realizzazione dell interoperabilita fra i progetti dell avviso 1575 2004 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
REALIZZAZIONE DELL’INTEROPERABILITA’ FRA I PROGETTI DELL’AVVISO 1575/2004 PowerPoint Presentation
Download Presentation
REALIZZAZIONE DELL’INTEROPERABILITA’ FRA I PROGETTI DELL’AVVISO 1575/2004

Loading in 2 Seconds...

  share
play fullscreen
1 / 10
layne

REALIZZAZIONE DELL’INTEROPERABILITA’ FRA I PROGETTI DELL’AVVISO 1575/2004 - PowerPoint PPT Presentation

153 Views
Download Presentation
REALIZZAZIONE DELL’INTEROPERABILITA’ FRA I PROGETTI DELL’AVVISO 1575/2004
An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author. While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. REALIZZAZIONE DELL’INTEROPERABILITA’ FRA I PROGETTI DELL’AVVISO 1575/2004 Riunione del Comitato Tecnico sull’Interoperabilità MUR, 25/10/2007 L. Merola

  2. DOCUMENTI SU INTEROPERABILITA’E CONNETTIVITA’ I documenti, con le modifiche decise il 27-09 e gli ultimi piccoli aggiustamenti pervenuti dall’ultima riunione, sono in versione finale sul sito personale: http://people.na.infn.it/~merola/scope/ In corso d’opera elaboreremo dei documenti “realizzativi”. E’ stata finalizzata la lettera a sostegno delle necessità urgenti per la connettività. E’ stato costituito il gruppo di lavoro degli “operativi” sull’interoperabilità per l’esecuzione delle attività contenute nel documento.

  3. Riferimenti tecnici operativi per la realizzazione dell’Interoperabilità PI2S2 (Sicilia):Rosanna Catania Rosanna.Catania@ct.infn.itGiuseppe Platania giuseppe.platania@ct.infn.itGianni Mario Ricciardi giannimario.ricciardi@ct.infn.itGianluca Passaro gianluca.passaro@ct.infn.itAlberto Falzone alberto.falzone@nice-italy.comSCOPE (Napoli):Gennaro Tortone gennaro.tortone@na.infn.itSilvio Pardi spardi@na.infn.it Fulvio Serio serio@unina.it Marco Scognamiglio marco.scognamiglio@unina.it Davide Bottalico davide.bottalico@unina.itVania Boccia vania.boccia@unina.it CRESCO (ENEA):Giovanni Bracco  bracco@frascati.enea.itCarlo Scio scio@frascati.enea.itCYBERSAR (Sardegna): Daniele Mura daniele.mura@ca.infn.it Gianmario Mereu Gianmario.mereu@ca.infn.it

  4. INTEROPERABILITA’ A LIVELLO DELLA INFRASTRUTTURA GRID Scelte strategiche: • Standard comune di comunicazione: gLite • Implementazione di servizi basati su gLite ed LCG • Certification Authority Servizi di base (o di primo livello): • Collective: VOMS, RB, BDII • Core: CE, WN, SE, UI

  5. GARR GARR Altri Enti e realtà PI2S2

  6. Servizi aggiuntivi (o di secondo livello): Cataloghi virtuali dei file (LFC, AMGA, ecc.) Portale d’accesso (Genius, line-mode, ecc.) Monitoring(GridIce, Service Availability Montoring, ecc.) Tickets (Xoops/Xhelp, Service Level Agreement, ecc.) Accounting (DGAS, APEL, ecc.) Tags (descrizione risorse, ecc.)

  7. AZIONI Per ogni sito che abbia organizzato i servizi collettivi secondo quanto concordato, le azioni operative per la realizzazione dell’interoperabilità possono essere cosi riassunte: • Abilitazione delle VO degli altri progetti sulle risorse disponibili • Scambio dei Certificati VOMS • Registrazione delle risorse degli altri siti sul proprio TOP BDII • Creazione di aree di storage per i diversi progetti sugli Storage Element • Creazione di una o più code per la sottomissione dei job dei progetti dell’Avviso 1575 e Testbed della infrastruttura integrata

  8. In particolare • Si propone di creare almeno 4 VO una per progetto con i seguenti nomi: • COMETA, CRESCO, CYBERSAR, SCOPE. • 2. Non dovendo prevedere per ora un servizio di VO centralizzato dovranno essere scambiati i certificati macchina dei server VOMS da installare sulle UI e sui nodi per cui è necessario. • Dovranno essere diffuse tutte le entry LDAP dei CE che si vuole condividere in modo che i resource broker dei singoli progetti possano selezionare tali risorse. • 4. Si prevede di dedicare un’area disco per ciascun progetto sulla quale siano abilitati a scrivere gli utenti e le applicazioni delle altre VO. • 5. Si possono creare code “1575/short, medium, long” per avviare la • sottomissione dei job.

  9. TESTBEDè la fase in cui bisogna: • testare le configurazioni • controllare la robustezza dell’infrastruttura in modo che le 4 VO riescano a sottomettere correttamente i loro job indifferentemente sulle macchine di ciascuno dei progetti • ottimizzare eventuali parametri delle code, dello spazio disco o altro.

  10. 01/10/07 01/11/07 01/12/07 INIZIO DEL TESTBED AZIONI 1-4 NEI SITI PROVVISTI DI SERVIZI COLLETTIVI INTEGRAZIONE DEI 4 PON TESTBED SU TUTTA LA NUOVA GRIGLIA IMPLEMENTAZIONE DEI SERVIZI COLLETTIVI NEI SITI ANCORA SPROVVISTI INTEGRAZIONE DEI 4 PON 17/12/07 TEMPISTICA