progetto di piano infraregionale delle attivit estrattive della provincia di ravenna n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Progetto di Piano Infraregionale delle Attività Estrattive della Provincia di Ravenna PowerPoint Presentation
Download Presentation
Progetto di Piano Infraregionale delle Attività Estrattive della Provincia di Ravenna

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 40

Progetto di Piano Infraregionale delle Attività Estrattive della Provincia di Ravenna - PowerPoint PPT Presentation


  • 116 Views
  • Updated on

Provincia di Ravenna Settore Ambiente e Suolo. Progetto di Piano Infraregionale delle Attività Estrattive della Provincia di Ravenna. Quadro conoscitivo Documento preliminare Valutazione preventiva di sostenibilità ambientale e territoriale. Dott.ssa Barbara Villani Dott. Giacomo Zaccanti.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

Progetto di Piano Infraregionale delle Attività Estrattive della Provincia di Ravenna


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
    Presentation Transcript
    1. Provincia di Ravenna Settore Ambiente e Suolo Progetto di Piano Infraregionaledelle Attività Estrattive della Provincia di Ravenna Quadro conoscitivoDocumento preliminareValutazione preventiva di sostenibilità ambientale e territoriale Dott.ssa Barbara Villani Dott. Giacomo Zaccanti Bologna - Aprile 2004

    2. ARTICOLAZIONE DEL DOCUMENTO IL DOCUMENTO, REDATTO SECONDO QUANTO INDICATO DALLA D.C.R. 173 del 4/4/01 (Atto di indirizzo tecnico per l’attuazione della L.R. 20/2000) E’ ARTICOLATO IN TRE SEZIONI: Sezione I – Quadro Conoscitivocontiene lo stato della pianificazione provinciale e lo stato di attuazione del vigente PIAE e dei PAE comunali. Stima le disponibilità residue dei materiali estrattivi e le disponibilità all’utilizzo di materiali alternativi. Analizza i vincoli alla localizzazione di attività estrattive e gli elementi di vulnerabilità e di rischio ambientale del territorio della Provincia. Sezione II – Documento preliminarecontiene la dichiarazione e la descrizione degli obiettivi di piano e delle azioni idonee al loro conseguimento. Sulla base dell’analisi dei fabbisogni di inerti e dal confronto tra fabbisogni e disponibilità, quantifica il prevedibile fabbisogno di materiali estrattivi per il periodo di validità del Piano. Definisce inoltre i criteri e gli indirizzi per l’individuazione delle risorse estrattive necessarie a soddisfare il fabbisogno nel decennio. Sezione III – Valutazione preventiva di sostenibilità ambientale e territoriale (VALSAT) fornisce una prima valutazione della conformità degli obiettivi e delle strategie del Piano ai principi della normativa nazionale e regionale di riferimento, nonché una valutazione di massima delle pressioni ambientali che l’attuazione del piano eserciterà sul territorio.

    3. Lo stato della pianificazione provinciale • Il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale – è stato approvato dalla RER il 3/12/2001 - assume gli obiettivi cardine del PIAE 1993 – le disposizioni normative (art. 35) riprendono ed approfondiscono il disposto dell’omologo articolo del PTPR. • Il Piano Infraregionale delle Attività Estrattive – è stato approvato dalla RER il 23/07/96 e successivamente aggiornato nel corso del 1999. Ha indicato i criteri per l’individuazione dei poli e la regolamentazione degli ambiti comunali; in base a tali criteri ha individuato i poli estrattivi e assegnato una quota di materiale per gli ambiti comunali. L’aggiornamento del PIAE ha riguardato la verifica delle disponibilità residue di materiali estrattivi evidenziando situazioni di deficit solo per le argille. • I Piani delle Attività Estrattive comunali – nel corso del 2003 è stato condotto un censimento per ricostruire il quadro aggiornato dello stato di attuazione dei PAE comunali

    4. DISPONIBILITA’ RESIDUE DEI MATERIALI ESTRATTIVI • Situazione dei poli per l’estrazione di SABBIA • Situazione dei poli per l’estrazione di GHIAIA • Situazione dei poli per l’estrazione di ARGILLE • Situazione del polo per l’estrazione di GESSO • Situazione degli ambiti per l’estrazione di SABBIA, GHIAIA e ARGILLE

    5. Situazione relativa ai quantitativi estratti e alle disponibilità residue di SABBIA nei poli provinciali a fine 2002 (*) dato modificato a seguito di verifica con i cavatori

    6. Confronto tra i quantitativi estratti e le disponibilità residue per i poli di SABBIA a fine 2002

    7. Situazione relativa ai quantitativi estratti e alle disponibilità residue di GHIAIA nei poli provinciali al 2002

    8. Confronto tra i quantitativi estratti e le disponibilità residue per i poli di GHIAIA a fine 2002

    9. Situazione relativa ai quantitativi estratti e alle disponibilità residue di ARGILLA nei poli provinciali al 2002

    10. Confronto tra i quantitativi estratti e le disponibilità residue per i poli di ARGILLA a fine 2002

    11. Situazione relativa ai quantitativi estratti e alle disponibilità residue di GESSO nel polo provinciale al 2002 Confronto tra i quantitativi estratti e le disponibilità residue per il polo di GESSO a fine 2002

    12. Situazione degli ambiti comunali per l’estrazione di sabbia, ghiaia, argilla

    13. DISPONIBILITA’ E UTILIZZO DI MATERIALI ALTERNATIVI • Materiali industriali di scarto e materiali provenienti da demolizioni e costruzioni e scavi di origine civile: -Impianto di Riolo Terme gestito dalla società “Cava Pietralunga” (150.300 mc * 10 a) - Impianto di Piangipane gestito dall’ex “Rifiner”, Area Ravenna, ora confluita ad Hera (375.000 mc+ 10 a) • Materiali di risulta da attività di escavazione legate a progetti specifici: - Inerte proveniente da escavazioni nell’area portuale di Ravenna (2.005.000 mc) • Materiale proveniente dall’estrazione delle sabbie sottomarine(1.160.000 mc) • Inerti provenienti dalla realizzazione di casse di espansione: - Per la laminazione delle piene del torrente Senio, 1.066.000 mc di ghiaia e 835.000 mc di sabbia • Materiale proveniente da bonifiche agrarie e miglioramenti produttivi • Bonifiche agrarie 536.000 mc • - Realizzazione di invasi ad uso irriguo, 163.000 mc di limi, sabbie e ghiaie • Flussi d’importazione di materiale dall’estero via mare - In via cautelativa si è provveduto a stimare il 20% di quanto è stato importato via mare dal 2000 al 2002; la stima prevede 95.706 mc di sabbia e 1.306.080 mc di ghiaia

    14. STIMA DELLE DISPONIBILITA’ RESIDUE COMPLESSIVE DI MATERIALE INERTE * per le disponibilità delle bonifiche agrarie e i miglioramenti produttivi il dato di origine è aggregato sabbia+ghiaia; in tabella viene ripartito 50% sabbia 50% ghiaia ** si prevede di utilizzare il 20% di quanto è stato importato mediamente tra il 2000-2002 *** tenendo conto della composizione media del calcestruzzo si è ripartita la quantità totale di inerti in 1/3 di sabbia e 2/3 di ghiaia

    15. ELABORATI CARTOGRAFICI DI SUPPORTO Il quadro conoscitivo del documento preliminare, viene completato da una serie di elaborati cartografici riportati in allegato ed elencati di seguito: • Carta dello stato di fatto delle attività estrattive (Tav. 1) • Carta delle aree in cui non sono ammesse attività estrattive (Tav. 2) • Carta degli elementi significativi del territorio (Tav. 3a e 3b) - zone di interesse naturalistico e paesaggistico-ambientale - fasce di pertinenza fluviale - zone di protezione delle risorse idriche • Carta della distribuzione delle ghiaie e sabbie in ambito intravallivo, di pianura e litoraneo (Tav. 4) Gli allegati cartografici sono stati elaborati alla scala 1:50.000 e sviluppati su supporto informatico in ambiente GIS-Arcview; la cartografia di base utilizzata fa riferimento alla Carta Tecnica Regionale in formato raster.

    16. DOCUMENTO PRELIMINARE INDIRIZZI STRATEGICI • Ottimizzazione dell’utilizzo delle risorse provenienti da attività diverse al fine di diminuire il fabbisogno di materiali provenienti dalle cave • Tutela del patrimonio ambientale e paesistico del territorio attraverso l’analisi dei fattori di maggiore vulnerabilità/sensibilità • Gestione delle attività estrattive secondo principi di riduzione degli impatti, di contenimento e mitigazione degli impatti inevitabili, di adozione di interventi compensativi e di valorizzazione del territorio

    17. DOCUMENTO PRELIMINARE OBIETTIVI ED AZIONI DEL PIANO • Minimizzare l’utilizzo di risorse non rinnovabili • Individuazione di strumenti per incentivare il recupero del materiale proveniente da altre fonti • Pianificazione delle attività future • Massima valorizzazione del materiale estratto • Miglioramento/adeguamento degli impianti di trasformazione • Tutelare il patrimonio ambientale e paesistico del territorio - Limitazione all’escavazione di nuove cave e recupero delle cave esistenti - Tutela del sistema costiero soggetto ad intensi sfruttamenti negli anni passati - Tutela delle falde acquifere - Individuazione di specifiche norme per regolare alcune attività che possono trasformarsi in attività estrattive non regolamentate • Aumentare la compatibilità ambientale dei processi di estrazione - Promozione di strumenti volontari quali certificazioni ISO 14.001 ed EMAS - Riqualificazione del patrimonio paesaggistico attraverso il recupero ambientale delle aree soggette ad AE - Privilegiare l’individuazione di nuovi poli/ambiti per l’estrazione di sabbia/ghiaia solo nelle aree senza presenza di elementi significativi del territorio - Concentrare le attività estrattive nei poli di valenza sovracomunale non prevedendo l’apertura di nuovi ambiti comunali

    18. ANALISI DEI FABBISOGNI DI MATERIALE INERTE • Inerti per l’edilizia: - “Statistica dell’attività edilizia” redatta dall’ISTAT.Numero di concessioni edilizie rilasciate trasformate in volumi nel periodo 1991-2000 relativi all’intero territorio provinciale e suddivisi tra residenziale e non residenziale -Previsioni urbanistiche dei singoli strumenti di pianificazione comunale

    19. Inerti per le infrastrutture di trasporto -Infrastrutture viarie principali: -Nuova San Vitale, per un tratto di circa 15 km; • -Bretella Bagnacavallo; • -Variante Via Emilia presso Castel Bolognese; • -Nuova Standiana; • -Variante alla S.S. n. 610, bretella Lavezzola; • -Variante alla S.S. n. 16, presso Alfonsine e Fosso Ghiaia • -Completamento della S.S. n. 16 • -Completamento E55 • -Manutenzione stradale:-Settore Lavori Pubblici- Servizio Viabilità della Provincia di Ravenna -Ufficio Manutenzione strade -Servizio strade-Area infrastrutture civili del Comune di Ravenna • -Infrastrutture ferroviarie:-Raccordo ferroviario in sinistra Candiano: in corso di realizzazione • -Potenziamento Centro merci di Lugo: da realizzarsi a breve-medio termine • -Realizzazione del nuovo fascio merci pericolose della stazione di Ravenna ed il collegamento con la linea ferroviaria Ravenna/Ferrara: • da realizzarsi tra 2003 e il 2004

    20. Reti tecnologiche -Ufficio progettazione di Hera s.r.l. di Ravenna: competente per comprensori territoriali di Ravenna-Cervia e Lugo (incidenza del 60% sul totale della provincia) • Fabbisogni di materiale inerte per opere di manutenzione/adeguamento delle reti scolanti e della viabilita’ secondaria Condotta sulla base dei dati forniti dagli Enti direttamente interessati: -Comunità Montana dell’Appennino Faentino • -Consorzio di Bonifica Romagna Occidentale – distretto montano • -Consorzio di Bonifica Romagna Occidentale – distretto di pianura • -Consorzio di Bonifica Romagna Centrale • -Consorzio di Bonifica Savio e Rubicone

    21. Inerti per il ripascimento delle spiagge Stima del fabbisogno di sabbia per interventi di ripascimanto nel decennio 2003-2012 in Provincia di Ravenna

    22. FABBISOGNI DI MATERIALI PER USI INDUSTRIALI • Argille da laterizi e per ceramiche • Gesso

    23. DIMENSIONAMENTO DEL PIANO Fabbisogni di sabbia Fabbisogni di ghiaia Fabbisogni di stabilizzato

    24. BILANCIO DISPONIBILITA’ EFFETTIVE/FABBISOGNI PER LA SABBIA

    25. BILANCIO DISPONIBILITA’ EFFETTIVE/FABBISOGNI PER LA GHIAIA

    26. CRITERI PER LA SCELTA DEI POLI ESTRATTIVI PER IL SETTORE SABBIE/GHIAIE • Criteri generali: • -Il Piano sarà dimensionato in modo da rispondere completamente al fabbisogno sopra indicato nei tempi in • cui è previsto che il fabbisogno si manifesti. • -Il presente PIAE conferma le previsioni del PIAE vigente, tenendo conto dei quantitativi residui ricostruiti nel • quadro conoscitivo. • -I poli contribuiranno per il 100 % al soddisfacimento dei fabbisogni e pertanto non si individuano, e non • sono individuabili dai Comuni, nuovi ambiti comunali estrattivi. • -Con questo strumento di pianificazione si intende procedere alla progressiva chiusura delle attività • estrattive presenti nella fascia costiera (zona compresa tra le SS. Adriatica e Romea ed il litorale). • -Le attività estrattive esistenti al di fuori di tale area, saranno dimensionate tenendo conto dei fabbisogni • complessivi desumibili dal quadro conoscitivo e del trend di estrazione di ciascun polo/ambito registrato • nell’ultimo decennio. • Criteri guida in base ai quali si possono proporre ampliamenti ai poli/ambiti esistenti nella fascia costiera e in aree con presenza o in prossimità di vincoli ed elementi significativi: • -Presenza, all’interno dell’area di cava sia di sabbia che di ghiaia. • -In prossimità della Pineta di San Vitale – Stazione del Parco del Delta, si possono autorizzare ampliamenti • delle due AE esistenti in prossimità della Pineta stessa solo a condizione che le modalità di ripristino siano finalizzate al recupero agricolo-colturale. • Criteri guida in base ai quali si possono individuare nuovi poli estrattivi: • -Esigenza di risanare situazioni di degrado geomorfologico, ove presenti, derivanti da attività estrattive • pregresse. • -Presenza accertata, sulla base di specifiche indagini geologiche, della ghiaia oltre che della sabbia. • -Attivazione delle eventuali nuove AE solo quando saranno esaurite le risorse disponibili e comunque • rimandando alla verifica di medio periodo del 2008.

    27. CRITERI PER LA SCELTA DEI POLI ESTRATTIVI PER IL SETTORE ARGILLA • Criteri generali: • - Il Piano sarà dimensionato in modo da rispondere completamente al fabbisogno sopra indicato nei tempi in cui è previsto che il fabbisogno si manifesti. • - Il presente PIAE conferma le previsioni del PIAE vigente, tenendo conto dei quantitativi residui ricostruiti nel quadro conoscitivo. • - I poli contribuiranno per il 100 % al soddisfacimento dei fabbisogni e pertanto non si individuano, e non sono individuabili dai Comuni, nuovi ambiti comunali estrattivi • Criteri guida: - Cercare di dar risposta ai fabbisogni dichiarati dalle aziende utilizzatrici già presenti sul territorio provinciale • Considerare le necessità di alimentazione delle fornaci • mantenere i legami tra sito estrattivo e fornace qualora limitrofi • accorpare aree contigue a quelle già oggetto di attività estrattiva, con priorità rispetto all’apertura di altre aree.

    28. Valutazione di Sostenibilità Ambientale e Territoriale • Prevista in Emilia-Romagna dalla L.R. 20/2000, per Piani e Programmi • Valutazione degli effetti derivanti dall’attuazione delle singole scelte di • piano rispetto agli obiettivi di sostenibilità territoriale VALSAT del PIAE di Ravenna • Valutazione dello stato di fatto: • - Relazione fra localizzazione delle attività estrattive e aree sensibili e vulnerabili • - Analisi SWOT • Valutazione degli obiettivi del PIAE: • - Coerenza del Piano con gli obiettivi di sostenibilità espressi in documenti • internazionali, nazionali, regionali e provinciali • Valutazione degli effetti e controllo del piano: • - Ipotesi di indicatori per la valutazione delle prestazioni del Piano • - Indicazioni per la valutazione di impatto ambientale dei singoli progetti di nuove • cave o ampliamento di cave esistenti

    29. 1- VALUTAZIONE DELLO STATO DI FATTO • Relazione fra gli elementi di sostenibilità del territorio ravennate con le attività estrattive: - Aree in cui non sono ammesse attività estrattive (Art. 35 PTCP di Ravenna) • zone di riqualificazione della costa e dell’arenile • zone di salvaguardia della morfologia costiera • zone di tutela della costa e dell’arenile • zone di interesse storico-archeologico • zone di tutela naturalistica • sistema forestale e boschivo - Aree sensibili / vulnerabili alle Attività Estrattive • zone di interesse naturalistico e paesaggistico-ambientale • fasce di pertinenza fluviale e zone di protezione delle risorse idriche

    30. LOCALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA’ ESTRATTIVE ENTRO AREE SENSIBILI / VULNERABILI

    31. Analisi SWOT: • Punti di Forza: - sono presenti ampi depositi di materiale sabbioso nella Provincia. • Punti di Debolezza: - deficit tra fabbisogni previsti e disponibilità residua nei poli/ambiti previsti dal PIAE vigente e dai PAE comunali; - attuale presenza di cave in zone sensibili/vulnerabili alle attività estrattive, sia da un punto di vista naturalistico che in relazione alla tutela delle risorse idriche. • Opportunità: - esistenza di cave vicino alla costa che una volta dismesse, se risanate attraverso una corretta gestione, possono andare a rappresentare zone umide di interesse ecologico/naturalistico. • Rischi: - presenza di molte zone sensibili/vulnerabili alle attività estrattive nella Provincia, in particolare in prossimità della costa; - presenza di depositi sabbiosi nella zona di costa, con rischio naturale- paesaggistico nell’eventualità dell’apertura di nuove cave in questa zona.

    32. 2- VALUTAZIONE DEGLI OBIETTIVI • Obiettivi del PIAE di Ravenna:

    33. ANALISI DI COERENZA • Corrispondenza delle strategie e degli obiettivi del PIAE di Ravenna con gli obiettivi in materia politica e strategia ambientale espressi in documenti comunitari, nazionali e regionali • 6° Programma d’Azione Ambientale della Comunità Europea • Strategia d’azione ambientale per lo sviluppo sostenibile in Italia • Piano di gestione dei rifiuti della Provincia di Ravenna • Piano d’azione ambientale per il futuro sostenibile • Piano territoriale di coordinamento provinciale della Provincia di Ravenna

    34. COERENZA DEGLI OBIETTIVI DEL PIAE DI RAVENNA CON OBIETTIVI DI SOSTENIBILITA’ : coerenza tra obiettivi del PIAE e obiettivi di sostenibilità X : incoerenza (anche potenziale) tra obiettivi del PIAE e obiettivi di sostenibilità

    35. COERENZA DEGLI OBIETTIVI DEL PIAE DI RAVENNA CON OBIETTIVI DI SOSTENIBILITA’ : coerenza tra obiettivi del PIAE e obiettivi di sostenibilità X : incoerenza (anche potenziale) tra obiettivi del PIAE e obiettivi di sostenibilità

    36. COERENZE DEGLI OBIETTIVI DEL PIAE CON OBIETTIVI DI SOSTENIBILITA’ • Minimizzare l’utilizzo delle risorse non rinnovabiliè coerente con gli obiettivi di sostenibilità riguardanti l’efficienza d’uso delle risorse naturali e la riduzione dei consumi • Incentivo all’utilizzo di materiali alternativi è coerente con obiettivi di aumentato riutilizzo dei rifiuti e ottimizzazione della loro gestione • Accorpare aree contigue a quelle già oggetto di estrazione rispetto all’apertura di nuovi poli • Individuazione di poli estrattivi a valenza sovracomunale contribuiscono ad evitare una dispersione delle attività produttive e quindi sono coerenti con obiettivi di tutela del paesaggio e di conservazione degli habitat naturali prevenendone la frammentazione • Mantenimento dei legami tra il sito estrattivo e fornace contribuisce ad evitare un aumento di traffico in coerenza con obiettivi di contenimento dei relativi impatti diretti e indiretti (congestione, emissioni in atmosfera, rumore) • Favorire strumenti di gestione ambientale volontari ISO 14001 ed EMAS comporta un migliore controllo degli impatti ambientali delle attività estrattive

    37. 3- VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DEL PIANO • Impatti ambientali negativi delle attività estrattive: • Utilizzo di risorse non rinnovabili • Impatti sulla qualità dell’ambiente; inquinamento dell’aria (polveri), rumore, vibrazioni, Inquinamento del suolo e dell’acqua, effetti sui livelli della falda freatica, distruzione o perturbazione di habitat naturali, impatto visivo sul paesaggio circostante • Valutazione degli effetti del Piano: • Indicatori correlati all’uso delle risorse • Indicatori relativi ad emissioni in atmosfera e scarichi in acqua • Utilizzo del terreno

    38. PRIMA INDIVIDUAZIONE DI INDICATORI DI VALUTAZIONE DEL PIANO Target fissato dalla “Strategia d’azione ambientale per lo sviluppo sostenibile in Ityalia”