizio, intensa e capillare è l’attività di informazione e comunicazione agli utenti: assemblee serali, passaggi di comunicatori in ogni singola casa/attività/condominio, distribuzione materiale informativo, contatti telefonici, volantinaggi vari.

% RACCOLTA DIFFERENZIATA - RISULTATI OTTENUTI

slide11

PROSPETTIVE DI SMALTIMENTO

  • LE DISCARICHE DI COLOGNOLA (GUBBIO), PIETRAMELINA (PERUGIA) E SANT’ORSOLA (SPOLETO) SARANNO PORTATE A COMPLETAMENTO NEL CORSO DEL 2011
  • VOLUMETRIA RESIDUA DISCARICHE DI PIANO:
  • ORVIETO (LE CRETE) - CAPACITA’ RESIDUA AL 31.12.20010 – 500.000 mc – in fase di approvazione un ulteriore ampliamento
  • MAGIONE (BORGOGIGLIONE) – CAPACITA’ RESIDUA AL 31.12. 20010 – 60.000 mc – in fase di approvazione un ampliamento per 1.600.000 mc
  • CITTA’ DI CASTELLO (BELLADANZA) – CAPACITA’ RESIDUA AL 31.12.20010 – 70.000 mc

11

il termovalorizzatore silla 2 di milano uno dei tanti esempi
IL TERMOVALORIZZATORE “SILLA 2” DIMILANO… uno dei tanti esempi..

Il termovalorizzatore Silla 2 di Milano è gestito da Amsa S.p.A., una società che si occupa non solo della raccolta dei rifiuti e della pulizia delle strade, ma adotta un sistema di gestione integrato dei rifiuti che si conclude con la loro valorizzazione energetica in impianti dedicati.

Il sito è certificato ISO 14001.

slide14

ALCUNI SPUNTI DI RIFLESSIONE:

  • Dove si andrà a realizzare l’impianto? La Regione Umbria lo ha previsto nell’A.T.I. 2 ….
  • Quanto tempo occorre per la sua realizzazione?
  • Che cosa succede se non si realizza l’impianto?
  • Quanto tempo può ancora garantire l’attuale sistema di smaltimento?