slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
AREA TECNICO OPERATIVA Assistenza di primo soccorso PowerPoint Presentation
Download Presentation
AREA TECNICO OPERATIVA Assistenza di primo soccorso

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 43

AREA TECNICO OPERATIVA Assistenza di primo soccorso - PowerPoint PPT Presentation


  • 105 Views
  • Uploaded on

AREA TECNICO OPERATIVA Assistenza di primo soccorso - Il sistema 118: - finalità - organizzazione - modalità di allertamento

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'AREA TECNICO OPERATIVA Assistenza di primo soccorso' - malini


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1
AREA TECNICO OPERATIVA

Assistenza di primo soccorso

- Il sistema 118: - finalità - organizzazione - modalità di allertamento

- Responsabilità giuridica, morale e tecnica dell’OSS e del cittadino nei confronti della persona in situazione di emergenza

- Manovre di rianimazione

cardiopolmonare di base (BLS)

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide2

Storia

Il primo nucleo 118 è nato a Bologna, il 1 giugno1990 in occasione dei mondiali di calcio.

Il nucleo fu costituito intorno ad uno dei gruppi di pubblica utilità che più si erano distinti per efficienza e organizzazione, Bologna Soccorso.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide3

In contemporanea il 118 è stato attivato ad Udine e copriva

tutta la provincia, scelta come laboratorio dalla Regione FVG

che, assieme all'Emilia Romagna, è stata quindi la prima regione

ad attivare il servizio.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide4

Bologna Soccorso era nata nel 1980, all'indomani della Strage della Stazione di Bologna, come Centrale Operativa Unica per il Soccorso ed il Trasporto.

Il gruppo portava con sé la decennale esperienza del CePIS, un nucleo di ambulanze organizzato negli anni sessanta per coordinare il trasporto interospedaliero e poi emerso agli onori della cronaca per gli efficienti interventi mostrati nell'incidente ferroviario di Murazze di Vado (1978) e nella già citata Strage di Bologna.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide5

Il gruppo di Bologna Soccorso mostrò grande professionalità in diverse occasioni, tra cui la Strage del Rapido 904 (1984) e la Strage dell'Istituto Salvemini di Casalecchio di Reno del 6 dicembre1990.

La coordinazione degli interventi permise in entrambe queste occasioni un rapido ed efficiente soccorso, rendendo manifesta la necessità di adottare piani di intervento simili anche in altre città.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide6

Nel 1990 Bologna Soccorso era ancora un nucleo indipendente, ma già rispondeva al numero 118. A partire dal 27 marzo 1992, con il decreto a firma di Francesco Cossiga, furono costituite le centrali operative 118 anche in altre città, sulla base delle innovazioni introdotte a Bologna.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide7

Questi punti di forza riguardavano principalmente la coordinazione delle varie associazioni di volontariato sanitario, i cui interventi venivano gestiti da un centro unico che impediva sovrapposizioni di interventi e incomprensioni; la gestione delle emergenze fu affidata a personale infermieristico appositamente preparato (con competenze di telecomunicazioni e informatica), mentre la parte medica venne affidata ad un medico responsabile.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide8

A partire dal 1992 la centrale bolognese fu la prima totalmente informatizzata, che aumentò del 6% l'efficienza media a parità di personale.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide9

Per la Regione Abruzzo la realizzazione di una rete regionale di servizi sanitari per le urgenze ed emergenze è stata considerata come uno degli obiettivi prioritari della programmazione sanitaria da più di un decennio e, infatti, la legge regionale n. 48/90 ne prevedeva l'istituzione.

Con successivi provvedimenti regionali sono stati programmati alcuni basilari aspetti dell'organizzazione (appalto sistema telefonico, individuazione centrali operative, riorganizzazione delle sedi di guardia medica su tutto il territorio regionale).

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide10

Ma l'organizzazione del sistema, peraltro ben delineata a livello nazionale dal D.P.R. 27.3.1992 e dalle successive linee guida del '96 che segnano un punto fermo nell'organizzazione complessiva dei servizi di emergenza gestiti dal SSN, è stata ostacolata da numerosi problemi (soprattutto di carattere tecnico-amministrativo-finanziario).

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide11

Nel corso del '94, comunque, l'Assessorato alla Sanità "stringe" i tempi e si provvede all'organizzazione generale del Sistema "118" (collaudo delle 4 centrali operative, pianta organica, dotazione strumentale, ecc.).

Nonostante intervengano ulteriori difficoltà dovute principalmente al blocco delle assunzioni di personaleprevisto dalla legge finanziaria si procede con grande sforzo e determinazione e in data 20 novembre 1995 il Servizio di Urgenza ed Emergenza Sanitaria 118 viene, finalmente, attivato su tutto il territorio regionale.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide12

Viene successivamente potenziata la flotta dei mezzi di soccorso; vengono effettuati corsi di formazione ed aggiornamento per gli operatori, viene potenziata la pianta organica del personale e in data 18 marzo 1998 viene attivato il Servizio di Elisoccorso.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide13

Nel mese di maggio 2002 viene attivato il Sistema Informatico che fa compiere un ulteriore salto di qualità nell'erogazione dell'assistenza da parte del 118: le centrali operative vengono collegate in rete e tutta la gestione della chiamata di soccorso viene gestita dalle nuove tecnologie informatiche con conseguente semplificazione delle procedure e migliore operatività negli interventi.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide14

Il 118 (Servizio Sanitario di Urgenza ed Emergenza - SSUEm 118 o più semplicemente Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica - SUEM 118) è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso medico per emergenza sanitaria. È un numero unico nazionale, attivo 24 ore su 24 e sette giorni su sette, gratuito su tutto il territorio, sia da telefoni fissi che mobili.

È stato istituito con il Decreto del Presidente della Repubblica del 27 marzo1992 (Atto di indirizzo e coordinamento alle Regioni per la determinazione dei livelli di assistenza sanitaria di emergenza).

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide15

In Lombardiada luglio 2012 si sta attivando il NUE, Numero unico di emergenza 112, un solo numero per le chiamate relative a 112, 113, 115 e 118.

A dicembre 2012 è già esteso alle province di Varese, Como, Lecco, Monza-Brianza e Bergamo.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide16

A seguito dell’emanazione del DPR 27 marzo 1992, l’Emergenza sanitaria sul territorio si è trasformata da “servizio” che prevedeva il semplice invio dell’ambulanza sul luogo dell’evento ed il successivo trasporto del paziente al Pronto Soccorso più vicino, ad un vero e proprio “sistema di soccorso”, che consiste nell’integrazione delle fasi di soccorso con l’invio del mezzo meglio attrezzato per il così detto trattamento extraospedaliero “Stay and Play” (“rimani e lavora”), così da incidere sull’intervallo di tempo in cui la vittima rimane senza adeguata terapia (Terapy Free Interval) prima del trasporto all’ospedale più idoneo.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide17

SIS 118: società scientifica che rappresenta i Direttori e gli operatori delle C.O. 118.

Mission della Società Italiana Sistema 118: diffondere la cultura dell’emergenza sanitaria e migliorare la qualità delle prestazioni, tenendo in considerazione lo studio continuo e la ricerca dei fattori che possono condizionare il successo di ogni atto praticato (efficacia) sì da fornire il meglio dell’assistenza possibile a tutti i pazienti acuti ogni ambito pre-ospedaliero.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide18

Possiamo chiamare il 118:

  • per le emergenza: in tutti quei casi in cui vi è un immediato
  • pericolo di vita
  • (incidenti stradali gravi, di difficoltà respiratorie, gravi, perdita
  • di conoscenza, ecc)
  • per le urgenza: nei casi in cui è necessario il ricovero ospedaliero
  • non programmato
  • in caso di calamità naturali con rischio di pericolo per le vite
  • umane

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide19

QUANDO NON CHIAMARE IL 118

  • Per servizi non urgenti: ricoveri programmati, dimissioni
  • ospedaliere, trasferimenti intraospedalieri
  • - Per consulenze medico-specialistiche
  • Per informazioni di natura socio-sanitaria: orari servizi,
  • prenotazioni di visite o indagini diagnostiche

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide20

Come chiamare il 118:

  • componendo il numero 118 ed attendendo la risposta dell'operatore
  • di centrale
  • esponendo con calma e chiarezza la propria necessità e rispondendo
  • alle domande dell'operatore che deve individuare il tipo di soccorso
  • più idoneo.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide21

Il personale al momento della risposta:

localizza l'evento, tramite un software gestionale dedicato dotato di modulo cartografico (sistema informativo geografico).Per permettere un soccorso efficiente è necessario che vengano forniti tutti i dati necessari a raggiungere il punto dell'emergenza, evitando confusioni tra località omonime o assonanti;

valuta la gravità dell'evento, ponendo alcune domande semplici al chiamante, e attribuisce all'emergenza una priorità di intervento;

invia i mezzi di soccorso idonei all'emergenza e al suo livello di priorità. I mezzi più comuni sono le ambulanze, l'automedica o l'intervento di elisoccorso.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide22

Le domande, poste secondo il protocollo, riguardano principalmente:

Dove è il luogo dell'emergenza: vanno indicati il comune, la via e il numero civico più vicino. Se necessario, bisogna segnalare eventuali difficoltà sul percorso che potrebbero ostacolare i soccorsi. Se disponibili, e se richieste dall'operatore, potrebbero risultare utili, specialmente per l'intervento dell'elicottero, le coordinate (latitudine, longitudine) rilevate dal GPS.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide23

Cosa è successo: il chiamante deve dare in modo sintetico tutte le informazioni di cui è a conoscenza, specificando:

    • Tipologia dell'evento avvenuto;
    • Livello di coscienza della vittima e se la vittima ha respiro e circolo o meno;
    • Descrizione della scena e dettagli come presenza di persone incastrate, principi di incendio, sostanze chimiche o pericolose, edifici pericolanti, intralcio al traffico, ecc.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide24

Identificazione del chiamante: viene verificata l'autenticità della chiamata. Il passaggio può essere omesso laddove vi sia la possibilità di identificare il chiamante tramite il numero di telefono o dove siano presenti i sistemi di riconoscimento automatico del chiamante.

Recapito telefonico: può essere richiesto (nel caso non sia disponibile automaticamente) per eventuali contatti da parte della Centrale Operativa in caso di necessità, richiesta di chiarimenti o di comunicazioni.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide25

È molto importante che la comunicazione sia chiusa solo dall'operatore, mai dal chiamante, per accertarsi che siano stati comunicati tutti i dati.

Dopo la chiamata, è dovere del chiamante tenere il telefono libero.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide26

I codici di priorità

Ogni richiesta è trattata secondo uno schema di codici di priorità, con la tecnica del Triage (dal verbo francese "trier" che significa scegliere).

L'evasione delle richieste non segue l'ordine cronologico delle telefonate, ma dà maggiore urgenza alle chiamate dove il rischio per l'interessato è maggiore.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide27

Codice Verde: è il codice di priorità minore, e viene usato nel caso in cui non siano compromesse le funzioni vitali del paziente. Tipici codici verdi sono piccole lesioni, dolori o patologie in cui il paziente è comunque stabile.

Codice Giallo: in caso la condizione del soggetto sia a rischio, ed il paziente non sia quindi stabile. Una forte dispnea ovvero difficoltà respiratoria, emorragie, ustioni di secondo grado non troppo estese o sospette lesioni ad organi interni sono solitamente codici gialli.

Codice Rosso: indica la massima urgenza. Il paziente ha una o più funzioni vitali compromesse, quindi è incosciente, o in arresto respiratorio o cardiocircolatorio. Secondo nuove direttive, anche il dolore toracico irradiato in una persona cosciente è dato come codice rosso per sospetto infarto del miocardio.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide28

Codice Bianco, che indica l'assenza di urgenza, o viene usato nei casi in cui il paziente presenta lievi patologie, che dovrebbero essere viste dal medico curante. È detto anche priorità 1 o taxi sanitario, e può essere soggetto a ticket.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide29

Codice Nero, oppure Codice 4. Viene dato solo a constatato decesso da parte di un medico (anche se, per ovvi motivi, chiunque può essere in grado di stabilire che una persona è morta quando è in avanzato stato di decomposizione, decapitazione, carbonizzata o sfracellamento del corpo; il medico è l'unica figura sanitaria abilitata a constatare legalmente un decesso) ed è un codice di solo rientro.

Il defunto non può essere trasportato in ambulanza e si deve attendere l'autorizzazione dell'autorità per la rimozione dopo l'arrivo del medico legale. La rimozione di cadavere è, infatti, punibile a norma di legge.

Una salma può essere trasportata in ambulanza solo se la persona è deceduta quando era già a bordo del mezzo stesso.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide30

I mezzi di soccorso

Le Centrali Operative, per garantire un’efficace gestione del soccorso nel più breve tempo possibile, dispongono di mezzi adeguati ed il personale che vi opera è rappresentato da medici, infermieri, autisti/soccorritori ed ove disponibile personale volontario/soccorritore, tutti, ai vari livelli, formati ed addestrati all’emergenza sanitaria.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide31

Ambulanza di base e di trasporto: 1 autista soccorritore e 1 infermiere o 1 soccorritore volontario

Ambulanza di soccorso: 1 autista soccorritore ed 1 infermiere

Ambulanza di soccorso avanzato: 1 autista/soccorritore, 1 infermiere ed 1 medico

Centro mobile di rianimazione: 1 autista/soccorritore, 2 infermieri, 1 medico anestesista-rianimatore

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide32

Automedica: automezzo per il soccorso avanzato con personale medico ed infermieristico.

Equipaggio INDIA: codice giallo con 2 infermieri

Eliambulanza: 1 infermiere, 1 medico anestesista-rianimatore, 44 in Italia

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide33

Attualmente sono attivate sul territorio nazionale 103 Centrali Operative del 118

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide34

Obbligo di soccorso

Le associazioni che operano nel settore invitano i cittadini non esperti in materia di pronto soccorso ad assolvere l'obbligo di soccorrere gli infortunati tramite la chiamata al 118 anziché intervenendo direttamente.

Interventi maldestri effettuati da persone non competenti possono infatti risultare assai pregiudizievoli sia per l'infortunato (aggravando le lesioni da questi subite e provocando danni ulteriori) sia per il soccorritore improvvisato, che resta pienamente responsabile - sotto il profilo civilee penale di eventuali danni causati all'infortunato stesso.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide35

Abusi del servizio

Le telefonate ricevute dal servizio sono registrate, e nella maggior parte delle Centrali Operative 118 è attiva la visualizzazione del numero telefonico del chiamante (anche se nascosto dall'utente, o del solo codice imei in assenza di scheda sim). L'abuso del servizio è sanzionato secondo l'art. 658 del C. P., per il reato di procurato allarme presso l'Autorità: chi disturba l'operato del servizio può incorrere in una pesante sanzione amministrativa, oppure fino a sei mesi di reclusione.

Gli abusi includono le chiamate per eventi non accaduti (scherzi) o per informazioni generiche (numeri di telefono, indirizzi, ecc.), soprattutto se reiterati.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide36

Omissione di soccorso

Di fronte a un malore o a un incidente, è obbligo del cittadino intervenire, altrimenti compie un reato di omissione di soccorso, punibile penalmente con la reclusione, pena aggravata se dal mancato soccorso deriva un peggioramento della situazione o il decesso dell'infortunato.

In base all'art. 593 del C. P. il cittadino non è obbligato a intervenire direttamente, soprattutto se non è esperto, ma deve avvertire le autorità predisposte: il numero per le emergenze sanitarie è il 118, e in alternativa si possono sempre chiamare il numero di pronto intervento 113, i carabinieri, i vigili del fuoco, il servizio ambulanze, il medico, e così via.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide37

Lesioni colpose

Se il soccorso viene prestato direttamente, il soccorritore lo fa a suo rischio e pericolo.

In altre parole deve cercare di proteggere la sua incolumità e deve anche assumersi la responsabilità del suo intervento.

Se per disgrazia il soccorso prestato determinasse un peggioramento della situazione o un decesso, il soccorritore incorrerebbe nei reati di lesioni personali colpose (art. 590 C.P. : chiunque cagiona ad altri per colpa una lesione personale è punito con la reclusione fino a tre mesi o con la multa fino a euro 309. Se la lesione è grave la pena è della reclusione da uno a sei mesi o della multa da euro 123 a euro 619, se è gravissima, della reclusione da tre mesi a due anni o della multa da euro 309 a euro 1.239.; ) o peggio ancora di omicidio colposo (art.589 C.P.: chiunque cagiona per colpa la morte di una persona è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni). 

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide38

Il termine "colposo" indica una non volontarietà della conseguenza negativa, di cui tuttavia è responsabile per negligenza(trascuratezza, mancanza di sollecitudine ovvero di un comportamento passivo), imperizia( insufficiente attitudine a svolgere un’attività che richiede specifiche conoscenze di regole scientifiche e tecniche dettate dalla scienza e dall’esperienza, pertanto identificabile con una preparazione insufficiente) o imprudenza (insufficiente ponderazione di ciò che l’individuo è in grado di fare, violazione di una regola di condotta, codificata).Per questo è bene non intervenire direttamente, in mancanza di una certa esperienza e preparazione.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide39

Atto medico delegato

D.P.R. 27.03.1992, Art. 10.

Prestazioni dal personale infermieristico:

il personale infermieristico professionale, nello svolgimento del servizio di emergenza, può essere autorizzato a praticare iniezioni per via endovenosa e fleboclisi, nonchè a svolgere le altre attività e manovre atte a salvaguardare le funzioni vitali, previste dai protocolli decisi dal medico responsabile del servizio.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide40

Abuso della professione medica

Analogamente, bisogna ricordarsi che solo un medico può somministrare dei farmaci o praticare un'iniezione endovenosa, e solo un infermiere può praticare un'iniezione intramuscolare.

Chi decide di compiere queste operazioni senza i giusti titoli, compie un abuso della professione medica. Illecito di esercizio abusivo della professione (ex art. 348 C.P.:chiunque abusivamente esercita una professione, per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa da euro 103 a euro 516).

Inoltre, se dal suo gesto derivano delle conseguenze negative, per esempio un peggioramento della situazione, la somministrazione di un farmaco sbagliato, un'infezione, uno shock anafilattico o una reazione allergica - è responsabile delle sue azioni.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide41

Lo stato di necessità

L'art.54 C.P., tuttavia, mitiga i rischi sopra citati, stabilendo che non è punibile chi provoca un peggioramento o un decesso dell'infortunato, se opera in STATO DI NECESSITA'.

In altre parole, se l'infortunato è in grave pericolo e non è possibile agire altrimenti, anche un soccorso maldestro o un tentativo di soccorso è preferibile lasciare l'infortunato a se stesso. Naturalmente il criterio di stato necessità è assolutamente soggettivo e viene valutato caso per caso. Inoltre, l'intervento deve essere PROPORZIONALE al pericolo.

Se in caso di soffocamento, per esempio, il soccorritore lede le vie aeree dell'infortunato nel tentativo di farlo respirare, difficilmente sarà punibile.

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide42

Riferimenti normativi

Art. n. 593 c.p. : omissione di soccorso

Art. n. 54 c.p. : stato di necessità

Art. n. 348 c.p. : esercizio abusivo della professione

Art. n. 493 c.p. : falsità commesse da pubblici impiegati incaricati di pubblico

servizio

Art. n. 582 c.p. : lesioni personali

Art. n. 590 c.p. : lesioni personali colpose

Art. n. 605 c.p : sequestro di persona

Art. n. 610 c.p. : violenza privata

Art. n. 622 c.p. : rivelazione di segreto professionale

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso

slide43

GRAZIE

PER LA CORTESE ATTENZIONE

VINCENZO LEONZI

Corso OSS - ASL Teramo Assistenza di primo soccorso