Studio teorico di possibili meccanismi di formazione di particolato carbonioso atmosferico
Download
1 / 29

Studio teorico di possibili meccanismi di formazione di particolato carbonioso atmosferico - PowerPoint PPT Presentation


  • 244 Views
  • Uploaded on

Università di Torino – Dipartimento di Chimica Generale e Chimica Organica. Studio teorico di possibili meccanismi di formazione di particolato carbonioso atmosferico. Antonius Indarto, Anna Giordana, Andrea Maranzana, Giovanni Ghigo, Glauco Tonachini, Mauro Causà

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Studio teorico di possibili meccanismi di formazione di particolato carbonioso atmosferico' - cricket


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Studio teorico di possibili meccanismi di formazione di particolato carbonioso atmosferico l.jpg

Università di Torino – Dipartimento di Chimica Generale e Chimica Organica

Studio teorico di possibili meccanismi di formazione di particolato carbonioso atmosferico

Antonius Indarto, Anna Giordana, Andrea Maranzana,

Giovanni Ghigo, Glauco Tonachini, Mauro Causà

Dipartimento di Chimica Generale e Chimica Organica,

Università di Torino

Incontro Università – Regione Piemonte del 21 ottobre 2008


Introduzione l.jpg
Introduzione Chimica Organica

  • La Fuliggine ha un significativo effetto sui cambiamenti climatici globali

  • Il 40% della fuliggine totale proviene dalle fonti energetiche, principalmente dalla combustione di carbone e petrolio

Struttura: globuli di scagliette “grafeniche”

…ossia piccoli strati simili a quelli della grafite, ma meno regolari

Ishiguro, T., Takatori, Y., Akihama, K. “Microstructure of diesel soot particles probed by electron microscopy: First observation of inner core and outer shell” Combust. Flame., 1997, 108: 231.


Globulo di fuliggine l.jpg
Globulo di fuliggine Chimica Organica

La fuliggine è costituita da migliaia di queste particelle sferiche. formate principalmente da atomi di carbonio, e anche da altri elementi (come idrogeno, ossigeno, etc)

Kubicki, J.D. “Molecular mechanics and quantum modeling of hexane soot structure and interaction with pyrene” Geochem. Trans., 2000, 7: 1


Obiettivi dello studio l.jpg
OBIETTIVI DELLO STUDIO Chimica Organica

  • Verifica dei modelli di adsorbimento su particella carboniosa: ad es. interazione tra benzene ed etino (acetilene)

  • Studio del meccanismo della crescita degli idrocarburi policiclici aromatici (PAH) in fase gassosa ed adsorbiti su particella carboniosa

  • Studio del meccanismo alternativo di formazione della fuliggine tramite proliferazione di centri radicalici (con elettroni singoli reattivi) secondo il modello proposto da Krestinin di “Radical Breeding”

    [Krestinin A. V. “Detailed modeling of soot formation in hydrocarbon pyrolysis”

    Combust. Flame, 2000,121:513–524]


Verifica del metodo con dati sperimentali sui complessi benzene etino acetilene l.jpg
Verifica del metodo con dati sperimentali Chimica Organicasui complessi benzene-etino (acetilene)

Il complesso perpendicolare è più stabile del complesso parallelo

Giordana A., Indarto A., Tonachini G., Barone V., Causà M., Pavone M. “Theoretical study of the van der Waals complexes of benzene with ethyne and the vinyl radical”, di prossima spedizione


Adsorbimento dei pah su scaglie di fuliggine complessi paralleli e perpendicolari l.jpg
Adsorbimento dei PAH su scaglie di fuliggine. Complessi “paralleli” e “perpendicolari”


Modelli di crescita di pah adsorbiti sulla fuliggine fase particella l.jpg
Modelli di crescita di PAH adsorbiti “paralleli” e “perpendicolari”sulla fuliggine ( “fase particella”)

Adsorbimento parallelo

Adsorbimento perpendicolare

DE= -17.3 kcal mol-1

DE= -10.6 kcal mol-1


La crescita del pah in fase gassosa l.jpg
La crescita del PAH in fase gassosa “paralleli” e “perpendicolari”

L’addizione sequenziale di molecole di etino (acetilene) ai siti radicalici può aumentare la dimensione della molecola. Le addizioni possono essere inframmezzate da formazioni di cicli.


Crescita di un pah confronto tra fase gassosa e fase particella l.jpg
Crescita di un PAH: “paralleli” e “perpendicolari”confronto tra fase gassosa e fase particella


Il meccanismo di crescita haca estrazione di idrogeno addizione di etino di bittner e howard l.jpg
Il meccanismo di crescita HACA (estrazione di idrogeno–addizione di etino) di Bittner e Howard

Il modello prevede l’addizione ad un sistema aromatico A (tipo benzene) portatore di un elettrone spaiato e reattivo, di una molecula di etino (acetilene), la chiusura di un anello e la perdita di un atomo di idrogeno con formazione di un sistema aromatico più esteso.

Indarto A., Giordana A., Ghigo G., Maranzana A., Tonachini G. “Polycyclic aromatic hydrocarbon formation mechanism in the Particle Phase”, di prossima spedizione


Modello haca fase gassosa l.jpg
Modello HACA: Fase gassosa idrogeno–addizione di etino) di Bittner e Howard

I profili di reazione mostrano che la formazione dell’anello è favorita rispetto all’allungamento della catena (barriere di energia libera più basse).


Modello haca fase particella l.jpg
Modello HACA: Fase particella idrogeno–addizione di etino) di Bittner e Howard

  • Le barriere per la formazione di cicli sono più basse che in fase gas.

  • Come in fase gas, la formazione dell’anello è favorita rispetto all’allungamento della catena.


Modello haca confronto tra fase gassosa e fase particella conclusioni l.jpg
Modello HACA: confronto tra fase gassosa e fase particella - Conclusioni

  • La presenza della particella accelera la crescita della molecola. La scaglia di fuliggine può essere considerata il catalizzatore del processo.

  • In ambedue le situazioni, la formazione dell’anello aromatico (tipo benzene) e più probabile dell’allungamento della catena.


Modello di crescita radical breeding proposto da a v krestinin l.jpg
Modello di crescita “Radical Breeding” proposto da A. V. Krestinin

Significa allargamento del sistema molecolare in crescita con proliferazione di centri radicalici (ossia con singoli elettroni reattivi) che portano all’addizione di un sistema ad un’altro

  • Si pensa che la crescita del PAH basata sul meccanismo HACA sia molto lenta, mentre nelle combustioni la fuliggine può formarsi rapidamente in grandi quantità

  • Dal momento che la crescita può essere più veloce, è stata suggerita la presenza di molti siti radicalici

  • Nella fiamma sono state trovate significative quantità di poliini, ossia strutture lineari del tipo

Indarto A., Giordana A., Ghigo G., Tonachini G. “The formation of policyclic aromatic hydrocarbons and soot platelets: the ‘radical breeding’ polyyne mechanism’”, di prossima spedizione


Modello di crescita via proliferazione di centri radicalici sistema 1 l.jpg
Modello di crescita via “proliferazione Krestinin di centri radicalici” – Sistema 1

In questo sistema, la molecola formatasi dopo l’addizione si chiude per formare un anello a 6 atomi (A) oppure a 7 atomi (B). In entrambi i casi, il prodotto presenta 2 siti radicalici (ossia con elettroni singoli) in più.


Modello di crescita via proliferazione di centri radicalici sistema 2 l.jpg
Modello di crescita via “proliferazione Krestinin di centri radicalici” – Sistema 2

Il sistema 2 è il modello di crescita radicalica più semplice che possa formare un anello simile al benzene.


Modello di crescita via proliferazione di centri radicalici sistema 3 l.jpg
Modello di crescita via “proliferazione di centri radicalici” – Sistema 3

Il sistema 3 viene proposto per realizzare un meccanismo in cui si può abbassare l’energia del prodotto attraverso la formazione di due anelli aromatici.



Modello di crescita radical breeding analisi termodinamica l.jpg
Modello di crescita “Radical Breeding” – Analisi Termodinamica

  • Sistema 1: il prodotto A è meno probabile del prodotto B. Ad alte temperature (>900 K), il modello di crescita attraverso il sistema 1 è meno probabile.

  • Sistema 2: la crescita attraverso questo sistema potrebbe avvenire a temperature intermedie (<1500 K)

  • Sistema 3: la crescita attraverso questo sistema potrebbe avvenire in un’ampia gamma di temperatura tipiche della combustione.


Conclusioni finali l.jpg
Conclusioni finali Termodinamica

  • La presenza del particolato nel meccanismo di crescita abbassa le barriere di energia per la formazione dello stesso, cioè il particolato può accelerare le reazioni che portano alla sua crescita.

  • Inoltre, la formazione di un anello aromatico di tipo benzenico (esagono) ha una barriera energetica più bassa rispetto all’allungamento della catena.

  • La proliferazione di siti con elettroni singoli (siti radicalici), proposto per spiegare la velocità di crescita della fuliggine, può diventare possibile se porta alla formazione di anelli aromatici (simili al benzene).


Slide21 l.jpg

Grazie mille per l’attenzione Termodinamica

Ringrazio la regione Piemonte per

il finanziamento della mia borsa di dottorato


Studio teorico computazionale l.jpg
Studio Teorico Computazionale Termodinamica

Programmi:

- Gaussian 03.c02 e Molcas 7

Metodi

  • Teoria del funzionale della densità (DFT) con il nuovo funzionale B3LYP-D e base 6-31G(d)

  • Metodo multiconfigurazionale CASSCF e CASPT2


Complesso benzene acetilene l.jpg
Complesso Benzene-Acetilene Termodinamica

  • The proposed complexes of benzene-ethyne, found by mutiphoton ionization

Carrasquillo et al., J. Chem. Phys. 83(10): 4990-4999


Complessi di van der waals risultati l.jpg
Complessi di Van der Waals TermodinamicaRisultati

  • Order of stability of the benzene-vinyl complex

<

<

<


Benzene vinyl complex l.jpg
Benzene-vinyl complex Termodinamica

- The parallel complex is only presence in B3LYP-D calculation, however, it could be thought as a TS formation which end-up with perpendicular (T-shape)


T shape formation 1 l.jpg
T-shape formation (1) Termodinamica


Slide27 l.jpg

T-shape formation (2) Termodinamica


Pah adsorbed model on ovalene l.jpg
PAH adsorbed model on ovalene Termodinamica

  • The soot platelet is modeled by ovalene (C32H14)


T shape complex l.jpg
T-shape complex Termodinamica