i giovani ed hiv paure incertezze e bisogno di risposte n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
I giovani ed HIV: paure, incertezze e bisogno di risposte PowerPoint Presentation
Download Presentation
I giovani ed HIV: paure, incertezze e bisogno di risposte

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 29

I giovani ed HIV: paure, incertezze e bisogno di risposte - PowerPoint PPT Presentation


  • 83 Views
  • Uploaded on

I giovani ed HIV: paure, incertezze e bisogno di risposte. Paolo Emilio MANCONI MEDICINA INTERNA, ALLERGOLOGIA ED IMMUNOLOGIA CLINICA UNIVERSITA’ DI CAGLIARI. AIDS NEL MONDO, DATI 2012. 34 MILIONI DI PERSONE INFETTE (0.8% DELLE PERSONE 15-49anni

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'I giovani ed HIV: paure, incertezze e bisogno di risposte' - glynn


Download Now An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
i giovani ed hiv paure incertezze e bisogno di risposte

I giovani ed HIV: paure, incertezze e bisogno di risposte

Paolo Emilio MANCONI

MEDICINA INTERNA, ALLERGOLOGIA ED IMMUNOLOGIA CLINICA

UNIVERSITA’ DI CAGLIARI

aids nel mondo dati 2012
AIDS NEL MONDO, DATI 2012

34 MILIONI DI PERSONE INFETTE (0.8% DELLE PERSONE 15-49anni

Africa subasahariana la regione più colpita, ma Asia in forte crescita

Nel 2011 330.000 bambini, nel 2003 560.000

Nuove infezioni in declino nei paesi africani che hanno adottato una politica

di contenimento:

Educazione, terapia degli infetti, condom, HIV-testing, interventi su

sex-workers

Complessivamente quasi 2 milioni di morti

NON E’ LA FINE DELL’UMANITA’ COME QUALCUNO AVEVA PREVISTO

MA NEANCHE UNA PASSEGGIATA

aids infanzia e adolescenza
AIDS infanzia e adolescenza
  • Mondo: 3 milioni
  • Italia: poche centinaia
    • IN ITALIA:
    • In diminuzione le infezioni dovute all’HIV della madre
    • In aumento le infezioni sessuali negli adolescenti
hiv e adolescenti
HIV E ADOLESCENTI

Nel mondo 16 milioni di adolescenti partoriscono in un anno

3 milioni di ragazze abortiscono in modo pericoloso

Nei paesi a basso e medio reddito il 30% delle ragazze si sposa a meno di 18 anni, il 14% a meno di 15 anni

hiv e adolescenti1
HIV E ADOLESCENTI

WHO AFFERMA CHE 1/3 DELLE RAGAZZE RACCONTA CHE LA “PRIMA VOLTA” E’ AVVENUTA SOTTO COERCIZIONE

slide7

1/3 DELLE INFEZIONI DA HIV RIGUARDA GIOVANI 15-24 ANNI

3.3 MILIONI DI INFEZIONI IN <15 ANNI

LE RAGAZZE SONO DUE VOLTE PIU’ A RISCHIO DEI RAGAZZI

slide8

18 MILIONI DI MINORI HANNO PERSO ALMENO UNO DEI GENITORI PER AIDS

2012: 300.000 CONTAGI TRA ADOLESCENTI

slide9
TRA IL 2005 ED IL 2012 GLOBALMENTE IL NUMERO DEI DECESSI PER HIV NEL MONDO E’ DIMINUITO DEL 30% MA NEGLI ADOLESCENTI E’ AUMENTATO DEL 50%
slide14
C’

C’è FORSE UN FILO SOTTILE TRA

QUESTI TRE TERRIBILI EVENTI ?

adolescenza modalita di infezione da hiv
ADOLESCENZAMODALITA’ DI INFEZIONE DA HIV

TRASMISSIONE MATERNO-FETALE

TRASMISSIONE SESSUALE

SANGUE ED EMODERIVATI

USO PROMISCUO DI SIRINGHE PER DROGA

barriere nel test hiv adolescenti
BARRIERE NEL TEST HIV ADOLESCENTI

migranti

  • BARRIERE A LIVELLO INDIVIDUALE
    • BASSA PERCEZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUALE
    • PAURA PER LE CONSEGUENZE NEGATIVE DELLA DIAGNOSI (stigma, discriminazione)
    • Scarsa informazione su dove e come fare il test
barriere nel test hiv adolescenti1
BARRIERE NEL TEST HIV ADOLESCENTI
  • BARRIERE A LIVELLO DEI PROVIDER DI ASSISTENZA SANITARIA
    • SCARSA PREPARAZIONE DEGLI ADDETTI
    • RICHIESTA DI CONSENSO DEI GENITORI
    • DIFFICOLTA’ DI APPROCCIO DEGLI ADDETTI NON SPECIFICAMENTE PREPARATI
    • CARENZA DI FONDI E DI ORGANIZZAZIONE
slide18

I minorenni sieropositivi continuano a riscontrare persistenti diseguaglianze rispetto agli adulti nell’accesso alle cure: nel 2012 647.000 bambini al di sotto dei 15 anni hanno beneficiato di terapie antiretrovirali ovvero il 14% in più rispetto al 2011. Avendo come riferimento le Linee Guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità del 2010, la copertura delle cure antiretrovirali per i bambini sieropositivi che ne avevano bisogno risulta dimezzata rispetto alla copertura assicurata agli adulti.

test hiv nel minore
TEST HIV NEL MINORE

Tra gli atti sanitari per cui è escluso l’obbligo di acquisire il consenso genitoriale figura l’esecuzione del test per l’HIV quando in caso di richiesta effettuata da soggetto >16 anni e dotato di sufficiente discernimento. In questo caso il minore potrà richiedere in autonomia l’esecuzione dell’esame diagnostico, venendo però informato che in caso di esito positivo dovranno essere concordate le modalità di coinvolgimento dei genitori per la gestione delle successive fasi diagnostico-terapeutiche.

Nel caso il minore rifiuti il coinvolgimento dei genitori verrà sentito il giudice tutelare.

Linee guida Regione Piemonte 1.10.2009 N.564, allegato 3.

slide21

Negli ultimi anni ‘80 ero diventato una star dei presidi delle Scuole secondarie:centinaia di lezioni a studenti e insegnanti. C’era l’urgenza di comunicare riguardo alla importante epidemia di infezione da HIV in Sardegna, legata soprattutto all’uso promiscuo di siringhe per l’eroina.FORSE E’ STATO UTILE…MA NON SO QUANTO

slide22

HO SEMPRE USATO UNA METODOLOGIA SEMPLICE

HO SEMPRE RIFIUTATO DI SVOLGERE QUESTA ATTIVITA CON RAGAZZI DI MENO DI 15 ANNI, CON I QUALI NON MI SONO SENTITO PREPARATO AD AFFRONTARE I TEMI DELICATI DELLA SESSUALITA’. ALTRI LO HANNO FATTO FIN DALLE ELEMENTARI. NON SONO MAI STATO D’ACCORDO.

si parla molto di adversiting sugli adolecenti
SI PARLA MOLTO DIADVERSITING SUGLI ADOLECENTI

ANCHE QUALCHE MESE FA SONO STATO COINVOLTO IN UN TENTATIVO DI “CAMPAGNA”, POI ABBANDONATO

IMPIEGO DEI “NUOVI” MEDIA (TWITTER, WU, FACEBOOK e altre diavolerie)

LE PROPOSTE MI PAIONO IN GENERE O “GENERATRICI DI SPAVENTO”, CON SENTENZE DI MORTE DEL SESSO, O RIDICOLMENTE SDOLCINATE (amore eterno con unico partner, cinguetii di rondini, pinguini –teoricamente monogami)

pu una campagna pubblicitaria ridurre il rischio di infezione da hiv bnegli adolescenti

Può una campagna pubblicitaria ridurre il rischio di infezione da HIV bnegli adolescenti???

Il problema è tale da far paura. Siamo pronti ad affrontarlo?

CERTO NON PUO’ ESSERCI L’APPROCCIO DI DILETTANTI ALLO SBARAGLIO

L’APPROCCIO ATTRAVERSO I NUOVI MEDIA NORMALMENTE USATI DAI GIOVANI, TIPO WHATS UP, Facebook, TwitterE MILLE ALTRE DIAVOLERIE HA UN ENORME POTENZIALE. MA SECONDO ME ANCHE GRANDI RISCHI

SE SI USA UN APPROCCIO “SOFT” I RAGAZZI DAPPRIMA SI SPANCIANO DALLE RISATE, SUBITO DOPO “CAMBIANO CANALE”

SE SI USA UN APPROCCIO “HARD”

-SI FA IL GIOCO DELL’HIV

SI SPAVENTANO I GENITORI

GLI ADOLESCENTI RIDONO (QUESTO Può ANCHE ESSERE UN BENE)

slide27

Secondo me i ragazzi, vedendo queste cose,muoiono dal ridere molto prima di morire di AIDS

Penso che abbiano solo bisogno di una sana e consapevole libidine, usando “siempre” il condom.

slide28

Nessuno spot su TV, giornali, sistemi informatici, potrà mai sostituire un contatto diretto con

    • Un bravo genitore
    • Un bravo insegnante
    • Un bravo medico