slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
LICEO SCIENTIFICO LEONARDO DA VINCI ANNO SCOLASTICO 2005/2006 RELAZIONE TECNICA AL COLLEGIO DOCENTI DEL 16/6/2006 DEL PowerPoint Presentation
Download Presentation
LICEO SCIENTIFICO LEONARDO DA VINCI ANNO SCOLASTICO 2005/2006 RELAZIONE TECNICA AL COLLEGIO DOCENTI DEL 16/6/2006 DEL

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 18

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO DA VINCI ANNO SCOLASTICO 2005/2006 RELAZIONE TECNICA AL COLLEGIO DOCENTI DEL 16/6/2006 DEL - PowerPoint PPT Presentation


  • 170 Views
  • Uploaded on

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO DA VINCI ANNO SCOLASTICO 2005/2006 RELAZIONE TECNICA AL COLLEGIO DOCENTI DEL 16/6/2006 DELLA PROF. MARGHERITA CUTRUPI FUNZIONE STRUMENTALE PER L’ORIENTAMENTO POST-DIPLOMA. PERCHE’ L’ORIENTAMENTO ?

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'LICEO SCIENTIFICO LEONARDO DA VINCI ANNO SCOLASTICO 2005/2006 RELAZIONE TECNICA AL COLLEGIO DOCENTI DEL 16/6/2006 DEL' - lily


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO DA VINCI

ANNO SCOLASTICO 2005/2006

RELAZIONE TECNICA

AL COLLEGIO DOCENTI DEL 16/6/2006

DELLA PROF. MARGHERITA CUTRUPI

FUNZIONE STRUMENTALE

PER L’ORIENTAMENTO POST-DIPLOMA

slide2

PERCHE’ L’ORIENTAMENTO ?

  • La necessità di interventi formativi nel campo dell’orientamento scolastico è oggi più che mai sentita sia a livello istituzionale che nella percezione dei bisogni delle famiglie, che intuiscono la gravità delle conseguenze, a livello individuale e a livello sociale, di scelte affrettate o sbagliate.
  • Orientare significa promuovere non solo la conoscenza di sé e della realtà esterna in cui l’individuo deve inserirsi, ma anche atteggiamenti e comportamenti attivi e consapevoli, con proposte educative finalizzate all’autonoma realizzazione dell’allievo, che deve imparare a gestire da sé il faticoso processo di costruzione della propria personalità e del proprio avvenire.
  • Quindi le attività di orientamento non devono essere solo quelle limitate al momento di ingresso e all’uscita da un percorso scolastico, ma vanno incardinate in una vera e propria didattica orientativa, capace di sviluppare gradatamente le abilità progettuali ed operative di ciascun allievo e la sua autonomia.
slide3

ORIENTAMENTO IN ENTRATA

  • PROGETTO DI ACCOGLIENZA
  • AGLI ALLIEVI DI PRIMA CLASSE
  • La scuola si propone di favorire l’inserimento degli studenti nella nuova realtà con un atteggiamento di disponibilità, ascolto, apertura, accettazione, che contribuisca a trasmettere il senso di appartenenza all’istituzione.
  • Dalla reciproca conoscenza nasce un clima di fiducia che è alla base di un rapporto collaborativo e costruttivo tra alunni, docenti e genitori, ciascuno con la propria specificità e il proprio ruolo.
  • FINALITÀ
  • Facilitare l’inserimento degli studenti nella nuova realtà scolastica.
  • Favorire il passaggio dalla scuola media alla scuola superiore.
  • Contrastare i fenomeni del disagio e della dispersione scolastica.
  • Verificare la correttezza della scelta effettuata.
slide4

OBIETTIVI

  • Far conoscere gli spazi, le strutture, gli organismi della scuola e le relative funzioni.
  • Coinvolgere gli alunni e le loro famiglie nel progetto educativo e formativo che la scuola propone.
  • Far conoscere gli obiettivi didattici, i contenuti, i metodi, gli strumenti e i criteri di valutazione delle singole discipline.
  • Favorire una prima conoscenza e socializzazione all’interno della classe.
  • Far maturare la consapevolezza della scelta scolastica operata, anche attraverso l’espressione, da parte degli alunni, di aspettative e timori.
  • Rilevare la situazione complessiva degli alunni in ingresso sul piano cognitivo.

ATTIVITÀ OPERATIVE

  • Primo modulo: inserimento spaziale, temporale e sensoriale dell’alunno in classe e nell’Istituto. Conoscenza delle strutture.
  • Secondo modulo: comprensione degli elementi della personalità degli allievi e degli aspetti emotivo-affettivi legati all’inserimento nella nuova realtà, tramite questionari e test specifici.
  • Terzo modulo: accertamento delle abilità di base possedute dagli allievi nelle varie discipline, tramite test d’ingresso, per avviare una programmazione di classe calibrata sui bisogni specifici.
  • Incontri con i genitori.
  • Verifiche dei risultati.
slide5

LINEE GUIDA DELL’ ORIENTAMENTO POST-DIPLOMA

Nella consapevolezza che ad un compito così delicato e complesso come quello dell’orientamento dei giovani ci si può accostare solo con un attento e rispettoso lavoro di équipe, ho organizzato il mio lavoro, in piena sintonia con la Dirigente Scolastica, essenzialmente come raccordo delle attività dei vari soggetti coinvolti, in primo luogo dei docenti coordinatori di classe delle classi, che, coadiuvati dai loro colleghi, sono stati il vero “motore” delle varie attività, ma anche degli altri esperti esterni di volta in volta chiamati in causa dalle specifiche iniziative.

  • Ho curato per l’intero anno la diffusione capillare fra gli allievi delle classi quarte e quinte delle informazioni fornite a vario titolo da strutture universitarie o da organismi esterni, anche tramite materiale illustrativo,

anche perché il recente avvio della nuova riforma universitaria presenta percorsi di studio innovativi e sconosciuti ai più, all’interno dei quali i ragazzi devono rapidamente imparare a muoversi per poter scegliere.

  • Ho fornito assistenza diretta agli allievi bisognosi di informazioni per le proprie scelte post-diploma, insegnando loro soprattutto come fare per acquisire in modo autonomo le notizie desiderate, soprattutto via Internet.
slide6

FINALITA’ GENERALI

Le attività di orientamento post-diploma, rivolte agli allievi delle classi terminali, con particolare riferimento alla scelta universitaria, hanno un rilievo particolare nella programmazione del nostro Liceo, in vista di una formazione completa e finalizzata ai reali bisogni degli studenti, chiamati ad essere cittadini attivi e responsabili in una società sempre più complessa ed in continua evoluzione, che richiede competenze concrete, ma anche flessibilità.

La finalità ultima che ha ispirato le varie iniziative è stata di insegnare agli allievi ad autoorientarsi, acquisendo fiducia nelle proprie potenzialità e affinando la capacità di conoscere le possibilità concrete di attuare il proprio progetto di vita nel proseguimento degli studi e poi nel mondo del lavoro, nella società attuale, caratterizzata dalla globalizzazione e da rapidi cambiamenti tecnologici e culturali.

Esiste peraltro una significativa dimensione orientativa, che va sostenuta ed esplicitata, strettamente connessa a tutte le attività scolastiche curriculari ed extracurriculari,all’interno delle quali ciascun ragazzo, confrontandosi con i più diversi ambiti di conoscenza e competenza, ha modo di saggiare le proprie inclinazioni e di valutare le proprie aspirazioni, nella costruzione, spesso faticosa, del proprio progetto di vita.

slide7

OBIETTIVI DELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO

  • Sviluppo della conoscenza di sé, dei propri interessi, delle proprie aspirazioni, anche attraverso test specifici di autovalutazione somministrati da centri specializzati o reperibili su Internet;
  • 2. sviluppo della capacità di valorizzare le proprie risorse personali, le proprie conoscenze ed esperienze, acquisite in ambito scolastico ed extrascolastico;
  • 3.  riflessione sui modelli culturali e sui pregiudizi che condizionano le scelte e sulla necessità di gestire con serenità il momento delle decisioni;
  • conoscenza dei metodi più corretti per esplorare e conoscere la realtà del mondo del lavoro e del mondo universitario, sia con il contatto diretto, sia tramite Internet, sia tramite iniziative e centri specializzati presenti sul territorio;
  • 5. acquisizione di informazioni aggiornate e corrette sul nuovo ordinamento universitario, in rapporto alle classi di laurea di primo livello e a quelle specialistiche a ciclo unico, con riferimento ai contenuti formativi e agli sbocchi occupazionali previsti;
  • Øinformazioni sull’offerta specifica di ciascun ateneo italiano, con particolare attenzione, però, per quelli presenti a Reggio Calabria, ma anche nelle province vicine della Calabria e della Sicilia, con visite dirette alle facoltà e incontri con i docenti;
  • informazioni sui test di accesso per le facoltà a numero chiuso;
  • Øinformazioni sul rapporto tra lauree e occupazione, con riferimento ai più recenti cambiamenti del mondo del lavoro e alle tendenze previste per il futuro;
  • Øinformazioni su altri sbocchi formativi non universitari;
  • Øinformazioni sulle possibilità di accedere direttamente al mondo del lavoro;
  • Øpotenziamento per ciascun ragazzo dell’efficacia auto-orientativa, con la capacità di autovalutarsi, individuare e risolvere problemi, valutare e decodificare la realtà esterna, progettare e definire un piano d’azione e sviluppare competenze psicosociali (comunicare, negoziare, lavorare in gruppo).
slide8

OBIETTIVI DELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO

6. informazioni sull’offerta specifica di ciascun ateneo italiano, con particolare attenzione, però, per quelli presenti a Reggio Calabria, ma anche nelle province vicine della Calabria e della Sicilia, con visite dirette alle facoltà e incontri con i docenti;

7. informazioni sui test di accesso per le facoltà a numero chiuso; 

8. informazioni sul rapporto tra lauree e occupazione, con riferimento ai più recenti cambiamenti del mondo del lavoro e alle tendenze previste per il futuro;

9. informazioni su altri sbocchi formativi non universitari;

10. informazioni sulle possibilità di accesso diretto al mondo del lavoro;

11. potenziamento per ciascun ragazzo dell’efficacia auto-orientativa, con la capacità di autovalutarsi, individuare e risolvere problemi, valutare e decodificare la realtà esterna, progettare e definire un piano d’azione e sviluppare competenze psicosociali (comunicare, negoziare, lavorare in gruppo).

slide9

ATTIVITÀ FORMATIVE INTERNE (I)

Diffusione nel mese di novembre fra gli allievi delle classi quinte di una scheda sintetica su cui sono state indicate le ipotesi di iscrizione universitaria o di altre opzioni e la richiesta di informazioni e consulenza individuale.

2. Informazione su altre attività di orientamento, esposizione dei manifesti dell’Offerta formativa di varie Università italiane e distribuzione capillare di opuscoli informativi. 

3. Preiscrizione via Internet alla facoltà universitaria prescelta, entro la data fissata dal Ministero con attività capillare di sensibilizzazione ed informazione, e assistenza diretta in sala computer per gli allievi impossibilitati a provvedervi dal proprio computer, con successiva raccolta del materiale di documentazione

4. IncontrI e sensibilizzazione per i concorsi della carriera militare.

5. Incontro nel Liceo in data 10/3/2006 degli allievi interessati con la dott.ssa D’Agostino della LUISS, per l’illustrazione della relativa offerta formativa.

slide10

ATTIVITÀ FORMATIVE INTERNE (II)

5. Svolgimento di 9 incontri nell’aula a gradinata o in Aula Magna di un’ora ciascuno, con gli studenti delle classi quinte, in cui sono stati presentate su Power Point le principali tematiche relative alla scelta della facoltà e alla riforma universitaria e sono stati segnalati validi strumenti informativi e test di autovalutazione utilizzabili tramite Internet, col seguente calendario :

il 2/2 –sez.A; il 7/2 sez. B; il 9/3 sez. C; il 9/2 sez. D; il 7/3 sez. E; il 23/3 sez. F, il 9/3 sez. G; il 2/3 sez. H; il 7/3 sez. I; il 23/3 sez. L; il 17/1 sez. M; il 23/2 sez. N e sez.O; il 23 /3 sez. P e sez. Q; il 7/3 sez. R.

Attivazione di uno sportello di consulenza individuale all’interno del Liceo, su prenotazione.

7. Informazione nelle classi quinte che il 6 settembre 2006, ore 14,30, si svolgerà il test autovalutativo di ingresso presso la facoltà di Ingegneria della Mediterranea.

slide11

INCONTRI CON DOCENTI UNIVERSITARI

1.  Incontro con i docenti dell’Università Mediterranea, che hanno illustrato la relativa offerta formativa, in data 10 marzo 2006, presso la facoltà di Ingegneria di Reggio Calabria, cui hanno aderito le classi quinte E, quinta G, quinta L, quinta P, con i rispettivi accompagnatori.

2. Incontro in Aula Magna in data 7 marzo 2006, ore 15,30, con la professoressa Paola Bonaccorsi sull’offerta formativa delle lauree scientifiche dell’Università di Messina.

3. Incontro in Aula Magna l’11 aprile 2006, dalle 10 alle 12, con i proff. Mattei e Cucinotta sull’Offerta formativa e sugli sbocchi occupazionali della facoltà di Ingegneria di Reggio Calabria, rivolto agli allievi di quinta interessati.

slide12

MANIFESTAZIONI DI ORIENTAMENTO

1. Partecipazione degli allievi delle classi quinte, il 7 e l’8 novembre 2005, al 4° Salone dell’Orientamento al Cedir di Reggio Calabria, con acquisizione di materiale informativo, partecipazione alle attività formative e allestimento di uno stand con illustrazione dell’offerta formativa del nostro Liceo.

2. Partecipazione alla manifestazione “Lezioni di Campus” dell’Università della Calabria ad Arcavata di Rende in data 3 ottobre 2005 di circa 50 allievi in rappresentanza delle classi quinte del nostro Liceo.

3. Partecipazione di alcune quinte, accompagnate dai rispettivi docenti, in data 17 marzo 2006, alla Settimana della Cultura Scientifica organizzata dall’Università di Messina, con visita anche ad alcune facoltà.

slide13

ADESIONE A PROGETTI PROMOSSI DA ENTI ESTERNI E SEGNALAZIONI DI ECCELLENZA

1. Selezione interna di allievi meritevoli per corsi estivi di orientamento gratuiti organizzati dalla Scuola Normale di Pisa e dalla Scuola Superiore di Catania.

2. Adesione al progetto pilota dell’Università Mediterranea “ORIENTARSINELLA TRANSIZIONE”, con le seguenti attività:

  • partecipazione agli incontri organizzativi;
  • organizzazione per l’11, 12 1e 17 maggio 2006 degli incontri degli esperti formatori con le classi quarte B, L e Q individuate dal Liceo come partecipanti al progetto pilota che continuerà il prossimo anno;
  • organizzazione dello svolgimento di un test sui saperi minimi in Aula Magna il 23/5/2006, in 2 turni, dalle 9 alle 11 e dalle 11 alle 13, rivolto agli allievi di quinta che hanno manifestato l’intenzione di iscriversi in uno dei corsi di laurea triennali dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria (secondo la seguente ripartizione: Ingegneria 58; Architettura 36; Agraria 2; Scienze giuridiche 43; Scienze economiche 8) , con monitoraggio delle preferenze ed invio dei dati al centro Uniorienta.
slide14

ATTIVITA’ NON COMPLETATE

Gli incontri residui del Progetto ORIENTANET iniziato lo scorso anno, con esperti della cooperativa CISME, per le classi V A, V E, V F, V O, V M, V N non hanno avuto luogo, perché la cooperativa ha dato la disponibilità solo nel mese di maggio e sia la Dirigente scolastica che i docenti interessati hanno ritenuto che non fosse opportuno inserire attività extracurriculari in questa fase dell’anno.

2. Il monitoraggio delle lauree conseguite e dell’effettivo inserimento nel mondo del lavoro, da parte degli allievi del Liceo che hanno conseguito la maturità nell’a. s. 1994/95, è un’attività che è stata solo avviata e sarà portata a termine nei prossimi mesi.

Ritengo infatti che i suoi risultati potrebbero essere molto utili ai nostri allievi per comprendere le effettive possibilità di inserimento attuali nel mondo del lavoro.

slide15

IPOTESI DI SCELTE POST-DIPLOMA (con più opzioni)SU SCHEDE COMPILATEAD USO INTERNO (I)

Tramite la scheda fatta compilare da ciascun coordinatore agli allievi di quinta è stato possibile avere già nel mese di novembre una indicazione delle intenzioni circa le ipotesi di scelta universitaria di ciascun allievo.

Tale indicazioni sono state utilizzate nel corso dell’anno per raggruppare gli allievi in rapporto alle esigenze di informazione e per organizzare gli incontri specifici distinti per facoltà. In qualche caso i ragazzi stessi hanno chiesto di modificare i dati nel corso dell’anno.

Trattandosi di un monitoraggio interno che dava la possibilità di più opzioni in caso di incertezza, credo possa essere ritenuto attendibile.

E’ stata invece effettuata solo da pochi allievi la preiscrizione facoltativa sollecitata dal Ministero anche per quest’anno, per la quale mi sono attivata per assistere gli allievi impossibilitati ad effettuarla dal proprio computer.

Ciascun allievo poteva esprimere più indicazioni

ACCADEMIA DI ARTE DRAMMATICA …. 1

ACCADEMIE MILITARI …………………..14

AGRARIA E SCIENZE FORESTALI ……….3

ARCHITETTURA ……………………………44

ALTRO (MUSICA, ECC.) ……………………6

slide16

DATI CHE EMERGONO DALLE SCHEDE COMPILATE AD USO INTERNO (II)

BIOLOGIA (SCIENZE BIOLOGICHE) …………………….30

BIOTECNOLOGIE ………………………………………………….1

CHIMICA ……………………………………………………………. 5

DISCIPLINE DI ARTE, MUSICA E SPETTACOLO (D.A.M.S.) ….2

DISEGNO INDUSTRIALE …………………………………… 7

ECONOMIA ……………………………… 50

FARMACIA …………………………. 12

FILOSOFIA E STORIA ……… 2

FISICA……………………………………… 5

GEOLOGIA………………………………..4

GIORNALISMO………………………..7

GIURISPRUDENZA (SCIENZE GIURIDICHE) ………….60

INGEGNERIA……………………………………… 102

INFORMATICA …………….. 19

INSERIMENTO NEL MONDO DEL LAVORO ……………..5

LAUREE TRIENNALI DI INDIRIZZO SANITARIO E INFERMIER. ……. 18

LETTERE……………………..13

LINGUE STRANIERE…………. 11

slide17

DATI CHE EMERGONO DALLE SCHEDE COMPILATE AD USO INTERNO (III)

MATEMATICA…………………………….…..6

MEDICINA E CHIRURGIA…………………………….71

ODONTOIATRIA……………………………….15

PSICOLOGIA ………………………..57

SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE………………………………16

SCIENZE DELL’EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE……………10

SCIENZE MOTORIE……………………………………7

SCIENZE POLITICHE ……………………………..13

SOCIOLOGIA ………………………………………… 1

VETERINARIA………………………………………. 5

slide18

Conclusioni

  • Credo di poter tracciare un bilancio positivo delle attività svolte quest’anno nell’ambito dell’orientamento, perché tutti noi abbiamo cercato non solo di fornire le informazioni, il “sapere”, ma soprattutto di insegnare ai ragazzi il “saper cercare”, il “saper scegliere” e il “saper essere” persone capaci di autogestirsi.
  • Questo aiuto doveroso va inserito nel contesto di una più complessa azione educativa, ma anche considerato nel suo ambito specifico costituisce per la scuola una delle occasioni più significative di formazione della persona.

Margherita Cutrupi