Download
file transfer in grids tcp n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
File Transfer in Grids: TCP PowerPoint Presentation
Download Presentation
File Transfer in Grids: TCP

File Transfer in Grids: TCP

95 Views Download Presentation
Download Presentation

File Transfer in Grids: TCP

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. File Transfer in Grids: TCP Tiziana.Ferrari@cnaf.infn.it INFN – CNAF Corso di Laurea specialistica in Informatica Anno Acc. 2005/2006 File Transfer in Grids

  2. Outline • PART I: Transport Control Protocol (TCP) • PART II: TCP: Controllo e prevenzione della congestione • PART III: Ottimizzazioni • References File Transfer in Grids

  3. PART ITransport Control Protocol File Transfer in Grids

  4. Application Collective Resource Connectivity Fabric Grid Architecture Transport Control Protocol File Transfer in Grids

  5. TCP secondo l’RFC 793 (*) • 1 Basic Data Transfer • 2 Reliability Flow Control • 3 Multiplexing • 4 Connections • 5 Precedence and Security • (*) RFC: Request For Comment File Transfer in Grids

  6. TCP secondo l’RFC 793 (1) • Basic Data Transfer: • The TCP is able to transfer a continuous stream of octets in each direction between its users by packaging some number of octets into segments for transmission through the internet system. In general, the TCPs decide when to block and forward data at their own convenience. Sometimes users need to be sure that all the data they have submitted to the TCP has been transmitted. For this purpose a push function is defined. To assure that data submitted to a TCP is actually transmitted the sending user indicates that it should be pushed through to the receiving user. A push causes the TCPs to promptly forward and deliver data up to that point to the receiver. The exact push point might not be visible to the receiving user and the push function does not supply a record boundary marker. File Transfer in Grids

  7. TCP secondo l’RFC 793 (2) • Reliability: • The TCP must recover from data that is damaged, lost, duplicated, or delivered out of order by the internet communication system. This is achieved by assigning a sequence number to each octet transmitted, and requiring a positive acknowledgment (ACK) from the receiving TCP. If the ACK is not received within a timeout interval, the data is retransmitted. At the receiver, the sequence numbers are used to correctly order segments that may be received out of order and to eliminate duplicates. Damage is handled by adding a checksum to each segment transmitted, checking it at the receiver, and discarding damaged segments. As long as the TCPs continue to function properly and the internet system does not become completely partitioned, no transmission errors will affect the correct delivery of data. TCP recovers from internet communication system errors. File Transfer in Grids

  8. TCP secondo l’RFC 793 (3) • Flow Control: • TCP provides a means for the receiver to govern the amount of data sent by the sender. This is achieved by returning a "window" with every ACK indicating a range of acceptable sequence numbers beyond the last segment successfully received. The window indicates an allowed number of octets that the sender may transmit before receiving further permission. File Transfer in Grids

  9. TCP secondo l’RFC 793 (4) • Multiplexing: • To allow for many processes within a single Host to use TCP communication facilities simultaneously, the TCP provides a set of addresses or ports within each host. Concatenated with the network and host addresses from the internet communication layer, this forms a socket. A pair of sockets uniquely identifies each connection. That is, a socket may be simultaneously used in multiple connections. The binding of ports to processes is handled independently by each Host. However, it proves useful to attach frequently used processes (e.g., a "logger" or timesharing service) to fixed sockets which are made known to the public. These services can then be accessed through the known addresses. Establishing and learning the port addresses of other processes may involve more dynamic mechanisms. File Transfer in Grids

  10. TCP secondo l’RFC 793 (5) • Connections: • The reliability and flow control mechanisms described above require that TCPs initialize and maintain certain status information for each data stream. The combination of this information, including sockets, sequence numbers, and window sizes, is called a connection. Each connection is uniquely specified by a pair of sockets identifying its two sides. When two processes wish to communicate, their TCP's must first establish a connection (initialize the status information on each side). When their communication is complete, the connection is terminated or closed to free the resources for other uses. Since connections must be established between unreliable hosts and over the unreliable internet communication system, a handshake mechanism with clock-based sequence numbers is used to avoid erroneous initialization of connections. File Transfer in Grids

  11. TCP secondo l’RFC 793 (6) • Precedence and Security: • The users of TCP may indicate the security and precedence of their communication. Provision is made for default values to be used when these features are not needed. File Transfer in Grids

  12. Le funzioni di TCP nel dettaglio • Scambio di informazioni di controllo tra mittente e destinatario • Affidabilita’ (reliability): dato un sistema trasmissivo inaffidabile – cioè soggetto ad errori di trasmissione e a perdita di unità di dati – viene simulata l’affidabilità attraverso la ritrasmissione delle unità di dato perse. Ciò avviene attraverso 1. identificazione della perdita di messaggio 2. segnalazione dell’avvenuta perdita attraverso il meccanismo di positive acknowledgement: periodicamente il destinatario comunica il numero di sequenza dell’ultimo byte ricevuto • Identificazione dell’esatto processo di destinazione presente sull’end-node ricevente (piu’ processi possono ricevere dati in modo concorrente) • Controllo di congestione • Prevenzione della congestione • Unita’ dati TCP: l’unita’ di dati generata dal protocollo TCP (e poi incapsulata in un messaggio IP) viene detta segmento File Transfer in Grids

  13. Caratteristiche generali • Viene creata una connessione virtuale tra mittente e destinatario attraverso lo scambio di informazioni di controllo (fase di call set-up). • La creazione della connessione è seguita dalla fase di trasferimento dati vera e propria. Durante la trasmissione il protocollo TCP continua a scambiare informazioni di controllo. La connessione e’ di tipo bidirezionale: una direzione viene utilizzata per scambiare i byte di informazione utile (mittente destinatario), mentre la direzione opposta viene utilizzata per lo scambio di informazione di controllo (destinatario  sorgente) • Per le applicazioni di natura interattiva in cui deve essere minimizzato il ritardo di ricezione delle unità di dato (e.g. telnet), viene forzato l’invio di pacchetti non appena è disponibile qualche byte di informazione (meccanismo di data push) File Transfer in Grids

  14. Send e receive buffer • Si dice “buffer” un’area della memoria dell’applicazione che contiene i dati da scambiare tra mittente e destinatario. I dati vengono mano mano copiati - in unità di memoria di dimensione configurabile da parte di una applicazione - nell’area di memoria del sistema operativo attraverso la system call write(). Per ottimizzare il rapporto tra le informazioni di controllo poste nell’intestazione e la quantità di byte di dati disponibili nell’area data, un dato messaggio vene inviato soltanto nel momento in cui la parte di dati disponibile nel buffer eccede una data soglia configurabile. • Send buffer: area di memoria in cui TCP pone i messaggi in attesa di trasmissione; il send buffer è anche detto “send socket buffer”. • Receive buffer: area di memoria del sistema operativo in cui TCP pone i messaggi ricevuti; il receive buffer è anche detto “receive socket buffer” • Per ogni nuova connessione vengono allocati una nuova coppia di send e receive buffer File Transfer in Grids

  15. Send e receive buffer (cont) Applicazione 1 Applicazione n dati dati ... AREE DI MEMORIA DELLE APPLICAZIONI write() write() AREA DI MEMORIA DELLE SISTEMA OPERATIVO SEND SOCKET Connessione 1 RECEIVE SOCKET Connessione n File Transfer in Grids

  16. Segmento • Viene definita segmento la parte dati di una unita’ di trasmissione del protocollo TCP . • Viene definito messaggio l’unione del segmento e dell’intestazione TCP. • La dimensione massima di un segmento e’ pari alla dimensione massima del pacchetto IP, esclusi i byte dell’intestazione TCP e IP. Essa viene definita Maximum Segment Size (MSS): MSS = MTU – sizeof(TCP header) – sizeof(IP header) dati Intestazione TCP SEGMENTO TCP MESSAGGIO TCP File Transfer in Grids

  17. Intestazione TCP: formato Source port Destination port Sequence number Acknowledgement number Code Window Offset Reserved Checksum Urgent pointer Options Padding Data ... 0 8 16 31 Source/destination port: identificazione dell’applicazione mittente/ricevente attive rispettivamente sul nodo mittente IP_source e nodo destinatario IP_dest Sequence number: numero di sequenza del primo byte del campo Data nell’ambito del flusso di byte generati dalla sorgente (ne identifica la posizione) Acknowledgement number: numero di sequenza del primo byte di dati atteso. Tale numero corrisponre al numero di sequenza successivo al numero di sequenza dell’ultimo segmento correttamente ricevuto. Il numero di sequenza si riferisce al flusso generato nel senso opposto del traffico (gli ackknowledgement sono generati sempre dal ricevente di un dato stream e quindi viaggiano nel senso inverso del flusso dati). File Transfer in Grids

  18. Intestazione TCP: formato (cont) Offset: indica la dimensione della porzione Data del segmento TCP Reserved: campo non specificato, riservato ad usi futuri Code: codice che identifica la funzione del segmento (e.g. Segmento di apertura di una connession: SYN, segmento di chiusura: FIN, segmento dati, segmento che include esclusivamente informazione di acknowledgement URG: urgent pointer set, il segmento non è soggetto a buffering al lato ricevente ACK: campo ACK valido PUSH: il segmento non è soggetto a buffering al lato mittente RST: reset della connessione SYN: synchronize sequence numbers FIN: il mittente ha raggiunto la fine del byte stream generato dalla applicazione Window: il mittente/ricevente comunica al ricevente/mittente la quantità di memoria disponibile per momorizzare dati Options: le opzioni servono per scambiare specifici elementi di informazione tra mittente e destinatario, come il Maximum Segment Size (la massima dimensione del segmento che può essere accettata) Checksum: controllo d’errore applicato alla sola intestazione TCP (non alla parte data), per il calcolo del codice di controllo d’errore si assume che il campo checksum contenga una stringa di 0 File Transfer in Grids

  19. Multiplexing di connessioni • Il multiplexing di connessioni consiste nella possibilita’ di stabilire molteplici connessioni TCP concorrenti in trasmissione o ricezione in un dato nodo. A questo scopo, vengono utilizzate le porte TCP: ogni punto terminale di una connessione in un dato host H e’ definito da un coppia di identificatori detta socket cosi’ formata: Socket = (TCP port, IP address(H)) Dunque una connessione TCP tra due nodi H1 e H2 e’ identificata dalla coppia di socket: Connessione = ( TCP source port, add(H1),TCP destination port, add(H2)) Dunque in un dato istante un socket puo’ essere utilizzato da piu’ di una connessione: es. il socket associato ad un www server o ad un ftp server. 131.154.3.1 Conn1=(sock1, sock4) Conn2=(sock2, sock4) Conn3=(sock3, sock5) conn1 Sock1=(port1, 131.154.3.1) 131.154.3.41 conn2 131.154.3.10 Sock2=(port2, 131.154.3.41) Sock4=(port4, 131.154.3.10) Sock3=(port3, 131.154.3.41) conn3 Sock5=(port5, 131.154.3.10) File Transfer in Grids

  20. P1 s1 Positive acknowledgement P2 P3 P4 P5 s2 s3 s4 s5 Numero di sequenza del byte MITTENTE P1 P2 P3 P4 P4 P5 t timeout RICEVENTE t ACK(s2+1) ACK(s3+1) ACK(s3+1) ACK(s3+1) ACK(s1+1) ACK duplicati Sn: numero di sequenza dell’ultimo byte dell’n-esimo messaggio; il numero di sequenza Iniziale del primo byte nel flusso di dati viene definito in fase di call set-up Svantaggio: ritardo tra la trasmissione di un messaggio e il successivo derivante dall’attesa dell’acknowledgement File Transfer in Grids

  21. Sliding window • Ottimizzazione dell’algoritmo di positive acknowledgement in cui il mittente e’ autorizzato ad inviare m pacchetti (n byte) prima di porsi in attesa della ricezione dell’acknowledgement relativo al primo messaggio inviato. • n rappresenta la dimensione della window, ovvero la quantita’ di dati che il mittente e’ autorizzato ad inviare dopo essersi posto in attesa dell’ack del primo messaggio della window stessa • Nel caso in cui il tempo che intercorre tra l’invio del primo messaggio e la ricezione del relativo acknowledgement sia piccolo, il mittente può inviare dati in modo continuativo senza mai sperimentare periodi di inattività che limitano le prestazioni dell’applicazione. • Il fenomeno contrario, in cui il mittente trascorre la maggior parte del tempo attendendo la ricezione dell’ack (per esempio su connessioni ad elevato tempo di propagazione, come nelle connessioni satellitari) viene detto: stop-and-wait. • Il ricevente deduce la presenza di un messaggio perso nel caso in cui ack(Sn) non sia ricevuto entro un intervallo prestabilito, al termine del quale si procede con la ritrasmissione. La durata ottimale di tale timeout viene determinata stimando la media e la variazione del ritardo che intercorre tra la trasmissione di un messaggio e la ricezione del corrispondente acknowledgement (Round Trip Time) File Transfer in Grids

  22. Sliding window (cont) Ipotesi: ogni messaggio ha lunghezza costante di 100 by, la dimensione della window e’ costante e pari a 400 by. 100by 200by 300by 400by 500by 600by 700by 800by by P1 P2 P3 P4 P5 P6 P4 P5 P6 P7 P5 t timeout t ACK(s2) ACK(s3) ACK(s3) ACK(s3) ACK(s4) ACK(s5) ACK(s6) ACK(s7) ACK(s1) Sn: numero di sequenza dell’ultimo byte dell’n-esimo messaggio; il numero di sequenza Iniziale del primo byte nel flusso di dati viene definito in fase di call set-up File Transfer in Grids

  23. Terminologia AL LATO MITTENTE: 1 2 3 4 • 1: sequence number vecchi che hanno già ricevuto un acknowledgement • 2: sequence number che non hanno ancora ricevuto un acknowledgement • 3: sequence number di pacchetti che non sono stati ancora trasmessi ma che posono essere trasmessi essendo essi all’interno della window (SEND WINDOW) • 4: sequence number futuri relativi a dati che non possono essere trasmessi, essendo essi esterni alla window • 1: sequence number di pacchetti di cui è già stato inviato l’ack • 2: spazio di memoria disponibile per la ricezione di nuovi dati (RECEIVE WINDOW) • 3: sequence number futuri che non sono ancora ammessi not acked send window Byte sequence number acked window AL LATO RICEVENTE: 1 2 3 Byte sequence number acked receive window Seq number non ancora autorizzati File Transfer in Grids

  24. Terminologia (cont) • offered window: la dimensione della finestra segnalata dal ricevente. L’offered window varia nel tempo, il valore massimo equivale alla dimensione di memoria disponibile per la memorizzazione di dati. • Usable window: min [send window, offered window] File Transfer in Grids

  25. PART IITCP: Controllo e prevenzione della congestione File Transfer in Grids

  26. Controllo della congestione • Per scoprire la presenza di un punto di congestione sul cammino di collegamento di due end-node, utilizzando un metodo che NON introduca traffico di monitoraggio aggiuntivo, può essere sufficiente effettuare una stima del ritardo di propagazione di un messaggio sul cammino (mittente  destinatario  mittente): RTT (Round Trip Time) • Acknowledgement: messaggio inviato dal destinatario alla sorgente per segnalare che un dato messaggio Mi e’ stato ricevuto correttamente • Data una stima del round trip time RTT, se dopo RTT sec ack(Mi) non e’ stato ancora ricevuto si assume che Mi sia stato perso e si procede con la ritrasmissione e la fase di controllo della congestione File Transfer in Grids

  27. One-way delay e RTT • One-way delay: tempo che intercorre tra l’istante in cui l’ultimo bit del messaggio viene trasmesso e l’istante in cui il primo bit raggiunge la destinazione remota (one-way delay  RTT/2) • data una connessione con n hop, detta Li la latenza dovuta alla memorizzazione e al forwarding del messaggio introdotta dall’i-esimo router, M la dimensione del messaggio, Ci e propi rispettivamente la capacita’ dell’i-esimo link di output e il tempo di propagazione del segnale fisico nel mezzo trasmissivo: 1-way Delay =  ( M/ Ci + Li + propi ) • Connessioni dominate dal delay: Si tratta delle connessioni in cui il RTT e’ principalmente dovuto al tempo di propagazione fisica del segnale e dal tempo dovuto alle operazioni di memorizzazione e di forwarding nei router Es: connessioni intercontinentali caratterizzate da un numero elevato di hop • Connessioni dominate dalla capacita’ dei link di collegamento: Si tratta delle connessioni caratterizzate da link a bassa velocita’, per le quali il RTT di un messaggio e’ fortemente influenzato dalla dimensione media del messaggio stesso, cioe’ 1-way delay e’ demoniato dal termine M/ Ci (Es: connessioni ISDN) File Transfer in Grids

  28. Stima del Round Trip Time (RTT) • Componente dell’algoritmo di ritrasmissione necessaria per prevedere il tempo necessario di ricezione di un acknowledgement; é importante non sottostimare RTT per evitare ristrasmissioni nel caso di aumento del tempo di trasmissione dovuto ad un aumentato carico di traffico • Smoothed RTT (SRTT): SRTT(i) :=  SRTT(i-1)+(1- )M • : filtro, valore raccomandato 0.90 • M: misura relativa al messaggio di cui si e’ ricevuto l’ack piu’ recente • Retransmit timeout interval I: I = min[limSUP, max [limINF, ( *SRTT)]] • : fattore di varianza del delay (es.  =2 per un carico di traffico  30% capacita’ di linea) • limSUP : limite superiore dell’intervallo (es. 1 min) • limINF : limite inferiore dell’intervallo (es. 1 sec) File Transfer in Grids

  29. Meccanismi di controllo di flusso • Si dividono in due gruppi: • Congestion control (implementato dall’algoritmo “slow start”), serve per fronteggiare situazioni di congestione grave, ovvero quando scade il timeout al lato mittente. E’ caratterizzato da un incremento esponenziale della usable window. • Congestion avoidance viene adottato in assenza di congestione grave, ovvero solo in presenza di acknowledgement duplicati. Permette un incremento graduale della usable window (lineare) File Transfer in Grids

  30. Congestion Control (Slow Start) e Congestion Avoidance: meccanismo di base Connection opening : cwnd = 1 segment Congestion Avoidance Slow Start cwnd = SSTHRESH Exponential increase for cwnd until cwnd = SSTHRESH Additiveincrease for cwnd Retransmission timeoutSSTHRESH:=cwnd/2cwnd:= 1 segment Retransmission timeout SSTHRESH:=cwnd/2 • Exponential increase for cwnd : for every useful acknowledgment received, cwnd := cwnd + (1 segment size) • Additive increase for cwnd : for every useful acknowledgment received, cwnd := cwnd + (segment size)*(segment size) / cwnd it takes a full window to increment the window size by one. File Transfer in Grids

  31. CONGESTION CONTROL File Transfer in Grids

  32. CONGESTION CONTROL Slow start TCP entra nella fase slow start ogni volta che viene riscontrata la perdita di un messaggio (cioè come conseguenza dello scadere di un timeout). TCP è nella fase di Slow start anche inizialmente, in apertura della connessione, e ogni qual volta una connessione TCP viene riattivata dopo un periodo di pausa La fase slow start serve per limitare il numero di pacchetti in transito tra la sorgente e il destinatario in presenza di congestione oppure inizialmente, quando deve essere ancora determinata la frequenza di trasmissione dei pacchetti ottimale, per incrementare in modo graduale la frequenza di trasmissione IMPLEMENTAZIONE: viene utilizzata una variabile chiamata “congestion window” (indicata con la sigla: cwind). Cwind è un parametro il cui valore varia durante le varie fasi di un trasferimento TCP secondo le seguenti regole: • all’inizio e per ogni restart di una trasmissione: cwind=1 • ack ricevuto: cwind=cwind+const (e.g. const=1) • Usable Window = min (cwind, RCV advertized window) Il tempo necessario affinché cwind raggiunga una ampiezza pari a W (supponendo che W sia espresso in pacchetti) varia secondo la regola: time = RTT * log2 W File Transfer in Grids

  33. CONGESTION CONTROL Slow Start (cont) • Vantaggi: • non vengono inviati burst (=sequenze di pacchetti affiancati) che peggiorano la situazione di congestione nei colli di bottiglia della rate e nei router che iniettano traffico da una interfaccia I di input ad una di output O, dove capacita(I) > capacita(O) • Svantaggi: • Poiché la window viene ridotta di dimensione in presenza di congestione, in caso di elevata percentuale di pacchetti persi (packet loss) la connessione non è mai in grado di sfruttare pienamente la banda disponibile su alcuni tratti della rete • In caso di connessioni ad alto tempo di propagazione (RTT >>, per esempio su link satellitari, in cui il tempo di propagazione e’ la componente più significativa della latenza end-to-end), la durata della fase slow start è considerevole, con un conseguente calo delle prestazione e una latenza superiore necessaria per raggiungere uno stato di “equilibrio” File Transfer in Grids

  34. Esempio CONGESTION CONTROL RTT Packet Time: intervallo di tempo fra 2 pacchetti consecutivi Ack(P1) Cwin=2 Cwin=1 P2 P3 P1 t Ack(P2) Cwin=3 Ack(P3) Cwin=4 P4 P5 P6 P7 t Ack(P8) Cwin=9 Ack(P4) Cwin=5 Ack(P5) Cwin=6 Ack(P6) Cwin=7 Ack(P7) Cwin=8 t P8 P9 P10 P11 P12 P13 P14 P15 File Transfer in Grids

  35. CONGESTION AVOIDANCE File Transfer in Grids

  36. CONGESTION AVOIDANCE Congestion avoidance • TCP si trova nella fase di congestion avoidance quando raggiunge una situazione di equilibrio (cioè TCP non è soggetto a perdita di pacchetti). In questa fase TCP tenta ancora di aumentare il parametro cwind allo scopo di verificare la possibilità di aumentare la frequenza di trasmissione dei pacchetti per raggiungere la MASSIMA frequenza trasmisssiva ammessa dai link di collegamento presenti nel cammino tra la sorgente e il destinatario. • AUMENTO DELLA FREQUENZA TRASMISSIVA: Nella fase di congestion avoidance il parametro cwind viene aumentato in modo più lento e graduale, per esempio facendo in modo che anziché incremenatare esponenzialmente nel tempo (come nella fase di slow start), l’aumento sia lineare. In fase slow start: ack ricevuto, cwind=cwind+const In fase di congestion avoidance: ack ricevuto, cwind = cwind + const/cwind • const = 1 // se cwin espresso in numero di segmenti • const = MSS*MSS // cwin espresso in byte ovvero ad ogni scadere di 1 RTT, cwind aumenta all’incirca di 1 messaggio. Lo scopo e’ quello di evitare la sovrastima della banda disponibile per non entrare nuovamente nella fase di slow start. File Transfer in Grids

  37. CONGESTION AVOIDANCE Congestion avoidance (cont) • DIMINUZIONE DELLA FREQUENZA TRASMISSIVA: • In presenza di ack duplicati (ack del medesimo sequence number Si) la window size viene ridotta secondo la regola moltiplicativa: cwindi = d * cwindi-1 (d < 1, e.g. 1/2) cwind e’ espresso in byte • In presenza di un timeout che scade si passa alla fase di slow start: cwind=1 In caso di congestione persistente la formula al punto 1. produce un effetto di decrescita esponenziale nel tempo del parametro (essendo applicata ad ogni messaggio iterativamente) Anche in fase di congestion avoidance, in ogni istante: W = min(cwind, RCV advertized win) File Transfer in Grids

  38. CONGESTION AVOIDANCE  CONGESTION CONTROL • Come si passa dalla fase di congestion control a quella di congestion avoidance e viceversa? Si utilizza una variabile (threshold T) tale che: • Inizialmente T=64 KB • Se cwind < T: TCP in fase di slow start (congestion control) • Se cwind  T: TCP in fase di congestion avoidance • Quando si passa dalla fase di congestion avoidance a quella di congestion control? Al lato mittente ogni qual volta scade un timeout, il parametro T viene dimezzato: T := cwind/2, e cwind=1 A questo punto comincia la fase di slow start. File Transfer in Grids

  39. Slow start e congestion avoidance: esempio Cwnd average of the last 10 samples. Cwndaverage over the life of the connection to that point SSTHRESH Slow start Congestion Avoidance • Slow start : incremento rapido di cwnd • Congestion Avoidance : incremento piu’ lento della cwnd File Transfer in Grids

  40. Durante la fase di congestion avoidance e in assenza di perdite di paccheti, cwnd incrementa di un segmento per ogni RTT. Nel nostro caso, essendo tutti i pacchetti ricevuti correttamente, la window incrementa di 1460 byte (supponendo una MTU di 1500 by) ogni 175 ms. Se la cwnd e’ pari a 730 kbyte, sono necessari almeno 4 minuti per ottenere una cwnd piu’ larga del prodotto bandwidth*delay (nel nostro esempio pari a 2,65 MByte). In altri termini, sono necessari almeno 4 min per ottenere un pieno utilizzo della banda. Infulenza del parametro threshold T sulle prestazioni Slow start Congestion avoidance SSTHRESH = 1460Kbyte SSTHRESH = 730Kbyte File Transfer in Grids

  41. Oscillazioni di cwnd in caso di perdita di pacchetti 2) Fast Recovery (Temporary state to repair the lost) Losses occur when the cwnd is larger than 3,5 Mbyte 1) A packet is lost New loss Slow start Cwnd when packets are lost because the window size is too large Nei casi in cui la cwnd e’ in grado di superare il bandwidth-delay product, possono verificarsi perdite di dati che comportano un abbassamento delle prestazioni. Nell’esempio illustrato dal grafico, la cwnd supera il bandwidth delay product e il throughput medio (dati trasmessi/tempo) viene drasticamente ridotto. Le perdite sono dovute all’insufficiente quantita’ di memoria in una o piu’ code trasmissive lungo il cammino tra il mettente e il ricevente. File Transfer in Grids

  42. Linux 2.4: Auto-tuning • In nel kernel Linux 2.4, TCP adotta dei meccanismi di adattamento dinamico della dimensione dei socket buffer (da cui dipende cwnd) in funzione della banda disponibile tra una data coppia di nodi. • Se l’applicazione setta esplicitamente le dimensioni dei socket attraverso la funzione setsocketopt(), allora auto-tuning e’ disabilitato. • La dimensione dei socket buffer dipende da: • La domanda di memoria kernel (in caso di penuria di memoria la dimensione dei socket viene limitata o addirittura ridotta) • Un insieme di parametri del kernel che regolano il meccanismo di auto-tuning (vedi slide successiva) • Linux 2.4 duplica l’ammontare di memoria richiesta da una applicazione attraverso la funzione setsocketopt() • Linux 2.4 limita la dimensione di cwnd (cwnd moderation) attraverso la stima in ogni istante della quantita’ di pacchetti in viaggio verso il ricevente (di cui il mittente non ha ancora ricevuto il corrispondente ACK). In questo modo non viene ecceduto il prodotto bandwidth*delay e vengono minimizzati fenomini di elevato ritardo (per l’effetto dell’accumulo di dati nel send socket buffer al lato mittente) e perdita dovuti all’accodamento negli apparati di transito. File Transfer in Grids

  43. Parametri TCP nel Kernel Linux • Linux: (http://www.iglu.org.il/lxr/source/Documentation/networking/ip-sysctl.txt) • tcp_wmem – vector of 3 INTEGERs: min, default, max • min: Amount of memory reserved for send buffers for TCP socket. Each TCP socket has rights to use it due to fact of its birth. Default: 4K • Default: Amount of memory allowed for send buffers for TCP socket by default. This value overrides net.core.wmem_default used by other protocols, it is usually lower than net.core.wmem_default. Default: 16K • max: Maximal amount of memory allowed for automatically selected send buffers for TCP socket. This value does not override net.core.wmem_max, "static" selection via SO_SNDBUF is referred to net.core.wmem_max. Default: 128K File Transfer in Grids

  44. Parametri TCP nel Kernel Linux (cont) • tcp_rmem - vector of 3 INTEGERs: min, default, max • min: Minimal size of receive buffer used by TCP sockets. It is guaranteed to each TCP socket, even under memory pressure. • Default: 8K • default: default size of receive buffer used by TCP sockets. This value overridesnet.core.rmem_default used by other protocols. This value results in window of 65535 with default setting of tcp_adv_win_scale. • Default: 87380 bytes • max: maximal size of receive buffer allowed for automatically selected receiver buffers for TCP socket. This value does not override net.core.rmem_max, "static" selection via SO_RCVBUF does not use this. Default: 87380*2 bytes. File Transfer in Grids

  45. Parametri TCP nel Kernel Linux (cont) • tcp_mem - vector of 3 INTEGERs: low, pressure, high • low: below this number of pages TCP is not bothered about its memory appetite. • pressure: when amount of memory allocated by TCP exceeds this number of pages, TCP moderates its memory consumption and enters memory pressure mode, which is exited when memory consumtion falls under "low". • high: number of pages allowed for queueing by all TCP sockets. Defaults are calculated at boot time from amount of available memory. Num pages > PRESSURE Num pages > LOW Num pages > HIGH creation of additional TCP connections not allowed TCP_r/wmem_min MEMORY PRESSURE MODE TCP_r/wmem_max TCP_r/wmem_default Num pages < LOW Num pages < PRESSURE Num pages < HIGH File Transfer in Grids

  46. Parametri TCP nel Kernel Linux (cont) If sockets are explicitly set at the application level, no autotuning is applied and these are the parameters checked: • net.ipv4.tcp_rmem_max: max receive socket buffer size • net.ipv4.tcp_wmem_max: max send socket buffer size • net.ipv4.tcp_rmem_default: default receive socket buffer size • net.ipv4.tcp_wmem_default: default send socket buffer size File Transfer in Grids

  47. PARTE IIITCP: Transport Control ProtocolOttimizzazioni del protocollo File Transfer in Grids

  48. Sommario • Introduzione • Fast Recovery + Fast Retransmit • TCP SACK • Active Queue Management: Random Early Discard • Early Congestion Notification • Conclusioni File Transfer in Grids

  49. Introduzione • Diverse ottimizzazioni proposte negli ultimi anni: • High Speed, Wireless, Link satellitari • Congestion Control: migliorare il recupero dei pacchetti persi (quando la congestione si è già verificata) • Fast Retransmit • Fast Recovery • SACK • Congestion Avoidance: prevenire la congestione in modo proattivo, riducendo il rate di trasmissione prima che essa si verifichi • RED • ECN File Transfer in Grids

  50. Richiamo: Slow Start e Congestion Avoidance Open connection CWND = 1 MSS Slow Start Congestion Avoidance Incremento Esponenziale Incrementa CWND finche’ CWND= SSTHRESH Incremento Lineare Cwnd = SSTHRESH Retransmission Timeout SSTHRESH = CWND/2 CWND = 1 MSS Retransmission Timeout SSTHRESH = CWND/2 CWND = 1 MSS Incremento Esponenziale: CWND = CWND +MSS Incremento lineare: CWND = CWND + (MSS * MSS) / CWND File Transfer in Grids