Download
slide1 n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
EMAS APO RAVENNA PowerPoint Presentation
Download Presentation
EMAS APO RAVENNA

EMAS APO RAVENNA

137 Views Download Presentation
Download Presentation

EMAS APO RAVENNA

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. EMAS APO RAVENNA Attestato EMAS all’Ambito Produttivo Omogeneo costituito dall’area chimica e industriale di Ravenna

  2. APO RAVENNA L’area chimica e industriale di Ravenna costituisce un Ambito Produttivo Omogeneo (APO) caratterizzato da specifici settori di attività che hanno la chimica comeprincipale denominatore comune oltre alla produzione di energia e alla fornitura di servizi ambientali in gran parte asserviti alle stesse attività produttive TUTTE ATTIVITA’ IPPC !!

  3. APO Ravenna – Aziende aderenti e attività

  4. L’APO corrisponde alla maggior parte dell’Area industriale di Ravenna di cui la zona portuale è parte integrante e complementare Tutta l’Area industriale è situata in un contesto territoriale “sensibile” e di particolare complessità per la presenza della zona turistica lungo la costa, di un sistema idrico caratterizzato dalle Pialasse Baiona e Piomboni, e di una pineta. La città di Ravenna è situata in direzione sud-ovest a pochi chilometri dall’area industriale che all’estremità nord/nord-ovest confina con il Parco del Delta del Po.

  5. Area industriale e portuale di Ravenna Pialassa Baiona località balneari Pialassa Piombone area industriale e portuale

  6. Ravenna e Zona Industriale/ Portuale

  7. APO RAVENNA Elemento caratteristico dell’Area è la presenza, all’interno dell’APO, di un sito multisocietario in cui sono coinsediate 12 Aziende (Borregaard Italia Spa, Ecofuel Spa, Endura Spa, Enipower Spa, Great Lakes Chemical Italia Spa, Ineos Vinyls Italia Spa, Polimeri Europa Spa, Ravenna Servizi Industriali S.C.p.A., Roivoira Spa, Yara Italia Spa, Vinavil Spa) che presentano connotati di integrazione tecnica e funzionale fra gli impianti SITO MULTISOCIETARIO

  8. SITO MULTISOCIETARIO Forte integrazione tecnica e funzionale fra i diversi impianti Attività ausiliarie e di servizio gestite a livello consortile - fognature (1) - approvvigionamento acqua industriale - sicurezza e sistemi monitoraggio ambientale (3) Servizi forniti da un gestore agli altri coinsediati - energia/ vapore - depurazione acque reflue (1) - incenerimento rifiuti - incenerimento sfiati gassosi (2) (1) Regolamento di fognatura del sito multisocietario per regolamentazione scarichi al depuratore centralizzato (2) Regolamento gestione sfiati gassosi verso incenerimento nel sito multisocietario (3) Piano di emergenza sito multisocietario per gestione eventi incidentali

  9. SITO MULTISOCIETARIO Elemento rilevante di connessione fra i soggetti coinsediati nel sito multisocietario è la presenza di un depuratore centralizzato per il trattamento di tutte le acque reflue

  10. APO RAVENNA Al depuratore centralizzato del sito multisocietario sono collegati altri due insediamenti produttivi attigui ed esterni (Lonza e Degussa), mentre gli altri 3 insediamenti produttivi (Enel, Cabot, Alma Petroli) che aderiscono al Protocollo, seppure non tecnicamente connessi con il sito multisocietario, sono inseriti nel medesimo contesto ambientale e partecipato alla gestione di sistemi comuni di monitoraggio ambientale dell’area • Rete privata di monitoraggio qualità dell’aria a sua volta coordinata con la rete pubblica gestita da ARPA • Rete di monitoraggio qualità acque di falda

  11. Monitoraggio della qualità dell’aria Planimetria del territorio e dislocazione delle stazioni di rilevamento della rete

  12. Rete di monitoraggio della falda freatica

  13. APO Ravenna Accordi volontari fra sistema delle imprese e Enti locali Le Aziende dell’APO di Ravenna sin dagli inizi degli anni ’70 hanno perseguito la politica degli accordi volontari con la Pubblica Amministrazione (Comune e Provincia) impegnandosi a perseguire obiettivi comuni e condivisi di monitoraggio e riduzione degli impatti ambientale, andando così oltre il mero rispetto degli obblighi di legge. • Gestione condivisa e coordinata reti di monitoraggio ambientale • Programmi di miglioramento ambientale (1994-1997-2000) In linea con questi principi e con il modello degli accordi volontari nel marzo 2000 è stato avviato ilProgramma per registrazione EMASd’area

  14. marzo2000 Protocollo d’intesa per un programma di miglioramento della compatibilità ambientale dell'area chimica e industriale di Ravenna, con l'obiettivo finale della registrazione EMAS d'area per le aziende dell'APO. Il programma è stato coordinato da un Comitato di Indirizzoe da uno Tecnico Partecipanti: 16 imprese, Associazione industriali, Provincia di Ravenna, Regione e Comune di Ravenna, organizzazioni sindacali e Camera di commercio Risultati • 15 aziende hanno messo a punto un SGA certificato ISO 14001; • 3 aziende hanno conseguito singolarmente la registrazione EMAS e un'altra ha attivato la procedura; • Analisi ambientale d'area iniziale (dati 2000), elaborata dalla pubblica amministrazione, con il supporto di ARPA e il contributo delle aziende gennaio2005 Il Comitato nazionale EMAS ha approvato una posizione specifica per l'applicazione del regolamento EMAS agli ambiti produttivi omogenei(APO)

  15. Secondo protocollo d'intesa siglato, con il quale i soggetti sottoscrittori, coordinati in un Comitato Promotore, hanno confermato l'intenzione di procedere al conseguimento della registrazione EMAS dell'APO Gennaio 2006 Partecipanti: Regione Emilia Romagna, Provincia di Ravenna, Comune di Ravenna, organizzazioni sindacali, Associazione Industriali e 17 aziende Programma Aggiornamento Analisi ambientale d'area VERIFICA DA PARTE DI UN SOGGETTO TERZO ACCREDITATO Programma ambientale dell’APO Accertamento conformità del programma dell'APO di Ravenna alla posizione del Comitato EMAS Esito positivo 12 luglio 2006 Il Comitato EMAS ha rilasciato l'Attestatoal Comitato Promotore Su iniziativa del comitato promotore, viene costituita una ASSOCIAZIONEcomposta da tutte le società aderenti al protocollo, con l'obiettivo della registrazione EMAS dell'APO entro 2008

  16. Protocollo d’intesa per la certificazione Emas dell’APO di Ravenna Obiettivi generali: • contribuire al miglioramento dell’ambiente nell’area chimica e industriale di Ravenna; • contribuire allo sviluppo economico e sociale dell’area chimica e industriale di Ravenna; Risultati da raggiungere: • ottenimento dell’Attestato Emas da parte del Comitato Promotore; • ottenimento della Registrazione Emas d’area attraverso la creazione di un modello organizzativo adeguato;

  17. Protocollo d’intesa per la certificazione Emas dell’APO di Ravenna Programma articolato in 2 fasi Fase 1 – Rilascio attestato Emas • costituzione di un Comitato Promotore che coordina e sovrintende alla attuazione del Protocollo d’intesa Comitato Promotore è composto da: • Regione Emilia .Romagna • Provincia Ravenna • Comune Ravenna • Ass.ne Industriali (in rappresentanza delle 17 Aziende aderenti) • OO.SS. • compiti del Comitato Promotore dell’APO • definizione politica ambientale sulla quale le Aziende indirizzano le azioni di miglioramento in coerenza con i propri SGA • diffusione di Emas nell’APO • aggiornamento analisi ambientale • coordina e sovrintende all’applicazione del programma per l’Attestato

  18. Protocollo d’intesa per la certificazione Emas dell’APO di Ravenna • il Comitato Promotore si avvale di un Comitato Tecnico composto da: • Provincia Ravenna • Comune Ravenna • ARPA Ravenna • Ass.ne Industriali Il Comitato Tecnico predispone l’analisi ambientale ed è il soggetto operativo che definisce il programma ambientale e lo verifica • il Comitato Promotore comunica periodicamente alle Aziende aderenti e ai portatori di interesse (FORUM) • risultato analisi ambientale • programma ambientale e stato di avanzamento • risultati ottenuti Viene predisposto un Rapporto Ambientale d’area

  19. Protocollo d’intesa per la certificazione Emas dell’APO di Ravenna Fase 2 – Registrazione EMAS d’area • Comitato Promotore promuove la creazione di una ASSOCIAZIONE composta da società e avente amministrazione e funzioni proprie Aderiscono all’Associazione le Aziende che hanno sottoscritto il Protocollo d’intesa e soddisfano i seguenti requisiti: • sono certificate ISO 14000 o Emas • svolgono attività o servizi nell’area industriale di RA • l’Associazione coordina le iniziative e le attività per la registrazione Emas d’area oltre ad altre attività comuni per le Aziende aderenti • aggiorna analisi ambientale • definisce programma di miglioramento • predispone la dichiarazione ambientale per la registrazione Emas entro 2008 Associazione L’Associazione costituisce l’interfaccia tra le Aziende e gli stakeholders nel Forum della Comunicazione

  20. Protocollo d’intesa per la certificazione Emas dell’APO di Ravenna • Nella fase 2 il Comitato Promotore: • cura la comunicazione periodica mediante il forum e i report ambientali • promuove diffusione Emas nell’APO e in altri settori • definisce criteri generali per l’aggiornamento analisi ambientale • verifica e sovintende alla applicazione del protocollo

  21. 2006

  22. Attestato EMAS Programma Aggiornamento Analisi ambientale d'area Programma ambientale dell’APO Accertamento conformità del programma dell'APO di Ravenna alla posizione del Comitato EMAS • Aggiornamento Analisi Ambientale ARPA in collaborazione con Aziende • Programma Ambientale dell’APO obiettivi di miglioramento • azioni già realizzate fra il 2000 e 2005 • azioni da realizzare entro il 2008 azioni “comuni” azioni delle singole aziende

  23. Attestato EMAS • Azioni Comuni: • Tali azioni vedono coinvolte in maniera trasversale tutto il sistema delle aziende aderenti per interventi concertati con la P.A. oltre ad azioni direttamente attivate dalla stessa P.A. • ARIA - monitoraggio della qualità dell’aria nell’ambito dell’Area industriale e delle singole emissioni autorizzate ai camini ed introduzione di sistemi innovativi di monitoraggio; • ACQUA – messa a regime del sistema di regolamentazione dei singoli flussi di scarico delle acque reflue industriali destinati all’impianto di trattamento; • ACQUA - intercettazione e trattamento delle acque di prima pioggia del sito multisocietario; • FALDA – completamento della caratterizzazione della qualità delle acque di falda del sito multisocietario e delle aree limitrofe; • - DIFFUSIONE CERTIFICAZIONE AMBIENTALE – con il coinvolgimento e l’adesione delle Associazioni di categoria si definiranno quelle attività indirizzate ad incentivare e ad agevolare la partecipazione delle imprese dell’Area chimica ed industriale di Ravenna allo scopo di ottenere la registrazione EMAS così come già avviato nel 2000. Inoltre ulteriore obiettivo del Comitato Promotore per la diffusione di EMAS nell’APO è quello per cui altre 2 società conseguiranno la certificazione EMAS entro il 2008. • Azioni attuate direttamente dalle aziende aderenti al Protocollo: Rispetto agli obiettivi sopra indicati il Programma ambientale d’area, definisce le azioni la cui responsabilità e attuazione è ascrivibile direttamente alle imprese in coordinamento con la P.A.. Fra queste sono indicati gli obiettivi di conseguimento delle certificazione ISO 14001 per le società Alma Petroli (entro il 2006) e Ravenna servizi Industriali (entro 2008).

  24. Comunicazione Programma attività da intraprendere dal Comitato Promotore: • Il Comitato Promotore deve attivare idonei strumenti per la comunicazione interna ed esterna periodicamente verso; • le aziende insediate nell’Area Industriale; • a tutti i portatori di interesse (associazioni di cittadini, di consumatori). • La comunicazione riguarderà in particolare: • i dati e gli esiti dell’Analisi Ambientale dell’APO • il programma ambientale dell’APO ed il suo stato di avanzamento • le iniziative a sostegno della diffusione dell’EMAS nell’Area industriale • le iniziative di formazione e sensibilizzazione del personale delle aziende aderenti al Protocollo. • Come previsto dal Protocollo, il Comitato Promotore costituisce entro 2006 il Forum di comunicazione alla quale parteciperanno gli stakeholders (associazioni di categoria, ass di consumatori, associazioni ambientaliste). • In termini operativi il Comitato Promotore ha definito le modalità più efficaci di comunicazione, quali: • l’organizzazione annuale di workshop aperti al pubblico (a partire dalla primavera del 2007) in merito ai risultati del programma ambientale • la redazione di un rapporto ambientale d’Area entro 2007 con cadenza annuale • l’attivazione di sito web dedicato alla comunicazione entro il 2006 • la partecipazioni ad eventi di settore.

  25. ATTESTATO EMAS……